Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


Vadese, storia di un declino: dalla "quasi" C2 alla Seconda categoria

L'analisi della 'bandiera' Gianni Antonini

SANT'ANGELO IN VADO. La Vadese è retrocessa in Seconda categoria (VEDI CLASSIFICA 1^ CATEGORIA A). Eppure nella stagione 1980/'81 la gloriosa società di Sant'Angelo in Vado conquistò addirittura la Serie D dove rimase per 12 anni (record italiano diviso con il Penne), per poi retrocedere in Eccellenza nella stagione 1992/93 dove i giallorossi rimasero per altre 7 stagioni. Insomma, per una cittadina che conta appena 4.000 abitanti un vero record e infatti per anni e anni si parlò di "miracolo Vadese" anche a livello nazionale. Gianni Antonini (foto), per tanti anni giocatore e poi allenatore dei giallorossi che sotto la sua guida nella stagione 1987/88 sfiorarono addirittura la C2, è chiaramente uno dei primi ad essere dispiaciuto dell’attuale situazione. "E’ inutile dire - sottolinea Antonini in un'intervista a Il Resto del Carlino  - che c’è amarezza e delusione, ma drammatizzare più di tanto serve a poco. Bisogna prendere atto della realtà e passata «la buriana» provare a guardare al futuro».

Ma come è potuto accadere tutto ciò? "Non è facile rispondere e forse sono la persona meno indicata essendo fuori dall’ambiente da diverso tempo. Quando le cose vanno male le cause sono molteplici e inizierei dal grave incidente che ha messo fuori gioco il nostro giocatore di maggior talento e mi riferisco a Rossetti".

Può bastare questo? "Certamente no ma non mi sembra giusto fare processi. Più in generale aggiungerei che nel corso degli anni per un motivo (scomparsa del compianto Presidente Giovanni Lombardo), o per l’altro la Vadese ha perso dirigenti importanti e adesso intorno al Presidente Lucio Cottini (quasi sempre fuori sede per impegni universitari), c’è rimasta poca gente che comunque va ringraziata per l’impegno profuso in tutti questi anni".

Proviamo a guardare indietro. "Lo faccio ben volentieri ma bisogna capire che quelle sono state stagioni straordinarie ed irripetibili di cui dobbiamo andare orgogliosi ma, come ho già detto, irripetibili. Avevamo una forte società alle spalle guidata da un binomio indissolubile per più di 20 anni (Romano Gregorini e Lucio Sartini), un settore giovanile invidiato da tutti che ha portato in prima squadra elementi che hanno poi fatto grande la Vadese (senza voler far torto a nessuno cito solo quelli che poi arrivarono nei Prof. Guerra I e Guerra II, Sacchi, Baggiarini, Pazzaglia, Badalotti). I migliori giovani dei paesi vicini finivamo da noi. Tanto per fare qualche nome ricordo Giovagnoli, Pazzaglia, Sbrega, Ottavi, Galletti, Tombari (e chiedo scusa a tutti gli altri), che poi approdarono tutti nei professionisti. Avevamo una zona industriale, che era il nostro fiore all’occhiello, che dava lavoro a tutti, amici che trovavano sponsor importanti, tutto un paese che seguiva la squadra (ricordo anche che il volley femminile sfiorò la Serie B). Avete capito di cosa vi sto parlando? Ecco, tutto questo non ce lo toglie nessuno e ne dobbiamo andare fieri, ma ormai fa parte del passato".

Invece guardando avanti? "Bisogna sedersi ad un tavolo cercando di programmare il futuro con calma e idee chiare, superando quelle incomprensioni che certamente ci sono state in questi anni. In questo anche i nostri calorosi tifosi, mettendo per un attimo da parte la rabbia, possono dare un valido e importante contributo".

Magari con Antonini in un ruolo importante. "Ogni frutto ha la sua stagione e la mia è passata da diverso tempo. Non servono «monumenti» ma persone serie, appassionate e disponibili e vi garantisco che nel nostro paese, fortunatamente, ancora ce ne sono". 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/05/2018
 

Altri articoli dalla provincia...




