Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Fermo


Monterubbianese, la Promozione è il capolavoro di Francesco Romanelli!

Il tecnico biancorosso: "Un'impresa fantastica, arrivata senza snaturarci. La svolta? Le vittorie con Azzurra e Amandola. La dedica? Ad Andrea Attorresi e Roberto Straccia"

MONTERUBBIANO. Una prima volta assoluta. E’ quella che attende la Monterubbianese fresca di impresa per l’accesso in Promozione. “Se pensiamo che il prossimo anno affronteremo Civitanovese e Maceratese mi viene da pensare: ma che abbiamo combinato?”. Sono queste le prime parole ancora incredule di Francesco Romanelli, giovane tecnico monterubbianese doc che ha scritto insieme ai suoi ragazzi e al papà Lorenzo (presidente appassionatissimo) una pagina storica per il club fermano.

Francesco, come hai vissuto questi ultimi 90 intensissimi minuti con il Villa Sant’Antonio?
“Partiamo dai giorni precedenti. Ai ragazzi per tutta la settimana precedente avevo iniziato a dire “gustatevi ogni attimo di questa vigilia e della gara. Giochiamocela fino in fondo e soprattutto godetevela”. Lo hanno fatto veramente al meglio, ci siamo arrivati anche bene. Avevamo anche un piccolo vantaggio psicologico: nella peggiore delle ipotesi ci saremmo giocati lo spareggio. E sono felice di avermela giocata proprio con il Villa Sant’Antonio: erano una delle squadre meglio organizzate del girone e non avevamo, nessuna delle due, il favore di pronostici. Novanta minuti belli e intensi, giocati con pochi calcoli e la voglia di superarsi. Onore a noi ma soprattutto a loro”.

Dopo aver vinto la Seconda categoria, avete sembrato non sentire troppo il salto di categoria. Giusto?
“Lo abbiamo sentito all’inizio perché subito non siamo partiti benissimo ma abbiamo preso presto confidenza e consapevolezza di quello che potevamo fare, in estate abbiamo messo elementi giusti in rosa. Poi a dicembre siamo rimasti in 19, forse un po’ corti: la rosa era buona, la classifica anche e pensavamo fosse sufficiente per il nostro obiettivo di restare in categoria. Non pensavamo di giocarci questo sogno fino alla fine. Per questo, se andate a vedere le presenze, tutti hanno dato un grandissimo contributo, tutti sono stati determinanti”.

Qual è stato il momento decisivo, quello in cui hai pensato “possiamo fare qualcosa di grande”?
“Ci sono state due trasferte consecutive a dicembre, nel giro di pochi giorni, subito dopo finestra di mercato. Mi riferisco a quella in casa dell’Azzurra Mariner vinta 3-2 dopo essere andati sul doppio svantaggio e poi il 2-0 in casa dell’Amandola. Li ci siamo guardati negli occhi e abbiamo capito che ce la potevamo giocare con tutti. Poi è arrivata una serie di risultati utili che ci ha portato in vetta alla fine del girone di andata. Nell’ultima parte di stagione abbiamo anche sciupato tante occasioni per chiudere i conti prima ma anche i nostri avversari ne hanno avute alcune per rimontare, mancandole anche loro”.  

Quel rallentamento finale, cosa è avvenuto secondo te?
“Ci è venuto il braccino: in rosa avevamo alcuni elementi esperti che ne hanno affrontati di momenti decisivi ma anche altri che gare come quelle non le avevano mai vissute. Quando ti trovi a giocarti situazioni simili, alla fine di un campionato così intenso, la pressione la possono sentire tutti soprattutto quando non parti non per vincere. Ai miei ragazzi non so però cosa poter chiedere di più: me li abbraccerei e li bacerei tutti quanti. La cosa che mi rende ancora più orgoglioso è che non ci siamo snaturati salendo di categoria: ce la siamo giocata con tutti in Seconda e anche in prima abbiamo continuato a giocarcela a viso aperto senza paura”.

