Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Fermo


"Nè Ferrara e nè Battipaglia: contro l'Ischia presi 10 in pagella"

Intervista a Guido Di Fabio, storica bandiera della Fermana

A Fermo se dici Di Fabio dici "Capitano", dici Fermana, dici Serie B, dici cuore gialloblu... Passano gli anni ma per nulla si sbiadisce l'amore della città di Fermo per Guido Di Fabio (foto), storica bandiera canarina e attuale trainer del Martinsicuro, Eccellenza abruzzese. Noi di MarcheinGol abbiamo deciso di intervistarlo per parlare della stagione in corso e del suo glorioso passato da calciatore.

Di Fabio, hai deciso di rimanere a Martinsicuro nonostante sicuramente come ogni anno ti saranno arrivate numerose proposte. Come mai questa decisione? Qual è l'obiettivo stagionale per voi?
"Le società che mi hanno cercato non mi hanno davano la possibilità di lavorare con il mio staff che io ritengo sia fondamentale per svolgere il mio lavoro nel migliore dei modi, andando a toccare tutti gli aspetti che bisogna tener conto con una squadra di calcio soprattutto se composta da giovani calciatori da quello tecnico a quello tattico psicologico e comportamentale...I risultati ottenuti dal sottoscritto ritengo siano frutto proprio dell'attenzione ai minimi particolari del mio staff. E poi con la mia società in difficoltà (per colpe non sue dato che lo sponsor principale per gravi problemi finanziari non ha potuto adempiere ai suoi impegni) non me la sono sentita di abbandonarla e insieme come abbiamo sempre fatto in questi anni vogliamo far tornare le cose a posto col lavoro e sacrificio. Il nostro obiettivo quest'anno è evitare l'ultimo posto in classifica, abbiamo una squadra molto giovane (19 fuoriquota su 26) e cercare di valorizzare qualcuno di questi tanti ragazzi".

A Fermo sei ancora idolatrato da tutti, grandi e piccoli, come vedi la Fermana quest'anno? Qual è il ricordo più bello che ti lega a Fermo?
"E' vero, a Fermo ho molti estimatori, ho dato a questi colori tutto me stesso e ho ricevuto in cambio tanto affetto e stima e ancora oggi dopo tanti anni ricevo questi attestati. Nel giorno del mio compleanno (5 settembre) post messaggi con relative foto e maglie di quando giocavo hanno invaso il mio telefono e non ti nascondo una grande commozione da parte mia. La Fermana rimarrà sempre nel mio cuore insieme a tutti i fermani! Quest'anno mi sembra che abbia qualcosa in meno dell'anno scorso ma sono sicuro che mister Destro riuscirà lo stesso a raggiungere gli obiettivi che la società si è prefissa. A Fermo ho tanti bei ricordi con due campionati vinti, verrebbe facile menzionare la finale playoff con il Livorno a Ferrara che ci ha promossi in C1 o l'ultima partita a Battipaglia dopo l'avvelenamento della notte che non ci ha fermato per la voglia che avevamo di regalare ai nostri tifosi la storica promozione in serie B... E invece io menziono una partita di C1 contro l'Ischia dove tutti i giornali compresi quelli sportivi mi diedero 10 come voto... in un campo reso pesante dalla pioggia con i miei compagni molto stanchi e l'Ischia che voleva recuperare il gol di svantaggio mi sono retto a baluardo della difesa recuperando ogni pallone che veniva dalle mie parti e ripartire con azioni personali saltando tutti gli avversari rendendomi sempre pericoloso con i tifosi che mi incitavano in continuazione, applaudendomi per lungo tempo".

Potessi tornare indietro cambieresti qualcosa della tua carriera da giocatore? Da quella di allenatore?
"Sì, cambierei qualche mia decisione nella carriera di calciatore che per orgoglio non mi ha permesso di giocare in serie A ma il calcio io l'ho sempre vissuto e amato per come me l'hanno insegnato i miei allenatori nelle giovanili (ne cito uno che ora purtroppo non c'è più e a cui devo molto, Roberto Vernisi) e cioè farlo con passione onorando tutte le maglie delle squadre con cui ho militato e penso sia proprio questo il motivo per cui tutte le tifoserie mi ricordano con affetto. Da allenatore invece sicuramente l'anno di Fermo, mi sarei dovuto imporre di più con la società per avere qualche rinforzo ma con due presidenti e due direttori sportivi che non remavano dalla stessa parte era difficile. Comunque sono ancora convinto che anche con i ragazzi che mi avevano messo a disposizione avrei raggiunto l'obiettivo della salvezza".

