Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Fermo


"Nè Ferrara e nè Battipaglia: contro l'Ischia presi 10 in pagella"

Intervista a Guido Di Fabio, storica bandiera della Fermana

A Fermo se dici Di Fabio dici "Capitano", dici Fermana, dici Serie B, dici cuore gialloblu... Passano gli anni ma per nulla si sbiadisce l'amore della città di Fermo per Guido Di Fabio (foto), storica bandiera canarina e attuale trainer del Martinsicuro, Eccellenza abruzzese. Noi di MarcheinGol abbiamo deciso di intervistarlo per parlare della stagione in corso e del suo glorioso passato da calciatore.

Di Fabio, hai deciso di rimanere a Martinsicuro nonostante sicuramente come ogni anno ti saranno arrivate numerose proposte. Come mai questa decisione? Qual è l'obiettivo stagionale per voi?
"Le società che mi hanno cercato non mi hanno davano la possibilità di lavorare con il mio staff che io ritengo sia fondamentale per svolgere il mio lavoro nel migliore dei modi, andando a toccare tutti gli aspetti che bisogna tener conto con una squadra di calcio soprattutto se composta da giovani calciatori da quello tecnico a quello tattico psicologico e comportamentale...I risultati ottenuti dal sottoscritto ritengo siano frutto proprio dell'attenzione ai minimi particolari del mio staff. E poi con la mia società in difficoltà (per colpe non sue dato che lo sponsor principale per gravi problemi finanziari non ha potuto adempiere ai suoi impegni) non me la sono sentita di abbandonarla e insieme come abbiamo sempre fatto in questi anni vogliamo far tornare le cose a posto col lavoro e sacrificio. Il nostro obiettivo quest'anno è evitare l'ultimo posto in classifica, abbiamo una squadra molto giovane (19 fuoriquota su 26) e cercare di valorizzare qualcuno di questi tanti ragazzi".

A Fermo sei ancora idolatrato da tutti, grandi e piccoli, come vedi la Fermana quest'anno? Qual è il ricordo più bello che ti lega a Fermo?
"E' vero, a Fermo ho molti estimatori, ho dato a questi colori tutto me stesso e ho ricevuto in cambio tanto affetto e stima e ancora oggi dopo tanti anni ricevo questi attestati. Nel giorno del mio compleanno (5 settembre) post messaggi con relative foto e maglie di quando giocavo hanno invaso il mio telefono e non ti nascondo una grande commozione da parte mia. La Fermana rimarrà sempre nel mio cuore insieme a tutti i fermani! Quest'anno mi sembra che abbia qualcosa in meno dell'anno scorso ma sono sicuro che mister Destro riuscirà lo stesso a raggiungere gli obiettivi che la società si è prefissa. A Fermo ho tanti bei ricordi con due campionati vinti, verrebbe facile menzionare la finale playoff con il Livorno a Ferrara che ci ha promossi in C1 o l'ultima partita a Battipaglia dopo l'avvelenamento della notte che non ci ha fermato per la voglia che avevamo di regalare ai nostri tifosi la storica promozione in serie B... E invece io menziono una partita di C1 contro l'Ischia dove tutti i giornali compresi quelli sportivi mi diedero 10 come voto... in un campo reso pesante dalla pioggia con i miei compagni molto stanchi e l'Ischia che voleva recuperare il gol di svantaggio mi sono retto a baluardo della difesa recuperando ogni pallone che veniva dalle mie parti e ripartire con azioni personali saltando tutti gli avversari rendendomi sempre pericoloso con i tifosi che mi incitavano in continuazione, applaudendomi per lungo tempo".

Potessi tornare indietro cambieresti qualcosa della tua carriera da giocatore? Da quella di allenatore?
"Sì, cambierei qualche mia decisione nella carriera di calciatore che per orgoglio non mi ha permesso di giocare in serie A ma il calcio io l'ho sempre vissuto e amato per come me l'hanno insegnato i miei allenatori nelle giovanili (ne cito uno che ora purtroppo non c'è più e a cui devo molto, Roberto Vernisi) e cioè farlo con passione onorando tutte le maglie delle squadre con cui ho militato e penso sia proprio questo il motivo per cui tutte le tifoserie mi ricordano con affetto. Da allenatore invece sicuramente l'anno di Fermo, mi sarei dovuto imporre di più con la società per avere qualche rinforzo ma con due presidenti e due direttori sportivi che non remavano dalla stessa parte era difficile. Comunque sono ancora convinto che anche con i ragazzi che mi avevano messo a disposizione avrei raggiunto l'obiettivo della salvezza".

