Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Fermo


Porto Sant'Elpidio. Successo al 4° convegno de "Gli Amici di Graziano"

PORTO SANT'ELPIDIO. Bellissima serata quella di giovedì scorso nel ricordo di Graziano Colotti, protagonista di molte attività sportive e culturali nel territorio, scomparso ormai da cinque anni; una figura che un gruppo di allenatori di calcio che con lui hanno condiviso il suo impegno soprattutto nel settore giovanile (il gruppo appunto degli “Amici di Graziano”), vuole ogni anno ricordare attraverso un incontro con esperti, colleghi e ragazzi che praticano questo sport.

Si è iniziato leggendo un breve messaggio inviato dal giornalista Gigi Garanzini, uno dei tanti personaggi che Graziano aveva invitato ad incontri che organizzava e con cui era poi rimasto in contatto. Garanzini ne ha ricordato il carisma e la passione e, accomunandolo al grande Mino Favini, lo ha definito come uno di quelli che vedeva il calcio “dalla parte delle radici”.

Poi si è dato il giusto spazio all’ospite di quest’anno, Eraldo Pecci, indimenticato protagonista di una stagione calcistica, quella tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, più volte ricordata appunto nel corso della serata con una certa nostalgia, perché decisamente diversa da quella che stiamo vivendo oggi. D’altra parte il secondo libro di Pecci, Ci piaceva giocare a pallone. Racconti di un calcio che non c’è più, libro da cui sono stati tratti molti spunti nel corso dell’incontro, già dal titolo sottolinea proprio questo senso di nostalgia per uno sport che ha perso oggi alcune di quelle caratteristiche proprie del “gioco” che nei decenni passati lo rendevano così semplice e popolare.

Su questo tema, in un dialogo mai banale né scontato con la giornalista Marta Bitti e con Guglielmo De Feis, insegnante di Cultural Intelligence presso il Settore Tecnico di Coverciano, Pecci ha più volte ribadito che non tutti i cambiamenti devono essere valutati negativamente e soprattutto che il calcio non è estraneo a quanto succede attorno; se la società è cambiata radicalmente, se gli input e le opportunità che si danno ai ragazzi oggi sono diversi da quelli di un tempo, se la cultura sportiva e non nel mondo di oggi ha altri punti di riferimenti ed altri valori, non ha senso accusare proprio il calcio di essere responsabile di queste trasformazioni. Certo è, e su questo tutti hanno convenuto, che oggi questo sport è meno appassionante di allora, e soprattutto meno divertente per i ragazzi che vi si avvicinano, e questo forse è il vero problema.

Le risposte e le riflessioni di Eraldo Pecci sono state ravvivate da aneddoti e ricordi personali, molti dei quali decisamente divertenti, relativi a situazioni, eventi e personaggi che ha incontrato nella sua carriera di calciatore. Pecci ha avuto grandi allenatori come Radice, con cui vinse il famoso scudetto del Torino del 1976 e che, come sottolineato da De Feis, prima di altri aveva portato in Italia diverse innovazioni tecniche, tattiche ed atletiche, seguendo quel vento di cambiamento che all’inizio degli anni Settanta era incarnato da Cruijff e dal calcio olandese. Ha fatto parte poi della magnifica spedizione italiana guidata da Enzo Bearzot ai mondiali d’Argentina nel 1978. Ha giocato con o contro tutti i grandi di quei decenni, da Rivera a Riva, da Pulici a Graziani, da Antognoni a Scirea, da Zoff a Tardelli, fino a Maradona e Pelè. E su ognuno di loro ha saputo raccontare storie sempre ricche di ironia, umanità e rispetto, senza fanatismi e faziosità.

Particolarmente bello il ricordo del rapporto con Maradona, che, al di là di tutte le valutazioni positive e negative che su di lui sono state fatte, di tutto l’amore e l’odio di cui è stato oggetto, al di là delle qualità calcistiche, nelle parole di Pecci è emerso come un ragazzo sempre disponibile con tutti e sempre pronto a riconoscere, lui che in assoluto era il più bravo di tutti, il valore e l’importanza degli altri compagni. Forse perché, come proprio Pecci ha voluto sottolineare, i più grandi sono sempre i più disponibili. Ai giovani calciatori presenti Pecci ha voluto poi ricordare valori come il rispetto dell’avversario, dell’allenatore, dell’arbitro, ed anche soprattutto dei compagni; perché proprio quel senso della condivisione e della collaborazione che si impara nello spogliatoio è poi un valore che ci si porta dietro tutta la vita.

