Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


"Fondatore, giocatore, presidente e mister". Burani è il...Piobbico

Più che una squadra è una grande famiglia

Fondatore, giocatore, presidente, allenatore: si porta quattro ruoli sulle spalle ma non ne sente affatto il peso. Benedetto Burani (foto), 55 anni, ha una bella storia da raccontare: nel 1990 il Piobbico veleggia in Interregionale, tanti ragazzi del posto non hanno spazio per giocare e lui (insieme ad amici) fonda il Piobbico 90. Da 28 anni questa società ha fatto della socialità e dell'aggregazione una bandiera di cui andar fieri. Da qualche anno Burani non gioca più (ruolo centrocampista), è diventato presidente e da anni siede in panchina; in questa stagione allena un bel gruppo di ragazzi che nel girone A di Terza categoria va in campo per divertimento senza l'assillo della classifica. In quasi tre decenni il Piobbico 90 ha sempre militato in Terza categoria salvo 5 stagioni nel campionato Amatori Uisp, solo un anno ha assaporato la gioia della promozione: "Nel 1995 siamo saliti in Seconda categoria, c'era Domenico Pazzaglia ai vertici della società, persona molto conosciuta nel mondo del ciclismo. Poi siamo scesi, Domenico non c'è più, ma ogni cinque anni per ricordarlo organizziamo una bella festa".
Il Piobbico 90 è una famiglia, e forse anche di più: "Abbiamo tanti ragazzi - sottolinea Burani - siamo stati una delle prime società ad organizzare il 'terzo tempo', oggi purtroppo si apprezzano sempre meno certi valori, anche nei dilettanti. Da noi le porte sono aperte a tutti, ai bravi e ai meno bravi e cerchiamo di far giocare tutti". Le sue parole sono lo spot più bello del gioco del calcio. 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/02/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



NUOVA VITA. Giovagnoli: "A New York per costruire futuri talenti"

L'avevamo lasciato sulla panchina del Montegranaro (Eccellenza), era la stagione 2011-2012, poi grazie ai contatti avuti con il Milan Camp, la decisione di partire per gli USA. E così è stato. Filippo Giovagnoli (foto), 48 anni, originario di Apecchio e dal 2005 al 2009 tecnico di Urbania e Urbino, lavora da un quinquennio come direttore tecnico alla Met...leggi
09/07/2018


In porta a 50 anni. La favola di Ferruccio Rondina

“Come nelle favole” parafrasava Vasco, ma come nelle favole è la storia di un giovanotto classe 1967, all’anagrafe Ferruccio Rondina da Mondolfo, ma ormai fanese d’adozione. Il ragazzo, appese le scarpette al chiodo da oltre dieci anni, calca ancora i campi coi guantoni infilati, insegnando il nobile ruolo di portiere, a part...leggi
19/02/2018



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,78783 secondi