Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


Passiatore: "Le Marche che passione! Allenarci sarebbe un onore"

L'ex bomber dell'Ascoli, a margine dell'evento per le vecchie glorie, non nasconde l'ambizione di tornare un giorno a lavorare nella nostra regione

ASCOLI PICENO. Uno dei protagonisti più applauditi della manifestazione “Ieri, oggi e sempre Ascoli Calcio” svoltasi sabato scorso nella città delle cento torri, è stato senza alcun dubbio Francesco Passiatore (foto) indimenticato bomber bianconero, ora stimato allenatore, il cui nome era circolato negli ultimi tempi anche accostato a squadre della nostra regione. Abbiamo avuto modo di avvicinarlo dopo l'evento, scambiando con lui alcune battute.

Nelle ultime settimane il tuo nome era circolato per la panchina del Matelica, c'è qualcosa di vero?
“Assolutamente si, ho avuto un colloquio molto cordiale con il diesse Micciola, sapevo che avrebbero scelto su una terna di nomi ed in modo assolutamente legittimo hanno preferito Battistini, un collega di grande valore al quale auguro le migliori fortune”.
Forse potrebbe esserci un pizzico di delusione, il Matelica è una piazza importante ed ambita.
“Le dinamiche del mondo del calcio sono queste, delusione no assolutamente so come funzionano certe cose, il confronto era con allenatori di prestigio ed il Matelica è una società molto ambiziosa ed organizzata. Tutto nella norma”.

Tu hai avuto una brillante carriera come calciatore ed ora ti stai mettendo in grande evidenza come allenatore, riepilogaci brevemente il tuo percorso.
“Ho iniziato nel 2011 con la Berretti del Taranto (la mia città) e dopo appena una stagione, pur non avendo ancora il patentino, sono stato promosso alla guida della prima squadra in serie C1, un lavoro che è continuato anche nei due anni successivi, nei quali intanto ho preso l'abilitazione ufficiale, svolgendo anche il ruolo di vice allenatore. Nel frattempo purtroppo il Taranto è fallito e nei due anni successivi ho avuto la possibilità di allenare una realtà importante come la Primavera del Bari”.
Un grande lavoro in Puglia, ma sempre in città di primissimo piano.
“Piazze importanti e con tanti tifosi. Dopo l'esperienza al Bari, una delle stagioni migliori l'ho vissuta al Monopoli, dove abbiamo vinto la Coppa Italia Nazionale di Serie D a Firenze contro la Correggese, ed anche i play off spareggiando con le vincenti degli altri gironi, nell'ultimo anno in cui si sono svolti a livello nazionale. Un'esperienza molto faticosa ma esaltante sotto tutti i punti di vista. Purtroppo vincere è servito a poco, visto che l'anno successivo mi sono ritrovato senza squadra”.

La riconoscenza nel mondo del calcio spesso non esiste purtroppo.
“Ormai sono vaccinato, ma sinceramente in quella circostanza mi è dispiaciuto. Non mi sono comunque arreso e 6 mesi dopo ero a Porto Tolle con il Delta Rovigo, dove abbiamo fatto un ottimo finale di stagione, tanto che mi hanno riconfermato anche per il campionato successivo, poi a metà stagione abbiamo deciso di comune accordo di interrompere il rapporto”.
Ed arriviamo agli ultimi mesi quando hai vissuto l'esperienza calabrese.
“Si, a novembre dell'anno scorso mi hanno chiamato dal Roccella Ionica (sempre Serie D), squadra in zona retrocessione e organico molto giovane, non mi sono perso d'animo ed anche qui abbiamo fatto bene. Salvezza raggiunta attraverso il play out con una squadra che ha sempre schierato in campo almeno 6/7 under, ciliegina sulla torta il pareggio allo scadere al “San Nicola” contro il Bari davanti ad almeno 30.000 persone, una giornata indimenticabile”.

Parliamo del futuro, che progetti ha oggi “Ciccio” Passiatore?
“Il mio obiettivo è sempre una panchina, ho diversi contatti e vedremo se qualcosa si concretizzerà. Gli stimoli non mancano e riassaporando per questo evento l'ambiente marchigiano, non nego che mi piacerebbe tornare a lavorare con qualche squadra di questa regione, ho già avuto esperienze in 4 diversi gironi della Serie D, affrontarne un quinto non sarebbe certo un problema!”.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 13/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Un titolo, la gara, gli sfottò. Anconitana-P.d'Ascoli corre sui social

E' il vecchio derby Ancona - Ascoli che si ripresenta sotto altra veste, leggi Anconitana - Porto d'Ascoli (anche se quest'ultima è una località di San Benedetto del Tronto). Ad accendere la miccia ci ha pensato alla vigilia della sfida il tecnico del Porto d'Ascoli (nonchè assessore al Comune di Ascoli Piceno) Nico Stallone: "Io ascola...leggi
14/10/2019

La sfida di Giudici: "Ripatransone la squadra più giovane d'Italia"

RIPATRANSONE. Tiziano Giudici (foto) nell'ambiente calcistico regionale e non solo, è un personaggio che ha saputo conquistare la stima e l'apprezzamento di tutti gli addetti ai lavori. Le sue straordinarie avventure alla guida della Cuprense, la Coppa Italia Regionale vinta con la Fermana, fino all'approdo al professionismo all...leggi
11/10/2019

Fair Play Forcese: capitan Flamini fa annullare un gol di mano!