Ed ora cosa vi attende nell’immediato?
“Intanto stasera allenamento e grigliata tra di noi (sorride, ndr) anche se i festeggiamenti ci sono stati e pure molto importanti. Poi andremo avanti con il titolo regionale e poi qualcosa si farà per celebrare questa impresa storica. Mai siamo stati in Promozione ma soprattutto mai ci eravamo neanche salvati in Prima categoria”.

E alzando un po’ lo sguardo, quali difficoltà prevedi per la Promozione?
“I primi due scogli che mi vengono in mente sono l’inserimento degli under in squadra e poi anche la Juniores che da regolamento va fatta, pena la multa. Sarebbe l’ideale riuscire a crearne una ma non avendo settore giovanile forse dovremmo appoggiarci a qualche squadra. In alternativa creare una rosa giovanile con ragazzi del circondario che hanno voglia di crescere che poi è un po’ la fisionomia che cerchiamo di dare anche in prima squadra. Vediamo, ora ci guarderemo bene intorno e decideremo il da farsi”.

A chi vuoi dedicare, in conclusione, questa vittoria?
“Ce ne sarebbero veramente tante: a partire dalla società, al direttore Claudio Salvi, ai miei fantastici ragazzi, a tutti coloro che hanno contribuito in qualche modo al nostro successo e ovviamente alla mia famiglia. Le due dediche cui tengo di più sono quelle ad Andrea Attorresi e a Roberto Straccia, due ragazzi che in vita si sono incrociati con la storia della Monterubbianese e con la mia personale. Questa vittoria è dedicata a loro e anche merito loro perché ci hanno insegnato tanto, aiutandoci ad arrivare dove siamo ora”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 21/05/2019
 

Altri articoli dalla provincia...




Gol in Eccellenza a 18 anni con la San Marco. Il sogno di Frinconi

SERVIGLIANO. Vittoria di grande importanza quella ottenuta sabato scorso dalla San Marco Lorese contro l'Atletico Azzurra Colli, un successo che rilancia la classifica del team di mister Morreale che, dopo un avvio stentato, sembra aver trovato il passo giusto. Protagonista dell'incontro la giovane mezzala classe 2001, Matteo Frinconi (foto), tornato a...leggi
12/11/2019

Quant'è bella giovinezza... Samuele Cisbani titolare a 16 anni

FERMO. Spesso nel calcio, specie dilettantistico, si a la tendenza a credere che lo spazio per i giovani sia sempre più limitato e si preferisca dare maggiore spazio all'esperienza piuttosto che alla gioventù. Potrebbe anche essere vero, ma è vero anche che quando le qualità sono evidenti, non c'è santo che tenga ed anche i più giovani trovano regolarme...leggi
07/11/2019

Zancocchia e il primo hurrà con il Montegiorgio: "Gioia immensa"

MONTEGIORGIO. Pochi giri di lancette al "Carotti" e il Montegiorgio ha subito messo il timbro sulla gara che alla fine porterà tre punti importanti in casa rossoblu contro la Jesina. A mettere la firma, la prima in Serie D della sua carriera, il classe 2001 Nicolas Zancocchia (foto): elpidiense di nascita, proveniente dal settore giovanile della...leggi
04/11/2019

Salvi non ci sta: "Piccoli e all'esordio ma meritiamo rispetto!"

MONTERUBBIANO. Un avvio di stagione difficile per la Monterubbianese, che dopo lo storico approdo nel campionato di Promozione, e la vittoria all'esordio sul campo di Capodarco, si trova ora a fare i conti con una serie di sconfitte che l'hanno fatta precipitare in classifica. Abbiamo voluto sentire il parere del direttore sportivo Claudio Salvi...leggi
29/10/2019


Prima squadra d'Italia di rifugiati e asilanti iscritta alla FIGC!

