Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Fermo


"Nè Ferrara e nè Battipaglia: contro l'Ischia presi 10 in pagella"

Intervista a Guido Di Fabio, storica bandiera della Fermana

A Fermo se dici Di Fabio dici "Capitano", dici Fermana, dici Serie B, dici cuore gialloblu... Passano gli anni ma per nulla si sbiadisce l'amore della città di Fermo per Guido Di Fabio (foto), storica bandiera canarina e attuale trainer del Martinsicuro, Eccellenza abruzzese. Noi di MarcheinGol abbiamo deciso di intervistarlo per parlare della stagione in corso e del suo glorioso passato da calciatore.

Di Fabio, hai deciso di rimanere a Martinsicuro nonostante sicuramente come ogni anno ti saranno arrivate numerose proposte. Come mai questa decisione? Qual è l'obiettivo stagionale per voi?
"Le società che mi hanno cercato non mi hanno davano la possibilità di lavorare con il mio staff che io ritengo sia fondamentale per svolgere il mio lavoro nel migliore dei modi, andando a toccare tutti gli aspetti che bisogna tener conto con una squadra di calcio soprattutto se composta da giovani calciatori da quello tecnico a quello tattico psicologico e comportamentale...I risultati ottenuti dal sottoscritto ritengo siano frutto proprio dell'attenzione ai minimi particolari del mio staff. E poi con la mia società in difficoltà (per colpe non sue dato che lo sponsor principale per gravi problemi finanziari non ha potuto adempiere ai suoi impegni) non me la sono sentita di abbandonarla e insieme come abbiamo sempre fatto in questi anni vogliamo far tornare le cose a posto col lavoro e sacrificio. Il nostro obiettivo quest'anno è evitare l'ultimo posto in classifica, abbiamo una squadra molto giovane (19 fuoriquota su 26) e cercare di valorizzare qualcuno di questi tanti ragazzi".

A Fermo sei ancora idolatrato da tutti, grandi e piccoli, come vedi la Fermana quest'anno? Qual è il ricordo più bello che ti lega a Fermo?
"E' vero, a Fermo ho molti estimatori, ho dato a questi colori tutto me stesso e ho ricevuto in cambio tanto affetto e stima e ancora oggi dopo tanti anni ricevo questi attestati. Nel giorno del mio compleanno (5 settembre) post messaggi con relative foto e maglie di quando giocavo hanno invaso il mio telefono e non ti nascondo una grande commozione da parte mia. La Fermana rimarrà sempre nel mio cuore insieme a tutti i fermani! Quest'anno mi sembra che abbia qualcosa in meno dell'anno scorso ma sono sicuro che mister Destro riuscirà lo stesso a raggiungere gli obiettivi che la società si è prefissa. A Fermo ho tanti bei ricordi con due campionati vinti, verrebbe facile menzionare la finale playoff con il Livorno a Ferrara che ci ha promossi in C1 o l'ultima partita a Battipaglia dopo l'avvelenamento della notte che non ci ha fermato per la voglia che avevamo di regalare ai nostri tifosi la storica promozione in serie B... E invece io menziono una partita di C1 contro l'Ischia dove tutti i giornali compresi quelli sportivi mi diedero 10 come voto... in un campo reso pesante dalla pioggia con i miei compagni molto stanchi e l'Ischia che voleva recuperare il gol di svantaggio mi sono retto a baluardo della difesa recuperando ogni pallone che veniva dalle mie parti e ripartire con azioni personali saltando tutti gli avversari rendendomi sempre pericoloso con i tifosi che mi incitavano in continuazione, applaudendomi per lungo tempo".

Potessi tornare indietro cambieresti qualcosa della tua carriera da giocatore? Da quella di allenatore?
"Sì, cambierei qualche mia decisione nella carriera di calciatore che per orgoglio non mi ha permesso di giocare in serie A ma il calcio io l'ho sempre vissuto e amato per come me l'hanno insegnato i miei allenatori nelle giovanili (ne cito uno che ora purtroppo non c'è più e a cui devo molto, Roberto Vernisi) e cioè farlo con passione onorando tutte le maglie delle squadre con cui ho militato e penso sia proprio questo il motivo per cui tutte le tifoserie mi ricordano con affetto. Da allenatore invece sicuramente l'anno di Fermo, mi sarei dovuto imporre di più con la società per avere qualche rinforzo ma con due presidenti e due direttori sportivi che non remavano dalla stessa parte era difficile. Comunque sono ancora convinto che anche con i ragazzi che mi avevano messo a disposizione avrei raggiunto l'obiettivo della salvezza".

