Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


Rossi: "Per i miei 200 gol devo ringraziare Cangini e Muratori"

Intervista all'attaccante del Gabicce Gradara

Trent'anni di carriera alle spalle e proprio sabato scorso il raggiungimento del record di gol nel mirino, 200 reti in carriera: lui, Alessandro Rossi, il cecchino del Gabicce Gradara. Il calcio, un amore cromosomico, tatuato sulla pelle sin in tenera età, quando nei campetti cattolichini giocava assieme ai suoi amici. Il suo primo allenatore, Stefano Fabbri, un sogno, come tanti bambini, quello di calcare i grandi palcoscenici calcistici, un lavoro della vita, oggi, una passione che lo accompagna quotidianamente. Cresciuto nel settore giovanile del Rivazzurra, Alessandro arriva alla Berretti della Vis Pesaro a sedici anni, poi l'esordio biancorosso in serie C, nel calcio che conta, con tante piazze vissute e girate: dal Misano in Eccellenza alla serie D di Bellaria per un palmares davvero invidiabile.

Rossi, un cammino ricco di soddisfazioni il tuo, quali sono i momenti che ricordi con più piacere?

"Sicuramente l'esordio nei professionisti con la Vis Pesaro, grande emozione e il gol della vittoria del campionato in Prima categoria con il Gabicce Gradara che ci ha permesso di salire in Promozione".

Ci sono state delle figure che hanno segnato la tua carriera?

"In primis il mio ex allenatore Paolo Cangini, in un periodo in cui volevo mollare tutto mi ha convinto a continuare, mi ha ridato la forza per proseguire in questo campo e la voglia di non mollare. Poi, non posso non citare, il mio gemello del gol William Muratori, il bomber, questo è il settimo anno che giochiamo assieme fianco a fianco, un grande feeling, un grande amico".

Le stagioni più prolifere?

"Con il Gabicce Gradara 26 gol due anni fa praticamente, poi le 18 reti in serie D a Cesenatico e poi in Eccellenza nel Morciano".

Momenti all'apice ma anche momenti negativi.

"Si a diciotto anni mi ruppi il ginocchio, giocavo nel Misano ed ero capocannoniere, fu un brutto colpo. Poi, quando tornai tra i professionisti a Bellaria, c'era mister Campedelli e una pubalgia mi fermò, li capì che avevo perso l'ultimo treno per entrare a far parte dell'olimpo del calcio, è stata dura".

Chi non ti ha mai abbandonato però la tua famiglia, sempre presente anche oggi sugli spalti.

"Si devo dire che mi hanno sempre lasciato libera scelta, anche quando il calcio non garantiva grandi stipendi, mi hanno sostenuto, ci sono sempre stati e ci sono anche oggi, sono fortunato".

Cosa farà Alessandro Rossi una volta appese le scarpe al chiodo e terminerai la tua carriera nel Gabicce Gradara?

"Devo dire che non ci voglio ancora pensare, la speranza è di restare con questo gruppo che è una famiglia e in questa splendida società a cui sono particolarmente legato. Sono contento di aver raggiunto questi 200 gol vestendo la casacca rossoblù. Poi in futuro, non so, lascio aperte tutte le porte, allenatore forse, ma mi ci vedrei di più come direttore sportivo, quando accadrà deciderò".

Prima di lasciarti ti chiedo: c'è il nuovo Alessandro Rossi tra le giovani promesse nostrane?

"Si, non ho dubbi, Nicolò Marchetti, glielo dico spesso. Mi ricorda me quando avevo la sua età, fisicamente è molto simile e anche tecnicamente. Il consiglio che spesso gli do è quello di avere più ambizione, più voglia di arrivare, come avevo io, le qualità ci sono, sono certo avrà un futuro roseo".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 19/12/2017
 

Altri articoli dalla provincia...






Vis Pesaro: primo contratto da professionista per Sabattini

PESARO. Lorenzo Sabattini, centrocampista della Vis Pesaro classe 2001, ha firmato il suo primo contratto (triennale) da professionista. Ora svolgerà (dal 21 al 28 ottobre) uno stage con la Sampdoria: «Sono veramente contento e devo dire che fino a 3 mesi fa non mi sarei mai aspettato tutto questo. Il mio sogno è sempre stato quello di gioca...leggi
16/10/2018


L'Urbania sbanca Fabriano. Gianluca Fenucci: "Nessuna rivincita"

URBANIA. Non solo resta l’imbattibilità per l’Urbania ma i biancorossi si tolgono la soddisfazione di un colpo super in trasferta in casa del Fabriano Cerreto, tra le candidate al successo finale, ex squadra del tecnico Gianluca Fenucci. "E’ stata una vittoria meritata – ...leggi
15/10/2018

Fa doppietta ma non poteva giocare: deciso lo 0-3 a tavolino

Tre punti in meno in classifica per il Mombaroccio nel campionato di Seconda Categoria B. La società vede sottrarsi la vittoria rimediata nella seconda giornata di contro il Cuccurano. Gli avversari avevano presentato ricorso per via della posizione irregolare del giocatore Lanci Davide. Coincidenza vuole che lo stesso attaccante del Mom...leggi
10/10/2018

MERCATO. Alessandro Rossi torna all'Atletico Gallo Colbordolo

GALLO DI PETRIANO. Alla fine è arrivata la fumata bianca per Alessandro Rossi: il centrocampista ex Vis Pesaro, va a rinforzare l'Atletico Gallo Colbordolo. Importante colpo per la squadra di Gastone Mariotti che va ad aggiungere un elemento di indubbie qualità nella rosa che, proprio in questo periodo, sta recuperando numerosi giocatori ass...leggi
18/10/2018





IL RICORSO. Mondolfo vs Anconitana: reclamo respinto

"Premesso che anche laddove le doglianze della ricorrente risultassero fondate, le stesse non andrebbero comunque ad inficiare la regolarità della gara.Dovendosi per altro, questo Organo di Giustizia Sportiva attenersi ai soli atti ufficiali e non emergendo da questi nessun riscontro di quanto sostenuto nel reclamo, lo stesso non può trovare accoglimento.PQM Si decide:...leggi
03/10/2018




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,17847 secondi