Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


L'ADDIO. Luca Tiozzo saluta Matelica: "Emozionato e sconvolto"

L'annuncio arriva dalla società biancorossa: il tecnico vuole riavvicinarsi a casa e trovare anche nuovi stimoli: "Matelica ci resterà nel cuore: io e la mia famiglia siamo stati accolti in maniera eccezionale"

MATELICA. Notizia a sorpresa sul fronte Matelica dove si dividono le strade con il tecnico Luca Tiozzo (nella foto con il patron Canil) che sceglie di riavvicinarsi a casa, alla sua Chioggia, dopo due stagioni ricche di soddisfazioni.

Mister, si conclude oggi la sua avventura a Matelica, andiamo a ritroso, ci dica quali sono i ricordi più belli e quelli più tristi?
“Sono state due stagioni estremamente emozionanti e il pensiero di andare via è forse l’emozione che mi pesa di più. Porto con me solo momenti belli di Matelica; sono stato accolto, insieme alla mia compagna, in modo incredibile, qui  è nata mia figlia Vittoria, penso sia comprensibile ciò che provo. L’unico momento triste è il rigore ad Avezzano”.

Cosa le rimarrà di più nel cuore di questi due anni vissuti e quali sono le motivazioni che la spingono a lasciare Matelica?
Fare l’allenatore significa mettere passione e avere una motivazione incredibile, in questi due anni ci ho messo tutto me stesso, ho lasciato indietro il resto per concentrarmi esclusivamente nel mio lavoro.  L’anno scorso dopo il rigore sbagliato ad Avezzano, tra la tristezza e il dispiacere, siamo riusciti a convincere il Presidente a ripartire. Ero convintissimo di poter far bene anche se non sarebbe stato facile fare meglio della stagione che si era appena conclusa. Ora Luca Tiozzo se ne va da Matelica con un grande risultato nazionale che è la Coppa Italia di Serie D, non ho vinto il campionato ma sono sicuro di averci messo tutto me stesso. Quella Coppa ha il marchio Canil, come il marchio Matelica, e anche un po’ il mio oltre a quello del direttore sportivo e dei miei ragazzi. Voglio lasciare a Matelica a partire dal Presidente fino a tutti gli abitanti di questa piccola e gentile città un bel ricordo di Luca. Per il mio lavoro, per il ragazzo che penso di essere, per la mia umiltà e lealtà nei rapporti che ho costruito con tutti.

Quale foto sceglierebbe per ricordare Matelica?
“Non ho una foto, ho un album di tutti ricordi bellissimi; io e la mia famiglia saremo sempre grati per ciò che è stato fatto per noi, sarebbe stato più facile rimanere, qui si sta bene, non ti manca niente, tutti ti stanno vicino e rispettano ciò che fai. Adesso per me è giunto il momento di avere nuovi stimoli per cercare di fare sempre meglio, anche se ovunque io vada non sarà semplice ripetere quanto fatto a Matelica, ma voglio provarci. Sono venuto qui ed ho conosciuto persone che poi, con il tempo, sono diventate amiche, fratelli o sorelle, questa è la grande difficoltà che provo nell’andare via. Io me ne andrò con tutto il Matelica e Matelica nel cuore, in primis il Presidente che mi ha dato la possibilità di vivere questa grande avventura, ma ci tengo a dire grazie a tutti, non faccio i nomi perché potrei riempire pagine intere di giornali nominandoli tutti. Sono emozionato e sconvolto, io e la mia famiglia ringraziamo davvero tutti, porteremo ognuno di quelli che abbiamo conosciuto nel nostro cuore”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 05/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



UFFICIALE. La Sangiustese trasloca al Polisportivo di Civitanova

Con la documentazione inviata e validata è arrivata l'ufficialità. La Sangiustese giocherà le gare interne del prossimo campionato di Serie D al "Polisportivo" di Civitanova Marche. La vicenda che durava da diversi mesi si è conclusa quindi con il trascolo dei rossoblù di Monte San Giusto in riva all'Adriatico.&nb...leggi
13/07/2019

UFFICIALE: Riparte il Muccia targato Foligno!

