Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


PROMOZIONE A: le 16 squadre ai raggi X. Ecco i voti

Favorite FC Vigor Senigallia, Moie e Portorecanati, in seconda fascia Valfoglia, Osimana, Filottranese e Mondolfo

Sarà uno dei campionati più competitivi degli ultimi anni. La voglia di una piazza illustre come Senigallia di tornare ai livelli che le competono con la nuova Fc Vigor, il desiderio di Moie Vallesina, Portorecanati, Valfoglia e Passatempese di sognare e le motivazioni di matricole ambiziose come Filottranese e Mondolfo di non arrestare l’ascesa rendono la Promozione A un autentico girone di ferro. Difficile anche individuare chi potrebbe soffrire avendo tutte le società allestito organici all’altezza.

- Nella foto in alto in senso orario i tecnici Gettaione (Cantiano), Morganti (FC Vigor Senigallia), Giuliodori (Filottranese), Cicerchia (Valfoglia), Carta (Laurentina), Possanzini (Portorecanati), Mancini (Osimana), Giuliani (Olimpia Marzocca).

CAMERINO. Risalito dalla Seconda alla Promozione in due anni, per la prima volta nella sua storia il Camerino affronterà il girone settentrionale con lo spirito battagliero che l’ha sempre contraddistinto al sud. Giuseppe Santoni, il Comandante, è una sicurezza assoluta per una squadra che si prefigge di consolidare la categoria, riacciuffata dopo essere sprofondata negli inferi. La compattezza del gruppo storico dovrà trascinare la compagine biancorossa in un raggruppamento in cui si predilige la qualità rispetto all’agonismo. Mirati gli arrivi: Bergamini in difesa, Borioni a centrocampo e Iori in attacco. Tra gli under, occhio a Cottini, già nel mirino di compagini di categoria superiore in estate. Voto 6.5

CANTIANO. Per il ritorno in Prima categoria dopo nove anni il club rossoblù ha scelto la continuità confermando mister Gettaione e l’ossatura portante della squadra in grado di vincere i playoff del girone A di Prima categoria. Le armi in più saranno sempre i fratelli Matteo e Simone Luchetti, con quest’ultimo che ha le carte in regola per segnare gol a raffica anche in categoria superiore. Detto che il portiere Pifarotti è una sicurezza assoluta, il salto di categoria non si avvertirà considerando gli acquisti del senatore Angelo Ercoli (ex Gubbio e Matelica) in difesa e del senatore Alessandro Bianchi (oltre 200 presenze in D vestendo maglie prestigiose di Samb, Vis Pesaro e Fano) a centrocampo. La ciliegina sulla torta in attacco è Simone Bucefalo, protagonista nelle ultime stagioni con Pergolese e Olimpia Marzocca. Voto 6.5

FC VIGOR SENIGALLIA. Le responsabilità non spaventano la società che ha ereditato il ruolo e il posto nel cuore dei tifosi della vecchia Vigor. Per tentare la scalata all’Eccellenza la panchina è stata affidata a un tecnico navigato come Gabriele Morganti, senigalliese doc, che saprà trasmettere l’importanza della maglia ai giocatori. Il tridente offensivo è di un altro pianeta con Pesaresi (ex Olimpia Marzocca), la scorsa stagione re dei bomber con 22 reti, che sarà spalleggiato da compagni di livello come Alessandroni (ex Biagio Nazzaro) e l’argentino D’Errico. Non mancano l’assortimento a centrocampo, dove Siena (ex Tolentino) rappresenta un lusso, e in difesa, dove capitan Rosi sarà affiancato da Curzi, tra i migliori centrali della Promozione. Oltre ai big, la vera forza saranno i fuoriquota sfornati dal proprio settore giovanile, tra i migliori della regione. Voto 8

FILOTTRANESE. Altra matricola destinata a recitare un ruolo significativo. Solidità societaria, strutture e settore giovanile sono il biglietto da visita di un’organizzazione invidiabile. Le capacità di mister Giuliodori, che vanta trascorsi illustri da calciatore tra i professionisti, non si discutono. La rosa è più che buona, viste le conferme dei senatori Sollitto, Meschini, Santinelli, Pancaldi e di giocatori di qualità come Cercaci e Moretti. La campagna acquisti sottolinea la volontà di puntare a qualcosa di importante da parte del club biancorosso che ha innestato la velocità di Filippo Carnevali (ex Jesina e Biagio) sugli esterni e la sagacia di Ruben Carboni (ex Castelfidardo a Tolentino) a centrocampo. Davanti si presenta assortito e promette scintille il tandem composto dal filottranese doc Coppari (dal Chiesanuova) e dal bomber dei Fiordi Duranti (dal Marina) che si ritrovano a distanza di anni dall’esperienza di Fano. Voto 7