Così come ha voluto ribadire l’importanza del ruolo degli allenatori dei settori giovanili. Per darne un’idea, oltre alle bellissime pagine dedicate al ricordo di quelli che ebbe nelle giovanili del Bologna (Cervellati, Vavassori, Mazzanti), basta rileggersi un passo del suo ultimo libro: “Con il tempo e l’esperienza mi sono convinto che l’allenatore deve essere bravo con i giovani che vedono l’istruttore come una figura importante, quasi come un genitore, quando loro devono formarsi, o con i giocatori con molti difetti, perché è su quelli che può lavorare e incidere davvero. […] Credo che un giorno ci dimostreremo davvero intelligenti se, quando un allenatore dovesse vincere uno scudetto o una Coppa dei Campioni, lo “promuovessimo” responsabile del settore giovanile. Credo anche che quel giorno non arriverà, ma è così che la penso.”

In platea molti allenatori, molti ragazzi delle squadre giovanili, genitori, dirigenti, amici ed appassionati, che hanno posto domande e proposto ulteriori considerazioni. Grazie a loro e alla verve di Eraldo Pecci, romagnolo dalla battuta pronta e dall’intelligenza viva, l’incontro è risultato sempre partecipato e coinvolgente. Per concludere un doveroso ringraziamento va a Marta Bitti e Guglielmo De Feis, interlocutori acuti e preparati, alla Croce Verde di Porto Sant’Elpidio che ha ospitato la manifestazione, alla famiglia di Graziano Colotti che come ogni anno ha partecipato all’incontro, e ai tanti “amici di Graziano” che hanno collaborato e che anche con questi eventi vogliono continuare a ricordarlo.
(Gli Amici di Graziano)

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 27/05/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Amichevole al "Tamburrini": Montegiorgio - Fermana 3-4

MONTEGIORGIO-FERMANA 3-4MONTEGIORGIO (4-3-3): Mercorelli (1’ st Marani); Lattanzi (1’ st Tassetti), Ferrante (16’ st Monti), Gnaldi (1’ st Baraboglia), Di Nicola (16’ st Rozzi); Alighieri (16’ st Emiliozzi), Omiccioli (16’ st Mennecozzi), Trillini (1’ st Mejias...leggi
14/08/2019

La nuova società della Sangiorgese Calcio si presenta alla città

PORTO SAN GIORGIO. Si è svolta presso lo chalet Le Gall la presentazione del nuovo sodalizio della Sangiorgese Calcio, pronta a ripartire con entusiasmo dalla Prima Categoria. Presenti il nuovo presidente Angelini, lo staff e le istituzioni locali  tra le quali il Sindaco Nicola Loira. A partecipare anche la modella Sara Croce, che ...leggi
10/08/2019

Porto Sant'Elpidio di scena a Sarnano contro lo Spezia Calcio

Amichevole di lusso per il Porto Sant'Elpidio. La compagine di mister Eddy Mengo, già al lavoro per la nuova avventura in Serie D, disputerà un test amichevole a Sarnano contro lo Spezia Calcio, squadra di Serie B in ritiro proprio nel comune maceratese. Appuntamento allo stadio "Maurelli" lunedì 29 luglio alle ore ...leggi
27/07/2019

Mundal Beach Soccer: Italia a punteggio pieno dopo due giornate

PORTO SANT'ELPIDIO. Grande spettacolo anche nella seconda giornata con un gli spalti pieni e due partite molto combattute. La serata si è aperta con Bielorussia – Marocco, partita che ci ha messo ad entrare nel vivo, per un equilibrio che si è rotto sul finire del primo tempo con la giocata di Trofin, imitato poi ad inizio di seconda frazione da Suhovey. Il Marocco ...leggi
26/07/2019

Italia e Portogallo aprono alla grande il 10° Mundial elpidiense

PORTO SANT'ELPIDIO. Gol e spettacolo nella serata inaugurale del Mundial Beach Soccer elpidiense, giunto alla decima edizione. Ancora una volta il calcio sulla sabbia non ha tradito le attese dei tantissimi accorsi nell’arena dell’ex Orfeo Serafini. Emozioni sin dalla prima partita dove al vantaggio inziale della Bielorussia con Suhovey ha poi risposto un Po...leggi
25/07/2019

Il Montegiorgio lancia la campagna abbonamenti al costo di 100 euro!

