Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


Bucci: "Vittoria di carattere per un'Amandola in crescita"

In doppia inferiorità numerica i sibillini sono riusciti a chiudere positivamente la gara contro il Santa Caterina

AMANDOLA. Grande prova di orgoglio dell'Amandola nella gara interna contro il Santa Caterina quando, a più di mezzora dalla fine, gli amaranto si sono trovati a gestire una rete di vantaggio, ma con ben due uomini in meno. “Soprattutto voglio sottolineare la mentalità di questi ragazzi – dice mister Marco Bucci (foto) - non era scontato che reggessimo alla pressione degli avversari, tutto sommato rischiando anche poco. Onore e merito al nostro portiere Galizi che, appena entrato in luogo dell'espulso Berardini, ha compiuto un autentico miracolo deviando il rigore, ed anche a tutti i suoi compagni che dimostrando grande spirito di sacrificio hanno ottenuto un successo prezioso”.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere: “Certo che giocare in doppia inferiorità numerica non è piacevole, ma questo episodio ci ha dato probabilmente una scossa di cui avevamo bisogno. Nelle gare precedenti - sottolinea l'allenatore arrivato ad inizio stagione - pur facendo la nostra parte, nei momenti delicati avevamo evidenziato qualche carenza, sabato scorso siamo stati dei leoni, abbiamo reagito come meglio non si poteva, tirando fuori quel carattere che a volte ci era mancato. Il risultato positivo che a parità di uomini avevamo meritato, è un premio alla nostra forza di volontà e sicuramente ci sarà molto utile in futuro”. image host L'Amandola è considerata da molti come una delle pretendenti alla vittoria finale: “Noi vogliamo far bene ed essere protagonisti, per vincere però ci vogliono tante componenti e noi che dobbiamo assemblare un organico quasi completamente rinnovato (14 giocatori su 20), abbiamo bisogno di tempo per trovare il giusto bilanciamento. A mio avviso Real Pagliare e Castignano hanno qualcosina più delle altre e verranno fuori alla distanza, mi ha fatto una grossa impressione il Rapagnano, mentre è un pochino indietro l'Azzurra Mariner, ma se limiterà i danni in questo periodo sfortunato, potrebbe poi rivelarsi molto pericolosa nella fase calda della stagione”. Il campionato comunque resta molto interessante: “Stagione difficile con tante buone squadre, livello alto e ogni gara aperta a tutti i risultati. Sabato faremo visita ad una AFC Fermo in grande crescita e con individualità di tutto rispetto, un avversario tosto che sicuramente si avvantaggierà del campo piccolo in erba sintetica, dovremo preparare molto bene la gara è sarà opportuno affrontarla con grande attenzione”.

(Fonte: Il Resto del Carlino)

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 30/10/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Vannicola: "Un Torrione determinato per la stagione dei 100 anni"

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Non sta certamente tradendo le attese il Torrione, inserito quest'anno in un girone H di Seconda categoria che si conferma di alto livello. La compagine rivierasca, affidata anche in questa stagione a Mirco Vannicola (foto), ha avuto un buon approccio con questo raggruppamento e si candida a recitare un ruolo...leggi
16/11/2018

Jari Iachini: "L'Atletico Ascoli competerà per i primi cinque posti"

ASCOLI PICENO. Sembra aver trovato la giusta quadratura il Calcio Atletico Ascoli. Dopo un inizio di campionato balbettante, la squadra di mister Stefano Filippini è reduce da una serie di risultati utili che le hanno concesso una posizione in classifica più consona alle aspettative.  Tra i leader della formazione ascolana c’è Jari I...leggi
14/11/2018


Centobuchi saluta Pupi, panchina a Marco Morelli

CENTOBUCHI. La sconfitta interna contro il Santa Caterina ed i soli 5 punti in classifica dopo 7 giornate, costano la panchina del Centobuchi 1972 MP a Lucio Pupi. Al tecnico venarottese, protagonista di due ottime stagioni alla guida dell'Amandola va comunque il plauso della società: "Ringraziamo il mister per il grosso lavoro svolto, per la sua preparazione e la profo...leggi
13/11/2018




Tragedia al Santa Maria Truentina: si è spento Giacomo Caldarola

CASTEL DI LAMA. Una vera e propria tragedia ha colpito il mondo del calcio e non solo. Se n'è andato improvvisamente Giacomo Caldarola (foto), allenatore della formazione Giovanissimi del Santa Maria Truentina. Il tecnico è stato colpito da un infarto fulminante al campo "Stipa" al termine della gara al di campionato della squadra da lui...leggi
09/11/2018

Ad Acquasanta si cambia: in panchina arriva Gianni Aloisi

ACQUASANTA TERME. Dopo un avvio di stagione sotto le aspettative, l'Acquasanta neopromossa in Seconda categoria, comunica di aver interrotto il rapporto con Alessandro Bonaccorso e di aver affidato la guida tecnica della squadra a Gianni Aloisi (foto). Il tecnico, che nelle ultime stagioni ha guidato l'Offida e l'Audax Pagliare, ha già dirett...leggi
09/11/2018

Pezzoli: "Approccio ideale con il Pagliare, ora dobbiamo continuare"

PAGLIARE DEL TRONTO. Dopo un avvio sotto le aspettative, culminato con la separazione consensuale da mister Teodori, comincia finalmente a prendere forma la stagione dell’Audax Pagliare, nel girone meridionale della Seconda categoria. L’avvento di Enrico Pezzoli (foto) sulla panchina biancorossa sembra aver dato quella svol...leggi
08/11/2018

Volponi: "Una Cossinea motivata per vivere un sogno chiamato playoff"

COSSIGNANO. Primato solitario per la Cossinea nel girone G di Seconda categoria, dopo 7 gare la squadra guidata per il secondo anno da Eraldo Volponi (foto), può già contare su 17 punti. “Un buon approccio senza dubbio, veniamo da una stagione chiusa con un buon 6° posto - ci conferma il mister - che ci ha perme...leggi
08/11/2018

Micio United, il perchè di un nome. Il patron: "E' il mio soprannome!"

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Ha la sede a San Benedetto del Tronto, gioca al campo Parrocchiale “Mignini” di Monsampolo del Tronto (foto), la squadra è stata chiamata col... soprannome del suo presidente, per tutti Micio. Da qui il nome: Micio United. "Quell'United è stato aggiunto per dare ...leggi
07/11/2018





Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 13,44521 secondi