GABICCE GRADARA. Il finale a tutta velocità dello scorso campionato dovrà essere la base da cui ripartire per consolidare le radici in Promozione. Salutato Angelini, il Gabicce Gradara ha consegnato la panchina a Roberto Barattini (ex Mondolfo) con l’intento di compiere ulteriori passi avanti. Sono rimasti quasi tutti gli over, a partire dalle certezze assolute Palazzi, Sabattini, Fabbri, Ferrani, con Rossi e Muratori che comporranno un tandem offensivo invidiato da molti. Il cambio di passo dovranno fornirlo Grassi a centrocampo e Santucci in attacco: entrambi sono stati protagonisti in Romagna e hanno le prerogative per lasciare il segno pure nelle Marche. Voto 6.5

LAURENTINA. Dopo le sofferenze della scorsa stagione, contrassegnata dalla salvezza ai playout, la Laurentina insegue la serenità valorizzando i giovani del settore giovanile. Per centrare l’obiettivo si è affidata a un top manager della Promozione come Alessandro Carta che a maggio si è visto negare la gioia dell’Eccellenza da un incredibile esonero a 90 minuti dalla conclusione della regular season con il suo Atletico Alma già sicuro del secondo posto e della finale playoff. La stoffa del tecnico saprà valorizzare un organico che presenta un reparto avanzato assai pericoloso con l’eterno Cossa (41 anni e non sentirli) alle spalle di Caprini e dell’emergente Zupo. Molto solida la difesa, rinforzata dal portiere Callimaci (ex Monsano), dall’esperienza di Berardi (ex Pergolese), dalla duttilità di Pierpaoli (ex Marotta) e dalla spinta inesauribile di Cenciarini (ex Atletico Alma). Per aspirare a posizioni di primo piano mancherebbe un centrocampista di personalità che sappia trascinare i fuoriquota El Kheir, Andreoli e Fontana. Voto 6.5

MOIE VALLESINA. Sfiorati i playoff a maggio, il club rossoblù punta dritto all’Eccellenza. Le componenti ci sono tutte: società organizzata, impianti di livello, vivaio all’avanguardio. La panchina è stata consegnata al tecnico locale Matteo Rossi, alla prima esperienza in Promozione ma con un passato da giocatore di buon livello. L’organico è assortito in ogni reparto, specie in attacco che può contare su quattro top player: Gabrielloni, Capecci, Giuliani e Mastri. Il centrocampo è un mix di capacità tecniche, fisicità e dinamismo con Mosca, Magini, Borocci e Pierleoni. La retroguardia, imperniata sul portiere Cerioni e sul leader Balleello, risultò tra le più ermetiche del girone A già la scorsa stagione. Voto 8

MONDOLFO. Altra neopromossa vogliosa di inserirsi nella parte destra della classifica. L’arrivo di Cinotti dalla Pergolese, da anni in doppia cifra in Eccellenza, ha reso atomico l’attacco del confermatissimo Franceschelli che poteva già contare sul fiuto di Messina, superbomber della Prima ma protagonista in passato anche in Promozione, e sull’imprevedibilità di Paniconi. A centrocampo ci penseranno Tagliavento (ex Barbara) e Morelli (ex Valfoglia) a garantire geometrie e dinamismo. La graniticità della difesa è stata aumentata dal marcatore col vizio del gol (6 nell’ultimo campionato) Carletti Orsini, abituato a vincere campionati dalle avventure con Sassoferrato Genga, Laurentina e Barbara. In porta troviamo la garanzia Luigi Petrini, ex baluardo del Real Metauro, una garanzia a queste latitudini. Voto 7