Para due rigori in 50 secondi: la domenica super di Davide Stafoggia

URBANIA. “In 45 anni vissuti sul campo come portiere e allenatore mai mi era successo di vedere qualcosa di simile. Sono ancora senza fiato”. Bastano queste parole del tecnico dell’Urbania Gianluca Fenucci per descrivere le emozioni vissute ieri pomeriggio in casa durantina da Davide Stafoggia, 18 anni (saranno 19 il ...leggi
04/02/2019

Omiccioli non sbaglia la prima in casa: "Atl. Alma, sarà lotta ardua"

FANO. Termina, con una pesante vittoria contro il Portorecanati, il digiuno di vittorie della giovane formazione dell'Atletico Alma durato quasi un mese. Durante questo periodo di astinenza c'è anche stato la scossa tecnico-societaria, con l'arrivo in panchina dell'esperto Mirco Omiccioli (foto). Già presente nella sconfitta su...leggi
30/01/2019



Gianluca Fenucci lancia l'Urbania: "Per il primato ci siamo anche noi"

URBANIA. “Sono un inguaribile ottimista ma questi ragazzi hanno saputo stupire anche me, nonostante dopo i primi 15 giorni di preparazione avevo intuito che ci fossero grandi qualità”. Parole e musica di un orgoglioso Gianluca Fenucci che si gode il gran momento della sua “banda” di ragazzi terribili dell’Ur...leggi
25/01/2019

Il vantaggio più grande? San Costanzo a +11. E Pucci guarda la meta...

Ha il vantaggio maggiore tra tutti i campionati dilettantistici regionali, ben 11 punti sulla seconda in classifica. Ma alla base di questa marcia trionfale c'è la voglia di riscatto, dell'allenatore e di tutta la società. Lui, mister Cristiano Pucci (foto) vuole cancellare l'esonero subito l'anno scorso al Sant'Orso, la squadra punta a ritornare in Prima...leggi
21/01/2019

PESARO. Incontri per la Democrazia olè: in bacheca la Coppa Marche 3!

La squadra Incontri x la Democrazia si aggiudica la finale provinciale (Pesaro) di Coppa Marche 3 superando il Villa Palombara. La partita, disputata sabato al campo "Montesi" di Sant'Orso di Fano, è terminata 2-0 grazie alla doppietta di Alagie Kuiateh. Soddisfazione per la formazione allenata da Lorenzo Sedani che, al ...leggi
15/01/2019

IL CAPITANO. "La maglia del Fossombrone come la mia seconda pelle"

FOSSOMBRONE. Ci voleva la tripletta di capitan William Cecchini (foto) per far tornare il sorriso e i tre punti in casa Fossombrone, dopo un mini periodo non certo positivo. Il blitz di Monticelli ha la firma in calce, con tanto di pallone 'portato a casa', del lunghissimo centravanti forsempronese colonna portante e leader della squadra di Pierangelo ...leggi
07/01/2019

Juri Costieri, promessa mantenuta: "Gol dedicato a Mattia Orlandi"

FRONTONE. La Frontonese si aggiudica lo scontro di mercoledì contro l'Offside Calcio, per 2-0. Autore della prima marcatura è stato l'eterno bomber Juri Costieri (foto), classe 1974, che ha voluto mantenere una promessa fatta qualche settimana fa: "Il gol di mercoledì contro l’Offside lo voglio dedicare al nostro compiant...leggi
11/01/2019

RECUPERI. Arriva l'ufficialità: il 29 e 30 dicembre si scende in campo

Dopo la riunione svoltasi nella sede ufficiale in Ancona, è stata confermata l'ipotesi data dalla nostra redazione in mattinata. Le squadre dilettantistiche marchigiane scenderanno in campo nel weekend tra Natale e Capodanno. Il Comitato Regionale Marche ha scelto i giorni 29 e 30 dicembre come date di recupero delle gare dall'Eccellen...leggi
10/12/2018


LA PRIMA VOLTA. Stefano Sensi si racconta: "Da Urbania alla Nazionale"

Un CT marchigiano come Roberto Mancini non poteva che dare l’opportunità della prima convocazione in Nazionale ad uno dei maggiori talenti tra i centrocampisti azzurri in circolazione, marchigiano ovviamente. Parliamo di Stefano Sensi (foto), cresciuto nella sua Urbania, società dalla quale ha spiccato il volo verso...leggi
14/11/2018


Canapini: "Nessun episodio di razzismo: qui vince il 'terzo tempo'"

FANO. "Dopo il vostro articolo ho ricevuto tanto di quelle telefonate... ". Il presidente del Sant'Orso Antonino Canapini (foto sotto) ha alzato il telefono per replicare all'esternazione di Seck Mohamed: "Non so cosa abbia spinto il ragazzo a fare questa uscita - ci ha detto - il giocatore della mia squadra in mezzo al campo ha ri...leggi
27/10/2018


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07573 secondi