Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Vagnoni dà un dispiacere a Cudini (e al fidanzato della figlia Kevin)

Il tecnico di Monsampolo del Tronto vince il derby tutto marchigiano delle panchine. E anche Candellori "soccombe" al suocero!

Roberto Vagnoni (foto al centro) regala il primo dispiacere della stagione a Mirko Cudini (foto a sinistra). E, ironia della sorte, anche al fidanzato della figlia Greta, Kevin Candellori (foto a destra), ex della partita come lo stesso Cudini. Nel derby tutto marchigiano delle panchine la spunta il tecnico di Monsampolo del Tronto. Il San Nicolò Notaresco (Serie D girone F) sbanca il “Nuovo Romagnoli” di Campobasso, conquista i primi 3 punti in campionato e guarda con rinnovata fiducia al futuro.

Roberto Vagnoni, un cecchino sui calci di punizione da giocatore, soprannominato Cacetta (“In passato ogni casata aveva un soprannome, a mio padre dicevano Caciò, quindi io Cacetta” spiega) racconta lo sgambetto al blasonato Campobasso: “Venivamo da una settimana difficile. La settimana prima avevamo buttato via la vittoria contro il Vastogirardi. La società è voluta correre ai ripari, abbiamo fatto degli acquisti mirati. La partita con il Campobasso aveva un significato particolare, se fosse arrivata una sconfitta sarebbero aumentati i malumori, l’anno scorso la squadra aveva collezionato cinque vittorie in altrettante partite all’inizio. Abbiamo offerto una prova di carattere, i ragazzi hanno interpretato bene la partitaCudini? E' un grande professionista – dice Vagnoni a proposito del tecnico fermano – è molto preparato, è un uomo di calcio, tanto di cappello. Vincere contro la sua squadra è stato ancora più importante e significativo".

Quali sono le squadre favorite per la vittoria finale del campionato? E quale è l’obiettivo del Notaresco?
E’ un campionato livellato, tolte le due o tre squadre che hanno qualcosa in più, tra cui Matelica, Recanatese, Campobasso e Pineto, anche se questi ultimi non hanno avuto una partenza brillante. Non escludo sorprese. Sotto ci sono 13-14 squadre allo stesso livello. Per quanto ci riguarda, i nostri obiettivi ce li dobbiamo creare domenica dopo domenica, mese dopo mese. Mantenere la categoria è l’obiettivo principale, anche se è riduttivo per una squadra che l’anno scorso è arrivata settima. Purtroppo ci sono aspettative, l’ambiente mormora, Notaresco ha 300 tifosi organizzati, si fanno sentire, vivono il calcio con una certa importanza”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Andrea Cesca il 09/09/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,06705 secondi