Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


image host

Dopo 534 gare, 5 campionati vinti e 72 gol Leo Mancini dice stop!

Grande festa a San Marcello per l'addio del giocatore simbolo. “Volevo concludere qui perché ho una storia particolare con questa società. Nel 2006 dopo una brutta malattia il calcio è stata una spinta importante per guardare avanti"

SAN MARCELLO. Grande festa a San Marcello (Seconda categoria girone D) per l’addio al calcio di Leonardo Mancini. Tanti i tifosi accorsi sugli spalti per salutare Leo in occasione della partita con il Maiolati, terminata sul 2 a 2 grazie ad un gol su calcio di punizione proprio del numero 7 locale, il più atteso. Jesino, classe 1983, Leonardo Mancini ha disputato 534 partite in carriera, segnato 72 gol, oltre 40 dei quali in maglia granata. Ha conquistato 5 promozioni di cui 3 con il Borgo Minonna e 2 con il San Marcello. Al giocatore è stata consegnata una targa celebrativa da parte della società, i tifosi e gli amici hanno indossato una maglia con il numero 7, la sua maglia. “Volevo concludere con il San Marcello perché ho una storia particolare con questa società, per me è stato sempre un ambiente speciale dal punto di vista umano. Negli ultimi due anni ho indossato la maglia da capitano, ho voluto lasciare adesso perché ancora riesco a dare. E’ stata una scelta dolorosa ma definitiva. Penso che sia arrivata nel momento giusto. Sto prendendo il patentino Uefa B, sono orientato ad allenare”.

Leonardo Mancini racconta i momenti più difficili della sua carriera da giocatore.
“Nel 2016 dopo la vittoria del campionato con il Borgo Minonna ho avuto una grave malattia, un tumore alla lingua. Ho fatto un’operazione delicata a Milano, varie terapie, per fortuna è andato tutto bene. Dovevo decidere se smettere o andare avanti. Il calcio è stata una spinta importante, ho deciso di tornare a San Marcello, ho fatto altri due anni alla grande, senza infortuni. Ho cambiato anche ruolo, quando ero più giovane facevo l’esterno di centrocampo, dopo sono passato trequartista e poi la mezzala”.

Al San Marcello hanno molto apprezzato le doti umane di Leonardo Mancini.
Penso che oltre al giocatore hanno apprezzato più di tutto il lato umano. Non sapevo che avevano organizzato questa bella festa. Sono molto legato all’ambiente, San Marcello è un paesino dove tutti si conoscono, io ero uno di quelli che dopo la partita andava sempre al bar. Con la gente del paese si è creata questa empatia”.

19 anni di calcio in prima squadra, più tutta la trafila nelle giovanili. L’ultima giornata di campionato in Seconda categoria è in calendario domenica prossima, il San Marcello sarà in trasferta a Monsano.
“Io non gioco. La partita ha scarsa rilevanza per la classifica. E poi la mia ultima partita doveva essere a San Marcello. Dovevo finire qui e così è stato”.

Un rapporto particolare con l’allenatore Ennio Bozzi.
“Mi ha allenato 13 anni, debuttai con lui al Borgo Minonna nel settembre del 2000. Quando sono tornato dalla malattia il destino ha voluto che al rientro in campo lo trovassi da avversario. Qualcuno lo ha definito il mio padre sportivo, io non l’ho mai chiamato mister. Mi ha tenuto sempre sulla corda, non mi ha mai concesso niente. Con lui ho vinto quattro campionati”.

I tifosi del San Marcello avevano esposto lo striscione con 71 gol, alla fine del primo tempo, dopo la rete su calcio di punizione. hanno dovuto aggiornarlo. Una persona speciale Leonardo Mancini.
“Tanti anni fa seguivo un ragazzo portatore di handicap, era il fratello di un mio caro amico. Andavamo a vedere tutti gli eventi sportivi a Jesi, lo portavo con me qualche pomeriggio. Lui si era talmente legato che veniva a vedere tutte le mie partite. Lo scorso settembre è scomparso, è stata costituita l’associazione Mi Piglia che raccoglie fondi per promuovere lo sport dei disabili. Il ricavato della partita è andata in beneficenza”.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da Andrea Cesca il 15/04/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



A 50 anni fa il suo esordio in Prima Categoria

Siamo nel girone B di Prima Categoria, 9^ giornata, la gara è Sampaolese-Montemarciano (finita 0-4). Al minuto 80 entra per la squadra locale un giocatore classe 1971. E' Rossano Gagliardini, che a 50 anni, compiuti lo scorso 13 luglio, non ha smesso con la sua passione da calciatore. Già tesserato in passato con la Sampaolese e c...leggi
23/11/2021