Qual è il suo sogno da allenatore?
"Il mio sogno di allenatore in questo momento è molto semplice: riuscire a salvarmi con la mia società il Martinsicuro e riavviarla in un futuro più roseo con la valorizzazione di qualche giovane. Poi provare gli anni a venire dopo che la società si sia ripresa a vincere lasciandola in serie D per poi poter avere la possibilità di allenare nei campionati professionistici con il mio staff a cui devo molto, è il mio secondo sogno nel cassetto".

Crea la formazione più forte che tu abbia allenato.
"La formazione tipo è: Carfagna, Donzelli, Piunti, Cusaro, Bucci, Capparuccia, Piergallini, Pietropaolo, Orta, Carboni, Melchiorri. A disposizione: Osso, Arcolai, De Cesaris, Ferretti, Biancucci, Cacciatore, Pedalino, Kala, Maio.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Giulia Santarelli il 14/09/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Uno sguardo sul calcio marchigiano con Claudio Cicchi

Abbiamo chiesto come ogni anno a Claudio Cicchi (foto), responsabile dell'Area Tecnica del Castelnuovo Vomano nell'Eccellenza Abruzzo, ma profondo conoscitore del calcio dilettantistico marchigiano, un giudizio sui campionati che prenderanno il via a breve. Quest'anno lei è andato al Castelnuovo Vomano. Con quali obiettivi?“I...leggi
30/07/2019

Dall'Eccellenza alla 1^ cat. La nuova geografia del calcio marchigiano

Con la mancata iscrizione della Pergolese al prossimo campionato di Eccellenza, che dovrà comunque essere ratificata dal Comitato Regionale, si modificherà anche la geografia dei vari gironi di Promozione e Prima categoria. Senza voler mancare di rispetto a nessuno, abbiamo provato a fare una simulazione su come potrebbero essere suddivisi gli org...leggi
25/07/2019

L'Eccellenza di Izzotti: "Equilibrio, ma Anconitana davanti a tutti"

E' senza alcun dubbio uno degli allenatori più in vista nel panorama dilettantistico locale, parliamo di Domenico Izzotti (foto) tecnico che ha diviso la sua carriera tra Marche ed Abruzzo, raccogliendo ovunque grandi successi. Nella stagione che si è appena conclusa ha guidato con ottimi risultati l'Alba Adriatica, nel c...leggi
11/07/2019


Un fermano tutto bianconero: Marco Olivieri è della Juventus!

L’attaccante Marco Olivieri (20 anni domenica 30 giugno) è a tutti gli effetti un calciatore della Juventus: la società bianconera ha esercitato il diritto di riscatto versando all’Empoli circa 1 milione di euro. Olivieri ha giocato nelle giovanili dell’Ascoli Calcio svincolandosi in seguito al fallimento della società nel dicembre 2013....leggi
27/06/2019

"Questa è una piazza calda, la Sangiorgese tornerà in alto"

Lo hanno cercato squadre di Serie D ma ha detto sì al nerazzurro, alla Sangiorgese, per ragioni di cuore e di famiglia. "Ci sono già stato 25 anni fa ai tempi del presidente Ricci in Prima categoria quando iniziò una risalita in cui arrivammo a sfiorare anche la serie D arrivando secondi in Eccellenza, ma a quei tempi non c’erano ne i playoff n&eg...leggi
21/06/2019

Agli Europei Under 21 la Spes Valdaso tifa Orsolini!