MONTEGIORGIO. E' partita ufficialmente la prima campagna abbinamenti per il Tamburrini da parte del Montegiorgio in Serie D. La squadra rossoblu infatti giocherà interamente il suo campionato nello stadio amico e, per questo motivo, ha deciso di prevedere prezzi indubbiamente popolari. Da un lato per premiare anche per l'affetto il pubbl...leggi
24/07/2019

Il saluto di Giovannini all'Amandola: "Il lavoro mi porta in Abruzzo"

Dopo la decisione di lasciare l'Amandola per accasarsi all'Atletico Lempa, Prima categoria Abruzzo, Dennis Giovannini (foto) saluta con affetto la società ed i suoi ex compagni di squadra.“Mi piange il cuore scrivere queste parole. Volevo ringraziare il presidente Treggiari, il DS Abrami, tutta la società e infine tutti gli sp...leggi
22/07/2019

Alle porte il secondo "Memorial Andrea Attorresi"

“Come spiegherei ad un bambino che cosa è la felicità?” Non glielo spiegherei, gli darei un pallone per farlo giocare”. Parole di Eduardo Galeano, giornalista e scrittore sudamericano, parole che valevano anche per Andrea. Il calcio ha sempre fatto parte della sua vita e ricordarlo in un rettangolo verde è stata la prima idea. Scontata, immediata, efficace...leggi
18/07/2019


Dopo due grandi stagioni Alessandro Mattioli lascia la Monterubbianese

MONTERUBBIANO. E' stato sicuramente uno degli assoluti protagonisti del calcio dilettantistico fermano e ascolano, grazie alla sua grinta, voglia e oltre 40 reti ha contribuito in maniera determinante a due promozioni consecutive. Dopo due stagioni indimenticabili termina il rapporto tra Alessandro Mattioli (foto) e la Monterubbianese. L'attaccante cla...leggi
03/07/2019


AMATORI UISP. Fermo: sabato si assegnano i 3 trofei stagionali

Il Campionato Uisp di calcio, promosso dal Comitato di Fermo, si prepara a celebrare il suo atto conclusivo. Si svolgeranno sabato quasi in contemporanea le 3 finali che assegneranno i trofei della stagione 2018-2019.Il programma delle gare prevede alle 17 impianto "Mandolesi" di Porto San Giorgio, finale del Trofeo Francesco Tarulli...leggi
06/06/2019


PRIMA D. Il play-off è dell'Amandola. Piegato il Real Virtus Pagliare

Amandola – Real Virtus Pagliare: 3-1AMANDOLA: Galizi, Tassi, Angelini (87’ Fratini), Testa, Senghor, Trasatti, Kuinxhiu, Minnucci (30’ Mercatanti), Maccari, Marcoaldi (24’ Papa Ndiour), Bernabei. All. OttaviREAL VIRTUS PAGLIARE: Capriotti, Bizzarri, Corradetti Giorgio, Volpi (85’ Semplicini), Fioravanti (90’ Baiocchi), Filipponi, ...leggi
01/06/2019

Il Piane MG fa tris: la Grottese va ko e scivola in Seconda categoria

PIANE DI MONTEGIORGIO. Un tris che vale oro quello del Piane di Montegiorgio che brinda alla salvezza nel derby playout contro la Grottese. Decisivo non solo il fattore campo ma la maggiore freschezza e condizione atletica mostrata dai padroni di casa che sono andati in vantaggio nel primo tempo, gestendo al meglio nella ripresa le energie e colpendo due volte ...leggi
01/06/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07719 secondi