In porta a 54 anni? Chiedetelo ad Andrea Giacconi (Largo Europa)

Tra le sorprese della quarta giornata del girone D di Seconda Categoria spunta la presenza tra i pali del Largo Europa di Andrea Giacconi (foto piccola). A 54 anni il preparatore dei portieri si è rimesso i guantoni nel derby contro la Junior Jesina (perso per 2-1) dovendo colmare le assenze degli altri due estremi difensori Ver...leggi
19/10/2021

Come fare gol a 42 anni da n°1. Vero Latini? "Ho visto il portiere..."

Ventisei stagioni alle spalle, oltre 700 partite ufficiali tra campionato e Coppa, Andrea Latini, 42 anni, è uno dei giocatori più esperti del panorama marchigiano. Dopo tanti campionati vissuti tra Eccellenza e Promozione, nel calcio post Covid eccolo a difendere i pali dell'Argignano, formazione di Seconda categoria D. Nella vittoria sull'Esanat...leggi
04/10/2021

E' tornato Tomba il para-rigori. "Quanti in carriera? Una ventina"

Il presente si chiama Biagio Nazzaro, lui che a 34 anni può dire con orgoglio di aver difeso i pali delle società più importanti delle Marche: Osimana, Maceratese, Tolentino, Castelfidardo, Ancona. Alla seconda di campionato la sua Biagio è di scena a Grottammare e Alessandro Tomba (foto) sfodera una prestazione coi fiocchi nell'arco dei 90'...leggi
20/09/2021

Roberto Mancini: un marchigiano che ancora oggi farebbe la differenza

Termini quali genio e sregolatezza di solito vengono utilizzati per descrivere l’operato di artisti che in vita si sono distinti per la realizzazione di opere dalla bellezza immortale e al contempo hanno fatto parlare di sé per atteggiamenti che travalicano il consuetudinario; di solito appunto. In questa sede l’impiego di tali vocaboli sarà indispensabile non certo pe...leggi
03/08/2020


Pierandrei come CR7. Gol di testa toccando il cielo!

MARINA DI MONTEMARCIANO. Da ieri sera si fa un gran parlare dello straordinario gol di Ronaldo realizzato nella gara tra Sampdoria e Juventus. A tal proposito l’amico Aldo Nicolini (juventino doc e cantore delle gesta del Marina Calcio), ha postato sul suo profilo Facebook una foto nella quale Riccardo Pierandrei segna una rete di te...leggi
17/12/2019



"Con il gol 194 ho fatto piangere i compagni e la mia famiglia"

Cecchini scambia la palla con Santoni, sulla rasoiata dal fondo si avventa condor Taddei, il piattone è vincente. La Vigor Castelfidardo espugna in extremis il campo del Borghetto grazie alla rete del suo giocatore simbolo. “Avevo paura si spararla sopra la traversa – racconta Giovanni Taddei (foto), attaccante della Vigor C...leggi
28/04/2019

"Ronaldo immarcabile. Mancio? Maglia con fascia da capitano stampata"

OSIMO. Ci sono giocatori che sono stati protagonisti in Serie A, giocato contro i più grandi, ma che a carriera finita sentono il bisogno di tornare a casa e mettersi a disposizione della comunità. Questo è Francesco Bellucci (foto), che dopo 100 presenze (tra A, Coppa Italia e Uefa) e più di 200 in B e una semifinale di Coppa Uefa, è...leggi
07/03/2019



Vagnoni, l'allenatore-regista premiato per il Docufilm "Oltre il gol"

Importante riconoscimento del Coni provinciale di Ascoli Piceno per Ernesto Vagnoni (foto), premiato ieri sera presso l’Auditorium comunale di San Benedetto del Tronto per il Docufilm “Oltre il Gol”, di cui è regista e sceneggiatore con la sua casa di produzione Lux Video. L’altra grande passione di Vagnoni, oltre al...leggi
06/12/2018

Nasce terzino ma a 44 anni non smette di segnare. Fenomeno Giansanti!

ANCONA. Al Pietralacroce 73 è un istituzione. E' alla sua ottava stagione e non ha voglia di fermarsi nonostante le 44 primavere (45 il prossimo 24 gennaio). Michele Giansanti (foto) è così, gioca per il gusto di giocare, segna perchè vede ancora la porta come pochi. Sabato ha realizzato la rete decisiva contro la Real Came...leggi
31/10/2018


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,13755 secondi