Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


Atletico Ponterosso: "Gara sospesa, ma nessuno ha toccato l'arbitro"

VIGOR CAMERANO-ATLETICO PONTEROSSO SOSPESA SUL 2-0 al 68’

VIGOR CAMERANO (3-4-3): Perazzi; Forconi, Rapagnani, Libardi; Carella (50’Braconi), Angeletti, Moriconi (57’Domenichetti), Casciotta; Leggieri, Barbaresi (65’Calcabrini), Pasqualini 12 Felicetti 16 Biagioli 17 Marzocchi 18 Ripanti All. Rinci

ATLETICO PONTEROSSO(4-3-3): Sabbatinelli; D’Angelo (47’Socci), Balzani, Marconi, Monopoli; Di Michele (56’Ceesay), Vaccari, Gregori; Sica (46’Carnevali), Consolazio, Cesauri 12 Sampaolo 13 Lazzarini 14 Moroni 18 Mancini All. Niccolaini

ARBITRO: Grossi di Pesaro, Voto: 4 (nel primo tempo dà un rigore che ci può stare poi non espelle due della Vigor per plateali falli di reazione. Nel secondo tempo ci sta l’espulsione di Carnevali ma non quella di Cesauri che poi sul referto scompare ed al suo posto segna, errando ancora, Monopoli. Giuste le espulsioni nell’intervallo del mister di casa per proteste e nel finale di Balzani per proteste. Inspiegabile ed assolutamente esagerata la sospensione della gara che l’arbitro ha giustificato sentendosi minacciato dagli sguardi di alcuni giocatori e del pubblico. Una cosa mai vista, un arbitro che ha dimostrato di non essere all’altezza anche quando, in un clima di assoluta calma ed amicizia tra le due squadre, a gara ormai finita e risultato acquisito, ha fatto intervenire ben 6 Carabinieri e non ha riconsegnato le distinte se non in presenza dei suddetti, visibilmente sbalorditi tanto che il medesimo si è addirittura fatto scortare da due pattuglie verso casa tra l’ilarità dei presenti sconcertati da uno spettacolo che non si era mai visto)
ASSISTENTE 1: Nisi di Ancona, voto: 8
ASSISTENTE 2: Belogi di Ancona, voto: 8

RETI: 19’ Pasqualini(V) su rigore; 60’ Braconi(V)

NOTE: giornata soleggiata e calda, spettatori circa 90, partita sospesa al 68’ per timori dell’arbitro ingiustificati. Recupero nel primo tempo: 3’

AMMONITI: Barbaresi, Pasqualini e Moriconi(V); Di Michele e Carnevali(A)
ESPULSI: al 45’ il dirigente/mister Spina(V) per proteste, al 62’ Carnevali(A) per proteste, al 68’Cesauri(A) per gioco falloso( il giocatore in realtà non ha toccato l’avversario); a gara terminata Balzani(A) per proteste

CAMERANO (AN)- Si può retrocedere, si può perdere, ma passare da delinquenti che vogliono bastonare un arbitro che sbaglia quasi tutto NO, NOOOO, NOOOOO! La società dell’Atletico Ponterosso non ci sta perché al campo di Camerano non è successo nulla, nessuno ha tentato di bastonare l’arbitro, nessuno lo ha assediato, nessuno gli è corso dietro col pugno alzato. Il delitto si consuma in modo vergognoso per colpa di una giacchetta nera che usa due pesi e due misure facendo perdere le staffe agli ospiti che si sentono defraudati da decisioni assurde ed incomprensibili. Sarebbe ora di finirla con questi arbitraggi non all’altezza di partite che valgono una stagione perché si può capire che queste categorie non meritino arbitri di serie A ma nemmeno gente che chiude gli occhi quando e come vuole per poi riaprirli per episodi meno gravi senza avere gli attributi per portare a termine gare come questa.