Qual è il suo sogno da allenatore?
"Il mio sogno di allenatore in questo momento è molto semplice: riuscire a salvarmi con la mia società il Martinsicuro e riavviarla in un futuro più roseo con la valorizzazione di qualche giovane. Poi provare gli anni a venire dopo che la società si sia ripresa a vincere lasciandola in serie D per poi poter avere la possibilità di allenare nei campionati professionistici con il mio staff a cui devo molto, è il mio secondo sogno nel cassetto".

Crea la formazione più forte che tu abbia allenato.
"La formazione tipo è: Carfagna, Donzelli, Piunti, Cusaro, Bucci, Capparuccia, Piergallini, Pietropaolo, Orta, Carboni, Melchiorri. A disposizione: Osso, Arcolai, De Cesaris, Ferretti, Biancucci, Cacciatore, Pedalino, Kala, Maio.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Giulia Santarelli il 14/09/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



IL BOMBER. Santiago Minella e i 16 gol col Notaresco: "Stagione super"

In testa alla classifica marcatori a quota 16 reti c’è il bomber del Cesena Ricciardo, facile da pronosticare ad inizio stagione. Vicino a lui però c’è un argentino di nascita ma con il cuore ormai marchigiano, per la precisione fermano, visto che vive con la moglie e la piccolina di 11 mesi a Lido di Fermo. E&r...leggi
12/03/2019

E' primavera...tremano le panchine. 10 giorni di ordinaria follia!

Con l'avvicinarsi della fase decisiva della stagione, nei diversi campionati molte squadre stanno vivendo dei momenti di fibrillazione, volendo ad ogni costo raggiungere quei traguardi che si erano prefissi l'estate scorsa. Negli ultimi giorni si sono registrati diversi avvicendamenti che abbiamo cercato di riportare puntualmente. Le società ed in molti casi gli stessi allenatori, hanno ...leggi
08/03/2019


"Porto Sant'Elpidio, ora provaci". Frinconi lancia la sfida

Non è uno che ha molto confidenza con il gol ma evidentemente il campo sportivo di Gallo di Petriano lo ispira particolarmente: due gol nelle ultime due volte che ha giocato in casa dell’Atletico Gallo, quello di domenica con un sinistro al volo indimenticabile. Lo scorso anno con il Montegiorgio e domenica con il Porto Sant’Elpidio, vincendo in entrambi i ca...leggi
19/02/2019

"Anche noi in campo". A Petritoli via al progetto per la 4^ categoria

PETRITOLI. Nasce ufficialmente nelle Marche la quarta società che si dedicherà allo sviluppo del campionato di 4^ categoria, riservato ai ragazzi diversamente abili. Sabato scorso, nella splendida cornice della Sala Consiliare della cittadina dell'entroterra fermano, è stato presentato ufficialmente il progetto “Anche noi in c...leggi
18/02/2019

Roberto Agostinelli: "Sei squadre si giocano il primo posto"

Ne ha vissuti di campionati interessanti Roberto Agostinelli (foto), ex direttore sportivo di Vis Macerata, Pollenza, Maceratese ed Elpidiense Cascinare, ma ammette che un torneo di Promozione B così bello e incerto non si era mai visto. "Sei squadre si giocano la vittoria finale - ha detto a Il Resto del Carlino - ritengo un gradino superiore Atlet...leggi
15/02/2019

Di Salvatore-gol, anche il Cielo ha esultato al suo colpo di testa

MONTERUBBIANO. In quel colpo di testa vincente c'è stata la spinta decisiva di suo papà, scomparso a fine gennaio, che da lassù continuerà a fare il tifo per lui. La rete del 2-1 segnata negli ultimi minuti della sfida contro l'AFC Fermo da Andrea Di Salvatore consente alla Monterubbianese - prima in classifica nel girone D di Prima ...leggi
11/02/2019

IL BOMBER. L'addio "social" al calcio giocato di Gianmarco Morlacco!

