Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


LA STORIA. Ciro Hosseini Varde'I: "Io, dal Tolentino all'Armenia"

Ha iniziato nel 2013 nella società cremisi con Pagliari e Gesuelli, dal gennaio 2018 è il preparatore atletico del Pyunik, squadra che giovedì affronterà ai preliminari di Europa League il Wolverhampton dell'ex Milan Cutrone

"Lavorare con Raffaele Gesuelli è stato molto formativo, è un periodo che ricordo volentieri". Un lustro dopo eccolo preparatore atletico del Pyunik, squadra professionistica armena che giovedì sfiderà il Wolverhampton dell'ex Milan Patrick Cutrone ai preliminari di Europa League. Ne ha fatta di strada Ciro Hosseini Varde'I, 29 enne di Tolentino che nel 2013 iniziò da tirocinante al Tolentino Calcio con Ivo Pagliari. Tre anni in cremisi tra settore giovanile e scuola calcio e poi l'incarico di preparatore atletico nella Juniores provinciale di Gesuelli.
Mamma italiana e papà iraniano, la sua famiglia gestisce il Bar Jolly di Tolentino.
"Tutto è iniziato grazie al Tolentino Calcio - ci racconta via telefono dall'Armenia - poi ho deciso di prendere un dottorato all'Università di Urbino". Da lì l'ingresso alla K-Sport, azienda fondata dal montelabbatese Mirko Marcolini che monitora partite ed allenamenti dal punto di vista tecnologico con l'utilizzo di telecamere, Gps e magliette sensorizzate. "Qui sono stato due anni - prosegue - ho fatto dal consulente fino al testing dei nuovi prodotti e dell'hardware".
Ed eccoci al contatto con il Pyunik, la squadra più titolata dell'Armenia con 14 campionati nazionali vinti e 8 coppe in bacheca. "Hanno acquistato del materiale ma volevano che uno dell'azienda svolgesse sul posto due mesi di formazione, sono andato io, alla fine mi hanno proposto di restare e ricoprire il ruolo di preparatore atletico... dal gennaio del 2018 sono qui a Yerevan, capitale dell'Armenia".

Meno di tre milioni di abitanti, un terzo dei quali residente nella capitale Yerevan, l'Armenia è un'ex repubblica sovietica situata nella regione montuosa del Caucaso, a cavallo tra Asia ed Europa. Confina con la Turchia a ovest, la Georgia a nord, l'Azerbaigian e la repubblica de facto dell'Artsakh (già Nagorno Karabakh) a est, l'Iran e l'exclave azera del Nakhchivan a sud. "Mi trovo bene, la società mi ha messo a disposizione un abitazione, con l'Italia siamo due ore avanti come fuso orario, il clima è continentale e accettabile - racconta - a livello calcistico si stanno facendo progressi importanti, sia dal punto di vista tecnico che di impianti sportivi. La società ha di recente una nuova proprietà e l'impulso verso una ulteriore professionalizzazione è notevole, l'accesso al terzo turno dei preliminari di Europa League ne è una dimostrazione. Un altro esempio sono i luoghi dei ritiri: noi li abbiamo fatti in Turchia, a Cipro... La lingua? Inizialmente avevo un traduttore a disposizione, con l'allenatore attuale Alexander Tarkhanov che non parla inglese comunico in russo".

La rosa è formata prevalentemente da calciatori armeni, presenti 4-5 russi, 2 macedoni, un ucraino... ci sono elementi di qualità, su tutti spicca Erik Vardanyan con un passato al settore giovanile del Barcellona poi rientrato in patria per problemi fisici. La Serie A armena è formata da 10 squadre, sette sono della capitale, in Armenia ci sono alcuni stadi di livello, quello di Yerevan contiene circa 15 mila spettatori e giovedì contro il Wolverhampton si annuncia il tutto esaurito. "Il campionato, come quello russo, si ferma nel periodo invernale e a dicembre ne approfitto per tornare a Tolentino - conclude Ciro - poi ritorno ancora verso maggio/giugno, il volo non è diretto, si fa scalo a Mosca o in Turchia". Hajoghut’yun Ciro! (In bocca a lupo!).  

 
Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 06/08/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Arbitro e giocatori con la stessa divisa! Ma queste regole chi le fa?

