Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


"Per qualcuno non ce l'avrei mai fatta..." Sensi, da Urbania all'Inter

Il calciatore marchigiano dal Sassuolo approda nel club nerazzurro: "E' un sogno che si avvera"

“È un sogno che diventa realtà”. Stefano Sensi, il calciatore nato ad Urbino ma cresciuto ad Urbania approdato all’Inter dal Sassuolo, non sta nella pelle. Centrocampista classe 1995, Sensi si trasferisce al club nerazzurro a titolo temporaneo annuale con diritto di opzione. Alla società emiliana, che nell’affare prenderà il giovane Marco Sala per 5 milioni, andranno 5 milioni per il prestito, con riscatto fissato a 25.
“Ho fatto chilometri e sacrifici – dice Stefano Sensi - ho sorriso, ho pianto. Ho vinto ma ho anche perso. C'era chi diceva che non ce l'avrei mai fatta. E poi c'è chi ha sempre creduto in me. La mia famiglia, la mia Giulia, il mio agente, i miei amici. Ed oggi sono qui. E sono dell'Inter. E non c'è cosa più bella per me. Raccontare e descrivere quello che sento dentro da qualche giorno, è impossibile. Non ci provo neanche. Non sono bravo a parole, preferisco il campo. Il sogno però è appena iniziato e spero che diventi presto realtà, anzi favola. Perché voglio convincere e poi voglio vincere. Non vedo l'ora di entrare alla Pinetina, sudare la maglia nerazzurra, calpestare l'erba di San Siro. Sono felice”.

In un'intervista a Il Ducato, raccontò di sè, ecco il rapporto di Sensi con la sua città natale... 
"Quando ho qualche giorno libero mi fa piacere tornare ad Urbania, i miei genitori e la mia famiglia sono lì. Ma esco poco, preferisco stare tranquillo con i miei amici, gli stessi con cui giocavo a calcio quando ero bambino. Al massimo ci facciamo una passeggiata o andiamo a bere una cosa al bar".

E Urbino?
"Devo dire la verità, a Urbino ci son stato poche volte. Anche perché quando stavo a Urbania avevo 12 anni ed era un po’ presto per uscire e andare in giro. In questi anni ho avuto modo di visitarla insieme ai miei amici e devo ammettere che è una bellissima città".

Che consiglio daresti a un giovane calciatore dell’Urbania che vuole ripercorrere le tue orme?
"Il mio consiglio é quello di dare sempre il massimo e porsi degli obiettivi. Solo in questo modo si può avere la forza mentale di andare avanti e non arrendersi. Consiglio anche di smettere di usare tutte le tecnologie che sono oggi di moda tra i ragazzi: quando ero bambino io passavo il mio tempo a giocare a calcio in un campetto vicino casa, ora la maggior parte dei bambini sta di fronte a cellulari o nuove tecnologie. Forse questa è stata la mia fortuna: avere un campetto e degli amici con cui giocare".

Pensi che piccole realtà come l’Urbania possano essere bacini di talenti del futuro?
Sicuramente si. Nel caso di Urbania secondo me c’è sempre stato un grosso potenziale, anche quando giocavo io c’erano tanti ragazzi bravi. E ancora oggi credo sia così. Quando torno mi capita spesso di seguire l’Urbania e ci sono ottimi giocatori. Quello che ho fatto io lo possono fare anche loro".

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Andrea Cesca il 03/07/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Papà e mister: doppio magic moment per Simone Pazzaglia

Cosa chiedere ad un allenatore di calcio che allo stesso tempo è anche un tenero papà? Ci proviamo: stare in testa alla classifica e festeggiare la maggiore età della propria figlia? Detto, fatto. Simone Pazzaglia (foto) ha assaporato entrambe le sensazioni: la sua Urbania svetta in Eccellenza, sua figlia ha festeggiato 18 anni (...leggi
21/10/2019

La passione batte il dolore: Bonci para un rigore con un dito rotto

Questa storia potrebbe essere raccolta in un libro dedicato ai portieri, i numeri 1 ma anche i 12, quelli che non corrono tanto ma che debbono avere sempre le spalle larghe perché quando gli avversari segnano, beh, la colpa è sempre un po' la loro.Gianluca Bonci (foto), classe 2002, da sempre tesserato Junior Pergolese, terzo portiere della ...leggi
18/10/2019

Portiere para tutto con una mano rotta: stoico Mazzini

In campo per 70 minuti con una mano rotta. In un  ruolo dove le mani sono essenziali. Si tratta di Davide Mazzini (foto), 19 anni, portiere dell’Atletico Gallo Colbordolo. Una storia tutta da raccontare. Sabato scorso il Gallo impegnato a Colli del Tronto aveva il titolare della porta, Lorenzo Cappuccini, squalificato, quindi toccava a scend...leggi
16/10/2019

"I 4 gol a 38 anni? Sto bene, ma più forte di tutti è Mastronunzio"

Quattro gol in cinque partite. Enrico Bartolini (foto), attaccante dell’Atletico Gallo Colbordolo, non si smentisce. La squadra di pesarese comanda la classifica del campionato d’Eccellenza e il suo bomber è vicecapocannoniere nella classifica dei marcatori dietro Salvatore Mastronunzio (a quota 5).“Sta a...leggi
14/10/2019

Lorenzo Elezaj da applausi: compie 19 anni, il giorno dopo fa 3 gol!

