Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Fermo


Silveri: "FIGC, AIA e Società devono affrontare la questione arbitri!"

Per il massimo dirigente del Rapagnano è ormai improrogabile un tavolo di confronto fra tutte le realtà interessate per affrontare una questione vitale per lo sviluppo del movimento

RAPAGNANO. Mentre la stagione sta entrando nella sua fase calda e naturalmente decisiva, non possiamo non raccogliere la garbata, ma comunque sentita e ponderata riflessione del presidente del Rapagnano Vitaliano Silveri (foto). Con la sua squadra che sta disputando un eccellente campionato nel girone D di Prima categoria, il massimo dirigente rossoverde ci tiene a confrontarsi anche con le altre squadre del girone in merito alla questione arbitrale.

“Prima di entrare in argomento voglio sottolineare un punto fondamentale – ci dice Silveri – il mio non è uno sfogo dopo la mancata concessione di un calcio di rigore o dopo aver perso una gara per qualche svista, ma vuol essere uno spunto di riflessione nel quale vorrei coinvolgere anche i miei colleghi delle altre squadre. Credo sia sotto gli occhi di tutti che a livello di classe arbitrale vi siano dei problemi, probabilmente legati anche allo scarso numero di ragazzi che scelgono di intraprendere questa strada, ma è chiaro che ormai si sta andando verso orizzonti difficili da interpretare.
Partiamo dalle designazioni, faccio fatica a comprendere... ci dicono: mai arbitri della sezione di Fermo a Rapagnano, ed è giusto visto che siamo a due passi ed evitiamo chiacchiere e dietrologie. Poi vai a giocare a Pagliare e l'arbitro è della sezione di San Benedetto, allora penso che non sono le distanze a fare la differenza, ma altre valutazioni che personalmente mi sfuggono. E' dall'inizio della stagione che notiamo prestazioni non all'altezza della situazione, ma sono almeno 4/5 partite che in mezzo al campo si susseguono un numero tale di episodi incredibili che si fa fatica a contarli. Anche in partite equilibrate e senza particolari episodi fallosi, ormai l'arbitro è sempre il protagonista principale, continui spezzettamenti e fischi spesso inappropriati impediscono lo sviluppo delle azioni, si ferma il gioco per emerite sciocchezze e non si interviene poi su falli anche molto duri o su comportamenti palesemente antisportivi. Faccio un esempio per chiarezza: su un campo grande come il nostro se si incrociano un arbitro di poca personalità ed una squadra avversaria che voglia perdere tempo, si finisce in pratica per non giocare mai. Mi sono preso la briga in alcune partite di cronometrare il tempo di gioco, fermando il cronometro solo quando la palla usciva fuori (quindi senza considerare i tempi morti sui vari di calci di punizione, corner, ammonizioni ecc...), ebbene superiamo di poco l'ora di gioco. In parole povere se ci fosse il tempo effettivo come nel basket, si giocherebbe realmente meno di 45 minuti.

Sulle valutazioni dei falli in area di rigore, credo sia inutile entrare in merito, ogni settimana assistiamo a delle prestazioni che facciamo fatica a spiegare. Parlandone prima delle gare con colleghi e dirigenti delle altre squadre, si nota chiaramente che il problema non riguarda una sola realtà, ma bensì l'intero movimento. Posizionamento in mezzo al campo spesso errato, comportamenti strani, decisioni incomprensibili e frutto di non si capisce quale regolamento e fondamentalmente tantissimi errori. Avete provato a farlo notare? Vi sarete accorti allora che scattano cartellini come se piovesse per i calciatori e multe per le società, motivi per i quali si finisce sempre per non affrontare questi argomenti. E torniamo al discorso di partenza, probabilmente manca la materia prima e giovanotti di belle speranze con poche partite nelle giovanili, vengono subito promossi nelle categorie superiori, non essendo ancora pronti per questo salto in avanti. Sta di fatto che ogni settimana ne vediamo di nuove: scambi di persona, fischio finale con la palla crossata in area e non ancora preda del portiere, calciatori con lividi sulle gambe ammoniti per simulazione e, cosa più grave, errata valutazione sui contrasti. In pratica questi ragazzi non sanno riconoscere un intervento cattivo, da uno duro ma leale, segno evidente che molti di loro non hanno mai giocato al calcio e fanno giustamente fatica a calarsi nella parte.