OLIMPIA MARZOCCA. Sono passati quattro mesi, eppure sembrano lontani anni luce i tempi dello squadrone biancazzuro che tentava l’assalto all’Eccellenza. Terminata l’era del patron Cerioni, l’Olimpia Marzocca ha cambiato orizzonti, sposando la linea verde, e obiettivi, mirando alla salvezza. Una scelta inevitabile considerate le risorse economiche notevolmente ridotte: per portare avanti un progetto giovani il mister ideale è proprio Dino Giuliani (ex Jesina, Biagio e Vigor) tornato in pista dopo un anno trascorso nel vivaio dell’Arcobaleno. Della corazzata dell’ultimo campionato sono rimasti solo lo storico capitan Asoli e il leader della difesa Montanari, oltre agli ex fuoriquota. Il ritorno di Moschini è l’unico colpo illustre di un mercato rivolto ai prospetti dal futuro assicurato con un’autentica colonia proveniente dalla vecchia Vigor. Il ritorno dopo un anno al Comunale di Marzocca dovrà essere l’arma in più. Voto 6.5

OSIMANA. Ecco un’altra piazza illustre motivata a ruggire come ai tempi belli. Per farlo l’Osimana ha puntato forte su Antonello Mancini, reduce dai prodigi con la giovanissima Vigor Senigallia, pilotata a un passo dall’Eccellenza. La campagna acquisti ha consegnato al nuovo mister una rosa con molte armi importanti, specie nell’attacco nuovo di zecca che può disporre di rapidità con Sabbatini e Gorini e forza fisica con Ripa e Marziani. Se Morganti e Gregorini hanno rinforzato centrocampo e difesa, le conferme dei vari Postacchini, Baro, Castorina e Ristè, tra i più costanti dello scorso campionato, rappresentano la linea di congiunzione con il passato. Puntare all’Eccellenza non sembra utopia. Voto 7.5

PASSATEMPESE. Dopo aver mancato il traguardo dei playoff nelle ultime tre stagioni, stavolta non ci sono scusanti. La forza di un organico che gioca insieme da anni e che possiede alternative all’altezza in ogni reparto deve condurre i galletti alle zone che contano e realizzare i desideri del presidente Sabbatini che ha confermato le bandiere Gianluca Mezzanotte e Maraschio, perni del centrocampo, e tutti i big arricchendo l’attacco con due pezzi da novanta come Pericolo (ex Osimana) e Borgognoni (ex Villa Musone). Considerato che davanti c’erano già il fuoriclasse Staffolani e il bomber Ghergo, a mister Simone Strappini non resta che infondere ai gialloblù la giusta consapevolezza nei propri mezzi. Voto 7

PORTORECANATI. Inseriti per la prima volta nel girone A come il Camerino, gli arancioni non nascondono velleità bellicose. Il ritorno di Possanzini, che già in passato li ha trascinati in Eccellenza, è emblematico sulle ambizioni di un club che possiede le credenziali giuste per salire su uno dei tre gradini del podio. Gli interpreti scelti si sposano alla perfezione con il gioco votato allo spettacolo del mister: in pochi possono vantare un centrocampo con i piedi buoni dei due Garcia, Mercuri e Gasparini, senza tralasciare Gagliardini. In attacco basta scegliere tra Pandolfi, Pantone, Leonardi e Filippetti. Dietro l’innesto di Camilletti vale un tesoro. Sì, gli orange possono davvero mirare in alto. Voto 8

REAL METAURO. Da anni la società gialloverde riesce a disputare buoni campionati ottimizzando i costi e lanciando talenti. Lo farà anche in questa stagione potendo il nuovo trainer Girolomoni (ex Giovane Cattolica) contare su un centrocampo che si conosce a memoria guidato da uno dei registi più forti della Promozione (Pagnoni) e su un tridente delle meraviglie, completato dal ritorno dal Fano di Barattini, le cui caratteristiche si sposano alla perfezione con quelle di Bracci e Traiani. Gli innesti di Buriani (ex Belvederese) in porta e Romagna (ex Valfoglia) in difesa hanno completato un mosaico interessante che darà fastidio a più di una big. Voto 6.5

SASSOFERRATO GENGA. Per il ritorno dopo 15 anni in Promozione la società sentinate si è rivolta all’Umbria. Oltre al mister Bartolomeo Di Renzo provengono da quella regione diversi giocatori, per i quali si tratterà della prima volta nelle Marche. I leader saranno sempre il monumentale portiere Latini, i perni della difesa Altarocca e Fioranelli, il regista dai piedi buoni Arcangeli, i centrocampisti Monno e Zucca oltre agli attaccanti Piermattei e Ferretti. Con un’intelaiatura così, se i nuovi sapranno integrarsi alla perfezione in un contesto mai frequentato la salvezza non dovrebbe rappresentare un problema. Voto 6.5

