Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Ancona


Maxi rissa in campo: doppia sconfitta e 29 squalificati!

E' successo nella sfida di Terza categoria Atletico Ponterosso - L'Aquila

ANCONA. Nel girone D di Terza Categoria girone D, per la gara Atletico Ponterosso - L'Aquila è stata assegnata la sconfitta 0-3 a tavolino ad entrambe le squadre. Motivo della decisione, come indicato nel C.U. n 39 di Ancona, è stato l'impossibilità per l'arbitro di proseguire la gara per una rissa scoppiata verso la fine del secondo tempo e continuata anche dopo il triplice fischio, mettendo in pericolo anche l'incolumità dello stesso direttore di gara. Non sono mancate le squalifiche, dalle due alle tre giornate per 27 giocatori, un dirigente e un massaggiatore tra le due squadre risconosciuti dall'arbitro ed indicati nel referto. 

Di seguito la decisione completa del Giudice Sportivo
"Visto il referto arbitrale ed il supplemento allo stesso; Preso atto che al minuto 48 del secondo tempo, a gioco in svolgimento,due giocatori venivano alle mani picchiandosi reciprocamente; Che, non appena l'arbitro interrompeva il gioco, si accendeva una rissa pressochè generale coinvolgenti i tesserati di entrambe le squadre puntualmente identificati dal direttore di gara il quale, nell'impossibilità di notificare le conseguenti espulsioni nonchè nella considerazione che tali provvedimenti non avrebbero consentito alle squadre di raggiungere il numero minimo di giocatori in campo, ed infine valutando anche il possibile pericolo per la propria incolumità, dopo circa 4 minuti di attesa decretava la sospensione definitiva della gara e rientrava negli spogliatoi mentre la rissa in campo continuava; Ritenuta sussistere pertanto la responsabilità di ambedue le Società in ordine ai fatti che hanno determinato la sospensione definitiva della gara; Visto ed applicato l'art. 17, co 2, C.G.S., - INFLIGGE ad entrambe le Società la sanzione della perdita sportiva della gara con il punteggio do 0 - 3; - INFLIGGE altresì ai partecipanti alla rissa, quali identificati dall'arbitro e citati a referto, le sanzioni di squalifica come precisate a parte".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/11/2018
 

Altri articoli dalla provincia...





L'INCONTRO. Malascorta agli arbitri: "Ci vuole passione. E studio"

Gustavo Malascorta (foto), Componente della Commissione Arbitri Interregionali, ha incontrato gli arbitri anconetani. Originario di Teramo e jesino di adozione, Malascorta nella sua carriera arbitrale ha diretto gare nell'allora Interregionale, per poi passare al ruolo di osservatore operando in tutte le commissioni, fino alla Commissione Arbitri Nazionale PRO.&nb...leggi
20/03/2019

Passatempese, promozione (quasi) in tasca. INTERVISTA a Busilacchi

La vittoria dello scorso fine settimana in trasferta sul campo della Cluentina ed il contemporaneo pareggio fra Casette Verdini e Corridonia hanno spianato la strada della Passatempese verso la vittoria del campionato di Prima Categoria girone C (vedi la classifica). "L&rsquo...leggi
20/03/2019

Anconitana e Valdichienti, "gemelli diversi" verso l'Eccellenza!

Un percorso a braccetto tra due realtà profondamente diverse, con storie diametralmente opposte. Una capoluogo di regione, con un passato glorioso che vanta due stagioni in A, tantissime di Serie B e una storia recente che l’ha vista ripartire dalla Prima categoria. L’altra invece per la prima volta in Promozione, nascendo come società di settore...leggi
19/03/2019


Involuzione Biagio Nazzaro! Gianangeli: "Credo nell'impresa salvezza"

CHIARAVALLE. "Non me l'aspettavo di vederla in questa posizione, ha un organico troppo forte per essere così in basso in classifica". Questo ha detto l'esperto allenatore Domenico Izzotti (oggi all'Alba Adriatica ma che conosce l'Eccellenza delle Marche come le sue tasche. In effetti, dopo la sconfitta con il Portorecanati, la Biagio Nazzaro&nbs...leggi
14/03/2019


Sassoferrato Genga, con David non si passa: 720' di imbattibilità!

SASSOFERRATO GENGA. Nove partite con la nuova maglia, 0 gol subiti. Un record assoluto quello di Simone David (foto), classe 1993, professione saracinesca. E’ questo il termine giusto per definire il curriculum stagionale del portierone del Sassoferrato Genga che in carriera vanta ben 160 presenze tra C e D distribuite con le ...leggi
11/03/2019

A Senigallia 3.000 cuori per la storia: Anconitana ko dopo 53 gare

SENIGALLIA. Sarà una domenica indimenticabile per i tesserati e tifosi della Vigor Senigallia. Davanti ad un pubblico di circa 3.000 persone la squadra di mister Guiducci batte l'Anconitana che rimedia la sua prima sconfitta stagionale. Una gara spettacolare quella dei rossoblù che passano in vantaggio dopo poco più di un minuto con bomber Pesaresi...leggi
10/03/2019

Tifosi che augurano la morte? Montesi: "Macchè! Solo sfottò"

Era una partita molto sentita quella tra Serrana e Labor (finita 4-1), oltre 300 persone sugli spalti, ma per il presidente della società di casa Marco Montesi non c'è stato nulla di anomalo. "Ho letto la lettera di quella tifosa - ci dice - io personalmente non ho sentito nessuno augurare la morte ai giocatori, poi singoli episod...leggi
10/03/2019

E' primavera...tremano le panchine. 10 giorni di ordinaria follia!

Con l'avvicinarsi della fase decisiva della stagione, nei diversi campionati molte squadre stanno vivendo dei momenti di fibrillazione, volendo ad ogni costo raggiungere quei traguardi che si erano prefissi l'estate scorsa. Negli ultimi giorni si sono registrati diversi avvicendamenti che abbiamo cercato di riportare puntualmente. Le società ed in molti casi gli stessi allenatori, hanno ...leggi
08/03/2019

"Ronaldo immarcabile. Mancio? Maglia con fascia da capitano stampata"

OSIMO. Ci sono giocatori che sono stati protagonisti in Serie A, giocato contro i più grandi, ma che a carriera finita sentono il bisogno di tornare a casa e mettersi a disposizione della comunità. Questo è Francesco Bellucci (foto), che dopo 100 presenze (tra A, Coppa Italia e Uefa) e più di 200 in B e una semifinale di Coppa Uefa, è...leggi
07/03/2019




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08392 secondi