Questo articolo vuole gridare allo scandalo anche contro quei giornalisti web e non che pompano notizie fasulle sui loro siti descrivendo fatti da far west mai avvenuti e gonfiati malamente.
I Carabinieri accorsi invano (un maresciallo, un appuntato e quattro carabinieri), erano visibilmente stupiti di una chiamata, a dir loro, inutile e si mostravano visibilmente sbalorditi per l’eccessivo ed ingiustificato allarmismo creato, tanto che chiedevano clamorosamente i documenti alla sola terna arbitrale.
Nessuno deve osare a far passare una innocente, sia pur perdente, società come un branco di violenti e minacciosi teppisti.
Ma passiamo ai fatti:
a parte le reti e le poche azioni degne di nota, succede che al 28’ sull’1-0 per i padroni di casa, l’attaccante Barbaresi reagisce alla arcigna marcatura di Marconi e lo spinge con violenza con ambo le mani facendolo ruzzolare a terra, ma l’arbitro invece di espellerlo lo ammonisce.
Ugualmente, dopo appena sei minuti, al 34’, è la volta di Pasqualini a reagire alla marcatura di Di Michele, sotto gli occhi di ambo le panchine e del guardalinee Nisi, con una violenta e secca gomitata che colpisce il centrocampista verdeazzurro alla tempia sinistra, costringendolo a terra per alcuni minuti, ma l’arbitro non espelle il Pasqualini ma lo ammonisce.
Nell’intervallo l’arbitro espelle il dirigente Spina per proteste ma nella ripresa continua nel suo uso tutto particolare dei cartellini con due pesi e due misure.
Al 62’ prima ammonisce giustamente Carnevali ma poi lo espelle quando chiede spiegazioni dicendogli che si sentiva minacciato dal suo sguardo……ogni commento lo lasciamo al lettore.
Appena 6’ dopo al 68’ espelle Cesauri che tenta, ma non ci riesce, di colpire l’avversario con una entrata pericolosa eppoi sul referto scriverà che invece ha espulso l’innocente Monopoli.
La squadra va tutta allora a protestare per questa ingiusta e ravvicinata espulsione e l’arbitro rimane impassibile senza dare spiegazioni.
Allora un giocatore dell’Atletico, per richiamare la sua attenzione, gli tocca due volte la spalla destra con due dita(indice e medio) e lui emette immediatamente il triplice fischio dirigendosi verso gli spogliatoi e dicendo di sentire minacciata la sua incolumita’ anche perché qualcuno da fuori lo guardava male……
Beh, Signori, si può perdere ma essere additati dei delinquenti minacciosi senza aver fatto nulla questo è semplicemente vergognoso ed ingiusto.
Un arbitro vero espelleva subito il giocatore e lasciava la squadra in 8 continuando impavidamente la partita!
Anche quelli della Vigor li per li rimangono increduli della decisione tanto da iniziare a festeggiare solo dopo un paio di minuti….
Nessuno dell’Atletico ha poi toccato l’arbitro che, tra alcune comprensibili ulteriori proteste, si è diretto negli spogliatoi asseragliandovisi dentro, in modo pavido e incomprensibile.
I giocatori ospiti, sconsolati e muti, senza urla ed escandescenze che ci si poteva aspettare non hanno fatto nulla di nulla tanto che i Carabinieri, arrivati dopo poco, si sono detti stupiti dell’allarme che gli era stato inutilmente procurato.
La cosa non finirà qui perché l’Atletico Ponterosso retrocede a testa altissima ma non tollererà che sia infangato il suo nome in qualsiasi modo, sito, giornale e sede e ricorrerà alle contromisure legali del caso.
Parlando della partita, la Vigor ha segnato su rigore al 19’ per fallo di Di Michele che ha trattenuto Leggieri leggermente e il vigorino è crollato a terra fulminato, ma il rigore poteva anche starci e lo ha realizzato Pasqualini con un tiro verso l’incrocio destro.
In precedenza al 14’ una bella incursione di Cesauri ha procurato un bel passaggio per Consolazio il cui tiro secco è stato parato ma non trattenuto da Perazzi e poi la palla è stata spazzata via.
Al 15’ Pasqualini in diagonale aveva preso il palo interno alla sinistra di Sabbatinelli.
Al 40’ altro errore dell’arbitro quando Cesauri, entrato in area spalla a spalla con un difensore locale, poteva tirare a botta sicura se lo stesso arbitro non gli avesse fischiato l’inesistente fallo( per regolamento spalla contro spalla con pallone a distanza di gioco non è fallo, regola 12).
Al 60’ poi la Vigor ha raddoppiato con un bel tiro da fuori area di Braconi ed al 63’ Barbaresi in contropiede è stato fermato da una pronta uscita dai pali di Sabbatinelli.
Una annata dunque sciagurata per l’Atletico Ponterosso, dovuta dai mancati acquisti estivi, le defezioni dei giocatori più importanti che si sono infortunati o che hanno avuto problemi di lavoro o che sono voluti andar via a novembre, la difficoltà di reperire sostituti a novembre, alcuni errori degli arbitri e anche gli errori che la squadra ha commesso.
La Vigor Camerano ha ottenuto una salvezza alla fine anche meritata ma sicuramente facilitata dalle mancate espulsioni dei suoi due attaccanti nel primo tempo.
Ora all’Atletico non rimane che fare ricorso per errore tecnico (espulso Cesauri anziché Monopoli), protestare in Figc affinchè arbitraggi del genere non accadano più e sperare in un ripescaggio che potrà avvenire solo per forti defezioni di iscrizioni dato che, grazie alle altre perle della arbitra Gagliardi di due anni fa, per regolamento gli è preclusa la domanda di ripescaggio…..
Una gara così doveva essere commentata solo con il motto “senza parole”, ma di fronte alle diffamazioni non si poteva non raccontare.

(FONTE: ATLETICO PONTEROSSO)

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 27/05/2018
 

Altri articoli dalla provincia...










Anconitana sull'ottovolante: eguagliato il record del 1934-'35

ANCONA. L'Anconitana, con la vittoria di Filottrano (0-3), ha eguagliato il record delle 8 vittorie di fila stabilito nel campionato 1934-'35. Nell'allora Prima Divisione (la vecchia Serie C) l'Anconitana-Bianchi totalizzò 8 successi consecutivi piegando Sora (4-2), Sulmona (2-0), Ballator Frusino (2-1), Campobasso (2-0), Manfredonia (4-2), Taranto (1-0), Cerignola (...leggi
12/11/2018

MERCATO. L'attaccante Juba Ghanam si aggrega all'Anconitana

ANCONA. L'Anconitana sta lavorando nel monitoraggio dei fuoriquota da poter inserire in prima squadra nella riapertura del mercato di dicembre. Su quest'ottica è stato aggregato al gruppo di mister Nocera l'attaccante marocchino Juba Ghanam (foto), classe 2000 di proprietà del Gubbio ma scoperto qualche anno fa dalla Terza categoria....leggi
09/11/2018






MERCATO. Il Villa Musone tessera Giulietti. Cingolani ai saluti

La società Villa Musone comunica di aver tesserato l'esperto portiere Gabriele Giulietti (foto sx): il giocatore ha alle spalle un lungo curriculum. Ha calcato diversi palcoscenici importanti del calcio marchigiano nella sua carriera, tra le altre Vigor Senigallia, Biagio Nazzaro, Tolentino tra serie D ed Eccellenza. Negli ultimi anni ha vestit...leggi
05/11/2018


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,64365 secondi