VALFOGLIA. Ci si aspetta molto dalla veterana della categoria, alla tredicesima partecipazione consecutiva. Il confermato mister Cicerchia ha chiuso alla grande l’ultimo campionato creando le condizioni per alzare il tiro quest’anno. Con gli arrivi di Passeri e Vaierani, perni dell’Atletico Alma planato in Promozione, le quotazioni sembrano in totale rialzo: il primo guiderà la difesa con la bandiera Gambelli, il secondo assumerà la regia di un centrocampo in cui i piedi buoni abbondano. Detto che Vegliò (Atletico Gallo) ha incrementato la pericolosità dell’attacco, già competitivo con Bastianoni, Roselli e la promessa Zazzeroni, e ricordato che è rimasto il top player Calvaresi, capace con una giocata di cambiare il corso delle partite, non si può escludere il Valfoglia dalla lista delle grandi. Voto 7.5

VILLA MUSONE. Da due stagioni i Villans si tolgono belle soddisfazioni in Promozione e non hanno alcuna intenzione di smettere. La scommessa di puntare su un trainer alla prima esperienza come Marco Strappini sarà vinta se l’ex Jesina mostrerà in panchina la stessa personalità che aveva a centrocampo. L’organico, che ha subito un profondo restyling, vede il giusto mix tra giovani ed senatori, guidati dal matusa Ruggeri (41 anni), in grado di dare equilibrio e di dettare i tempi della manovra. La difesa appare di ferro con Ortolani e Pucci (ex Vigor Castelfidardo), Bellucci (ex Conero Dribbling) e Magi (ex Castelfrettese). Quando rientrerà dall’infortunio Mossotti, l’attacco diventerà esplosivo potendo già contare sul baby letale Tonuzi, sulle accelerazioni di Camilletti (ex Loreto) e sulla vivacità di Menghini (ex Potenza Picena). Voto 6.5

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 21/09/2017
 

Altri articoli dalla provincia...




Maxi rissa in campo: doppia sconfitta e 29 squalificati!

ANCONA. Nel girone D di Terza Categoria girone D, per la gara Atletico Ponterosso - L'Aquila è stata assegnata la sconfitta 0-3 a tavolino ad entrambe le squadre. Motivo della decisione, come indicato nel C.U. n 39 di Ancona, è stato l'impossibilità per l'arbitro di proseg...leggi
08/11/2018

A Senigallia non si passa. Per l'Fc solo un gol subito in 7 partite!

SENIGALLIA. A Senigallia non si passa. Appena un gol subito in 7 partite, e per di più su rigore nell'1-1 contro il Valfoglia alla prima giornata di campionato. La squadra non subisce non subisce gol su azione dal 6 maggio scorso. Il segreto? "Nessun segreto in particolare - racconta il tecnico Massimiliano Guiducci, 48 anni, primo anno all'Fc...leggi
06/11/2018

Anconitana & Mastronunzio in viaggio verso un doppio record

ANCONA. Con la vittoria n° 7 sulla Laurentina (7-0) l'Anconitana ha superato la striscia di 6 vittorie consecutive conseguita dall'Ancona di Vincenzo Guerini nella stagione 1991-1992 in Serie B. Ora la squadra dorica di mister Nocera va a caccia del record di 8 successi di fila che dura da 84 anni datato 1934/35. Nell'allora Prima Divisione (la vecchia Serie C) l'Anconi...leggi
05/11/2018

Nasce terzino ma a 44 anni non smette di segnare. Fenomeno Giansanti!

ANCONA. Al Pietralacroce 73 è un istituzione. E' alla sua ottava stagione e non ha voglia di fermarsi nonostante le 44 primavere (45 il prossimo 24 gennaio). Michele Giansanti (foto) è così, gioca per il gusto di giocare, segna perchè vede ancora la porta come pochi. Sabato ha realizzato la rete decisiva contro la Real Came...leggi
31/10/2018

Due volti nuovi, Renè Agosto sempreverde e Labor da record!

