Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


L'ADDIO. Luca Tiozzo saluta Matelica: "Emozionato e sconvolto"

L'annuncio arriva dalla società biancorossa: il tecnico vuole riavvicinarsi a casa e trovare anche nuovi stimoli: "Matelica ci resterà nel cuore: io e la mia famiglia siamo stati accolti in maniera eccezionale"

MATELICA. Notizia a sorpresa sul fronte Matelica dove si dividono le strade con il tecnico Luca Tiozzo (nella foto con il patron Canil) che sceglie di riavvicinarsi a casa, alla sua Chioggia, dopo due stagioni ricche di soddisfazioni.

Mister, si conclude oggi la sua avventura a Matelica, andiamo a ritroso, ci dica quali sono i ricordi più belli e quelli più tristi?
“Sono state due stagioni estremamente emozionanti e il pensiero di andare via è forse l’emozione che mi pesa di più. Porto con me solo momenti belli di Matelica; sono stato accolto, insieme alla mia compagna, in modo incredibile, qui  è nata mia figlia Vittoria, penso sia comprensibile ciò che provo. L’unico momento triste è il rigore ad Avezzano”.

Cosa le rimarrà di più nel cuore di questi due anni vissuti e quali sono le motivazioni che la spingono a lasciare Matelica?
Fare l’allenatore significa mettere passione e avere una motivazione incredibile, in questi due anni ci ho messo tutto me stesso, ho lasciato indietro il resto per concentrarmi esclusivamente nel mio lavoro.  L’anno scorso dopo il rigore sbagliato ad Avezzano, tra la tristezza e il dispiacere, siamo riusciti a convincere il Presidente a ripartire. Ero convintissimo di poter far bene anche se non sarebbe stato facile fare meglio della stagione che si era appena conclusa. Ora Luca Tiozzo se ne va da Matelica con un grande risultato nazionale che è la Coppa Italia di Serie D, non ho vinto il campionato ma sono sicuro di averci messo tutto me stesso. Quella Coppa ha il marchio Canil, come il marchio Matelica, e anche un po’ il mio oltre a quello del direttore sportivo e dei miei ragazzi. Voglio lasciare a Matelica a partire dal Presidente fino a tutti gli abitanti di questa piccola e gentile città un bel ricordo di Luca. Per il mio lavoro, per il ragazzo che penso di essere, per la mia umiltà e lealtà nei rapporti che ho costruito con tutti.

Quale foto sceglierebbe per ricordare Matelica?
“Non ho una foto, ho un album di tutti ricordi bellissimi; io e la mia famiglia saremo sempre grati per ciò che è stato fatto per noi, sarebbe stato più facile rimanere, qui si sta bene, non ti manca niente, tutti ti stanno vicino e rispettano ciò che fai. Adesso per me è giunto il momento di avere nuovi stimoli per cercare di fare sempre meglio, anche se ovunque io vada non sarà semplice ripetere quanto fatto a Matelica, ma voglio provarci. Sono venuto qui ed ho conosciuto persone che poi, con il tempo, sono diventate amiche, fratelli o sorelle, questa è la grande difficoltà che provo nell’andare via. Io me ne andrò con tutto il Matelica e Matelica nel cuore, in primis il Presidente che mi ha dato la possibilità di vivere questa grande avventura, ma ci tengo a dire grazie a tutti, non faccio i nomi perché potrei riempire pagine intere di giornali nominandoli tutti. Sono emozionato e sconvolto, io e la mia famiglia ringraziamo davvero tutti, porteremo ognuno di quelli che abbiamo conosciuto nel nostro cuore”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 05/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Massimo Ciocci, cuore nerazzurro: non dimentica l'amico Alberto!

"Amici per sempre..." ha postato il 30 dicembre 2018. E in quella foto stava con Massimo Ciocci, ex golden boy dell'Inter (memorabile la sua doppietta nel 4-2 alla Roma del 27 marzo 1988), originario di Corridonia (MC). Nei giorni scorsi ha scosso tutti la vicenda personale di Alberto Rivolta, ex difensore dell’Inter dei record guidata da Giovann...leggi
15/10/2019

Le 900 panchine. Il Comandante Giuseppe Santoni sempre presente!

POTENZA PICENA. Quando si raggiungono le 900 panchine in carriera ed ancora c'è davanti una lunga strada da percorrere, significa che si è fatto e si sta facendo qualcosa di davvero importante. Nella gara del campionato di Promozione B di ieri tra Potenza Picena e Monterubbianese, Giuseppe Santoni (foto) ha potuto festegg...leggi
14/10/2019

Il Sindaco di Monte S.Giusto Gentili entra a gamba tesa su Pantanetti

MONTE SAN GIUSTO. Il sindaco di Monte San Giusto Andrea Gentili (foto a sinista) interviene per replicare all’ex patron della Sangiustese, Antonio Pantanetti (foto a destra), che ha additato il primo cittadino come principale responsabile per il trasloco in riva all’Adriatico del sodalizio rossoblù (...leggi
12/10/2019

"Monaco, Giovannini, Iachetta". I giocatori top di Luca Pavoni

PORTO RECANATI. Viaggia meglio fuori casa il Portorecanati (guarda la rosa) ma è giunta l'ora anche di raccogliere punti al "Monaldi", di fronte al pubblico amico, anche se il prossimo avversario non è dei più facili: arriva l'Atletico Ascoli. "E' una delle squadre più forti ma ci faremo trova...leggi
10/10/2019

Andrea Agnetti è tornato: prima gara da titolare e subito tripletta!

