Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


Sacha Amaolo: "Il mio cuore e le mie reti per il Cska Corridonia!"

Il capocannoniere del campionato confessa il suo profondo legame con la squadra della sua città

CORRIDONIA. Nella rocambolesca vittoria ricca di reti che ha permesso sabato scorso al Cska Corridonia di avere la meglio sulla Folgore Castelraimondo, il ruolo di assoluto protagonista va assegnato al capitano dei biancoverdi Sacha Amaolo (foto), autore di una splendida tripletta. L’attaccante corridoniense sale così a quota 22 reti, rafforzando ulteriormente la sua posizione in testa alla classifica marcatori.

Un’annata straordinaria che ti vede andare a segno con grande puntualità?
“Sì una bella stagione, in generale stiamo facendo molto bene e mi fa piacere che i miei gol ci permettano di occupare una posizione di classifica alla quale non siamo tanto abituati”.

Vieni da una stagione molto sfortunata con un grave infortunio al ginocchio, come sei riuscito a recuperare la forma migliore?
“L’incidente è stato un trauma notevole, ma grazie all’appoggio della mia famiglia, dei miei amici più cari i di tutta la squadra ho affrontato tutte le vicissitudini con grande forza. Devo dire che il dolore e la lunga riabilitazione mi hanno anche molto maturato sotto il profilo caratteriale, ora mi sento più forte e più pronto ad affrontare anche i momenti più difficili che la vita ci riserva”.

Una tripletta molto importante, ma non è la prima nella tua carriera.
“Ne avevo segnata un’altra nel girone di andata contro la Belfortese, evidentemente è l’anno buono, ma tutto credo dipenda dal gioco che esprimiamo che mi mette in condizione di rendere al meglio”.

Comunque il gol sin dalle giovanili è stato sempre nelle tue corde.
“Negli Allievi della Civitanovese arrivai a segnare anche 17 reti, poi mi spostarono come esterno di centrocampo e ovviamente vedevo meno la porta e non ho più avuto stagioni molto prolifiche a livello giovanile. L’annata migliore quando, sempre con il Cska, vincemmo il campionato di Terza categoria e segnai 22 reti, quest’anno ho già eguagliato il mio record personale e c'è tempo per fare meglio”.

Tu hai solo 27 anni e nelle ultime stagioni sei stato molto corteggiato sul mercato anche da formazioni di categorie superiori, come mai hai sempre deciso di restare al Cska?
“Qui sono in famiglia, mi trovo a mio agio, ho tutti i miei amici e anche se non prendiamo nessun rimborso la società dal punto di vista organizzativo non ci fa mancare nulla. Ho fatto la mia scelta di vita, ora sono anche il capitano e mi sento particolarmente responsabilizzato verso i miei compagni di squadra. Probabilmente avrei potuto guadagnare qualche soldo e forse vincere qualche trofeo, ma io sono contento così. Non sono le vittorie che fanno la felicità, essere in pace con noi stessi e con chi ci è accanto è il valore più grande della nostra vita”.

Quali sono a tuo giudizio le qualità necessarie per affrontare al meglio lo sport a livello dilettantistico? 
"Nel mio piccolo, posso solo dire che a questi livelli il calcio deve essere principalmente passione ed umiltà. La passione è quella molla che ti spinge e ti stimola ed a volte non ti fa sentire neanche la stanchezza, mentre l'umiltà ti permette di confrontarti nel modo migliore con chi ti circonda e condivide le tue stesse passioni. Quando mancano questi due elementi credo sia molto difficile per chiunque fare qualcosa nello sport".

Con la tua squadra siete reduci da una salvezza conquistata in volata, mentre quest’anno navigate ai margini della zona nobile, quali progetti avete?
“In primis la salvezza che da un punto di vista matematico ancora deve arrivare, una volta tranquilli potremo anche pensare a toglierci delle soddisfazioni, ma al momento l’unico nostro traguardo è scappare il più velocemente possibile dalle sabbie mobili della bassa classifica, che purtroppo conosciamo fin troppo bene. Come dicevo la nostra è una piccola società con un progetto serio di crescita nei prossimi anni, diciamo che stiamo andando forse oltre quanto previsto per questa stagione, ma va bene così”.

Infine un tuo giudizio sulle avversarie di questo girone F.
“Per questioni di calendario non abbiamo ancora incontrato la capolista Urbis Salvia che affronteremo solo a fine campionato, delle altre devo dire che nel girone di andata mi fece un’ottima impressione il Rione Pace. Nel complesso mi sembra un campionato di buon livello con tante squadre ben organizzate, non ci sono partite scontate e in ogni gara bisogna dare il massimo per portare a casa dei punti, un torneo molto combattuto”.

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Giuliano Santucci il 21/03/2017
 

Altri articoli dalla provincia...



