Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


Padalino: "Lo Sporting ci crede, per la salvezza ci siamo anche noi"

L'allenatore della compagine folignanese è convinto che la sua squadra abbia tutti i mezzi per puntare al mantenimento diretto della categoria

FOLIGNANO. Era cominciata sotto i migliori auspici l’avventura di Matteo Padalino (foto) sulla panchina dello Sporting Folignano. Chiamato dalla società nel corso di un girone di andata che non stava procedendo per il meglio, l’approdo del giovane tecnico ascolano aveva subito dato una scossa all’ambiente, portando una serie di risultati positivi: “Purtroppo quella striscia positiva si è interrotta e stiamo incontrando delle difficoltà – ci dice l’allenatore al telefono – dall’inizio del 2018 abbiamo raccolto solo 3 punti ed ora la situazione di classifica comincia a farsi preoccupante. La gara di sabato scorso a Grottazzolina è lo specchio della nostra stagione, pur fraseggiando discretamente ed avendo in mano il gioco, alla prima occasione subiamo una rete, sbandiamo pericolosamente e rischiamo di prenderne un’altra. Sull’orlo del precipizio ci rialziamo, perveniamo al pareggio ed abbiamo anche le occasioni per vincere, ma sciupiamo quanto creato e torniamo a casa con un punto che fa morale, ma cambia di poco la nostra situazione. Facciamo fatica a segnare – sottolinea Padalino – pur disponendo di attaccanti validi come Rosati, Vagnoni e Paolini, troviamo delle grandi difficoltà a finalizzare le nostre azioni. Certamente è un periodo sfortunato, inoltre la perdita di Troiani, probabilmente per quasi tutta la stagione, ci ha creato un vuoto a centrocampo che purtroppo non siamo riusciti a colmare, anche se la società ha fatto l’impossibile nel mercato di riparazione. Nonostante tutto ciò, abbiamo ancora tutte le possibilità di guadagnare la salvezza, dobbiamo provare ad invertire la tendenza e dall’atteggiamento dei ragazzi, mi sembra di capire che ci siano i presupposti per uscire da questa situazione. Il calendario da questo punto di vista ci può dare una mano, nelle prossime settimane incontreremo in rapida sequenza Montottone, Montegranaro e Santa Caterina, tre buone squadre che sono certamente alla nostra portata. Se riuscissimo ad inanellare dei risultati positivi, acquisteremmo certamente maggiore consapevolezza nei nostri mezzi e potremmo guardare al futuro con maggiore tranquillità. In queste circostanze – chiude il tecnico - oltre al gioco, l’aspetto fondamentale è il carattere, dovranno essere le giuste motivazioni a darci la spinta decisiva e sono convinto che questi ragazzi abbiano dentro di loro tutto il necessario per far bene e chiudere la stagione con la salvezza”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 13/02/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Vannicola: "Un Torrione determinato per la stagione dei 100 anni"

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Non sta certamente tradendo le attese il Torrione, inserito quest'anno in un girone H di Seconda categoria che si conferma di alto livello. La compagine rivierasca, affidata anche in questa stagione a Mirco Vannicola (foto), ha avuto un buon approccio con questo raggruppamento e si candida a recitare un ruolo...leggi
16/11/2018

Jari Iachini: "L'Atletico Ascoli competerà per i primi cinque posti"

ASCOLI PICENO. Sembra aver trovato la giusta quadratura il Calcio Atletico Ascoli. Dopo un inizio di campionato balbettante, la squadra di mister Stefano Filippini è reduce da una serie di risultati utili che le hanno concesso una posizione in classifica più consona alle aspettative.  Tra i leader della formazione ascolana c’è Jari I...leggi
14/11/2018


Centobuchi saluta Pupi, panchina a Marco Morelli

CENTOBUCHI. La sconfitta interna contro il Santa Caterina ed i soli 5 punti in classifica dopo 7 giornate, costano la panchina del Centobuchi 1972 MP a Lucio Pupi. Al tecnico venarottese, protagonista di due ottime stagioni alla guida dell'Amandola va comunque il plauso della società: "Ringraziamo il mister per il grosso lavoro svolto, per la sua preparazione e la profo...leggi
13/11/2018




Tragedia al Santa Maria Truentina: si è spento Giacomo Caldarola

CASTEL DI LAMA. Una vera e propria tragedia ha colpito il mondo del calcio e non solo. Se n'è andato improvvisamente Giacomo Caldarola (foto), allenatore della formazione Giovanissimi del Santa Maria Truentina. Il tecnico è stato colpito da un infarto fulminante al campo "Stipa" al termine della gara al di campionato della squadra da lui...leggi
09/11/2018

Ad Acquasanta si cambia: in panchina arriva Gianni Aloisi

ACQUASANTA TERME. Dopo un avvio di stagione sotto le aspettative, l'Acquasanta neopromossa in Seconda categoria, comunica di aver interrotto il rapporto con Alessandro Bonaccorso e di aver affidato la guida tecnica della squadra a Gianni Aloisi (foto). Il tecnico, che nelle ultime stagioni ha guidato l'Offida e l'Audax Pagliare, ha già dirett...leggi
09/11/2018

Pezzoli: "Approccio ideale con il Pagliare, ora dobbiamo continuare"

PAGLIARE DEL TRONTO. Dopo un avvio sotto le aspettative, culminato con la separazione consensuale da mister Teodori, comincia finalmente a prendere forma la stagione dell’Audax Pagliare, nel girone meridionale della Seconda categoria. L’avvento di Enrico Pezzoli (foto) sulla panchina biancorossa sembra aver dato quella svol...leggi
08/11/2018

Volponi: "Una Cossinea motivata per vivere un sogno chiamato playoff"

COSSIGNANO. Primato solitario per la Cossinea nel girone G di Seconda categoria, dopo 7 gare la squadra guidata per il secondo anno da Eraldo Volponi (foto), può già contare su 17 punti. “Un buon approccio senza dubbio, veniamo da una stagione chiusa con un buon 6° posto - ci conferma il mister - che ci ha perme...leggi
08/11/2018

Micio United, il perchè di un nome. Il patron: "E' il mio soprannome!"

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Ha la sede a San Benedetto del Tronto, gioca al campo Parrocchiale “Mignini” di Monsampolo del Tronto (foto), la squadra è stata chiamata col... soprannome del suo presidente, per tutti Micio. Da qui il nome: Micio United. "Quell'United è stato aggiunto per dare ...leggi
07/11/2018





Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,78504 secondi