Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


Belfortese per noi. La scelta di vita e di cuore di Andrea Casoni

Dopo una lunga e brillante carriera l'esperto centrocampista ha deciso di dare una mano alla squadra del suo paese

BELFORTE DEL CHIENTI. Dopo 17 giornate segnate profondamente dagli eventi climatici e sismici che hanno scosso parte della nostra regione, il girone F della Seconda categoria si conferma sempre più vivace e ricco di novità e di spunti di cronaca. Una delle realtà che si sta segnalando all'attenzione degli appassionati è senza alcun dubbio la Belfortese, una neopromossa che si sta facendo rispettare in categoria. Da alcuni mesi Andrea Casoni (foto), calciatore brillantissimo e con importanti esperienze alle spalle è diventato il fulcro della squadra, con benefici subito evidenti.

Partiamo dalla scelta, come mai hai deciso di passare da una Promozione di vertice ad una Seconda dove si rischia di soffrire?
“Una scelta di vita e di cuore, Belforte è il mio paese e sapevo che prima o poi sarei tornato a casa. Erano 3 anni che la dirigenza locale mi cercava, ho sentito la necessità di dare una mano. Non è stato semplice lasciare l'ambiente della Lorese, ma il presidente Arriva è stato come sempre un signore, ha capito le mie esigenze ed ha assecondato le mie decisioni”.

Cambiano le esigenze, ma l'impegno è certamente molto diverso.
“Ovviamente si, la pressione e gli allenamenti settimanali non sono paragonabili, inoltre per esigenze lavorative facevo sempre più fatica a dedicare tutto il tempo necessario ad un campionato importante come la Promozione, era arrivata l'ora di svoltare”.

Si parla anche di prospettive per il prossimo futuro, è vero?
“Per ora è solo un progetto, ma siccome vorrei misurarmi in futuro come allenatore, il mio paese potrebbe essere un banco di prova delle mie aspirazioni. Tutte cose che potrebbero accadere, ora però e meglio pensare all'mmediato”.

Un immediato che vi vede al decimo posto in classifica, equidistanti dalle zone calde, una posizione soddisfacente?
“A mio giudizio si, la squadra è buona e può dire la sua nella categoria. Quando sono arrivato eravamo ultimi, ma sapevo che le qualità c'erano, io ho messo a disposizione la mia esperienza, ho cercato di dare sicurezza e coraggio a dei ragazzi che avevano comunque le capacità per far bene. Fortunatamente siamo risaliti e per essere una neo promossa credo che stiamo facendo un percorso dignitoso”.

Che obiettivi vi siete posti con la società per questa stagione?
“L'obiettivo è uno solo, la salvezza il più possibile tranquilla, se continuiamo così non dovrebbero esserci problemi, ma ancora è presto per cantar vittoria, ci sarà da soffrire”.

Che idea ti sei fatto di questo campionato per te nuovo?
“Effettivamente a 40 anni è la prima volta che gioco in Seconda categoria e molte squadre non le conosco. Probabilmente le prime tre in classifica, Sarnano, Esanatoglia e Urbis Salvia, hanno qualcosina in più delle altre, ma ho notato un grande equilibrio. A gioco lungo le squadre migliori finiscono per prevalere ma tutte le gare sono combattute ed il risultato non è mai scontato”.

Sabato avete subito una brutta battuta d'arresto, quali i motivi?
“Il Fabiani Matelica è una bella squadra, ma sull'1-0 per loro ho fallito un calcio di rigore che poteva girare la gara. Gli ospiti hanno meritato ma non ci stava un passivo così pesante, è anche un discorso di dettagli a volte basta poco per indirizzare una partita. In queste categorie avere in campo due/tre elementi di esperienza e personalità può essere fondamentale per lo sviluppo della stagione”.

Cominci a ragionare da allenatore in vista della prossima stagione?
“Sinceramente sono 5 anni che ho il patentino e prima o poi sarà il caso di iniziare, non lo so se sarà l'anno prossimo, per ora mi diverto a giocare e sento di poter essere ancora utile. Per il futuro vedremo...”.

Hai il tempo di seguire ancora la Lorese?
“Le gare sono quasi sempre concomitanti e non è facile, ho mantenuto comunque un eccellente rapporto con tutto l'ambiente e non nascondo che a fine partita il primo risultato che vado a cercare è quello della mia ex squadra, certe esperienze non si dimenticano!”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Giuliano Santucci il 16/02/2017
 

Altri articoli dalla provincia...



Jack Bonaventura "cuore d'oro" non dimentica San Severino Marche

SAN SEVERINO MARCHE - Giacomo Bonaventura (foto) e San Severino Marche, la sua città: un legame forte che si è sempre mantenuto vivo, così come l’affetto verso i settempedani, anche negli ultimi anni – piuttosto intensi – in cui Jack è diventato un calciatore di primo piano con il Milan e la...leggi
02/02/2019

LA STORIA. Orfano, in Italia con un barcone. "Matelica, casa mia"

MATELICA. Il Matelica festeggia l'arrivo del nuovo anno senza bilanci e senza parlare di risultati. La società, seconda in classifica a 4 punti di distanza dal Cesena, ha preferito diffondere sui suoi canali la storia dell'esterno destro classe 1995 Lamin Bittaye (foto). Arrivato in estate dalla Vastese, il giocatore originario del Gambi...leggi
03/01/2019

SORICHETTI: "Ho vinto 6 campionati ma quel consiglio di Silvio..."