Sorichetti, e 7! "San Severino ha dimostrato di avere fame di calcio"

SAN SEVERINO MARCHE. Nella vittoria della Settempeda (promossa in Prima categoria) c'è tanto di Roberto Sorichetti (nella foto con il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei), 50 anni a luglio, circa 800 presenze in tutte le categorie e... sette campionati vinti. Ricapitoliamo: due a Pollenza, uno a Tolentino, uno a Matelica, uno a San S...leggi
09/04/2019

"Orgoglioso di aver rappresentato le Marche al Torneo di Viareggio"

Il difensore della Sangiustese Cristian Shiba (foto), uno dei giovani più promettenti della nostra regione, ha partecipato al Torneo di Viareggio indossando la maglia della Rappresentativa di Serie D. L’avventura per gli azzurrini si è conclusa agli Ottavi di finale contro l’Inter. “E’ stata u...leggi
27/03/2019

Jack Bonaventura "cuore d'oro" non dimentica San Severino Marche

SAN SEVERINO MARCHE - Giacomo Bonaventura (foto) e San Severino Marche, la sua città: un legame forte che si è sempre mantenuto vivo, così come l’affetto verso i settempedani, anche negli ultimi anni – piuttosto intensi – in cui Jack è diventato un calciatore di primo piano con il Milan e la...leggi
02/02/2019

LA STORIA. Orfano, in Italia con un barcone. "Matelica, casa mia"

MATELICA. Il Matelica festeggia l'arrivo del nuovo anno senza bilanci e senza parlare di risultati. La società, seconda in classifica a 4 punti di distanza dal Cesena, ha preferito diffondere sui suoi canali la storia dell'esterno destro classe 1995 Lamin Bittaye (foto). Arrivato in estate dalla Vastese, il giocatore originario del Gambi...leggi
03/01/2019

SORICHETTI: "Ho vinto 6 campionati ma quel consiglio di Silvio..."

"Se tornassi indietro accetterei il consiglio del mio amico Silvio: mi disse di restare a Tolentino ma io mi accordai con la Civitanovese. La cosa però non andò a buon fine. Risultato, a settembre stavo senza squadra e fui costretto a ripartire dalla Prima categoria. Se gli davo retta sono sicuro che avrei potuto fare una carriera importante nei professionisti". Chi parla...leggi
28/09/2018

Si è messo in evidenza alla "Friends Cup", lo vuole Guardiola al City!

La prima edizione del Torneo Internazionale "Friends Cup" organizzata dalla Usd Monteluponese è stata vinta dai ragazzi dell'Rcd Espanyol che hanno messo in mostra un bellissimo calcio e soprattutto un ragazzo dalle doti straordinarie, Adrian Bernabe Garcia, classe 2001, praticamente un piccolo Messi. Il ragazzo è poi passato al Barcellona. ...leggi
18/04/2018


INTRAMONTABILE RUANI: 50 anni! "E pensare che a 33 volevo smettere..."

CASETTE VERDINI. Era il mese di luglio quando scorrendo l’elenco dei convocati del Casette Verdini, squadra partecipante al campionato di Prima categoria girone C, il mister ha inserito Oreste Ruani (foto), 51 anni il prossimo 24 agosto, pronto per una nuova stagione da secondo portiere e come primo per quel che riguarda la Coppa Marche 1. Festeg...leggi
21/02/2018

Marani: "Una mano per Sarnano ma questo calcio non mi piace più!"

SARNANO. Una tripletta nella gara contro l'Elfa Tolentino, fa tornare agli onori della cronaca un ragazzo che per sua scelta aveva staccato con il calcio ed era volato in Inghilterra, parliamo di Alessandro Marani (foto), classe 1985, attaccante del Sarnano.Partiamo dalla tua decisione di andare nel Regno Unito.“Dici...leggi
28/11/2017

Seydou e Saliou Bamba: coppia gol della Civitanovese

CIVITANOVA MARCHE. Non sono di certo il primo caso di fratelli che vestono la stessa maglia celebri in Italia ad esempio sono stati i gemelli Filippini che hanno condiviso gran parte della loro carriera o i fratelli Lucarelli che hanno condiviso la maglia del Livorno e del Parma. I fratelli Bamba invece vengono da lontano, la Costa d'Avorio di Didier Drogba è la loro te...leggi
16/10/2017

Nel segno dei Torresi: zio e nipote in gol nella stessa partita

MORROVALLE. Zio e nipote a segno nella stessa partita. E' successo a Morrovalle nella sfida vinta 3-0 contro lo Skorpion Potentia (Seconda categoria E). Lo zio è una vecchia gloria del calcio morrovallese, Giovanni Torresi (foto a sinistra), 45 anni, cresciuto nelle giovanili societarie: esordì in Promozione nel 1990 e segnò il su...leggi
09/10/2017

Segna 5 gol ma la sua squadra perde! "Dedicati alla mia Aylin"

SEFRO. La giornata calcistica che ha vissuto Zifer Ajdari (foto) crediamo che a memoria d'uomo non abbia riscontri nel calcio planetario. Ha segnato 5 gol ma la sua squadra ha perso! Lui ha origini macedoni ma vive in Italia da quando aveva un anno. Oggi ne ha 23, vive a Cerreto d'Esi, gioca con la Sefrense, sabato ha fatto pokerissi...leggi
03/04/2017


Giorgio Pagliari, il cremisi nel cuore ma l'Atalanta nel destino

BERGAMO – Un cognome pesante sulle spalle, un'esperienza super a Tolentino prima del passaggio in neroazzurro all’Atalanta in estate. Per Giorgio Pagliari, classe 1999, è un’esperienza unica quella in casa bergamasca, protagonista con la Primavera come racconta in un’intervista al sito ufficiale (www.atalanta.it...leggi
09/03/2017

Belfortese per noi. La scelta di vita e di cuore di Andrea Casoni

BELFORTE DEL CHIENTI. Dopo 17 giornate segnate profondamente dagli eventi climatici e sismici che hanno scosso parte della nostra regione, il girone F della Seconda categoria si conferma sempre più vivace e ricco di novità e di spunti di cronaca. Una delle realtà che si sta segnalando all'attenzione degli appassionati è senza alcun dubbio la Belfortese...leggi
16/02/2017


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06287 secondi