SANTA MARIA NUOVA. E' la squadra che le ha vinte tutte insieme all'Anconitana, 6 su 6, en plein, ma se per la Dorica questo score non fa notizia, per la Labor potrebbe essere una bella novità anche se non più di tanto perchè l'anno scorso chiuse al terzo posto. E pensare che questa stagione era cominciata male, con la defezione di tre giocatori important...leggi
29/10/2018

ECCELLENZA. Decisivi e Millenians: Zira, Salvatori e Paglialunga super

Tre colpi risolutivi, tutti nella seconda parte di gara che hanno portato successi importantissimi alle proprie squadre. Classe 2000, ovvero "Millenians" come va di moda chiamarli oggi, alla ribalta nel campionato di Eccellenza con gol che di sicuro resteranno nella loro memoria. Per tutti e tre infatti si tratta delle prima rete in Eccellenza. ...leggi
29/10/2018

Il gol, la corsa verso i tifosi dorici: Zagaglia ha coronato un sogno!

Loreto, stadio Salvo D'Acquisto, minuto 92 di Loreto - Anconitana, risultato di 0 a 2... Ma c'è ancora tempo per un'altra emozione! È il classe 2000 Lorenzo Zagaglia a regalarla. Lui, anconetano e tifoso biancorosso da sempre, si regala la gioia di segnare il suo primo gol con la casacca della squadra per cui ha sempre fatto il tifo. Ma al di l...leggi
24/10/2018

Ultras e musica: il tifo dell'Anconitana si ispira al Vardy's on fire

ANCONA. C’è un nuovo coro da stadio che unisce ultras e musica disco, è della Curva Nord dell’Anconitana e si ispira al mitico Vardy’s on fire. Questo coro si sta diffondendo in fretta in tutta Italia ed è arrivato anche nelle Marche, tra la tifoseria dorica. Ecco i tifosi dell’Anconitana in trasferta ad Osimo (...leggi
20/10/2018

Castelfidardo, Pazzaglia si dimette. Torna Roberto Vagnoni

CASTELFIDARDO. Roberto Vagnoni (foto) torna alla guida del Castelfidardo. Nella stagione appena passata il mister sambenedettese aveva condotto la squadra fidardense alla salvezza (44 punti, massimo storico per il club in Serie D) ma un finale di stagione un po' fiacco aveva spinto la società alla separazione optando per Simone Pazzaglia. Ora il ritorno...leggi
20/10/2018

"Anconitana super favorita, ma occhio a Osimana e FC Vigor Senigallia"

Osserva, studia, aspetta. Massimo Lombardi (foto), dopo le esperienze sulle panchine di Biagio Nazzaro, Osimana e Dorica Torrette, nella stagione in corso è un tecnico in stand by. E dice la sua sul campionato di Promozione girone A dominato, dopo queste 3 prime giornate, dall'Anconitana che viaggia a punteggio pieno (9 punti, ...leggi
09/10/2018

Dopo 36 anni torna Osimana-Anconitana: l'amarcord di Lorenzo Angeloni

OSIMO. Si avvicina il giorno di Osimana - Anconitana, non una gara come tutte le altre, ma un derby che in passato ha scaldato i cuori di tanti appassionati e che rivedrà la luce al "Diana" dopo ben 36 anni. Sulle colonne del Corriere Adriatico è Lorenzo Angeloni, ex dirigente e memoria storica del calcio osimano, a ripercorre i momenti ...leggi
03/10/2018

Biagio Nazzaro, la gioia di Parasecoli: in rete a 17 anni. VIDEO!

CHIARAVALLE. Neanche 120 secondi di gioco per timbrare il primo gol con la maglia della Biagio Nazzaro in Eccellenza ad appena 17 anni. Bella storia quella di Nicolò Parasecoli, classe 2001, alla Biagio Nazzaro fin dalle giovanili che nella giornata di ieri ha portato in vantaggio la sua squadra nella sfida alla corazzata Fabriano Cerreto. Pareggio raggi...leggi
01/10/2018


L'ADDIO. Tommaso Polenta lascia l'Anconitana...e il calcio

ANCONA. La società US Anconitana saluta ed augura un grande in bocca al lupo a Tommaso Polenta (foto) per la sua nuova carriera professionale. Polenta, anconetano e tifoso biancorosso da sempre, dopo essersi laureato con il massimo dei voti presso l'Università Economia e Commercio di Ancona ha deciso di appendere le scarpe...leggi
27/09/2018


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 2,16905 secondi