Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Macerata


LA STORIA. Compie 42 anni Samuele Rossini: Highlander dell'Eccellenza!

L'intervista al capitano del Montefano, tra ricordi ("Quel rigore salvezza a Potenza Picena e la prima Eccellenza raggiunta dal Matelica") e attualità: "Quest'anno ho giocato contro ragazzi del 2003, stessa età di mia figlia. In campo mi sento ancora giovane ma potrebbe essere l'ultimo anno. Io allenatore? Vedremo"

MONTEFANO. E’ l’autentico veterano del campionato di Eccellenza Samuele Rossini, recanatese doc, un highlander che proprio nella giornata di oggi festeggia i suoi primi 42 anni sempre con le scarpette ai piedi. Un primato quasi impareggiabile per un giocatore che vive il calcio in maniera intensa e con grande passione e che si trova ancora a vivere grandi emozioni con la fascia da capitano del Montefano.

Samuele, innanzitutto auguri! Come si vive questo primato di longevità tra l’altro da protagonista sul campo nel massimo torneo regionale?
“Per me indubbiamente è una bella soddisfazione essere ancora li in mezzo e farlo in un campionato come l’Eccellenza che non fa sconti. Bisogna essere sempre al massimo e dare tutto ma per farlo occorre un gruppo insieme a te importante e con grandi valori, come il Montefano”.

L’ultimo campionato di Eccellenza lo avevi vissuto tanti anni fa, giusto?
“Era la stagione 2000-2001 con la Recanatese. Poi ho fatto quasi sempre la Promozione che permetteva anche di gestirmi al meglio con famiglia e lavoro che vengono sempre prima di tutto. La passione del calcio è sempre stata tanta e quindi non ho mai rinunciato. Ho trovato la Promozione come habitat naturale. Nella testa c’era sempre desiderio e speranza di poter risalire e poi è successo quello che è successo”.

La finale con il Sassoferrato Genga che vi ha spalancato l’Eccellenza davanti vissuta con la fascia di capitano al braccio. Che sensazioni?
“Ancora emozioni maggiori raggiungerlo con questo gruppo e questa società che ha dei valori giusti. Ci alleniamo ancora oggi alla sera ed è inevitabile perché altrimenti si sarebbe dovuto smantellare l’impianto della squadra perché tanti ragazzi lavorano. Molte squadre si allenano il pomeriggio per scelta ma realtà come la nostra devono rimanere con i piedi a terra e venire incontro ad esigenze dei ragazzi”.

Poi il regalo te lo ha fatto in anticipo, vincendo in casa dell’Atletico Gallo.
“(Sorride, ndr). Si, c’era la sensazione che prima o poi sarebbe arrivata. Forse non pronosticata in un campo difficile come il Gallo. Probabilmente me l’aspettavo la domenica prima con il Sassoferrato Genga ma è mancata nel finale per una serie di episodi. Ma abbiamo recuperato domenica e speriamo di dare continuità”.

Che effetto ti fa affrontare giocatori giovanissimi nati anche oltre il 2000?
"Una bella metà di ragazzi che giocano forse non erano nati: dal 1993 sono in una prima squadra, con l’esordio alla Recanatese. Mi sono trovato a Porto Recanati a giocare contro Guercio e Ballarini, ragazzi del 2003, ovvero 15 anni: hanno esattamente la stessa età di mia figlia. Un pochino fa effetto ma quando sto li in mezzo mi sento molto più giovane. L’età la metto da parte ma la sento da sera quando gli acciacchi vengono fuori nel dopogara quando recuperi più lentamente che a vent’anni”.

Quali sono gli allenatori che ricordi con particolare affetto?
“Di specifico non saprei farti dei nomi perché da tutti ho preso qualcosa e imparato molto. Ti posso dire Francesco Grilli che mi ha fatto debuttare in Serie D e quindi devo a lui riconoscenza. Negli ultimi anni qualsiasi allenatore ho avuto sempre la fiducia di tutti i tecnici che non hanno considerato la carta d’identità ma l’impegno sul campo, allenamento dopo allenamento”.

