Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Fermo


Don Leandro, il parroco-tifoso: "Il calcio come scuola di vita"

Il sacerdote di Rapagnano manca raramente alle gare della sua squadra che segue con competenza e grande passione, sottolineando l'importanza dello sport come veicolo di crescita sociale dei giovani

RAPAGNANO. Il Rapagnano che veleggia in testa alla classifica del girone E della Seconda categoria, può vantare tra i suoi dirigenti una figura di spicco come il parroco Don Leandro Nataloni (foto), grande appassionato di sport in generale e di calcio in particolare, con il quale abbiamo avuto il piacere di scambiare alcune battute.

Come dirigente e grande tifoso, riesce sempre a seguire la squadra nel fine settimana?
“Compatibilmente con i miei impegni cerco sempre di andare, talvolta anche fuori casa. Il calcio è una passione, seguo con piacere questi ragazzi, alcuni dei quali mi conoscono da sempre, in pratica li ho visti crescere. Inoltre c'è la grande amicizia che mi lega al presidente Vitaliano Silveri, con il quale ci frequentiamo sin dai tempi della scuola elementare”.

Parliamo prima dell'aspetto tecnico, che impressione ricava vedendo giocare il Rapagnano?
“Una buona squadra, molto organizzata specialmente in fase difensiva, centrocampo ben predisposto a fare filtro, subisce pochissimo, non per nulla è ancora imbattuta. Probabilmente per la mole di gioco che sviluppa, raccoglie meno di quanto meriterebbe a livello realizzativo, questo potrebbe essere un aspetto da migliorare”.

In generale che giudizio può esprimere su questo girone E della Seconda categoria?
“Ho visto diverse gare di notevole livello ed anche delle ottime individualità. In generale mi sembra che tutte le squadre abbiano una fisionomia precisa, costruita con grande criterio. Molti magari pensano di trovare questa organizzazione solo nelle categorie superiori, mentre a mio giudizio questo è un girone molto competitivo”.

Tra poco più di una settimana ci sarà il derby ad alta quota con il Monte e Torre, una gara che potrebbe rivelarsi fondamentale per la vittoria del campionato.
“Una partita molto sentita, che stavolta assume un significato anche maggiore vista la posizione in classifica delle due squadre. Per me sarà un'occasione particolare, visto che mia madre era originaria di Torre San Patrizio e sono stato vice parroco di Monte San Pietrangeli per diversi anni. Nelle due cittadine conosco tutti, in particolare alcuni dirigenti ai quali mi lega un'antica amicizia. Sarà bello rivedersi e confrontarsi”.
image host
Come nasce questa sua passione per il calcio e per lo sport in generale?
“L'attività sportiva mi ha sempre affascinato sia per la bellezza della competizione, ma soprattutto per la grande importanza che ha nella crescita delle persone. Il gioco di squadra insegna a lavorare accanto agli altri e ad averne rispetto. Permette di divertirsi ed al tempo stesso di rendersi utili per i compagni di squadra. Insegna il sacrificio e l'applicazione: 2/3 allenamenti settimanali, la sera al freddo, dopo il lavoro, si possono fare solo avendo una passione enorme. L'aspetto fondamentale è però il rispetto delle regole e dell'avversario, chi ha fatto sport sa quanto queste regole siano importanti nella vita di tutti i giorni”.

Lei quindi considera il calcio una scuola di vita?
“Non solo, io considero i dirigenti delle squadre come dei miei preziosi collaboratori. Sono sempre vicini ai giovani, cercano di non far mancare mai nulla, li seguono passo passo. Sono degli educatori fondamentali nella formazione umana dei ragazzi. Qui a Rapagnano sono encomiabili, nel tempo hanno sviluppato una organizzazione a livello quasi professionistico, mettendo i calciatori nelle condizioni migliori possibili”.

Nel paese di Rapagnano i successi della squadra di calcio vengono vissuti in maniera particolare?
“Parliamo di una cittadina con meno di 2000 abitanti che oltre al calcio ha anche delle società che si occupano di ciclismo e pallavvolo femminile. Per ovvi motivi, non ci possono essere numeri importanti dietro ognuna di queste pratiche sportive. Va comunque sempre sottolineata la grande passione che anima i dirigenti di tutte le società. Io cerco sempre di essere vicino a tutti loro, portando il mio sostegno e la mia vicinanza, come dicevo, lo sport è una scuola di vita fondamentale e per me è un dovere essere accanto a chi si occupa del benessere e della crescita della comunità”. 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 09/02/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Montegiorgio, 6 davvero una matricola terribile!

MONTEGIORGIO. Real Giulianova, Agnonese, Castelfidardo, Sammaurese, Avezzano, Francavilla. Queste squadre contro il Montegiorgio hanno raccolto zero punti. Salgono a sei le vittorie di fila della squadra di Massimo Paci (foto) che da matricola si porta a -2 dalla zona playoff. L'ultima perla è l'1-0 contro il Francavilla, sfida giocata sempre a Monte San...leggi
17/01/2019

FERMO. La Coppa Provinciale di 3^ categoria a La Montottonese!

TORRE SAN PATRIZIO. La Coppa Provinciale di 3^ Categoria per la delegazione di Fermo se l'aggiudica La Montottonese. Superato il Tirassegno per 2-1 grazie alle reti di Ciccarè e Traini nella finale giocata sul campo neutro sintetico di Torre San Patrizio. Ora per la società, nata ...leggi
12/01/2019

RECUPERI. Arriva l'ufficialità: il 29 e 30 dicembre si scende in campo

Dopo la riunione svoltasi nella sede ufficiale in Ancona, è stata confermata l'ipotesi data dalla nostra redazione in mattinata. Le squadre dilettantistiche marchigiane scenderanno in campo nel weekend tra Natale e Capodanno. Il Comitato Regionale Marche ha scelto i giorni 29 e 30 dicembre come date di recupero delle gare dall'Eccellen...leggi
10/12/2018

Peppe Sfredda: "Torno con entusiasmo per un progetto serio!"

