Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Fermo


Monterubbianese, la Promozione è il capolavoro di Francesco Romanelli!

Il tecnico biancorosso: "Un'impresa fantastica, arrivata senza snaturarci. La svolta? Le vittorie con Azzurra e Amandola. La dedica? Ad Andrea Attorresi e Roberto Straccia"

MONTERUBBIANO. Una prima volta assoluta. E’ quella che attende la Monterubbianese fresca di impresa per l’accesso in Promozione. “Se pensiamo che il prossimo anno affronteremo Civitanovese e Maceratese mi viene da pensare: ma che abbiamo combinato?”. Sono queste le prime parole ancora incredule di Francesco Romanelli, giovane tecnico monterubbianese doc che ha scritto insieme ai suoi ragazzi e al papà Lorenzo (presidente appassionatissimo) una pagina storica per il club fermano.

Francesco, come hai vissuto questi ultimi 90 intensissimi minuti con il Villa Sant’Antonio?
“Partiamo dai giorni precedenti. Ai ragazzi per tutta la settimana precedente avevo iniziato a dire “gustatevi ogni attimo di questa vigilia e della gara. Giochiamocela fino in fondo e soprattutto godetevela”. Lo hanno fatto veramente al meglio, ci siamo arrivati anche bene. Avevamo anche un piccolo vantaggio psicologico: nella peggiore delle ipotesi ci saremmo giocati lo spareggio. E sono felice di avermela giocata proprio con il Villa Sant’Antonio: erano una delle squadre meglio organizzate del girone e non avevamo, nessuna delle due, il favore di pronostici. Novanta minuti belli e intensi, giocati con pochi calcoli e la voglia di superarsi. Onore a noi ma soprattutto a loro”.

Dopo aver vinto la Seconda categoria, avete sembrato non sentire troppo il salto di categoria. Giusto?
“Lo abbiamo sentito all’inizio perché subito non siamo partiti benissimo ma abbiamo preso presto confidenza e consapevolezza di quello che potevamo fare, in estate abbiamo messo elementi giusti in rosa. Poi a dicembre siamo rimasti in 19, forse un po’ corti: la rosa era buona, la classifica anche e pensavamo fosse sufficiente per il nostro obiettivo di restare in categoria. Non pensavamo di giocarci questo sogno fino alla fine. Per questo, se andate a vedere le presenze, tutti hanno dato un grandissimo contributo, tutti sono stati determinanti”.

Qual è stato il momento decisivo, quello in cui hai pensato “possiamo fare qualcosa di grande”?
“Ci sono state due trasferte consecutive a dicembre, nel giro di pochi giorni, subito dopo finestra di mercato. Mi riferisco a quella in casa dell’Azzurra Mariner vinta 3-2 dopo essere andati sul doppio svantaggio e poi il 2-0 in casa dell’Amandola. Li ci siamo guardati negli occhi e abbiamo capito che ce la potevamo giocare con tutti. Poi è arrivata una serie di risultati utili che ci ha portato in vetta alla fine del girone di andata. Nell’ultima parte di stagione abbiamo anche sciupato tante occasioni per chiudere i conti prima ma anche i nostri avversari ne hanno avute alcune per rimontare, mancandole anche loro”.  

Quel rallentamento finale, cosa è avvenuto secondo te?
“Ci è venuto il braccino: in rosa avevamo alcuni elementi esperti che ne hanno affrontati di momenti decisivi ma anche altri che gare come quelle non le avevano mai vissute. Quando ti trovi a giocarti situazioni simili, alla fine di un campionato così intenso, la pressione la possono sentire tutti soprattutto quando non parti non per vincere. Ai miei ragazzi non so però cosa poter chiedere di più: me li abbraccerei e li bacerei tutti quanti. La cosa che mi rende ancora più orgoglioso è che non ci siamo snaturati salendo di categoria: ce la siamo giocata con tutti in Seconda e anche in prima abbiamo continuato a giocarcela a viso aperto senza paura”.

Ed ora cosa vi attende nell’immediato?
“Intanto stasera allenamento e grigliata tra di noi (sorride, ndr) anche se i festeggiamenti ci sono stati e pure molto importanti. Poi andremo avanti con il titolo regionale e poi qualcosa si farà per celebrare questa impresa storica. Mai siamo stati in Promozione ma soprattutto mai ci eravamo neanche salvati in Prima categoria”.