Quali episodi o momenti metti tra i ricordi più belli della tua carriera?
“Ce ne sono diversi e non sempre vittorie. L’ultimo con il Montefano è stato fantastico. Partiti per fare i playoff senza l’obbligo di vincere ma si è creata questa empatia e riesci a vincere spareggi così. È stato qualcosa di grandioso. Ricordo anche spareggi playout indimenticabili. A Potenza Picena ne ricordo uno: perdevamo al 90’ 1-0 ed eravamo retrocessi. Ci danno un rigore, rigoristi e compagni di squadra non se la sentiva nessuno di batterlo e mi ritrovo il pallone in mano pur non avendone mai tirato uno. Quelle situazioni in cui vai li, segni e scatta una grandissima bolgia. Poi ad esempio lo spareggio playoff nel 2005 con il Matelica in Eccellenza, allenatore Moriconi: ai rigori dovevo battere il quinto ma fui fortunato e vincemmo prima. Tante immagini restano comunque nella memoria”.

Nel tuo futuro vedi il ruolo di allenatore?
“Tempo fa ho avuto un periodo di diversi mesi nel quale non ho giocato e ne ho approfittato per prendere il patentino da allenatore. L’idea c’è di indossare i panni dell’allenatore ma sono consapevole che un conto è avere il patentino e un conto è metterlo in pratica: occorre valutare se sono capace oppure no.  Sarà probabilmente a breve”.

Sarà questo l’ultimo anno da giocatore dunque?
"Potrebbe anche essere questo. Se resta il livello così alto e gli anni che passano, allora potrebbe realmente essere l’ultima stagione. Il fisico inizia a presentare il conto e quindi bisognerà fare una scelta. I ritmi dell’Eccellenza sono alti e li sto tenendo abbastanza bene ma anno dopo anno ci si invecchia".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/11/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Matelica, ecco il Mantova: in panchina Morgia, attacco con Altinier!

MATELICA. Nessun anticipo concesso dalla Sammaurese per il Matelica (i romagnoli hanno detto di no alla richiesta) che mercoledì si giocherà un appuntamento importante non solo per la stagione ma anche per la propria storia, andando a sfidare in casa propria il Mantova nell’andata della semifinale di Coppa Italia riservata a...leggi
21/02/2019

Trova i suoi abiti sotto la doccia. Arbitro resta in accappatoio!

POLLENZA. Se il calcio è lo specchio della nostra società, l'episodio capitato ieri nella gara tra il Montemilone Pollenza e Fiuminata, valida per la 21^ giornata del campionato di Prima categoria C, è la degna rappresentazione di una commedia all'italiana tanto in voga negli anni '80. Il direttore di gara rientrato nel suo spogliatoio alla...leggi
18/02/2019

Roberto Agostinelli: "Sei squadre si giocano il primo posto"

Ne ha vissuti di campionati interessanti Roberto Agostinelli (foto), ex direttore sportivo di Vis Macerata, Pollenza, Maceratese ed Elpidiense Cascinare, ma ammette che un torneo di Promozione B così bello e incerto non si era mai visto. "Sei squadre si giocano la vittoria finale - ha detto a Il Resto del Carlino - ritengo un gradino superiore Atlet...leggi
15/02/2019

Zannini: "A Potenza Picena un ottimo mix di gioventù ed esperienza"

POTENZA PICENA. Dopo un periodo difficile il Potenza Picena si sta tirando fuori dalla zona pericolosa del girone B della Promozione. Alcuni risultati positivi hanno proiettato la formazione giallorossa in una posizione di classifica più sicura e confortevole, rispetto a quella occupata solo poche settimane addietro. Superata la metà del cammino a...leggi
12/02/2019

COPPA ITALIA. Tolentino, stai in guardia: il Foligno è una corazzata!

FOLIGNO. Dalla polvere agli altari. Solo due stagioni fa il Foligno franava miseramente, concludendo in anticipo il campionato di serie D, con tanto di interdizione per l’allora patron e la radiazione dai ranghi federali. C’è voluto il soccorso della seconda squadra cittadina per ripartire dalla Promozione. La rabbia di una società e l...leggi
11/02/2019

Da Max Allegri e Cellino alla Sangiustese: la storia di Ignazio Carta!

