Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


L'IMPRESA. Di Marco epico: para 3 rigori in una partita!

Gioca col San Crispino, 43 anni, a Fiastra ha vissuto una giornata memorabile

Ci sono riusciti Cammy Bell del Dundee United, Sergio Herrera dell'Osasuna, Alban Hohxa del Partizani Tirana e pochi altri in giro per il Mondo. Ma c'è riuscito pure Christian Di Marco (foto) del San Crispino, squadra di Porto Sant'Elpidio. L'impresa, per un portiere, è di quelle epiche da raccontare un giorno ai nipoti. Di cosa parliamo? Parare 3 rigori in una partita! Di Marco l'ha fatto l'altro sabato in quel di Fiastra contro l'Aquila nell'11^ giornata del campionato UISP Fermo girone A (vedi il campionato).
Di Marco, 43 anni, è alla seconda stagione col San Crispino, in passato ha giocato quasi sempre in Terza categoria con Vigor Sma, Skorpion e San Marone. A Fiastra alla fine la sua squadra ha vinto 3-1 ma sul campo è stato lui il protagonista assoluto parando 3 penalty allo stesso giocatore avversario. "Il primo eravano sullo 0-0, ho capito dove avrebbe calciato e l'ho parato buttandomi sulla mia destra - racconta Di Marco - il secondo eravamo sull'1-0, ho intuito che avrebbe cambiato angolo e infatti mi sono buttato a sinistra ed è andata bene, il terzo penalty è arrivato sul 3-0, ho fatto la finta di andare a sinistra e invece sono andato a destra e l'ho parato".

Di Marco, portiere e anche un po' psicologo? "Ma no - scherza - si capisce dove uno può tirare il rigore dal tipo di rincorsa che prende. E poi da alcuni dettagli: se sul dischetto si presenta un giocatore di stazza, che fa il difensore, che ha le scarpette magari vecchie, aspettati la botta centrale; se invece vedi un ragazzino tutto curato con le scarpette alla moda, lui invece tenderà a piazzare la palla". Chapeau!

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/01/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



FERMO. Gli Amatori Macerata si impongono a suon di reti nel derby

Pressochè invariate le classifiche dei due gironi del campionato di calcio UISP di Fermo: questo il responso giunto dai campi di gioco dopo la disputa delle gare della sesta giornata di ritorno della regular season. Nel Girone A sia Monte San Pietrangeli che Montegranaro si sono imposte, con lo stesso risultato, alle rispettive rivali; m...leggi
14/02/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,31041 secondi