E alzando un po’ lo sguardo, quali difficoltà prevedi per la Promozione?
“I primi due scogli che mi vengono in mente sono l’inserimento degli under in squadra e poi anche la Juniores che da regolamento va fatta, pena la multa. Sarebbe l’ideale riuscire a crearne una ma non avendo settore giovanile forse dovremmo appoggiarci a qualche squadra. In alternativa creare una rosa giovanile con ragazzi del circondario che hanno voglia di crescere che poi è un po’ la fisionomia che cerchiamo di dare anche in prima squadra. Vediamo, ora ci guarderemo bene intorno e decideremo il da farsi”.

A chi vuoi dedicare, in conclusione, questa vittoria?
“Ce ne sarebbero veramente tante: a partire dalla società, al direttore Claudio Salvi, ai miei fantastici ragazzi, a tutti coloro che hanno contribuito in qualche modo al nostro successo e ovviamente alla mia famiglia. Le due dediche cui tengo di più sono quelle ad Andrea Attorresi e a Roberto Straccia, due ragazzi che in vita si sono incrociati con la storia della Monterubbianese e con la mia personale. Questa vittoria è dedicata a loro e anche merito loro perché ci hanno insegnato tanto, aiutandoci ad arrivare dove siamo ora”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 21/05/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Uno sguardo sul calcio marchigiano con Claudio Cicchi

Abbiamo chiesto come ogni anno a Claudio Cicchi (foto), responsabile dell'Area Tecnica del Castelnuovo Vomano nell'Eccellenza Abruzzo, ma profondo conoscitore del calcio dilettantistico marchigiano, un giudizio sui campionati che prenderanno il via a breve. Quest'anno lei è andato al Castelnuovo Vomano. Con quali obiettivi?“I...leggi
30/07/2019

Dall'Eccellenza alla 1^ cat. La nuova geografia del calcio marchigiano

Con la mancata iscrizione della Pergolese al prossimo campionato di Eccellenza, che dovrà comunque essere ratificata dal Comitato Regionale, si modificherà anche la geografia dei vari gironi di Promozione e Prima categoria. Senza voler mancare di rispetto a nessuno, abbiamo provato a fare una simulazione su come potrebbero essere suddivisi gli org...leggi
25/07/2019

L'Eccellenza di Izzotti: "Equilibrio, ma Anconitana davanti a tutti"

E' senza alcun dubbio uno degli allenatori più in vista nel panorama dilettantistico locale, parliamo di Domenico Izzotti (foto) tecnico che ha diviso la sua carriera tra Marche ed Abruzzo, raccogliendo ovunque grandi successi. Nella stagione che si è appena conclusa ha guidato con ottimi risultati l'Alba Adriatica, nel c...leggi
11/07/2019


Un fermano tutto bianconero: Marco Olivieri è della Juventus!

L’attaccante Marco Olivieri (20 anni domenica 30 giugno) è a tutti gli effetti un calciatore della Juventus: la società bianconera ha esercitato il diritto di riscatto versando all’Empoli circa 1 milione di euro. Olivieri ha giocato nelle giovanili dell’Ascoli Calcio svincolandosi in seguito al fallimento della società nel dicembre 2013....leggi
27/06/2019

"Questa è una piazza calda, la Sangiorgese tornerà in alto"

Lo hanno cercato squadre di Serie D ma ha detto sì al nerazzurro, alla Sangiorgese, per ragioni di cuore e di famiglia. "Ci sono già stato 25 anni fa ai tempi del presidente Ricci in Prima categoria quando iniziò una risalita in cui arrivammo a sfiorare anche la serie D arrivando secondi in Eccellenza, ma a quei tempi non c’erano ne i playoff n&eg...leggi
21/06/2019

Agli Europei Under 21 la Spes Valdaso tifa Orsolini!