MONTE SAN GIUSTO. Da talismano di Cellino e cocco di Max Allegri, alla ripartenza con la Sangiustese. Storia particolare quella di Ignazio Carta (foto), ultimo arrivato in ordine di tempo in maglia rossoblù reduce da una prima parte di stagione nell’ombra della Vis Pesaro. “Sono arrivato luned&ig...leggi
05/02/2019

Strano lancia il Tolentino: "Fabriano Cerreto solido, ma noi ci siamo"

TOLENTINO. Un giocatore con il vizio del gol lo è sempre stato Emanuele Strano, 30 anni, centrocampista ma anche difensore all’occorrenza che ha stampato una doppietta pesante nella sfida vinta all’ultimo respiro dal Tolentino in casa del Fossombrone. “Ce la siamo complicata da soli – ha raccontato al Corrie...leggi
05/02/2019

"Cinque tiri e quattro gol". Andrea Giustozzi cala il poker!

TRODICA. Quattro gol, tutti in una partita. Andrea Giustozzi (foto, vedi scheda), classe 1987, al settimo anno con l'Aries Trodica sigla il suo primo poker in carriera e lo fa contro lo United Civitanova. "E' stata una di quelle classiche giornate dove ti rie...leggi
04/02/2019

Jack Bonaventura "cuore d'oro" non dimentica San Severino Marche

SAN SEVERINO MARCHE - Giacomo Bonaventura (foto) e San Severino Marche, la sua città: un legame forte che si è sempre mantenuto vivo, così come l’affetto verso i settempedani, anche negli ultimi anni – piuttosto intensi – in cui Jack è diventato un calciatore di primo piano con il Milan e la...leggi
02/02/2019

PROMOZIONE B: A Civitanova, Treia e Marina Palmense 3 derby decisivi

Si avvicina una giornata molto attesa nel girone B del campionato di Promozione. Nel prossimo fine settimana ci saranno delle gare di assoluto rilievo sia per la classifica, quanto per la tradizione e la rivalità calcistica. Al “Polisportivo” di Civitanova Marche i rossoblu locali riceveranno la visita dell'HR Maceratese, un confronto che ass...leggi
31/01/2019

Rocci: "Sono tornato per aiutare la Settempeda a risalire dove merita"

SAN SEVERINO MARCHE. Nella squadra della Settempeda che sta letteralmente facendo il vuoto nel girone F di Seconda categoria, sono molti i calciatori di qualità in grado di fare la differenza, ma è Lorenzo Rocci (foto) il finalizzatore, il bomber implacabile che si sta mettendo in grande evidenza, viaggiando alla bella me...leggi
30/01/2019

SERIE D. Il Matelica in semifinale di Coppa Italia! Troverà il Mantova

Matelica - Ambrosiana: 2-1 MATELICA (4-2-3-1): Avella; Arapi (46’st Visconti), Cuccato, Benedetti, Riccio; Lo Sicco, Pignat; Angelilli, Margarita (36' st Favo), Bugaro (31' st Melandri; Florian (39’st Dorato). A Disp. Luglio, De Santis, De Luca, De Marco, Demoleon. All.: TiozzoAMBROSIANA (4-3-3): Zanchetta (40’ Dani), Dall’Agnola, Acr...leggi
30/01/2019


Il Matelica è una cooperativa del gol: 47 totali, 18 marcatori diversi

Due vittorie di fila nelle ultime gare per il Matelica, a far dimenticare un periodo di appannamento che ha rilanciato il Cesena verso la serie C. Per la squadra di Luca Tiozzo però la reazione è stata di orgoglio e sono arrivati anche due punti rosicchiati alla leader con il distacco (che resta comunque quasi incolmabile) a -8 pu...leggi
28/01/2019

CLAMOROSO! Respinta di mano sulla linea. E' rigore? VIDEO

SANT'ELPIDIO A MARE. Episodio molto discutibile quello accaduto nella 18^ di Seconda categoria E, nella gara Casette d'Ete - Real Porto. Quando il risultato era ancora sull'1-1, sugli sviluppi di un calcio d'angolo a favore del Real Porto, un tiro viene respinto sulla linea da un difensore del Casette d'Ete, dalle immagini sembrerebbe tramite mano. L'arbitro non notando ha fatt...leggi
26/01/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,12201 secondi