TREIA. Molti lo ricordano ancora con le maglie di Pollenza, Helvia Recina, Montefano e Elpidiense, poi la scelta personale di scendere in Terza categoria e quest'anno risalire in Seconda: contro la Belfortese era alla sua prima partita da titolare e lui ha ripagato con tre gol e (primi) tre punti per la sua squadra. Questa la storia di Andrea Agnetti (foto) e dell'Abbad...leggi
08/10/2019

Bonacci come Florenzi: segna il gol e corre a festeggiare con il nonno

MONTEFANO. Davvero un gran bravo ragazzo Simone Bonacci (foto), che oltre ad essere un bomber spietato, ha dimostrato di avere un grande cuore, quando è corso a bordo campo per festeggiare la segnatura insieme al nonno Luigi, costretto in carrozzina. Decisiva la sua doppietta nel successo ottenuto dal Montefano contro l'Atletico Gallo Colbordolo...leggi
07/10/2019


Sentite Canesin: "La mia tripletta dedicata a mia moglie e al Ds"

Ci sono nomi di giocatori che in fase di calciomercato corrono sulla bocca di tutti gli addetti ai lavori. Ti serve un attaccante vero? Prendi Filippo Canesin e vai sul sicuro. E se a 31 anni, dopo caterve di gol tra Cluentina, Helvia Recina, Moglianese e Filottranese, non può accettare categorie diciamo importanti è solo per motivi di lavoro, che lo costringono a...leggi
03/10/2019

Al Tolentino è scoccata l'ora di Matteo Bucosse. "Ragazzo di talento"

TOLENTINO. E’ scoccata l’ora di Matteo Bucosse (foto) al Tolentino. Il portiere 16enne prelevato l’estate scorsa dal Montemilone Pollenza ha debuttato domenica scorsa in campionato al "Della Vittoria" in occasione della partita con il Vastogirardi. “Seguivamo Matteo – afferma il presidente del club cremisi&n...leggi
01/10/2019

Iazzetta sempre in gol: "Ho fatto la C, al Telusiano scelta di vita"

Una doppietta in Coppa Marche con la Veregra FC, una rete con la Palombese, una con la Vigor Macerata e un’altra con il San Ginesio. Ciro Iazzetta (foto) ci ha preso gusto. Il capitano del Telusiano (Seconda categoria girone F) è andato a segno (quasi) sempre da quando è iniziata la stagione ufficiale. Il gol da parte dell’ex Lega Pro ...leggi
30/09/2019

"Un posto in Serie C per chi vince la Coppa Italia di D"

Una proposta concreta da un uomo di calcio che sa il fatto suo: "Serve dare un obiettivo forte, come un posto in Serie C, perché la Coppa Italia di D sia molto più attrattiva". Alessandro Cossu (foto), direttore generale della Sangiustese, dalle colonne de Il Resto del Carlino detta la ricetta per rivitalizzare una competizione che spesso h...leggi
27/09/2019

Massucci fa poker: "Bene i gol ma conta di più l'Elfa"

TOLENTINO. Nell'Elfa Tolentino che viaggia a punteggio pieno nel girone F di Seconda categoria, spicca lo score di Riccardo Massucci (foto), autore sabato scorso del poker decisivo, con il quale la squadra di mister Eleuteri ha espugnato il terreno della Palombese. Non nuovo a questo tipo di marcature, abbiamo avuto il piacere di senti...leggi
23/09/2019


Stile Senigagliesi: "Meritavamo di perdere. E bravo Mengo"

Un allenatore si giudica da certi particolari (De Gregori docet)... e a uno come Stefano Senigagliesi (foto) non manca di certo l'onestà intellettuale. In Sangiustese - Porto Sant'Elpidio (terminata 1-1) il migliore in campo è il portiere Chiodini e il tecnico dei calzaturieri in sala stampa ammette ampiamente che i...leggi
22/09/2019

Armellini: il 'gigante buono' che fa crescere i portieri rossoblu

MONTE SAN GIUSTO. I successi della Sangiustese passano anche dal sapiente lavoro del 'gigante buono' Andrea Armellini (foto) che, con grande passione, sta riscoprendo una tradizione marchigiana nella scuola portieri.Una scuola che, con Piero Persico, indimenticabile preparatore degli estremi difensori della Samb (Tacconi, Zenga, Ferron, Chimenti e Bo...leggi
17/09/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,30297 secondi