Qual è il suo sogno da allenatore?
"Il mio sogno di allenatore in questo momento è molto semplice: riuscire a salvarmi con la mia società il Martinsicuro e riavviarla in un futuro più roseo con la valorizzazione di qualche giovane. Poi provare gli anni a venire dopo che la società si sia ripresa a vincere lasciandola in serie D per poi poter avere la possibilità di allenare nei campionati professionistici con il mio staff a cui devo molto, è il mio secondo sogno nel cassetto".

Crea la formazione più forte che tu abbia allenato.
"La formazione tipo è: Carfagna, Donzelli, Piunti, Cusaro, Bucci, Capparuccia, Piergallini, Pietropaolo, Orta, Carboni, Melchiorri. A disposizione: Osso, Arcolai, De Cesaris, Ferretti, Biancucci, Cacciatore, Pedalino, Kala, Maio.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Giulia Santarelli il 14/09/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Promozione, 1^ e 2^ cat. valanga di reti: 6 triplette e 19 doppiette!

Attaccanti in grande spolvero nei campionati di Promozione, Prima e Seconda categoria partiti nell'ultimo fine settimana. La stagione è iniziata con un gran numero di reti segnate e quello che più salta all'occhio è la notevole quantità di doppiette ed anche di triplette messe a segno dai bomber nostrani. Nel girone A di Promozione ...leggi
24/09/2018

Francesco Totti: i primi palleggi sulla spiaggia di Porto San Giorgio!

"A otto mesi ho cominciato a camminare a Porto San Giorgio, sempre col pallone vicino", ha raccontato Francesco Totti a Fabio Fazio nella trasmissione Che Tempo Che Fa in onda su Rai Uno, ricordando la sua infanzia e le radici di una passione viscerale, quella per il calcio. "C'erano certe breccole così a Porto San Giorgio... le breccole sono i sassi”, ha aggiunto ancora l'e...leggi
23/09/2018

Il debutto del difensore Giuseppe Aquino? In porta (senza subire gol)

Ha giocato anche in Serie C con Sangiustese, San Marino e Pro Vasto, ruolo difensore, ultime 3 stagioni passate al Chiesanuova in Promozione, è stato ingaggiato negli ultimissimi giorni dal San Marco Lorese (neo promossa in Eccellenza) e alla prima giornata di campionato eccolo debuttare ma in....porta! Proprio così. Il San Marco di scena a Fossombrone (final...leggi
24/09/2018

Eccellenza, primo hurrà del debuttante Eddy Mengo: "Le mie favorite"

PORTO SANT'ELPIDIO. Quattro punti dopo due partite (un pareggio e una vittoria), il bicchiere di Eddy Mengo (foto) è mezzo pieno: da debuttante sulla panchina del Porto Sant'Elpidio getta lo sguardo sulla classifica anche se dopo 180' è alquanto un azzardo, anche se... "Finora è un campionato equilibrato - ha ...leggi
19/09/2018

PROMOZIONE B al via: ecco come si presenterà ai nastri di partenza

  Si alzerà sabato prossimo il sipario sul campionato di Promozione che vedrà nel girone B un lotto di concorretti di grande prestigio. Ci apprestiamo a vivere uno dei tornei di più alto livello degli ultimi anni, nobilitato dalla presenza di alcune squadre che hanno fatto la storia del calcio marchigiano e non solo. Sulla cart...leggi
19/09/2018

A scuola Marani sognando Dida, ecco Paolo Grifi: "Grilli, grazie!"

