Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

"Luca Lombardi arriverà in alto". Parola di Daniele Amaolo

Il tecnico di Porto San Giorgio dà uno sguardo al prossimo turno di Serie D e analizza il momento delle squadre marchigiane. E prevede un futuro radioso al 17enne della Recanatese

Per Daniele Amaolo (foto) il prossimo weekend offrirà una chiave di lettura importante sul campionato: "La prossima giornata sarà indicativa per comprendere i rapporti di forza al vertice. Se Recanatese e San Nicolò Notaresco dovessero vincere si profilerebbe una lotta a due fino alla fine, mentre tutto verrebbe rimesso in discussione con i successi di Pineto e Matelica". Amaolo, tecnico di Porto San Giorgio  ex Pineto, Recanatese e Jesina attualmente in stand by, al Corriere Adriatico dà uno sguardo al prossimo turno di Serie D e puntualizza subito una cosa: "Il livello del campionato si è abbassato ma il girone F rimane comunque avvincente".

Mister, come vede Recanatese - Pineto?
"Quando le differenze tra due formazioni sono minime le giocate dei singoli possono risultare determinanti. La Recanatese ha in Pera e Borrelli elementi in grado di risolvere le partite in qualsiasi momento. Mancherà Goretta, ma Padovani si è dimostrato una valida alternativa andando a segno a Fiuggi. Occhio però al Pineto che ha trovato continuità, vanta una difesa di ferro e davanti può farmale con Palumbo, Pippi e Alessandro".

Amaolo si aspettava una Recanatese così lanciata.
"Era difficile prevedere nove vittorie in dieci gare, ma immaginavo che avrebbe lottato per il vertice. Sull’ossatura solida dello scorso campionato, chiuso al terzo posto, sono stati operati ritocchi mirati e il parco giovani è di assoluta qualità".

Non è stato sorpreso dal San Nicolò Notaresco.
"Con giocatori del calibro di Ginestra e Sansovini nessun traguardo è vietato. Al resto ha pensato Roberto Vagnoni che ha plasmato un gruppo granitico, in grado di strabiliare con nove successi di fila".

Cosa pensa del Matelica?
"La partita contro il San Nicolò dirà tutta la verità. Vincendola rientrerebbero in piena corsa anche i biancorossi che hanno già cambiato marcia nelle ultime tre partite, superate in modo convincente. Mister Colavitto sta dando un’impronta precisa alla squadra che domenica si ritroverà di fronte al primo bivio. I cavalli di razza si vedono a lungo temine e sono convinto che ritroveremo presto il Matelica presto lassù".

Come giudica il cammino della Sangiustese?
"Sta andando meno forte dello scorso campionato, ma a lungo andare acquisirà un’identità precisa attraverso il lavoro di Senigagliesi. Le giustificazioni non mancano, a partire dall’esilio a Civitanova e proseguendo con la cessione di fuoriquota validi come Cheddira, Shiba e Santagata. Serve tempo, ma i rossoblù decolleranno presto".

Il Tolentino?

"La vittoria sul Porto Sant’Elpidio potrebbe sbloccarlo. Il tabù del Della Vittoria cominciava a pesare, come le quattro sconfitte consecutive, e serviva una prova di forza per dimostrare di non soffrire la categoria. I gol ritrovati da Minnozzi, sempre a segno nelle ultime tre settimane, saranno un tonico vitale per un attacco che può contare pure sulla classe di Palmieri, sul quale ho sempre creduto dai tempi della Recanatese".

Un giovane che ha impressionato Amaolo...
"Luca Lombardi della Recanatese (foto piccola), un 2002 che ha classe e personalità da vendere. A 17 anni ancora da compiere, giocare con quella autorità nel centrocampo della capolista non è da tutti. Non sembra nemmeno un fuoriquota: se continuerà così arriverà in alto".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/11/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,07989 secondi