FORCE. Vince con merito la Forcese nella seconda giornata del campionato di Terza categoria girone H. La compagine di mister Alfredo Sirocchi, passa a San Benedetto del Tronto sull'Atletico San Beach, ma al di la del risultato, seppure positivo, sono altri gli elementi sui quali vogliamo concentrare la nostra attenzione. Dopo po...leggi
07/10/2019

Fantuzi e l'Acquasanta: gol e primato per dimenticare il terremoto

ACQUASANTA TERME. E' ancora una comunità ferita quella di Acquasanta, i segni del terremoto del 2016 sono ancora ben visibili nel territorio comunale (all'impianto sportivo l'arbitro si cambia dentro ad un container), ma nel calcio ha saputo trovare dignità e voglia di riscatto. Due anni fa la squadra vinse il campionato di Terza categoria, l'anno scorso si &egrav...leggi
24/09/2019

Dottori: "Vi racconto i primi due mesi come vice di Montero alla Samb"

Una carriera ventennale spesa nei settori giovanili ad iniziare dai Piccoli Amici della Jesina fino alla formazione Allievi leoncella. Poi Ancona, Camerano, Maceratese e Recanatese con il quale ha vinto il titolo di campione d’Italia alla guida della formazione Juniores. Gianluca Dottori da Castelbellino (patentino da allenatore Uefa B) aveva ottenuto la conferma sulla pa...leggi
27/08/2019

Fioravanti: "Ecco perchè l'Atletico Azzurra Colli è in Eccellenza"

COLLI DEL TRONTO. In una intervista video rilasciata sulla propria pagina Facebook, il presidente dell’Atletico Azzurra Colli Giovanni Fioravanti (nella foto al centro), spiega nel dettaglio la questione relativa al ripescaggio della sua squadra in Eccellenza tra graduatorie e comunicati corretti.  “All’ultima giornat...leggi
07/08/2019

Uno sguardo sul calcio marchigiano con Claudio Cicchi

Abbiamo chiesto come ogni anno a Claudio Cicchi (foto), responsabile dell'Area Tecnica del Castelnuovo Vomano nell'Eccellenza Abruzzo, ma profondo conoscitore del calcio dilettantistico marchigiano, un giudizio sui campionati che prenderanno il via a breve. Quest'anno lei è andato al Castelnuovo Vomano. Con quali obiettivi?“I...leggi
30/07/2019

Dall'Eccellenza alla 1^ cat. La nuova geografia del calcio marchigiano

Con la mancata iscrizione della Pergolese al prossimo campionato di Eccellenza, che dovrà comunque essere ratificata dal Comitato Regionale, si modificherà anche la geografia dei vari gironi di Promozione e Prima categoria. Senza voler mancare di rispetto a nessuno, abbiamo provato a fare una simulazione su come potrebbero essere suddivisi gli org...leggi
25/07/2019

Famiglia Cappelli da Libro Cuore...quando un rene cambia la vita!

ASCOLI PICENO. Chi frequenta il mondo del calcio, quello ascolano in particolare, si è imbattuto certamente in un signore molto gentile ed estremamente preparato nello svolgere il suo ruolo di allenatore. Stiamo parlando di Paolo Cappelli (nella foto con i figli Matteo e Andrea), che per tante stagioni ha legato il suo nome a diverse squadre del settore giovanil...leggi
23/07/2019

Nasce l'asse Ascoli - Fano. A Gaetano Fontana la panchina dell'Alma

Un'accordo di collaborazione per la crescita dei rispettivi settori giovanili e del rafforzamento del rapporto tra le due compagini. Sono questi i cardini dell'intesa siglata tra Ascoli Calcio ed Alma Juventus Fano. Si tratta di una trattativa che andava avanti ormai da mesi tra le due società e, con l'ufficialità della riammissione in terza serie...leggi
20/07/2019

L'Atletico Azzurra Colli non ci sta: "Noi i primi in graduatoria"!

COLLI DEL TRONTO. Non ci sta l’Atletico Azzurra Colli che contesta la graduatoria pubblicata dalla Figc Marche, che la vede relegata alle spalle della Filottranese, attualmente prima in graduatoria, e dunque in pole position per l’eventuale posto lasciato libero in Eccellenza da parte della Pergolese...leggi
17/07/2019

L'Eccellenza di Izzotti: "Equilibrio, ma Anconitana davanti a tutti"

E' senza alcun dubbio uno degli allenatori più in vista nel panorama dilettantistico locale, parliamo di Domenico Izzotti (foto) tecnico che ha diviso la sua carriera tra Marche ed Abruzzo, raccogliendo ovunque grandi successi. Nella stagione che si è appena conclusa ha guidato con ottimi risultati l'Alba Adriatica, nel c...leggi
11/07/2019


"Qui mi sento a casa". A voi mister Sarri nel suo ritiro di Acquaviva

"Ho comprato molti libri, ora mi sono fissato con i gialli”. Maurizio Sarri (nella foto con il sindaco di San Benedetto del Tronto, Piunti) scende poco a San Benedetto del Tronto e quando lo fa non rinuncia a lunghe passeggiate in centro, con tappe immancabili in libreria. Il sito lanuovariviera.it ha incontrato il neo tecnico della Juventus nel suo buen retiro d...leggi
27/06/2019

Francesco Castelli rilancia il Monticelli: Fusco in panchina, Zaini dg

ASCOLI PICENO. Fumata bianca in casa Monticelli che sarà ai nastri di partenza del prossimo campionato di Promozione con un format rinnovato. “La storia del Monticelli non poteva fermarsi, per questo mi sono preso l'onere e l'onore di portare avanti la società”. Esordisce così Francesco Castelli, nuovo ...leggi
26/06/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09633 secondi