MUCCIA. Da una riunione tenutasi ieri sera è scaturita la tanto attesa fumata bianca, sia pure tra tante difficoltà il Muccia Calcio riparte. Grazie alla fattiva collaborazione dell'Amministrazione Comunale e di alcuni imprenditori locali, la squadra di calcio che nelle ultime stagioni ha orgogliosamente lottato nel campionato di Prima categoria, riuscendo an...leggi
12/07/2019

L'Eccellenza di Izzotti: "Equilibrio, ma Anconitana davanti a tutti"

E' senza alcun dubbio uno degli allenatori più in vista nel panorama dilettantistico locale, parliamo di Domenico Izzotti (foto) tecnico che ha diviso la sua carriera tra Marche ed Abruzzo, raccogliendo ovunque grandi successi. Nella stagione che si è appena conclusa ha guidato con ottimi risultati l'Alba Adriatica, nel c...leggi
11/07/2019


Scuffia, voglia di Pro: "Ma la regola Under penalizza i portieri over"

Nelle Marche ha difeso la porta di Maceratese (la squadra della propria città) ed Ancona, e dopo aver spiccato il volo verso la Fiorentina è stato in altre piazze importanti fra cui Catanzaro, Lecce e Rimini. Stiamo parlando di Tommaso Scuffia (foto), portiere di 27 anni, nelle ultime due stagioni protagonista con il Roccella Jonica di al...leggi
09/07/2019

Civitanovese, Rosati: "Troppa improvvisazione. E a Profili dico..."

Ha portato il Trapani in Serie B, poi ha salutato perchè è cambiata la proprietà e sono subentrate logiche politiche che non gli sono piaciute. Ha ripreso l'aereo ed è tornato a casa. Vive a Carpi, spesso anche a Cupramarittima, il suo nome è dinastico, Gianni Rosati (foto): suo padre Armando portò la Civitanovese per la p...leggi
08/07/2019

Torna la S.S. Maceratese 1922

MACERATA. Rinasce ufficialmente la Società Sportiva Maceratese 1922 la gloriosa compagine nata 97 anni fa che ha scritto la storia del calcio di Macerata. Ieri mattina infatti, nel corso di una conferenza stampa, i simboli, i colori, le denominazioni e il logo della storica società, sono stati consegnati dal sindaco Romano Carancini, a titolo g...leggi
06/07/2019


Addio alla maglia viola dopo 11 anni: Gianluca Cesari saluta Montefano

MONTEFANO. Il Montefano perde un pezzo di storia. Dopo undici anni saluta il sodalizio viola Gianluca Cesari. “E’ stata dura prendere questa decisione, ma dopo 11 anni finisce questa splendida avventura, vissuta sempre con grande entusiasmo – dice Cesari - E’ stato un onore aver indossato questa maglia ed è stato facile aver da...leggi
24/06/2019

A Muccia finisce un'epoca. La squadra non si iscriverà al campionato!

MUCCIA. Finisce un'epoca per il Muccia, la gloriosa squadra che nelle ultime stagioni ha militato con successo nel campionato di Prima categoria, agguantando anche una storica partecipazione in Promozione, non si iscriverà al prossimo campionato. Questa la decisone che la dirigenza ha deciso di adottare, sia pure a malincuore, rendendosi conto che non su...leggi
24/06/2019

Ultima apoteosi della stagione: Moie Vallesina in Promozione!

Da Loreto Diego CartechiniAlle 18,54 del 22 giugno del 2019 l'urlo di gioia del Moie Vallesina che batte un rimaneggiatissimo Corridonia e vola in Promozione! Ultimo atto della stagione di Prima categoria, al "Salvo D'Acquisto" si affrontano per lo spareggio che decreterà l'ultima squadra che salirà nel campionato di Pr...leggi
22/06/2019

Canil traccia il futuro: "A Macerata un grande progetto provinciale"

MATELICA. Il Matelica 2019-2020 si è presentato alla stampa con staff tecnico e collaboratori (il ds Francesco Micciola, l'allenatore Francesco Battistini, il direttore tecnico Alberto Virgili, la direttrice generale Roberta Nocelli, il responsabile dell’area scouting Stefano Serangeli) ma più che alla prossima stagione di ...leggi
20/06/2019


"La Serie C? Impossibile farla a Matelica". Canil apre a Macerata...

MATELICA. La decisione di non presentare la domanda di ripescaggio al campionato di Serie C trova la riposta. A darla è il numero uno del Matelica, Mauro Canil (foto). Il presidentissimo, alquanto esplicito, indica la strada da seguire qualora si volesse provare il grande salto. “Ho sempre detto, e lo ripeto, che dobbi...leggi
13/06/2019

Campionato e Nazionale, per Luca Cicconetti "anno indimenticabile"

Anno da incorniciare questo 2019 per Luca Cicconetti (foto), centrocampista classe 2001, cresciuto nel vivaio del Tolentino. Prima la vittoria del campionato di Eccellenza proprio con il Tolentino, poi la convocazione in maglia azzurra e la partecipazione a due competizione prestigiose come il Roma Caput Mundi e il Trofeo "Dossena"...leggi
12/06/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,10256 secondi