Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Fermo


D'Annibali: Sig. Arbitro così non va! La Vis Faleria si farà sentire!

L'amaro sfogo del vice presidente dopo la gara di campionato persa contro il Casette d'Ete. Oltre gli errori è stato l'atteggiamento tenuto dal direttore di gara a indispettire la dirigenza portelpidiense

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la lettera che ci è stata inviata dal vice presidente della Vis Faleria, Gianluca D’Annibali (foto), dopo la gara di campionato (Seconda E) disputata contro il Casette d’Ete.
Io sottoscritto Gianluca D'Annibali, vicepresidente dell'ASD Vis Porto Sant'Elpidio Calcio Faleria, scrivo questa lettera per segnalare quanto accaduto sabato pomeriggio nella gara fra Casette d'Ete e Vis Faleria, valevole per il campionato di Seconda Categoria girone E. Ovviamente, sin da domani, mi premurerò di discutere l'accaduto nelle sedi di competenza, ma intanto credo sia doveroso scrivere questa lettera per rendere pubblico l'accaduto e per tenere alta l'attenzione su fenomeni del genere, dato che potrebbero capitare (come ieri è accaduto a noi) a qualsiasi altra squadra. Tengo a precisare, prima di esporre i fatti, che quanto sto scrivendo non ha assolutamente nulla a che fare con l'ASD Casette d'Ete come società né tanto meno con i suoi giocatori, che hanno giocato onestamente la propria partita, probabilmente anche meritando la vittoria. Dico questo perché quanto verificatosi ieri non ha nulla a che vedere con il risultato finale, e purtroppo (lo affermo con sincero rammarico) ha poco a vedere anche con lo sport per come siamo abituati (e vorremmo), viverlo e concepirlo. La gara in questione è terminata per la mia squadra con il seguente bilancio: tre giocatori espulsi, non so con precisione quanti ammoniti, allenatore allontanato dalla panchina insieme al sottoscritto. Dopo tutto ciò, io mi sono sentito in dovere di entrare negli spogliatoi e fare i complimenti ai miei ragazzi per non aver perso la testa e per essersi dimostrati maturi, educati e rispettosi, restando lucidi e palesandosi intelligenti; beh, qualcosa (mi sia concesso dirlo) non torna. Ed i conti tornano ancora meno se i complimenti ai miei giocatori e al mio allenatore per i loro comportamenti, sono giunti anche da diverse persone che stavano guardando la partita in tribuna, in veste di semplici spettatori.

Sabato sera ho ricevuto diverse telefonate da amici e conoscenti presenti alla partita, gente che mastica calcio e vive sui campi sportivi da oltre trent'anni, e tutti mi hanno detto (neanche si fossero messi d'accordo) la stessa identica cosa: “io è da trent'anni che sto nel calcio, ma una cosa del genere non l'avevo mai vista.” In ultimo, i conti continuano a non tornare se nello spogliatoio, a fine gara, tra giocatori, allenatore e dirigenti, ci si domandava se qualcuno per caso ricordasse di aver avuto (nella vita extra calcistica) qualche diatriba personale con l'arbitro della gara; il tutto semplicemente per cercare di trovare una spiegazione logica (seppure inaccettabile) al comportamento del direttore di gara. Sì, perché è proprio di questo che si parla in questa lettera che sto scrivendo: dell'atteggiamento e del comportamento del direttore di gara. Se non fossi stato in campo io personalmente, probabilmente faticherei a credere che non sia esagerato questo sfogo; ma ero in panchina ed ho potuto constatare in prima persona atteggiamenti di questo genere che vado a raccontare.