BOLOGNA. Entra Riccardo Orsolini e l’Italia Under 21 ribalta la Spagna. Allo stadio "Dall’Ara" di Bologna, dove l’attaccante di Rotella è l’idolo di casa, gli azzurrini superano la Spagna per 3 a 1 nella partita d’esordio dell’Europeo Under 21. Le furie rosse sono imprendibili nelle ...leggi
17/06/2019

Dopo la storica Serie D Annarita Pilotti lascia il Porto Sant'Elpidio

PORTO SANT'ELPIDIO. A una settimana dalla vittoria con il Poggibonsi e la promozione in Serie D, Annarita Pilotti (foto) si dimette dalla carica di presidente del Porto Sant'Elpidio. La nota imprenditrice rende noto il voler lasciare il timone della società attraverso una conferenza stampa: "Sono stati quattro anni di successi e soddisfazio...leggi
16/06/2019

Stallone: "Grazie Montegiorgio ma la città di Ascoli ha bisogno di me"

ASCOLI PICENO. Ad un passo dalla panchina del Montegiorgio, per motivi personali legati alla sua attività politica, Nico Stallone (foto) deve rinunciare a guidare una delle squadre dove ha militato in passato e dove ha lasciato un ricordo indelebile. Pubblichiamo la sua lettera di saluto alla città ed alla squadra. "Grazie Montegiorgio, ringrazio ...leggi
15/06/2019

P.S.Elpidio in D, Pilotti in trionfo: "Un sogno che diventa realtà"

Trent'anni dopo il Porto Sant'Elpidio riabbraccia il massimo campionato nazionale dei Dilettanti, e a Poggibonsi è finita con la presidente Annarita Pilotti portata in trionfo. Lei e il tecnico Eddy Mengo gli artefici di questo storico successo. "Sono contento - le parole di mister Mengo - complimenti a...leggi
10/06/2019

A Poggibonsi comincia la festa: Porto Sant'Elpidio in Serie D!

Poggibonsi-Porto Sant'Elpidio 3-1 (andata 0-2)Poggibonsi: Raffa, Mazzolli (31'st De Vitis), Ciolli, Galbiati, Tafi (38'st Ceccatelli), Fatticcioni, Marabese, Miccoli, Riccobono (20'st Bracci), Cicali (9'st Vangi), Motti. A disp. Salvadogi, Zanaj, Veraldi, Verdiani. All. Alessio BifiniPorto Sant'Elpidio: Gagliardini, Frinconi, Stortini, Marziali (12'st Zira...leggi
09/06/2019

"Porto Sant'Elpidio, ora completa l'opera in Toscana". Morreale docet

PORTO SANT’ELPIDIO. Non poteva mancare domenica scorsa, tra l’altro nella sua Civitanova Marche, alla recita finale casalinga del “suo” Porto Sant’Elpidio contro il Poggibonsi. Renzo Morreale (foto) era un tifoso speciale sulle gradinate del Polisportivo. Quella squadra la sente anche un po’ sua, dopo la stra...leggi
04/06/2019

Il Porto Sant'Elpidio vede la D: 2-0 nell'andata con Poggibonsi!

Porto Sant'Elpidio-Poggibonsi 2-0Porto Sant'Elpidio: Gagliardini, Frinconi, Stortini, Marziali (27'st Raffaeli), Marozzi, Monserrat, Panichelli, Palladini (44'st Orazi), Adami, Cuccù (1'st Ceijas), Ruzzier (35'st Zira). A disp. Smerilli, Cantarini, Balestra, Del Moro,Nahi. All. Eddy MengoPoggibonsi: Raffa, Tafi, Mazzolli (30'st Ciolli), Galbiati, De...leggi
02/06/2019

CORNER PLAYER: la soluzione rapida per la tua carriera sportiva

URBANIA. Diventare un campione sportivo è il sogno di tanti ragazzi. Da oggi la strada per avverare questo sogno è un po’ più breve, grazie a Corner Player, una piattaforma online che consente di mettere in contatto, senza mediazioni, squadre e giocatori di qualsiasi sport. La piattaforma, ideata e sviluppata nella March...leggi
10/06/2019

ECCELLENZA. Porto S.Elpidio in finale: piegata ancora la Torrese!

Porto Sant'Elpidio - Torrese 3-0 (andata 3-1)PORTO SANT'ELPIDIO. Ancora una grande prestazione del Porto Sant'Elpidio che bissa la gara di andata (3-1) con un 3-0 al "Ferranti" contro la Torrese. Reti di Ruzzier alla mezz'ora, raddoppio di Cuccù e il sigillo di Zira nel finale. I ragazzi di mister Mengo volano alla finalissima degli spareggi nazion...leggi
26/05/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,29057 secondi