Portiere fermano classe 1997 lo scorso anno ha vinto il suo primo campionato indossando la casacca del Monte e Torre, Seconda categoria (girone E). Per lui che già ha fatto tanta gavetta, vestendo le maglie di Futura, Fermana e Folgore Veregra, è il momento di compiere il grande salto e affermarsi nel campionato di Prima categoria, un campionato tosto e competitiv...leggi
12/09/2018

"Io 'sposato' più Croceri e Cocciaretto per una Palmense protagonista"

Da qualche settimana Simone Fagiani (foto) ha sposato la sua bella Jessica ma il tempo di festeggiare è finito; si torna a sudare per la maglia della Palmense, c'è un campionato di Promozione da affrontare e altre soddisfazioni da togliersi. Dopo la vittoria del campionato dello scorso anno hai deciso di proseguire con il...leggi
30/08/2018

Dalla B con la Fermana al bis con Monterubbiano: Di Salvatore forever

E' sceso nei Dilettanti nel 2006, dopo quasi due decenni nei professionisti e soprattutto dopo aver contribuito a scrivere la pagina più importante della storia della Fermana, nel 1999 volata in Serie B. Andrea Di Salvatore (foto), 45 anni, umbro ma ormai marchigiano a tutti gli effetti (vive a Fermo), si appresta a disputare la seconda stagione con la ...leggi
27/08/2018

Ufficiali i gironi di Promozione e Prima Categoria

Sono stati resi noti nel pomeriggio dal Comitato Regionale Marche, tramite Comunicato Ufficiale n. 11, i gironi relativi ai campionati di Promozione e Prima Categoria 2018-'19, dei quali si conosceranno presto anche i relativi calendari. Due raggruppamenti da 16 squadre per quanto riguarda la Promozione, me...leggi
22/08/2018

A Massimo Paci il "Guerriero Marchigiano"!

Massimo Paci premiato a Francavilla d'Ete alla 20^ de La Notte dell'Orgoglio Marchigiano svoltasi sabato scorso in Piazza Vittorio Emanuele II. Il tecnico del Montegiorgio, scelto da un apposita commissione, ha vinto nella categoria Sport per aver "portato il Montegiorgio Calcio per la prima volta nella storia nella quarta serie nazionale, il campionato d...leggi
20/08/2018

La Sangiorgese passa alla cordata capitanata da Carlos Pizzi

PORTO SAN GIORGIO. Dopo la caotica giornata di ieri, ricca di colpi di scena e prese di posizione (vedi sotto), sembrano diradarsi le nubi che si addensavano sulla Sangiorgese. La società nerazzurra ha appena emesso un comunicato nel quale ufficializza la conclusione della trattativa.Questo il testo del comunicato: "La Società dopo molti gio...leggi
10/08/2018

SERIE D. Il girone F è una incognita. Soluzioni con 18 o 20 squadre?

Se la Serie C è sicuramente rimandata al prossimo 2 settembre (decisiva sarà la riunione del prossimo 22 agosto in Lega Pro) non può di certo sorridere la Serie D che attende di conoscere l'organico definito e dunque anche i gironi. Tempi lunghissimi ma inevitabili, considerando tutto quello che sta succedendo nella c...leggi
08/08/2018

Ripescaggi in 1^ categoria: lo strano caso di Montottone e Belvedere

Sarà probabilmente giocata tutta sulla corretta dicitura riportata sui Comunicati Ufficiali del Comitato Regionale, la controversia sollevata dal Montottone in merito alle graduatorie di ripescaggio in Prima categoria. Cerchiamo di riepilogare l'intricata vicenda, con la speranza di rendere un servizio di chiarezza ai nostri lettori.Partiamo...leggi
02/08/2018

FUMATA "BIANCA". Sangiorgese iscritta. Ma ora si riparte da zero?

PORTO SAN GIORGIO. L’aria che tirava negli ultimi giorni era veramente pesante in casa Sangiorgese, dopo il diffondersi di voci importanti sulla possibile mancata iscrizione in Promozione dello storico club neroazzurro. Gli ultimi dubbi sono stati fugati qualche giorno prima della scadenza grazie alla collaborazione fattiva di alcune realtà dello stesso territorio....leggi
02/08/2018

Un giorno triste per il nostro calcio: ci ha lasciato Francesco Mora

Abbiamo ricevuto oggi in Redazione una notizia che mai avremmo voluto sentire, è venuto a mancare un carissimo amico, oltre che un bravo allenatore ed un profondo conoscitore del movimento calcistico nostrano. Ci ha lasciato a soli 62 anni Francesco Mora (foto), allenatore della Vigor Sant'Elpidio Viola. Una brutta malattia lo ha port...leggi
01/08/2018


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,94842 secondi