Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


Porto d'Ascoli: altro colpo in attacco. Ecco Antonio Gaeta

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Un attaccante esperto per far da chioccia al gruppo e anche ai compagni di reparto. Eè un colpo da novanta quello messo a segno dal Porto D'Ascoli che si assicura Antonio Gaeta (foto), classe 1984, curriculum di grandissimo prestigio per lui con oltre un decennio a calcare i campi della serie C e della B (con la maglia dell'Ascoli Calcio). Nella terza serie nazionale ha vestito le maglie di Chieti, Foligno, Carrarese, Legnano, Vasto, Ancona e Vis Pesaro oltre alla Juve Stabia. Le ultime esperienze sono nel vicino Abruzzo con le maglie di Virtus Teramo e Paterno.  


Articolo precedente

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Il Porto d'Ascoli dopo le partenze di Rosa e Bucchi ha trovato il nome nuovo per l'attacco, proveniente dal vicino Abruzzo. Si tratta di Lorenzo Carosone, centravanti classe 1992 con un curriculum di tutto rispetto, avendo esordito in Serie C2 a soli 16 anni con Valle del Giovenco per poi affrontare per diversi anni l'Eccellenza in Veneto con il Somma e quindi tornare in terra abruzzese disputando le massime categorie regionali con le maglie di Paterno, Chieti ed ultima Torrese. Per lui inizia così una nuova avventura in terra marchigiana con il Porto d'Ascoli. La società ha anche ufficializzato il gradito ritorno dell'esterno mancino classe '97 Andrea Cappelli, che ha già giocato nel Porto d'Ascoli nella stagione 2015-16 prima di passare a Monticelli in Serie D e poi al Ciabbino.

 

Articolo precedente

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Continua nel solco della continuità il mercato del Porto d'Ascoli che piazza due conferme importanti del gruppo che ha sfiorato la Serie D lo scorso anno. In mediana a correre e metterci polmoni ci sarà ancora Luca Rossi, classe 1994, alla sua seconda stagione in biancoceleste dopo un paio di anni al Montegiorgio. La difesa della porta invece è affidata ancora a Roberto Di Nardo, in bella evidenza anche lo scorso anno. 

Articolo precedente

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Salutato Matteo Minnozzi che si giocherà le sue chance in maglia Samb, il Porto D'Ascoli blinda l'attacco proprio con un ex compagno di squadra dello stesso Minnozzi, ai tempi della Berretti dell'Ascoli. Arriva infatti Andrea Liberati (nella fodo con Sante Alfonsi), classe 1996, negli ultimi due anni al Sambuceto e in precedenza al Martinsicuro in Eccellenza abruzzese, oltre ad un passaggio al Castelfidardo in D. Non solo novità in attacco ma anche conferme in mediana dove è arrivata la conferma di Luca Rossi, elemento di grande sostanza e rendimento sicuro. 

Articolo Precedente

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Si riaccende il motore del Porto d'Ascoli che sarà ancora ai nastri di partenza del campionato di Eccellenza. In panchina Sante Alfonsi è una certezza come due pilastri che saranno ancora a sua disposizione. Continuerà a macinare chilometri sulla corsia di destra capitan Fabio Leopardi, ormai una istituzione per la società. Al centro della difesa conferma anche per il colosso Matteo Sensi (foto), per rendimento tra i migliori della stagione. 

Articolo Precedente

Il Porto d'Ascoli annuncia di non voler presentare domanda di ripescaggio per la Serie D. I biancocelesti erano usciti dai playoff con il Classe. La dirigente Laura Damiani spiega i motivi: "La società ci ha pensato a lungo - la sua riflessione a Il Resto del Carlino - alla fine si è giunti alla conclusione di non presentare la domanda di ripescaggio per la serie D. Il Porto d’Ascoli è molto oculato, e non effettua mai il passo più lungo della gamba. I motivi sono vari, tra cui il progetto triennale per il settore giovanile: partecipare all’Interregionale avrebbe significato mettere in secondo piano l’obiettivo di far crescere i giovani, perché l’organizzazione ci avrebbe occupato molto tempo. I costi sarebbero stati molto elevati, cinquantamila euro per la domanda, le lunghe trasferte, senza dimenticare che avremmo dovuto mettere a norma il ‘Ciarrocchi’ che non ha un settore ospite, o in alternativa avremmo dovuto spostarci in un altro impianto. Abbiamo preferito quindi rimanere nel campionato di Eccellenza e se il campo ci premierà con l’accesso diretto alla serie D in quel caso non ci tireremo indietro".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/08/2018
 

Altri articoli dalla provincia...




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,63582 secondi