Al 15’ circa del primo tempo, il mio allenatore richiama (molto moderatamente) l'attenzione dell'arbitro su una valutazione a suo modo di vedere errata. L'arbitro si avvicina immediatamente con fare minaccioso alla panchina e gli dice che alla prossima parola lo allontanerà. Io, con molta educazione e senza né alzarmi dalla panchina né alzare la voce (mi è testimone chiunque era allo stadio), dico al direttore di gara testuali parole: “Va bene, ha ragione, però, visto che era una situazione poco chiara e visto che non ha il supporto dei guardalinee, secondo me avrebbe fatto meglio, nel dubbio, a fischiare”. La risposta dell'arbitro è stata la seguente: “Io non sono venuto qui, oggi, per rispondere alle sue domande!” E come se non bastasse, quando gli ho fatto notare che rispondermi con un simile tono mi sembrava esagerato e inopportuno, dato che io gli stavo parlando con calma, rispetto ed educazione, ha aggiunto, con atteggiamento provocatorio: “Guardi che io alla prossima parola che sento, non ho problemi a cacciare in blocco anche 4-5 componenti della panchina!”

Io domani mi recherò in Federazione e chiederò se tale atteggiamento sia considerato normale dai vertici arbitrali e federali. Inoltre chiederò se è normale espellere un giocatore solamente perché chiede che gli sia concesso un calcio d'angolo, anziché rimessa dal fondo, senza assolutamente pronunciare alcuna frase offensiva nei confronti dell'arbitro né facendo alcun gesto di protesta plateale. Chiederò, ancora, se è normale allontanare dalla panchina un dirigente (il sottoscritto) non si sa ancora, sinceramente, per quale ragione, e l'allenatore quando chiede educatamente all'arbitro per quale motivo per poi sentirsi rispondere: “Allora mister vada fuori anche lei”. Chiederò alla federazione se è normale espellere il capitano di una squadra solamente perché chiede all’arbitro le motivazioni di certe scelte. Chiederò per quale ragione, nel momento in cui il mio allenatore (uscito dal campo e sistematosi regolarmente fuori dalla recinzione, dietro alla panchina) cerca di comunicare con i propri giocatori seduti in panchina per dettare le sostituzioni da effettuare, l'arbitro ferma il gioco e minaccia di espellere tutti i componenti che cercheranno di comunicare. Chiederò, infine, per quale ragione non sia stato preso alcun provvedimento nei confronti di alcuni giocatori in campo e alcuni membri della panchina della compagine avversaria, che in maniera molto plateale, durante lo svolgimento della gara, hanno litigato (avendo o meno ragione, questo non sta a me giudicarlo) con persone del pubblico. Soprattutto, considerato che la cosa è stata fatta notare immediatamente all'arbitro dal nostro portiere, il quale si è sentito rispondere dal direttore di gara: “Perché, cosa sta succedendo? Io non sento nulla!”.

Quest’ultimo punto che ho evidenziato, ripeto, non vuole assolutamente essere un attacco verso l'ASD Casette D'Ete (giocatori e allenatore compresi) poiché li reputo del tutto estranei ai fatti. Loro, ripeto, hanno disputato la loro onesta e dignitosa partita, senza rubare nulla e probabilmente meritando la vittoria. Questo punto voleva solamente sollevare la domanda sul perché un arbitro debba e possa applicare due metri di giudizio completamente opposti verso l'una o l'altra squadra...e sulla base di quali motivazioni ciò possa accadere. Prendendo atto che la cosa più giusta e saggia da fare, Sabato pomeriggio, sarebbe stata quella di dire ai miei giocatori di andare tutti a far la doccia e abbandonare la partita in corso, sfuggendo così a quella farsa che l'arbitro stava così teatralmente mettendo in atto, e considerando che non abbiamo effettuato tale gesto solamente per evitare poi conseguenti multe e penalizzazioni in classifica, torno a fare i complimenti ai miei giocatori, al mio allenatore ed anche a me stesso perché, nonostante tutto, siamo riusciti tutti a mantenere la calma e a non perdere la testa né nei momenti delle espulsioni e degli allontanamenti, né al termine della gara, dimostrando maturità, buon senso e intelligenza. Un'ultima cosa che cercherò di far capire in Federazione è che è molto difficile stare seduti in panchina e vedere in continuazione i propri giocatori più esperti e rappresentativi (gente che ha dietro le spalle quasi venti anni giocati fra Eccellenza e Promozione) che ti guardano e ti dicono “Presidente, cosa dobbiamo fare? Così giocare a calcio è impossibile”. Il tutto solamente perché un signore con un fischietto in bocca quel giorno ha deciso (non si sa per quale ragione) che le cose dovevano andare in determinata maniera (e non mi riferisco al risultato, ci tengo affinché questo sia chiaro).

