Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

SERIE D CHOC. Santarcangelo: "Rimborsi subito o non giochiamo più!"

Decisione presa dopo i colloqui tra staff, squadra e il vicepresidente. Se entro domani non arrivano i soldi promessi niente Savignaese-Santarcangelo. Ecco le possibili conseguenze: dallo 0-3 fino all'esclusione dal torneo

SANTARCANGELO. Il caso potrebbe iniziare domenica a Martorano dove è in scena in derby romagnolo del girone F di Serie D Savignanese - Santarcangelo. A far deflagrare la bomba è il Santarcangelo con staff e squadra che lo hanno annunciato apertamente al vicepresidente Stasa Hefti: «Se alle parole non seguiranno i fatti, questa volta non giocheremo». Un ultimatum autentico quello annunciato da www.corriereromagna.it per le promesse finora non mantenute con la conferma che arriba direttamente dal tecnico Daniele Galloppa (foto): «Ci siamo visti con il vice-presidente. Pur continuando a credere alle sue parole, e quindi che i soldi stanno per arrivare, abbiamo bisogno di un segnale forte da parte del presidente Ivan Mestrovic. Ne hanno bisogno i ragazzi, ne ho bisogno anch’io. Nella passata stagione ho avuto la fortuna di incontrare di persona Mestrovic, di scambiare con lui qualche parola. E’ una persona per bene, un grande appassionato di calcio, il suo progetto era ed è molto ambizioso. Ma noi tutti abbiamo bisogno che quella carica con cui è venuto a farci visita, torni».

Che la situazione fosse complicata si era percepita dagli addii del ds Luca Strambazzi e dalle partenze dei pezzi pregiati Cinque, Mancini, Maini e Cascione. Il vice presidente Hefti ha cercato di gettare acqua sul fuoco. «Come ho detto ai giocatori, tutto si risolverà in breve tempo. I soldi ci sono, ma ci sono tempistiche burocratiche che ci impediscono di averli subito. Mi auguro che possa essere una questione di 3 o 4 giorni al massimo. Come mi auguro che i giocatori tornino sui loro passi. So che da fuori tutto può sembrare catastrofico, ma vi assicuro non è così. Serve solo pazienza». Ma forse la pazienza dei giocatori sembra essere finita.

LE CONSEGUENZE. Se non dovesse scendere in campo domenica arriverebbe il 3-0 a tavolino per la Savignanese e un punto di penalizzazione per la squadra gialloblù in classifica. Attenzione però perché alla quarta gara senza scendere in campo scatterebbe l’esclusione della squadra dal campionato e la radiazione con effetto immediato. Conseguenze sul campionato? Il Santarcangelo sarebbe dunque la prima squadra retrocessa e tutte le gare che dovrebbe affrontare da li al termine sarebbero in effetti tutti 0-3 a tavolino, con il campionato che di fatto rimarrebbe a 19 squadre.
Lo stesso caso del 2014 con il Bojano che fu escluso a pochissime gare dal termine del campionato, alla quarta rinuncia.

Resta il fatto che si tratta al momento di una “minaccia” da parte dei giocatori del Santarcangelo e che tutto di fatto è rimandato a domenica prossima per vedere se il tutto si concretizzerà.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 04/01/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,06496 secondi