"Se tornassi indietro accetterei il consiglio del mio amico Silvio: mi disse di restare a Tolentino ma io mi accordai con la Civitanovese. La cosa però non andò a buon fine. Risultato, a settembre stavo senza squadra e fui costretto a ripartire dalla Prima categoria. Se gli davo retta sono sicuro che avrei potuto fare una carriera importante nei professionisti". Chi parla...leggi
28/09/2018

Si è messo in evidenza alla "Friends Cup", lo vuole Guardiola al City!

La prima edizione del Torneo Internazionale "Friends Cup" organizzata dalla Usd Monteluponese è stata vinta dai ragazzi dell'Rcd Espanyol che hanno messo in mostra un bellissimo calcio e soprattutto un ragazzo dalle doti straordinarie, Adrian Bernabe Garcia, classe 2001, praticamente un piccolo Messi. Il ragazzo è poi passato al Barcellona. ...leggi
18/04/2018


INTRAMONTABILE RUANI: 50 anni! "E pensare che a 33 volevo smettere..."

CASETTE VERDINI. Era il mese di luglio quando scorrendo l’elenco dei convocati del Casette Verdini, squadra partecipante al campionato di Prima categoria girone C, il mister ha inserito Oreste Ruani (foto), 51 anni il prossimo 24 agosto, pronto per una nuova stagione da secondo portiere e come primo per quel che riguarda la Coppa Marche 1. Festeg...leggi
21/02/2018

Marani: "Una mano per Sarnano ma questo calcio non mi piace più!"

SARNANO. Una tripletta nella gara contro l'Elfa Tolentino, fa tornare agli onori della cronaca un ragazzo che per sua scelta aveva staccato con il calcio ed era volato in Inghilterra, parliamo di Alessandro Marani (foto), classe 1985, attaccante del Sarnano.Partiamo dalla tua decisione di andare nel Regno Unito.“Dici...leggi
28/11/2017

Seydou e Saliou Bamba: coppia gol della Civitanovese

CIVITANOVA MARCHE. Non sono di certo il primo caso di fratelli che vestono la stessa maglia celebri in Italia ad esempio sono stati i gemelli Filippini che hanno condiviso gran parte della loro carriera o i fratelli Lucarelli che hanno condiviso la maglia del Livorno e del Parma. I fratelli Bamba invece vengono da lontano, la Costa d'Avorio di Didier Drogba è la loro te...leggi
16/10/2017

Nel segno dei Torresi: zio e nipote in gol nella stessa partita

MORROVALLE. Zio e nipote a segno nella stessa partita. E' successo a Morrovalle nella sfida vinta 3-0 contro lo Skorpion Potentia (Seconda categoria E). Lo zio è una vecchia gloria del calcio morrovallese, Giovanni Torresi (foto a sinistra), 45 anni, cresciuto nelle giovanili societarie: esordì in Promozione nel 1990 e segnò il su...leggi
09/10/2017

Segna 5 gol ma la sua squadra perde! "Dedicati alla mia Aylin"

SEFRO. La giornata calcistica che ha vissuto Zifer Ajdari (foto) crediamo che a memoria d'uomo non abbia riscontri nel calcio planetario. Ha segnato 5 gol ma la sua squadra ha perso! Lui ha origini macedoni ma vive in Italia da quando aveva un anno. Oggi ne ha 23, vive a Cerreto d'Esi, gioca con la Sefrense, sabato ha fatto pokerissi...leggi
03/04/2017


Sacha Amaolo: "Il mio cuore e le mie reti per il Cska Corridonia!"

CORRIDONIA. Nella rocambolesca vittoria ricca di reti che ha permesso sabato scorso al Cska Corridonia di avere la meglio sulla Folgore Castelraimondo, il ruolo di assoluto protagonista va assegnato al capitano dei biancoverdi Sacha Amaolo (foto), autore di una splendida tripletta. L’attaccante corridoniense sale così a quota 22 reti, raff...leggi
21/03/2017

Giorgio Pagliari, il cremisi nel cuore ma l'Atalanta nel destino

BERGAMO – Un cognome pesante sulle spalle, un'esperienza super a Tolentino prima del passaggio in neroazzurro all’Atalanta in estate. Per Giorgio Pagliari, classe 1999, è un’esperienza unica quella in casa bergamasca, protagonista con la Primavera come racconta in un’intervista al sito ufficiale (www.atalanta.it...leggi
09/03/2017

Lauria, atto d'amore: "La Recanatese meglio della Lega Pro"

RECANATI. Nato in Basilicata (a Potenza), classe 1994, è alla prima stagione alla Recanatese dopo aver vestito le maglie di Grosseto, Potenza e Termoli. In estate aveva richieste anche dalla Lega Pro ma ha accettato la proposta dei leopardiani. Certo, mai avrebbe immaginato una partenza così dura! Ma con l'avvento del nuovo tecnico Antonio Soda l...leggi
07/02/2017

Di Modica: "Tenacia e voglia di non mollare la forza del Camerino"

CAMERINO. Si segnala nel girone C della Prima categoria l'ottimo percorso del Camerino. La compagine di mister Giuseppe Santoni, nonostante le problematiche legate al terremoto e recentemente al maltempo, continua ad interpretare nella maniera migliore una stagione piena di difficoltà. In evidenza tra i biancorossi il ventiquattrenne attaccante Alessandro Di Mod...leggi
31/01/2017


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,22931 secondi