Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Lori dall'Umbria: "Vai Folgore! Ancona? E' nel mio cuore"

Il portiere originario di Castelraimondo gioca in D col Cannara ma segue da vicino le vicende del calcio marchigiano (e delle sue ex squadre)

Mi trovo molto bene al Cannara. La nostra è una squadra giovane, un bel gruppo. La società è ottima, il presidente è una grande persona. Ci sono tutti i presupposti per fare bene”.
Gianclaudio Lori
(foto) racconta così la sua esperienza con la squadra umbra di Serie D. “Il calcio spesso ti pone di fronte a delle scelte, quella di andare al Cannara si è rivelata giusta – spiega il portiere - mi sono riaffacciato nel campionato di quarta serie, adesso mi gioco le mie carte. Abbiamo 11 punti, siamo in una zona di medio-bassa classifica, nel giro di un punto ci sono nove squadre, si fa presto a risalire la china. Il girone è molto livellato, noi puntiamo alla salvezza”.

L’ex numero uno dell’Ancona, originario di Castelraimondo, segue sempre con molto interesse le vicende del calcio nostrano. In particolare la Folgore Castelraimondo, la squadra nella quale è cresciuto, che occupa la prima posizione di classifica nel campionato di Seconda categoria (girone F). “La Folgore è prima, lì ho giocato fino ai Giovanissimi. E’ la squadra del mio paese, mi fa piacere che vada bene, ci sono tanti miei amici che ci giocano”.
E il Tolentino? “Seguo i risultati, non ho avuto più modo di sentire nessuno, sono cambiati tutti i giocatori da quando ero lì a parte Ruggeri, il capitano. E poi conosco Strano, con il quale ho giocato insieme ad Ancona”.
Infine l’Anconitana, che sta incontrando qualche difficoltà nel campionato di Eccellenza. “L’Ancona fa parte della mia vita, sta nel mio cuore. Mi ha dato tanto, se sono un giocatore a 24 anni lo devo all’Ancona. E’ una piazza esigente, vuole sempre il massimo, vuole vincere quando si trova in categorie non consone al proprio blasone. I risultati forse non sono stati pari alle attese in questo inizio di stagione, ma sono sicuro che alla lunga verrà fuori. Per me è la squadra più forte del girone, mi auguro che alla fine vinca il campionato”.
Lori non esclude la possibilità di tornare un giorno a giocare tra i professionisti. “No, assolutamente. Neanche quando sono tornato a giocare con l’Ancona in Prima categoria due anni fa. Sento dentro di me di poter tornare tra i professionisti. Adesso sono in Serie D, speriamo che facendo bene si ripresenti questa possibilità”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Andrea Cesca il 30/10/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,06182 secondi