MONTE URANO. Dopo un anno e mezzo di assenza torna nel mondo del calcio un personaggio che ha accumulato una grande esperienza ed ha sempre dato prova di notevoli capacità. Con grande piacere abbiamo scambiato alcune battute con Giuseppe Sfredda (foto), che da alcuni giorni è il nuovo direttore sportivo del Monturano Campiglione...leggi
07/12/2018

Cataclisma in Promozione: due sconfitte a tavolino per la Sangiorgese!

PORTO SAN GIORGIO. Due reclami delle società di Montalto ed Atletico Centobuchi hanno completamente ribaltato le ultime posizioni della classifica del girone B di Promozione. A farne le spese è stata la Sangiorgese. Il motivo? La presenza irregolare del calciatore Lamin Ndoje nella 8^ e nella 9^ giornata di campio...leggi
28/11/2018

MATELICA SHOW. Con l’86% di vittorie è seconda solo alla Juventus!

Quasi tre mesi di campionato ormai in archivio a ritmo serrato nel girone F dove la leader incontrastata è il Matelica che viaggia a ritmi stratosferici: ben 7 punti di vantaggio sul Cesena, leader designata del girone. Il successo sul Forlì di sabato è stato il numero 14 della stagione biancorossa con soli due stop all’attivo: quelli...leggi
26/11/2018

Marilungo sigla una clamorosa cinquina: "E con queste fanno 100 reti!"

SANT'ELPIDIO A MARE. La 10^ giornata di andata è stata caratterizzata nel girone E di Seconda categoria da alcuni risultati importanti, su tutti spicca il rotondo 6-1 inflitto dalla Vigor Sant'Elpidio alla Pennese. In copertina ovviamente Giacomo Marilungo (foto), autore di una splendida “cinquina”: “A livell...leggi
26/11/2018

Difesa record al Porto S. Elpidio: la squadra segue il "maestro" Mengo

PORTO SANT'ELPIDIO. Inutile negarlo, il Porto Sant'Elpidio è la squadra del momento nel campionato di Eccellenza. Non solo vince con il Tolentino e si issa al vertice della graduatoria, ma continua a mantenere una solidità difensiva che comincia ad assumere aspetti clamorosi. In 12 partite la squadra di mister Mengo ha subito solo 3 reti, in pratica un gol ogni ...leggi
26/11/2018


AMARCORD. Amaolo, l' "ammazzagrandi" pronto ad un tuffo nel passato!

Chiamatelo se volete “ammazzagrandi” il Pineto che, sul terreno amico, ha regolato prima il Matelica (alla seconda giornata) e poi il Cesena domenica scorsa: unica squadra capace di un cammino simile. Merito di un tecnico marchigiano (di Porto San Giorgio) che nelle ultime tre stagioni ha guidato gli abruzzesi come Daniele Amaolo e ...leggi
20/11/2018

"Montepacini, tutto falso: abbiamo salvato l'arbitro dal linciaggio"

Il presidente della Real Cuprense Maurizio Drago (foto a sinistra) non ci sta che la sua squadra passi da razzista. E replica sia sui social che per telefono al resoconto del responsabile della Save The Youths Montepacini Marco Marchetti, la squadra composta da immigrati e rifugiati. "Io non commento, aspetto le decisioni del giudice sportivo e successivamente difender...leggi
19/11/2018

Gagliardini, saracinesca del P.S. Elpidio: solo 3 gol in 10 partite!

PORTO SANT'ELPIDIO. Si conferma imperforabile la difesa del Porto Sant'Elpidio che nelle prime 10 gare di campionato ha subito solo 3 reti. Protagonista anche nella gara contro il Marina il portiere Federico Gagliardini (foto), arrivato in estate nella cittadina calzaturiera: “Lo scorso anno ho disputato la prima parte di stagione con il Messin...leggi
12/11/2018

Il difensore si fa male, lui può segnare ma sbaglia: Adami da applausi

Il Porto Sant'Elpidio ha espugnato il campo di Grottammare (0-1) ma più che i tre punti a far notizia è il bel gesto del giocatore ospite Gianluca Adami (come racconta Michele Rossi su tmnotzie.it). Pochi minuti dopo la rete di Cuccù (53'), c'è un contropiede per gli ospiti, il difensore locale Di Antonio è sulla palla ma d...leggi
05/11/2018

ECCELLENZA. Decisivi e Millenians: Zira, Salvatori e Paglialunga super

Tre colpi risolutivi, tutti nella seconda parte di gara che hanno portato successi importantissimi alle proprie squadre. Classe 2000, ovvero "Millenians" come va di moda chiamarli oggi, alla ribalta nel campionato di Eccellenza con gol che di sicuro resteranno nella loro memoria. Per tutti e tre infatti si tratta delle prima rete in Eccellenza. ...leggi
29/10/2018

Cristian Pazzi: "La mia esperienza al servizio della Spes Valdaso"

VALMIR DI PETRITOLI. Imbattuta nelle prime 4 gare del girone G della Seconda categoria, continua la marcia della Spes Valdaso, trascinata dalle reti di Cristian Pazzi (foto) autore già di 4 marcature. Il bomber locale non ha certo bisogno di presentazioni, stagioni ad alto livello, tra le altre, con Sambenedettese, Maceratese, Matelica, Vis Pesa...leggi
19/10/2018


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09449 secondi