Vogliamo parlare della condizione fisica? Con il gioco sempre più veloce delle squadre un arbitro poco allenato fa una fatica enorme a seguire l'azione e ad essere lucido nelle decisioni. Parlo di quelli poco allenati, poiché talvolta abbiamo la sensazione che molti di questi ragazzi l'allenamento non lo facciano proprio e nell'ultima mezzora si posizionano sul cerchio di centrocampo, non riuscendo proprio a tenere il passo di gare combattute e ricche di episodi. Se sulle valutazioni si può essere elastici, essendo lasciate alla libera scelta di ogni singolo individuo (anche se esiste un regolamento), ed allora quello che per me è un fallo per te può essere un intervento regolare, quindi accetto la tua decisione pur non condividendola; sull'aspetto fisico il discorso è diverso. L'arbitro è un atleta che ha scelto quel tipo di disciplina e per essere efficiente, come tutti gli atleti, deve prepararsi e mettere il suo corpo nella situazione ideale per svolgere quel tipo di performance. Siamo sicuri che questi ragazzi facciano tutto ciò? Vedendone all'opera alcuni qualche dubbio viene, ma potrei sbagliarmi, potrei valutare con eccessivo pessimismo alcune situazioni, potrei essere accecato dal tifo, ma allora com'è che anche le altre squadre manifestano gli stessi problemi?

A mio avviso - chiude il presidente Silveri - dovremmo trovarci tutti insieme: le società, la Federazione e all'Associazione degli Arbitri per provare a sviluppare l'argomento che, credetemi, è molto meno banale di quanto si creda. Per quanto mi riguarda sono pronto a discutere per trovare una soluzione o quanto meno provare a migliorare alcuni aspetti, perchè se ogni sabato dopo le partite se ne vanno tutti scontenti, sia gli arbitri che i vincitori e i vinti, forse c'è qualcosa in questo sistema che non funziona. E' tutto molto triste, perchè quello che vedo adesso non è il calcio che ho conosciuto ed amato nella mia vita, e in questo momento faccio fatica a riconoscermi in questo ambiente”.



Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 14/01/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Otto espulsioni in una partita? Tutto vero, chiedete al Borgo Rosselli

PORTO SAN GIORGIO. "Otto espulsioni in una partita, non vorremmo che gli arbitri prima di giudicare vedono la classifica...". C'è amarezza nell'ambiente del Borgo Rosselli dopo la partita con il Montottone. Tre giocatori in campo espulsi, altri tre out dalla panchina, più il massaggiatore e un dirigente. "La prima espulsione ci stava tutta, quanto al ...leggi
24/02/2020


Campofilone: Luca Tirabassi taglia il traguardo delle 200 reti

CAMPOFILONE. Un 8-0 non è un risultato di tutti i giorni, ma a renderlo speciale è il traguardo raggiunto da un giocatore simbolo della squadra: in Campofilone - Spes Valdaso (Terza categoria G) il capitano Luca Tirabassi (foto) realizza una tripletta e taglia il traguardo delle 200 reti in carriera (203 per la precisione). Tutta la societ&ag...leggi
24/02/2020

Per Montegiorgio - Campobasso scende in campo... Don Enzo!

MONTEGIORGIO. Per Montegiorgio - Campobasso scende in campo anche ... Don Enzo. L’allenamento odierno ha visto infatti protagonista Don Enzo Nicolini, sacerdote nativo di Montegiorgio, parroco a Sant’Elpidio a Mare, presidente dell’Istituto Diocesano di Sostentamento del Clero e soprattutto super tifoso dei colori rossoblu. Il sacerdote ha voluto s...leggi
21/02/2020

Civitanovese a secco dopo 21 giornate? Chiedetelo a Montenovo

MONTERUBBIANO. Si ferma dopo 21 giornate di campionato l’attacco della Civitanovese. La squadra allenata da Davide De Filippis, che era andata sempre a segno (pure in occasione delle sconfitte), in casa della Monterubbianese viene fermata sullo 0 a 0. Merito anche del portiere del sodalizio fermano, Massimo Montenovo (foto),...leggi
18/02/2020

Infortunio Prioletta: "Non mi arrendo. Il prossimo anno ancora qui!"

