Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


LA STORIA. Compie 42 anni Samuele Rossini: Highlander dell'Eccellenza!

L'intervista al capitano del Montefano, tra ricordi ("Quel rigore salvezza a Potenza Picena e la prima Eccellenza raggiunta dal Matelica") e attualità: "Quest'anno ho giocato contro ragazzi del 2003, stessa età di mia figlia. In campo mi sento ancora giovane ma potrebbe essere l'ultimo anno. Io allenatore? Vedremo"

MONTEFANO. E’ l’autentico veterano del campionato di Eccellenza Samuele Rossini, recanatese doc, un highlander che proprio nella giornata di oggi festeggia i suoi primi 42 anni sempre con le scarpette ai piedi. Un primato quasi impareggiabile per un giocatore che vive il calcio in maniera intensa e con grande passione e che si trova ancora a vivere grandi emozioni con la fascia da capitano del Montefano.

Samuele, innanzitutto auguri! Come si vive questo primato di longevità tra l’altro da protagonista sul campo nel massimo torneo regionale?
“Per me indubbiamente è una bella soddisfazione essere ancora li in mezzo e farlo in un campionato come l’Eccellenza che non fa sconti. Bisogna essere sempre al massimo e dare tutto ma per farlo occorre un gruppo insieme a te importante e con grandi valori, come il Montefano”.

L’ultimo campionato di Eccellenza lo avevi vissuto tanti anni fa, giusto?
“Era la stagione 2000-2001 con la Recanatese. Poi ho fatto quasi sempre la Promozione che permetteva anche di gestirmi al meglio con famiglia e lavoro che vengono sempre prima di tutto. La passione del calcio è sempre stata tanta e quindi non ho mai rinunciato. Ho trovato la Promozione come habitat naturale. Nella testa c’era sempre desiderio e speranza di poter risalire e poi è successo quello che è successo”.

La finale con il Sassoferrato Genga che vi ha spalancato l’Eccellenza davanti vissuta con la fascia di capitano al braccio. Che sensazioni?
“Ancora emozioni maggiori raggiungerlo con questo gruppo e questa società che ha dei valori giusti. Ci alleniamo ancora oggi alla sera ed è inevitabile perché altrimenti si sarebbe dovuto smantellare l’impianto della squadra perché tanti ragazzi lavorano. Molte squadre si allenano il pomeriggio per scelta ma realtà come la nostra devono rimanere con i piedi a terra e venire incontro ad esigenze dei ragazzi”.

Poi il regalo te lo ha fatto in anticipo, vincendo in casa dell’Atletico Gallo.
“(Sorride, ndr). Si, c’era la sensazione che prima o poi sarebbe arrivata. Forse non pronosticata in un campo difficile come il Gallo. Probabilmente me l’aspettavo la domenica prima con il Sassoferrato Genga ma è mancata nel finale per una serie di episodi. Ma abbiamo recuperato domenica e speriamo di dare continuità”.

Che effetto ti fa affrontare giocatori giovanissimi nati anche oltre il 2000?
"Una bella metà di ragazzi che giocano forse non erano nati: dal 1993 sono in una prima squadra, con l’esordio alla Recanatese. Mi sono trovato a Porto Recanati a giocare contro Guercio e Ballarini, ragazzi del 2003, ovvero 15 anni: hanno esattamente la stessa età di mia figlia. Un pochino fa effetto ma quando sto li in mezzo mi sento molto più giovane. L’età la metto da parte ma la sento da sera quando gli acciacchi vengono fuori nel dopogara quando recuperi più lentamente che a vent’anni”.

Quali sono gli allenatori che ricordi con particolare affetto?
“Di specifico non saprei farti dei nomi perché da tutti ho preso qualcosa e imparato molto. Ti posso dire Francesco Grilli che mi ha fatto debuttare in Serie D e quindi devo a lui riconoscenza. Negli ultimi anni qualsiasi allenatore ho avuto sempre la fiducia di tutti i tecnici che non hanno considerato la carta d’identità ma l’impegno sul campo, allenamento dopo allenamento”.

Quali episodi o momenti metti tra i ricordi più belli della tua carriera?
“Ce ne sono diversi e non sempre vittorie. L’ultimo con il Montefano è stato fantastico. Partiti per fare i playoff senza l’obbligo di vincere ma si è creata questa empatia e riesci a vincere spareggi così. È stato qualcosa di grandioso. Ricordo anche spareggi playout indimenticabili. A Potenza Picena ne ricordo uno: perdevamo al 90’ 1-0 ed eravamo retrocessi. Ci danno un rigore, rigoristi e compagni di squadra non se la sentiva nessuno di batterlo e mi ritrovo il pallone in mano pur non avendone mai tirato uno. Quelle situazioni in cui vai li, segni e scatta una grandissima bolgia. Poi ad esempio lo spareggio playoff nel 2005 con il Matelica in Eccellenza, allenatore Moriconi: ai rigori dovevo battere il quinto ma fui fortunato e vincemmo prima. Tante immagini restano comunque nella memoria”.

Nel tuo futuro vedi il ruolo di allenatore?
“Tempo fa ho avuto un periodo di diversi mesi nel quale non ho giocato e ne ho approfittato per prendere il patentino da allenatore. L’idea c’è di indossare i panni dell’allenatore ma sono consapevole che un conto è avere il patentino e un conto è metterlo in pratica: occorre valutare se sono capace oppure no.  Sarà probabilmente a breve”.

Sarà questo l’ultimo anno da giocatore dunque?
"Potrebbe anche essere questo. Se resta il livello così alto e gli anni che passano, allora potrebbe realmente essere l’ultima stagione. Il fisico inizia a presentare il conto e quindi bisognerà fare una scelta. I ritmi dell’Eccellenza sono alti e li sto tenendo abbastanza bene ma anno dopo anno ci si invecchia".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/11/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



A Corridonia sale la febbre: "Tutti ci chiedono: vi ripescano o no?"