Lorenzo Elezaj (foto), classe 2000, proveniente dal Valfoglia e alla prima stagione al Santa Veneranda, ha festeggiato nel migliore dei modi il suo 19° compleanno. In che modo? Siglando una tripletta in casa della Mercatellese! "Vero, il 4 ottobre ho compiuto 19 anni - sottolinea - ma non sono uscito la sera a festeggiare, il giorno do...leggi
07/10/2019


Mariotti: "Atletico Gallo primo a 9 punti? Tutto bene anche con 5..."

Lassù c'è l'Atletico Gallo, sotto le big Anconitana, Vigor Senigallia e Castelfidardo. Dopo tre giornate di Eccellenza ecco la classifica che non t'aspetti: Gallo a punteggio pieno con 9 punti, le altre che hanno riempito anche le caselle "pareggi" e "sconfitte". Ettore Mariotti (foto), da 15 anni direttore sportivo, non ...leggi
30/09/2019

Dalla Serie A della Romania al Lunano, la storia di Gabriel Bosoi

Ha segnato il gol del pareggio per 3-3 in casa del Santa Veneranda, ma la storia di Gabriel Bosoi (foto), giocatore classe 1987 della Romania in forza al Lunano (Prima categoria A), merita attenzione. Gabriel è arrivato in Italia tre mesi fa. La sua storia calcistica inizia a 14 anni nel paese natio, poi il trasferimento in una ...leggi
18/09/2019

Eccellenza 'griffata' Mastronunzio e Rizzato: "No alla C per il Gallo"

E' il 'colpaccio' dell'Eccellenza dopo Mastronunzio al Montefano. Simone Rizzato (foto) da ieri è un giocatore dell’Atletico Gallo. Quasi incredulo il direttore sportivo Ettore Mariotti: "Si allenava con l’Azzurra da qualche settimana di fianco a noi e non avevamo quasi neppure il coraggio di parlarci e fargli la proposta. Poi...leggi
11/09/2019

Alain Pompei c'è! A 42 anni verso le 700 presenze con quattro figli

E' uno dei giocatori più "presenti" nei campionati marchigiani. Fermarsi? Mai. Via e si ricomincia in Seconda categoria col Ponte Sasso. Alain Pompei (foto), 42 anni, si avvia verso le 700 presenze. Marottese di nascita, ha incominciato a tirare calci nel settore giovanile dell’Alma Fano, poi a Lucrezia (nel 1996) in serie D (per tre...leggi
10/09/2019

Alessandro Sperandio, 41 anni e 22 di Atletico Gallo Colbordolo!

E' tra le realtà più piccole dell'Eccellenza e il suo presidente Alessandro Sperandio (foto) vanta un doppio record: è giovane, ha 41 anni, ed è al timone della società da ben 22. "Era il 1997 - racconta Sperandio - al paese non c'era più la squadra, così con un gruppo di ragazzi decid...leggi
09/08/2019

Dall'Eccellenza alla 1^ cat. La nuova geografia del calcio marchigiano

Con la mancata iscrizione della Pergolese al prossimo campionato di Eccellenza, che dovrà comunque essere ratificata dal Comitato Regionale, si modificherà anche la geografia dei vari gironi di Promozione e Prima categoria. Senza voler mancare di rispetto a nessuno, abbiamo provato a fare una simulazione su come potrebbero essere suddivisi gli org...leggi
25/07/2019

Niente iscrizione in Eccellenza della Pergolese: prossimi i ripescaggi

Allo scadere dei termini per l'iscrizione al campionato di Eccellenza 2019/2020, tra le domande giunte al Comitato Regionale Marche non sembra esserci quella della Pergolese. Secondo notizie da varie fonti giunte alla nostra Redazione, sembrano svanite le ultimissime speranze di vedere il nome della U.S. Pergolese 1923 (società con quasi 100 anni di stor...leggi
24/07/2019

Nasce l'asse Ascoli - Fano. A Gaetano Fontana la panchina dell'Alma

Un'accordo di collaborazione per la crescita dei rispettivi settori giovanili e del rafforzamento del rapporto tra le due compagini. Sono questi i cardini dell'intesa siglata tra Ascoli Calcio ed Alma Juventus Fano. Si tratta di una trattativa che andava avanti ormai da mesi tra le due società e, con l'ufficialità della riammissione in terza serie...leggi
20/07/2019

UFFICIALE. L'Alma Juventus Fano torna in Serie C

Il Consiglio Federale si è espresso sul futuro dei campionati di Serie B e C. Oltre ad ufficializzare l'esclusione del Palermo dal campionato cadetto e la conseguente riammissione del Venezia, ha anche decretato gli organici della terza serie per la prossima stagione. Tra queste c'è anche l'Alma Juventus Fano che, dopo la cocente retrocessione di qualche mese fa, ...leggi
12/07/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,26454 secondi