Ho scritto questa lettera non con rabbia, né tanto meno con spirito di sfida o di scontro nei confronti degli organi competenti, bensì l'ho scritta con la frustrazione di chi dinanzi a certe situazioni si sente impotente, la razionale necessità di capire come certe cose possano accadere e la reale voglia di avere un confronto serio e costruttivo con gli organi competenti, nella speranza di poter far si che non si verifichino più situazioni del genere. Concludo dicendo che io accetto e accetterò sempre l'errore arbitrale (sono ragazzi, non sono robot), ma atteggiamenti come quello tenuto dal direttore di gara della partita in questione, credo debbano essere seriamente presi in considerazione ed esaminati con attenzione dai vertici arbitrali e federali; perché lo sport, ahimè, è tutt'altra cosa!

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 17/02/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Tre gare non disputate in 2^ categoria...squadre già in vacanza!

Con il senno di poi forse è troppo facile prendere un certo tipo di posizione, ma siamo certi che giocare una giornata decisiva di campionato il 25 Aprile sia stata un'idea geniale? Al di la della Festa Nazionale che forse sarebbe giusto rispettare, si trattava per i campionati di Promozione e Seconda categoria dell'ultima di campionato, decisiva in alcu...leggi
26/04/2019

Porto S.Elpidio, Riccardo Cantarini convocato in Nazionale U16

PORTO SANT’ELPIDIO. Non sono passate di certo inosservate le prestazioni di Riccardo Cantarini, classe 2003 del Porto Sant'Elpidio, con la maglia della Rappresentativa Allievi Regionali al Torneo delle Regioni, chiuso con il secondo posto. Il giovane atleta elpidiense è stato infatti convocato...leggi
24/04/2019

Solidarietà: la CPP Amandola dà un calcio alla disabilità

Dopo la consegna di uova di cioccolato ai bambini ricoverati all’ospedale ‘Mazzoni’ dello scorso campionato, quest’anno la CPP Amandola si è resa protagonista di una raccolta fondi in favore dell’associazione "La Meridiana", da anni schierata a sostegno di persone con disabilità.Tale realtà asco...leggi
22/04/2019

JUNIORES. Impresa del Montegiorgio: vince...senza portiere!

MONTEGIORGIO. Vittoria che ha del clamoroso da parte della Juniores Nazionale del Montegiorgio. I rossoblù vincono per 1-0 contro il Matelica senza un portiere da schierare dal primo minuto. I rossoblù hanno difeso il vantaggio, arrivato al 3' min...leggi
19/04/2019

IL LUTTO. P.S.Elpidio piange la scomparsa di Gianni Cognigni

PORTO SANT’ELPIDIO. In lutto il calcio elpidiense che nelle ultime ore ha perso la figura storica ovvero Gianni Cognigni (foto). Una autentica icona del calcio elpidiense, memoria assoluta di tutte le vicende calcistiche dei biancoazzurri, da sempre nel cuore della società Porto Sant’Elpidio fin dagli anni 60. A lung...leggi
17/04/2019

Lorenzo Romanelli: "Monterubbianese, orgoglioso di te comunque vada!"

MONTERUBBIANO. Si avvia verso la fase decisiva il campionato di Prima categoria dove mancano 5 gare alla fine di una stagione che, nel girone D, è ancora tutta da definire. Al primo posto la Monterubbianese che, appaiata dall'AFC Fermo, nelle giornate che mancano proverà a portare a termine un'impresa tanto bella, quanto imprevedi...leggi
16/04/2019

Davide Cintio: "Mandolesi centra il suo obiettivo e punta quota 40"

PORTO SAN GIORGIO. E' arrivata con due giornate d'anticipo la salvezza della Umberto Mandolesi, neo promossa nel girone G della Seconda categoria. Centrato quindi con sufficiente sicurezza, l'obiettivo che la giovane società sangiorgese si era dato ad inizio stagione. A risultato ormai acquisito abbiamo tentato un bilancio con l'allenatore biancazzurro ...leggi
09/04/2019

Super Minnucci: rientra dopo 10 anni e para un rigore decisivo!