Un post per ricordare gli anni passati e annunciare di aver appeso definitivamente le scarpette al chiodo, nonostante non abbia ancora compiuto 31 anni. Ha affidato a Facebook l’annuncio del suo addio al calcio giocato, con la foto di un paio di scarpe appese al fatidico chiodo, Gianmarco Morlacco...leggi
06/02/2019

Mallus: "Alla San Marco sto vivendo una seconda giovinezza"

SERVIGLIANO. Nella San Marco Lorese che viaggia con un buon ritmo nel campionato di Eccellenza, sta tornando a risplendere la stella di un uomo che non ha bisogno di presentazioni. Parliamo dell'esperto difensore Marco Mallus (foto), comasco di nascita e marchigiano di adozione, con una lunga carriera professionistica alle spalle. &ldq...leggi
01/02/2019

PROMOZIONE B: A Civitanova, Treia e Marina Palmense 3 derby decisivi

Si avvicina una giornata molto attesa nel girone B del campionato di Promozione. Nel prossimo fine settimana ci saranno delle gare di assoluto rilievo sia per la classifica, quanto per la tradizione e la rivalità calcistica. Al “Polisportivo” di Civitanova Marche i rossoblu locali riceveranno la visita dell'HR Maceratese, un confronto che ass...leggi
31/01/2019

CLAMOROSO! Respinta di mano sulla linea. E' rigore? VIDEO

SANT'ELPIDIO A MARE. Episodio molto discutibile quello accaduto nella 18^ di Seconda categoria E, nella gara Casette d'Ete - Real Porto. Quando il risultato era ancora sull'1-1, sugli sviluppi di un calcio d'angolo a favore del Real Porto, un tiro viene respinto sulla linea da un difensore del Casette d'Ete, dalle immagini sembrerebbe tramite mano. L'arbitro non notando ha fatt...leggi
26/01/2019

Toh, la vera big è il Monturano Campiglione di Nello Viti!

MONTE URANO. Ad inizio campionato uno sfoglia il campionato di Promozione B e legge HR Maceratese, Civitanovese, Valdichienti, Atletico Ascoli, Chiesanuova e pensa: caro Monturano Campiglione, ci sarà da soffrire. E invece, ecco che dopo 17 giornate, le vere big stentano (Valdichienti e Atletico Ascoli a parte) e il Monturano Campiglione è in...leggi
22/01/2019

Montegiorgio, 6 davvero una matricola terribile!

MONTEGIORGIO. Real Giulianova, Agnonese, Castelfidardo, Sammaurese, Avezzano, Francavilla. Queste squadre contro il Montegiorgio hanno raccolto zero punti. Salgono a sei le vittorie di fila della squadra di Massimo Paci (foto) che da matricola si porta a -2 dalla zona playoff. L'ultima perla è l'1-0 contro il Francavilla, sfida giocata sempre a Monte San...leggi
17/01/2019

4^ cat.: I canarini adottano Montepacini. Nasce Soccer Dream Fermana

FERMO. La Fermana adotta il Soccer Dream Montepacini e nasce la Soccer Dream Fermana, una squadra di giocatori speciali che affronterà il Campionato di Quarta Categoria. Si tratta di un torneo di calcio a 7 aperto a ragazzi disabili, affetti da sindrome di Down, con ritardi cognitivi, sostenuta dalla Figc e dal CSI. L'accordo tra le due ...leggi
17/01/2019

FERMO. La Coppa Provinciale di 3^ categoria a La Montottonese!

TORRE SAN PATRIZIO. La Coppa Provinciale di 3^ Categoria per la delegazione di Fermo se l'aggiudica La Montottonese. Superato il Tirassegno per 2-1 grazie alle reti di Ciccarè e Traini nella finale giocata sul campo neutro sintetico di Torre San Patrizio. Ora per la società, nata ...leggi
12/01/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08417 secondi