Tra le nuove regole che ogni tanto piovono sulla testa delle squadre dilettantistiche, questa volta vorremmo segnalarne una ai nostri affezionati lettori che crediamo sia tra le più cervellotiche. Da questa stagione i direttori di gara hanno l'obbligo di indossare la giacchetta di un solo colore, un verde tipo evidenziatore, che crediamo tutti abbiano av...leggi
11/11/2019

Fascia di capitano a Sem. Il Tolentino dà un calcio al razzismo

Le fasce di capitano a Mateus Ribeiro Dos Santos da una parte ed a Sem Bedias Kamana Ogolong dall’altra. Vastese e Tolentino, che si affronteranno domenica allo Stadio Aragona di Vasto nella partita valida per l’11^ giornata di andata in Serie D girone F, a braccetto, vogliono lanciare attraverso questo gesto un messaggio cont...leggi
07/11/2019


Saimon Carnevali giocatore totale! "Per me le maglie dall'1 all'11"

Attaccante, centrocampista, difensore e all’occorrenza portiere. Saimon Carnevali (foto), 40 anni compiuti, terminata l’esperienza con l’Aurora Treia ha deciso di rimettersi in gioco con la maglia della Folgore Castelraimondo (Seconda categoria F). Nella partita vinta con il Telusiano ha ritrovato anche la via della rete.“E&rsq...leggi
04/11/2019


"Fare il Ds a Macerata era il mio sogno: ora vinciamo il campionato"

MACERATA. “Fare il Direttore Sportivo della Maceratese era il mio sogno. Adesso che si è avverato, punto a vincere il campionato”. Jonathan Proculo (foto) non nasconde le ambizioni della Maceratese. “Secondo me dobbiamo fare attenzione solamente all’Atletico Ascoli – spiega Proculo a IGsport47 – Monturano Ca...leggi
23/10/2019


Arian e Giacomo Vrioni, quando il gol è un vizio di famiglia...

Il gol è un vizio di famiglia a casa Vrioni. Arian (foto a sinistra), attaccante del Fabiani Matelica, continua a fare gol nonostante i 38 anni compiuti (sua è la rete del 3 a 0 con il Mancini Ruggero Pioraco). Giacomo (foto centrale), 21 anni festeggiati da poco, gioca centravanti con il Cittadel...leggi
21/10/2019

Massimo Ciocci, cuore nerazzurro: non dimentica l'amico Alberto!

"Amici per sempre..." ha postato il 30 dicembre 2018. E in quella foto stava con Massimo Ciocci, ex golden boy dell'Inter (memorabile la sua doppietta nel 4-2 alla Roma del 27 marzo 1988), originario di Corridonia (MC). Nei giorni scorsi ha scosso tutti la vicenda personale di Alberto Rivolta, ex difensore dell’Inter dei record guidata da Giovann...leggi
15/10/2019

Le 900 panchine. Il Comandante Giuseppe Santoni sempre presente!

POTENZA PICENA. Quando si raggiungono le 900 panchine in carriera ed ancora c'è davanti una lunga strada da percorrere, significa che si è fatto e si sta facendo qualcosa di davvero importante. Nella gara del campionato di Promozione B di ieri tra Potenza Picena e Monterubbianese, Giuseppe Santoni (foto) ha potuto festegg...leggi
14/10/2019

Il Sindaco di Monte S.Giusto Gentili entra a gamba tesa su Pantanetti

MONTE SAN GIUSTO. Il sindaco di Monte San Giusto Andrea Gentili (foto a sinista) interviene per replicare all’ex patron della Sangiustese, Antonio Pantanetti (foto a destra), che ha additato il primo cittadino come principale responsabile per il trasloco in riva all’Adriatico del sodalizio rossoblù (...leggi
12/10/2019

"Monaco, Giovannini, Iachetta". I giocatori top di Luca Pavoni

PORTO RECANATI. Viaggia meglio fuori casa il Portorecanati (guarda la rosa) ma è giunta l'ora anche di raccogliere punti al "Monaldi", di fronte al pubblico amico, anche se il prossimo avversario non è dei più facili: arriva l'Atletico Ascoli. "E' una delle squadre più forti ma ci faremo trova...leggi
10/10/2019

Andrea Agnetti è tornato: prima gara da titolare e subito tripletta!

TREIA. Molti lo ricordano ancora con le maglie di Pollenza, Helvia Recina, Montefano e Elpidiense, poi la scelta personale di scendere in Terza categoria e quest'anno risalire in Seconda: contro la Belfortese era alla sua prima partita da titolare e lui ha ripagato con tre gol e (primi) tre punti per la sua squadra. Questa la storia di Andrea Agnetti (foto) e dell'Abbad...leggi
08/10/2019

Bonacci come Florenzi: segna il gol e corre a festeggiare con il nonno

MONTEFANO. Davvero un gran bravo ragazzo Simone Bonacci (foto), che oltre ad essere un bomber spietato, ha dimostrato di avere un grande cuore, quando è corso a bordo campo per festeggiare la segnatura insieme al nonno Luigi, costretto in carrozzina. Decisiva la sua doppietta nel successo ottenuto dal Montefano contro l'Atletico Gallo Colbordolo...leggi
07/10/2019



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,11214 secondi