Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Fermo


La SIFA Spa dona macchinari agli ospedali di Camerino e Civitanova

L'azienda di Francavilla d'Ete impegnata sul fronte 'emergenza Coronavirus'

FRANCAVILLA D'ETE. “Siamo fermamente convinti che ciascuno debba fare la propria parte, ora più che mai”, esordisce così Luigi Trasarti, Amministratore Delegato di Sifa Spa, azienda con sede a Francavilla d’Ete, nel fermano, e stabilimenti a Mogliano (MC) e Montecarlo (LU).
(NELLA FOTO, DA SINISTRA, I FRATELLI VITTORIO, LUIGI E GIULIANO).
Nei giorni scorsi, dopo aver preso contatti con i dirigenti dell’Area Vasta 3 di Macerata, l’azienda è passata dalle parole ai fatti acquistando direttamente macchinari ed attrezzature destinati ai reparti COVID-19 degli ospedali di Camerino e Civitanova Marche.
“Un piccolo gesto – continua Trasarti – per far sentire concretamente il nostro sostegno ed il nostro ringraziamento agli operatori sanitari che, con commovente abnegazione, vanno quotidianamente oltre il puro dovere professionale, mettendo a repentaglio la loro vita sacrificandosi per chi si trova ad affrontare la malattia in una tristissima solitudine”.
Sifa Spa ha deciso di non fermarsi di fronte alla paura e all’emergenza.
Oltre alla donazione, con un messaggio a clienti e dipendenti, l’azienda ha ribadito con forza il proprio dovere di garantire l’operatività per assicurare i necessari rifornimenti al sistema economico nazionale.
Per questa ragione ha operato una selezione degli ordini in portafoglio, dando priorità ai settori alimentare, farmaceutico e sanitario e posticipando tutti gli altri.
“Desideriamo sopra ogni cosa ringraziare ognuno dei nostri 150 collaboratori – prosegue l’Amministratore Delegato – per la dedizione, spirito di sacrificio e senso di responsabilità con i quali, ogni giorno, partecipano all’attività aziendale consapevoli del fatto che non stiamo semplicemente producendo imballaggi in cartone ondulato, ma stiamo facendo la nostra parte in questa dura battaglia che l’Italia può vincere solo con un grande e generoso lavoro di squadra”.
La Direzione, da parte sua, è impegnata senza sosta affinché le attività lavorative avvengano nella massima sicurezza e nel rispetto di tutti i protocolli vigenti innalzando, dove possibile, le tutele dei collaboratori addirittura al di sopra di quanto stabilito per Legge. Per questo, dopo aver già effettuato la sanificazione degli uffici, nella giornata di sabato 28 marzo si procederà alla sanificazione dei 40.000 metri quadrati di produzione e aree comuni, dei macchinari e di tutte le attrezzature con la collaborazione di un’azienda specializzata e certificata per la sanificazione di ambienti ospedalieri, con l’ausilio di aerosol secco inodore “presidio medico chirurgico” certificato.
Sifa ha inoltre stipulato una polizza assicurativa a favore dei propri dipendenti, valida fino al 31/12/2020, con la previsione di un indennizzo economico personale e di una serie di servizi gratuiti nel caso di contagio da Covid-19. Non è mancata inoltre una particolare attenzione alle famiglie, con un contributo economico per il sostenimento delle spese di baby sitter ulteriore rispetto alla previsione del recente Decreto Legge “Cura Italia”.
"Siamo tutti consapevoli che le settimane, e forse i mesi a venire saranno in salita, ma siamo pronti a fronteggiare ogni difficoltà per continuare ad essere parte attiva e diligente del tessuto imprenditoriale della nostra Nazione.
La Sifa Spa continuerà a produrre, investire ed assumere personale per porre le basi di una ripresa collettiva nei tempi più rapidi possibili. Insieme possiamo farcela, insieme ce la faremo".

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 26/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Torna la paura nelle Marche: terremoto nella notte, scossa 3.6

Notte di paura nel tratto di Marche tra Fermano e Ascolano per una nuova scossa di terremoto. La terrà è tornata a tremare ad Amandola dove già ieri c'erano state avvisaglie. Una scossa di magnituto 3.6 quella di questa notte, regiustrata dall'Ingv alle 4.05 e 38'', che ha svegliato la popolazione ed è stata avvertita fino ad Ascoli. L'epicentro a 4 km a ...leggi
05/05/2020

Bomba d'acqua nel Fermano: allagamenti e fango

SANT’ELPIDIO A MARE. Sono bastati 10 minuti di pioggia scrosciante e una eccezionale grandinata per provocare un fiume di fango che ha invaso la frazione di Casette d’Ete, nella zona vicino al ponte sul fiume Ete morto, già tristemente famoso per l’alluvione del 2011. La colata di fango è partita dalla collina sulla provinciale Mezzina e da lì è sce...leggi
02/05/2020

Coronavirus, Livini: "Vorrei fare i test sierologici a tutti"

FERMO. Comincia la fase 2 anche per l’ospedale "Murri", l’emergenza forte sembra essere ormai alle spalle e si torna a parlare di una timida normalità. Il direttore dell’Area Vasta 4, Licio Livini (foto), parla di una cauta riapertura, visto che siamo ancora in una situazione di assoluta straordinarietà: "Abbiamo obblighi e direttive che ci vinco...leggi
28/04/2020

Positivo al Covid-19, ma va a spasso: denunciato!

FERMO. Nonostante fosse a conoscenza di essere positivo al Covid-19 girava liberamente per strada con il rischio di infettare altre persone. La scoperta è stata fatta nel corso dei controlli da parte dei militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Fermo nell’ambito dei servizi finalizzati anti coronavirus. L’uomo è stato denunciato penalmente e rischia...leggi
23/04/2020

Coronavirus, 40enne fermato si giustifica: "Devo andare a prostitute"

SANT'ELPIDIO A MARE. Lì per lì , dopo un attimo di sconcerto iniziale, agli agenti della Polizia locale di Sant’Elpidio a Mare, impegnati nei controlli stradali giornalieri di questo periodo, uno sghignazzo gli sarà pure scappato nel sentire la giustificazione, addotta con candida schiettezza e sfrontata disinvoltura, dall’automobilista appena fermato in zona Br...leggi
01/04/2020

Tod's: Diego e Andrea Della Valle rinunciano a compensi 2020

Anche Tod's (+2,1% a 29,48 euro) cede all'emergenza Coronavirus e non distribuisce il dividendo 2020. Lo ha deciso il Cda, aggiungendo che l'utile dell'esercizio 2019 sarà interamente destinato a riserva tranne l'1%, per il quale è stata confermata la destinazione a iniziative di solidarietà. Il Presidente ed il Vice Presidente, Diego e Andrea Della Valle, ...leggi
31/03/2020

La foto del sindaco di Fermo per una truffa pro-vaccino Covid-19!

Un programma delle Nazioni Unite che consente di andare in Cina per vaccinarsi contro il Coronavirus. A proporlo, su Facebook, un profilo, rigorosamente falso con la foto del sindaco di Fermo Paolo Calcinaro. Da qui l’appello del primo cittadino di Fermo, quello vero a diffidare da questa truffa: “Attenzione è gravissimo – scrive Calcinaro – stanno usando la mia i...leggi
25/03/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,13831 secondi