BOLOGNA. Entra Riccardo Orsolini e l’Italia Under 21 ribalta la Spagna. Allo stadio "Dall’Ara" di Bologna, dove l’attaccante di Rotella è l’idolo di casa, gli azzurrini superano la Spagna per 3 a 1 nella partita d’esordio dell’Europeo Under 21. Le furie rosse sono imprendibili nelle ...leggi
17/06/2019

Dopo la storica Serie D Annarita Pilotti lascia il Porto Sant'Elpidio

PORTO SANT'ELPIDIO. A una settimana dalla vittoria con il Poggibonsi e la promozione in Serie D, Annarita Pilotti (foto) si dimette dalla carica di presidente del Porto Sant'Elpidio. La nota imprenditrice rende noto il voler lasciare il timone della società attraverso una conferenza stampa: "Sono stati quattro anni di successi e soddisfazio...leggi
16/06/2019

Stallone: "Grazie Montegiorgio ma la città di Ascoli ha bisogno di me"

ASCOLI PICENO. Ad un passo dalla panchina del Montegiorgio, per motivi personali legati alla sua attività politica, Nico Stallone (foto) deve rinunciare a guidare una delle squadre dove ha militato in passato e dove ha lasciato un ricordo indelebile. Pubblichiamo la sua lettera di saluto alla città ed alla squadra. "Grazie Montegiorgio, ringrazio ...leggi
15/06/2019

P.S.Elpidio in D, Pilotti in trionfo: "Un sogno che diventa realtà"

Trent'anni dopo il Porto Sant'Elpidio riabbraccia il massimo campionato nazionale dei Dilettanti, e a Poggibonsi è finita con la presidente Annarita Pilotti portata in trionfo. Lei e il tecnico Eddy Mengo gli artefici di questo storico successo. "Sono contento - le parole di mister Mengo - complimenti a...leggi
10/06/2019

A Poggibonsi comincia la festa: Porto Sant'Elpidio in Serie D!

Poggibonsi-Porto Sant'Elpidio 3-1 (andata 0-2)Poggibonsi: Raffa, Mazzolli (31'st De Vitis), Ciolli, Galbiati, Tafi (38'st Ceccatelli), Fatticcioni, Marabese, Miccoli, Riccobono (20'st Bracci), Cicali (9'st Vangi), Motti. A disp. Salvadogi, Zanaj, Veraldi, Verdiani. All. Alessio BifiniPorto Sant'Elpidio: Gagliardini, Frinconi, Stortini, Marziali (12'st Zira...leggi
09/06/2019

"Porto Sant'Elpidio, ora completa l'opera in Toscana". Morreale docet

PORTO SANT’ELPIDIO. Non poteva mancare domenica scorsa, tra l’altro nella sua Civitanova Marche, alla recita finale casalinga del “suo” Porto Sant’Elpidio contro il Poggibonsi. Renzo Morreale (foto) era un tifoso speciale sulle gradinate del Polisportivo. Quella squadra la sente anche un po’ sua, dopo la stra...leggi
04/06/2019

Il Porto Sant'Elpidio vede la D: 2-0 nell'andata con Poggibonsi!

Porto Sant'Elpidio-Poggibonsi 2-0Porto Sant'Elpidio: Gagliardini, Frinconi, Stortini, Marziali (27'st Raffaeli), Marozzi, Monserrat, Panichelli, Palladini (44'st Orazi), Adami, Cuccù (1'st Ceijas), Ruzzier (35'st Zira). A disp. Smerilli, Cantarini, Balestra, Del Moro,Nahi. All. Eddy MengoPoggibonsi: Raffa, Tafi, Mazzolli (30'st Ciolli), Galbiati, De...leggi
02/06/2019

CORNER PLAYER: la soluzione rapida per la tua carriera sportiva

URBANIA. Diventare un campione sportivo è il sogno di tanti ragazzi. Da oggi la strada per avverare questo sogno è un po’ più breve, grazie a Corner Player, una piattaforma online che consente di mettere in contatto, senza mediazioni, squadre e giocatori di qualsiasi sport. La piattaforma, ideata e sviluppata nella March...leggi
10/06/2019

ECCELLENZA. Porto S.Elpidio in finale: piegata ancora la Torrese!

Porto Sant'Elpidio - Torrese 3-0 (andata 3-1)PORTO SANT'ELPIDIO. Ancora una grande prestazione del Porto Sant'Elpidio che bissa la gara di andata (3-1) con un 3-0 al "Ferranti" contro la Torrese. Reti di Ruzzier alla mezz'ora, raddoppio di Cuccù e il sigillo di Zira nel finale. I ragazzi di mister Mengo volano alla finalissima degli spareggi nazion...leggi
26/05/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,19602 secondi