CORRIDONIA. "In città tutti ci chiedono: ma vi ripescano o no?". Martino Martinelli (foto), tecnico del Corridonia fresco di riconferma, aspetta. Come aspetta la società e una città intera che ha voglia di tornare in alto. Un po' di mercato si è fatto ma tra Prima categoria e Promozione la differenza c'è...leggi
18/07/2019

Il civitanovese Michele Paolucci giocherà in Canada con il Valour Fc!

Continua l’esperienza estera del bomber civitanovese Michele Paolucci (foto): dopo la doppia parentesi maltese con le maglie di Floriana e Tarxien Rainbows (e in precedenza una breve avventura in terra rumena) per lui è arrivato il momento di volare oltre oceano. Ha appena firmato con il...leggi
17/07/2019

UFFICIALE. La Sangiustese trasloca al Polisportivo di Civitanova

Con la documentazione inviata e validata è arrivata l'ufficialità. La Sangiustese giocherà le gare interne del prossimo campionato di Serie D al "Polisportivo" di Civitanova Marche. La vicenda che durava da diversi mesi si è conclusa quindi con il trascolo dei rossoblù di Monte San Giusto in riva all'Adriatico.&nb...leggi
13/07/2019

UFFICIALE: Riparte il Muccia targato Foligno!

MUCCIA. Da una riunione tenutasi ieri sera è scaturita la tanto attesa fumata bianca, sia pure tra tante difficoltà il Muccia Calcio riparte. Grazie alla fattiva collaborazione dell'Amministrazione Comunale e di alcuni imprenditori locali, la squadra di calcio che nelle ultime stagioni ha orgogliosamente lottato nel campionato di Prima categoria, riuscendo an...leggi
12/07/2019

L'Eccellenza di Izzotti: "Equilibrio, ma Anconitana davanti a tutti"

E' senza alcun dubbio uno degli allenatori più in vista nel panorama dilettantistico locale, parliamo di Domenico Izzotti (foto) tecnico che ha diviso la sua carriera tra Marche ed Abruzzo, raccogliendo ovunque grandi successi. Nella stagione che si è appena conclusa ha guidato con ottimi risultati l'Alba Adriatica, nel c...leggi
11/07/2019


Scuffia, voglia di Pro: "Ma la regola Under penalizza i portieri over"

Nelle Marche ha difeso la porta di Maceratese (la squadra della propria città) ed Ancona, e dopo aver spiccato il volo verso la Fiorentina è stato in altre piazze importanti fra cui Catanzaro, Lecce e Rimini. Stiamo parlando di Tommaso Scuffia (foto), portiere di 27 anni, nelle ultime due stagioni protagonista con il Roccella Jonica di al...leggi
09/07/2019

Civitanovese, Rosati: "Troppa improvvisazione. E a Profili dico..."

Ha portato il Trapani in Serie B, poi ha salutato perchè è cambiata la proprietà e sono subentrate logiche politiche che non gli sono piaciute. Ha ripreso l'aereo ed è tornato a casa. Vive a Carpi, spesso anche a Cupramarittima, il suo nome è dinastico, Gianni Rosati (foto): suo padre Armando portò la Civitanovese per la p...leggi
08/07/2019

Torna la S.S. Maceratese 1922

MACERATA. Rinasce ufficialmente la Società Sportiva Maceratese 1922 la gloriosa compagine nata 97 anni fa che ha scritto la storia del calcio di Macerata. Ieri mattina infatti, nel corso di una conferenza stampa, i simboli, i colori, le denominazioni e il logo della storica società, sono stati consegnati dal sindaco Romano Carancini, a titolo g...leggi
06/07/2019


Addio alla maglia viola dopo 11 anni: Gianluca Cesari saluta Montefano

MONTEFANO. Il Montefano perde un pezzo di storia. Dopo undici anni saluta il sodalizio viola Gianluca Cesari. “E’ stata dura prendere questa decisione, ma dopo 11 anni finisce questa splendida avventura, vissuta sempre con grande entusiasmo – dice Cesari - E’ stato un onore aver indossato questa maglia ed è stato facile aver da...leggi
24/06/2019

A Muccia finisce un'epoca. La squadra non si iscriverà al campionato!

MUCCIA. Finisce un'epoca per il Muccia, la gloriosa squadra che nelle ultime stagioni ha militato con successo nel campionato di Prima categoria, agguantando anche una storica partecipazione in Promozione, non si iscriverà al prossimo campionato. Questa la decisone che la dirigenza ha deciso di adottare, sia pure a malincuore, rendendosi conto che non su...leggi
24/06/2019

Ultima apoteosi della stagione: Moie Vallesina in Promozione!

Da Loreto Diego CartechiniAlle 18,54 del 22 giugno del 2019 l'urlo di gioia del Moie Vallesina che batte un rimaneggiatissimo Corridonia e vola in Promozione! Ultimo atto della stagione di Prima categoria, al "Salvo D'Acquisto" si affrontano per lo spareggio che decreterà l'ultima squadra che salirà nel campionato di Pr...leggi
22/06/2019

Canil traccia il futuro: "A Macerata un grande progetto provinciale"

MATELICA. Il Matelica 2019-2020 si è presentato alla stampa con staff tecnico e collaboratori (il ds Francesco Micciola, l'allenatore Francesco Battistini, il direttore tecnico Alberto Virgili, la direttrice generale Roberta Nocelli, il responsabile dell’area scouting Stefano Serangeli) ma più che alla prossima stagione di ...leggi
20/06/2019



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,10092 secondi