TORRE SAN PATRIZIO-MONTE SAN PIETRANGELI. Vittoria importantissima nell'ultima di campionato per il Monte e Torre, nel girone C della Prima categoria. La compagine di mister Daniele Aria ha superato una delle grandi favorite di questo torneo, ovvero il Corridonia, con una rete di Croceri. Ma al di la del successo, pur importantissimo, la notizia del gio...leggi
08/04/2019

Gobbi: "Una Futura 96 grintosa e determinata verso la salvezza"

CAPODARCO DI FERMO. Un successo ottenuto con il cuore, quello della Futura 96 contro l’Atletico Ascoli domenica scorsa. Sotto di una rete a metà del secondo tempo, la squadra di mister Stefano Cuccù ha avuto una brillante reazione, riuscendo nel finale a capovolgere la situazione. “Abbiamo disputato una partita quasi esemplare, per concentrazione e det...leggi
04/04/2019

Verdecchia: "Dopo la salvezza per il finale c'è anche la Pinturetta"

PORTO SANT’ELPIDIO. Doveva essere una stagione dedicata al rinnovamento, ad assorbire senza grossi traumi una dolorosa retrocessione, invece a 7 gare dal termine del campionato di Prima categoria – girone C, la Pinturetta naviga a ridosso della zona play off, di una classifica che deve ancora dire molto. “Obiettivamente ci sono tutte le condiz...leggi
03/04/2019

Monturano Campiglione: "L'arbitro di sabato? Comportamento indecente"

MONTE URANO – Alza la voce il Monturano Campiglione e lo fa dopo la sconfitta rocambolesca in quel di Montalto, arrivata di misura, in un pomeriggio decisamente storto e non solo dal punto di vista tecnico. A rimarcare il punto di vista della società è il direttore sportivo Giuseppe Sfredda che racconta quan...leggi
02/04/2019

Parla Cipolletta: "Scommetto sulla salvezza della mia Palmense"

In pochi avrebbero scommesso sul pareggio in trasferta della Palmense con la capolista Valdichienti Ponte. Men che meno dopo la doppietta messa a segno da Castellano, che aveva consentito ai padroni di casa di portarsi sul 2 a 0. E invece la squadra fermana nell’ultimo quarto d’ora è riuscita a riequilibrare le sorti dell’incontro con le reti di Marsili e Mattioli. ...leggi
02/04/2019

Il Piane MG si separa da Gianluca Fratini: arriva Giuseppe Malloni

MONTEGIORGIO. Torna in pista uno dei tecnici più esperti del panorama calcistico del territorio. Dopo l'esonero di Gianluca Fratini, la società del Piane MG ha affidato la panchina a Giuseppe Malloni (foto). Le ultime esperienze dell'allenatore fermano sono state in Promozione con il San Marco Servigliano ed in Prima Categoria con Petrito...leggi
02/04/2019

Arriva la matematica: la Sangiorgese retrocede in Prima categoria

PORTO SAN GIORGIO. La sconfitta subita nella tana del Potenza Picena per 1-0 consegna la matematica retrocessione in Prima categoria con tre turni d'anticipo alla Sangiorgese. Irrecuperabile ormai un posto per i play-out che dista a ben 12 punti con soli 9 a disposizione. Una retrocessione fortemente condizionata dagli eventi del mese novembre, con le tre sconf...leggi
01/04/2019

DESTINI INCROCIATI. Ancora Minnozzi VS Adami sulla via della Serie D!

Lo scorso anno si giocarono il passaggio in Serie D fino all’ultima giornata. Quest’anno hanno fatto il bis ma a parti invertite. Strana storia quella degli attaccanti protagonisti del big match di domenica tra Tolentino e Porto Sant’Elpidio: parliamo di Matteo Minnozzi e Gianluca Adami. Il...leggi
29/03/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09523 secondi