Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


Il Centobuchi 1972 M. P. parte con Lucio Pupi in panchina

La nuova società recentemente fondata si affida all'ex allenatore dell'Amandola

CENTOBUCHI. Completato l'iter per la costituzione della nuova società il Centobuchi 1972 M. P. comincia a muoversi sul mercato per formare una rosa valida, in grado di ben figurare nel prossimo campionato di Prima categoria. Elemento basilare la scelta del nuovo allenatore, insieme al quale si comincerà ad analizzare e programmare il prossimo futuro. La scelta è caduta su Lucio Pupi (foto), tecnico venarottese che nelle ultime due stagioni ha ottenuto lusinghieri risultati alla guida dell'Amandola, una promozione ed un eccellente quarto posto nel campionato appena concluso. Attesi nei prossimi giorni i primi movimenti, tesi a puntellare l'organico.

ARTICOLO PRECEDENTE

CENTOBUCHI. Con la stagione agonistica ormai alle spalle, le società stanno iniziando a muoversi per creare delle realtà più forti e più organizzate, in grado di ben figurare nel prossimo futuro. La prima novità di quest'anno arriva da Centobuchi, dove è in rampa di lancio un nuovo sodalizio che raccoglierà l'eredita di due società storiche nel panorama regionale. Di seguito il testo della lettera che ci è stata inviata dal vice presidente Francesco Calvaresi, il quale esprime tutta la sua soddisfazione per la nascente associazione.

“E' nata la ASD CENTOBUCHI 1972 M.P. ....... Ci sentiamo orgogliosi per questa fusione tra due realtà diverse, abbiamo lavorato tanto per arrivare a questo traguardo, anche se abbiamo avuto pressioni da parte di soggetti esterni che predicano l'aggregazione, ma che in realtà agiscono diversamente per dividere. Nonostante tutto, i soci fondatori della Monteprandonese si lasciano alle spalle i colori neroverdi e in un secondo momento i colori verde e azzurro della Centoprandonese, dai quali abbiamo avuto grandi soddisfazioni e con fierezza possiamo affermare che il titolo sportivo è rimasto quello iniziale. Ringraziamo tutti i soci delle due società: CENTOPRANDONESE e CENTOBUCHI 1972.
Siamo pronti e carichi per intraprendere questa nuova avventura, con la speranza che sia ricca di emozioni”.

Francesco Calvaresi

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 21/06/2018
 

Altri articoli dalla provincia...




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 3,62731 secondi