FERMO. Punta sul sociale e sull'integrazione, ma punta anche a fare bene in campionato. La Save The Youths M.Pacini è una squadra composta da rifugiati, asilanti, volontari della Fattoria Sociale Montepacini e dello Sprar nata nel luglio 2018 e quest'anno iscritta al campionato di Terza categoria G (...leggi
25/10/2019

Bunker Monturano Campiglione: 0 gol subiti in 4 gare. Parla Isidori

Quattro partite sono 360', tra Eccellenza e Seconda categoria ci sono 12 squadre che hanno subito appena un gol: Porto d'Ascoli, Anconitana, Castelfidardo, Vigor Castelfidardo, K-Sport Azzurra, Cupramontana, Monserra, Real Cameranese, Real Porto, Montottone, Torrione e Spinetoli. Ma una, soltanto una, ha la casella dei gol incassati con scritto 0. Ed è p...leggi
08/10/2019

Tre gol e 9 punti: Leonardo Zira fa volare il Monturano Campiglione!

MONTE URANO. Diciannove anni, 5 reti nella passata stagione in Eccellenza con il Porto Sant’Elpidio e una Serie D conquistata sul campo negli spareggi nazionali per Leonardo Zira (classe 2000), attaccante elpidiense che è però ripartito in questa stagione dalla Promozione con la maglia del Monturano Campiglione...leggi
30/09/2019

Vinicius Fernandes Cardoso: ecco un esempio di integrazione nel calcio

I fischi a Lukaku a Cagliari, i cori contro Dalbert in Atalanta - Fiorentina che hanno costretto l'arbitro Orsato a interrompere la gara per tre minuti, insomma, il razzismo è ancora presente negli stadi italiani? In questo periodo si parla molto di immigrazione, razzismo e accoglienza, inevitabilmente anche il mondo del calcio già da tempo è coinvolto.Valenti...leggi
24/09/2019

Simone Mercorelli para un rigore e blinda la porta del Montegiorgio!

MONTEGIORGIO. Il gol del pareggio realizzato da un classe 2000 come Armin Nasic e un giovane numero uno che ipnotizza bomber Fioretti dagli undici metri. Buon punto del Montegiorgio in casa del Real Giulianova, firmato dalla prodezza di Simone Mercorelli, classe 2001, che diventa protagonista bloccando la conclusione dagli undi...leggi
23/09/2019

"Quota 200 gol e Casette d'Ete in alto". Doppio obiettivo di Panti

CASETTE D'ETE. L'anno scorso il Casette d'Ete buttò via il campionato di Seconda categioria alla penultima giornata perdendo incredibilmente in casa contro la Veregra, il San Claudio vinse, vinse anche l'ultima gara e volò in Prima categoria. Il Casette fu costretto a disputare i playoff, ma la storia-promozione si interruppe. Ovvio che la società ripone tu...leggi
16/09/2019

Leonardo Tacchini di primato in primato: stavolta fa poker!

A marzo stabilì un primato: con la maglia dell'USG Grottazzolina segnò per sei partite di fila (e tre regalarono 9 punti). Ora, alla prima giornata del campionato di Seconda categoria G, l'esterno d'attacco Leonardo Tacchini (foto, vedi scheda), classe 1...leggi
16/09/2019

Montegiorgio, sentenza Titone: "C'è entusiasmo ma prima quota 45"

MONTEGIORGIO. Aveva bagnato la prima ufficiale con una doppietta a Recanati in Coppa Italia ma con l’uscita prima del fischio finale per infortunio, ad Agnone era stato spettatore del successo corsaro del Montegiorgio ma ieri si è ripreso la scena (nel ruolo di ex di turno) realizzando il rigore decisivo che è valso il successo contro il Matelica...leggi
09/09/2019

Porto Sant'Elpidio, è di Maio il gol lampo della D: appena 23 secondi!

In gol dopo soli 23 secondi: una rete lampo che ha spianato la strada al Porto Sant’Elpidio nel 4-1 al Giulianova ma che ha anche il record di gol più veloce dell’intera Serie D. Francesco Maio (foto) si è presentato in campionato con una splendida doppietta davanti ai propri tifosi, partendo proprio da quel primo minuto di gara con una rete d...leggi
02/09/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08659 secondi