MONTE SAN PIETRANGELI. Brutta tegola per il Monte e Torre, compagine del girone G di Seconda categoria, in piena lotta per un posto nei playoff. Nella gara casalinga di sabato scorso, contro una diretta concorrente come il Valtesino, dopo pochi minuti dall'inizio i rossoblu hanno perso per un grave infortunio il loro esperto portiere Diego German Priole...leggi
17/02/2020

La Montottonese affida la guida tecnica a Ronni Salvatori

MONTOTTONE. A poche ore dal ritorno in campo La Montottonese (Terza Categoria G) annuncia la novità in panchina. La società si è separata dallo staff tecnico composto da Walter Saraconi e Paolo Benedetti, affidando la guida tecnica a una vecchia conoscenza come Ronni Salvatori, ex giocatore di diverse compagini del territor...leggi
14/02/2020

Nuova convocazione in Rappresentativa U17 per Riccardo Cantarini

PORTO SANT'ELPIDIO. Ennesima soddisfazione del Porto Sant'Elpidio per il suo giovane calciatore Riccardo Cantarini (foto). Il difensore classe 2003 ha infatti ottenuto una nuova convocazione con la Rappresentativa Nazionale Under 17 LND per un raduno a Castelvetro di Modena agli ordini di mister Calogero Sanfrate...leggi
12/02/2020

Sangiorgese e non solo. Buratti vice allenatore al Torneo di Viareggio

PORTO SAN GIORGIO. E' una Sangiorgese in grande salute quella che si prepara ad affrontare la fase finale del campionato di Prima categoria (girone C). Reduce da un pareggio sul campo dell'Elpidiense Cascinare, abbiamo sentito il tecnico Roberto Buratti (foto). “Non nego che siamo un po' rammaricati dall'e...leggi
12/02/2020


Gentili: "Montegranaro cresce e ora la salvezza è a portata di mano"

MONTEGRANARO. E' un Montegranaro in grande salute quello che sta affrontando il girone di ritorno in Seconda categoria E. Dopo un avvio di stagione un pochino sofferto, la compagine calzaturiera sta finalmente esprimendo il suo potenziale ed è ormai ad un passo da quella salvezza che era l'obiettivo stagionale. Abbiamo fatto il punto insieme al segretari...leggi
11/02/2020


Sako: "Società e tifosi del Rapagnano meritano grandi soddisfazioni!"

RAPAGNANO. Nel Rapagnano saldamente inserito in zona play off nel girone D di Prima categoria, uno dei punti di forza è senza alcun dubbio il difensore centrale Besjan Sako (foto) il quale, arrivato in estate alla corte di mister Silenzi, sta dimostrando tutte le qualità che già erano emerse quando, ancora giovanis...leggi
11/02/2020

Gol pesante di Cingolani: "Un'annata difficile, ci voleva proprio"

CAPODARCO DI FERMO. Conferma le sue qualità la Futura 96 che non fallisce il colpo, forse decisivo, per la salvezza nel girone B di Promozione. La compagine di mister Cuccù vince sul terreno di una diretta concorrente come il Montecosaro, portandosi in una posizione di classifica che lascia ben sperare per il futuro. Match-winner del confronto il ...leggi
10/02/2020

A Petritoli piccolo ma grandissimo gesto di fair-play di Matteo Panti

PETRITOLI. In un calcio che talvolta nei fine settimana propone degli episodi poco edificanti, questa volta vogliamo segnalare un fatto accaduto sabato scorso a Petritoli (Seconda cat. G) dove la squadra locale affrontava il Monte e Torre, nella gara terminata in parità sul risultato di 1-1. L'addetto Stampa del Petritoli Daniele Egidi ha voluto ...leggi
10/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,21148 secondi