Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


image host

Miramontes: "Osimana ambiente ideale. Tutti i giorni in esercizio"

L'argentino dei giallorossi si racconta

OSIMO. Nato a Banfield, vicino Buenos Aires, nel 1981, Matias Miramontes veste da gennaio la maglia giallorossa dell’Osimana e lo fa dimostrando sempre la grande professionalità che lo ha portato a vestire le casacche di importanti clubs, di qua e di là dall’Atlantico. Argentino di nascita, ma dal passaporto italiano, ha frequentato gli spogliatoi della serie A argentina e portoghese e della serie B e C italiana con significative militanze nel Venezia, nella Cremonese, nell’Ancona, nella Triestina e nel Frosinone per poi approdare prima a Civitanova e quindi da quest’anno alla corte di Mobili tra le “5 Torri”.

Parlaci della tua esperienza professionale ad Osimo.
"Sono arrivato a gennaio in un ambiente già formato e ben amalgamato ma non ci sono stati problemi di inserimento. Mi trovo bene perché la società è puntuale e presente ed il feeling è buono sia con i compagni che con il mister. Il progetto Osimana mi interessa e mi piacerebbe poterlo considerare a lungo termine: qui si sta bene, si lavora bene, abbiamo finalmente anche due ottimi campi per allenarci e la società è sempre attiva. Mi piacerebbe poter considerare un progetto più ampio perché qua ci sono i presupposti".

Ti abbiamo visto sia esterno a sinistra che trequartista dietro le punte. Qual è il tuo ruolo preferito tra i due?
"Ho giocato sempre da esterno alto a sinistra, tuttavia d’accordo con il mister abbiamo ritenuto più utile per la causa giallorossa spostarmi dietro le punte in un ruolo che mi consentisse di giocare più palloni e di essere più utile alla squadra. Conosco bene queste categorie e so che stando defilato sulla sinistra si rischia di finire troppo isolato e fuori dal gioco. Stando più in mezzo riesco a prendermi più responsabilità e ad essere più utile alla squadra".

Come mantieni la forma in questo periodo di forzata inattività?
"Allenandomi tutti i giorni. L’ho sempre fatto anche durante la stagione normale. Alla mia età non si può perdere il ritmo e quindi sto tutti i giorni in movimento seguendo tabelle ormai collaudate per il mio fisico. Palestra ed esercizi tutti i gironi per farsi trovare pronti alla ripresa…".

Una ripresa che non si vede…
"Situazione incredibile quella che stiamo vivendo. Restiamo a casa e prendiamo tutte le precauzioni. Bisogna restare calmi. Speriamo di tornare in campo al più presto per lo sprint finale e per arrivare più in alto possibile nella zona playoff. Poi lì tutto cambia perché con partite “secche” tutto può ancora succedere".

(Fonte: Osimana.it, articolo di Carlo Nardi)

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 19/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



I 10 anni dei Portuali Ancona. Pucci: "Ora Juniores e vivaio"

ANCONA. «Essere il presidente dei Portuali Calcio Ancona e, allo stesso tempo, dell’impresa Portuale è un grandissimo orgoglio». Spiega così le sue emozioni per il decennale (aprile 2010- aprile 2020) dei Dockers il presidente Davide Pucci, 44 anni, in carica dal 2018 succeduto a Mirko Pisoni (uno dei fondatori del sodalizio): «Le due realt...leggi
06/04/2020

Rossini (Barbara): "Ora agevolazioni per iscrizioni e tesseramenti"

BARBARA. Fausto Rossini (foto), direttore generale del Barbara, formazione di Promozione A.Come stai vivendo questo momento?"Vivo questo momento chiuso in casa con la famiglia, a parte mia figlia che lavora a Padova e si trova su, nel rispetto delle normative vigenti, sono molto preoccupato di questa situazione e speriamo c...leggi
06/04/2020

"La Vigor Senigallia è strutturata bene: pronti a ripartire"

SENIGALLIA. "Confidando che la crisi passi - afferma il presidente Franco Federiconi (foto) al Corriere Adriatico - possiamo sin d'ora tranquillizzare i tifosi. La Vigor Senigallia ha una struttura affidabile, un grande settore giovanile, una passione intatta, nonostante la crisi tocchi anche noi. Non so dire di che budget disporremo, ma laddove fosse più li...leggi
05/04/2020

Luchetta è categorico: "I campionati non vanno omologati"

Posizione netta quella di Cristano Luchetta (foto), allenatore del Borgo Minonna. "I campionati dilettantistici non devono essere omologati - sottolinea il mister - non ha senso far retrocedere una squadra a 7 gare dalla fine, così come non è giusto promuovere la prima in classifica, chi vince il campionato se lo deve guadagnare sul cam...leggi
31/03/2020

Gianluca Camilletti: "La stagione è finita!"

Il calcio regionale, e non solo, sta vivendo un periodo d’attesa per capire se, e quando, si potrà ricominciare. Mentre in altri sport, come nel basket, si è già deciso di finire l’annata, il panorama calcistico continua a vivere di dubbi ed incertezze, in una situazione che, probabilmente, lascia pochi spazi a tante interpretazio...leggi
31/03/2020

Aldo Clementi: "Favorevole a chiudere la stagione in estate"

SENIGALLIA. E' tornato nella sua Vigor Senigallia a metà gennaio rilevando la panchina di Max Guiducci, neppure il tempo di rimettere in cammino la macchina ed ecco lo stop per il Coronavirus: "In questo momento il calcio inevitabilmente e giustamente è andato in secondo piano - ci dice mister Aldo Clementi (foto) - troppo importante la sfida comu...leggi
30/03/2020

Vigor Castelfidardo, Manisera: "Questa pausa una sensazione di vuoto"

E' a casa come tutti Luca Manisera (foto), tecnico della Vigor Castelfidardo che prima dell'interruzione per l'emergenza Coronavirus navigava al secondo posto (dietro alla Biagio) in Promozione A. "Stiamo vivendo una sensazione nuova - ci dice il tecnico - con la possibilità di dedicarsi anche ad altre passioni rimaste un po' in disparte. ...leggi
30/03/2020

"Congelamento o annullamento? Castelfidardo vuole tornare a giocare"

CASTELFIDARDO. E’ passato esattamente un mese dal comunicato con cui la Lega Nazionale Dilettanti decretava la sospensione di tutti i campionati di calcio regionali per l’emergenza Coronavirus. Un provvedimento che al momento ha scadenza il prossimo 3 aprile, anche se è evidente ormai a tutti – considerando la situazione attuale – che lo stop sarà prolungat...leggi
25/03/2020

Mancini: "Un amico d'infanzia di Jesi è morto di Coronavirus"

Niente Europeo: Roberto Mancini (foto) dovrà aspettare un altro anno per vedere all'opera la sua Nazionale. Intanto, però, ammira l'Italia intera, unita nel dolore e nella sofferenza di questo periodo buio, dominato dall'emergenza Coronavirus. L'Inno di Mameli, il tricolore sui balconi: tutto il paese si fa forza contro la malattia. E il ct, in un'intervista alla ...leggi
22/03/2020

Anconitana, che gol: Marconi assume i calciatori argentini alla Rays

ANCONA. Nella battaglia al Coronavirus è impegnata anche la Rays, l'azienda del presidente dell’Anconitana Stefano Marconi, che proprio in questi giorni sta intensificando i cicli produttivi. Il patron biancorosso, proprio a questo fine, ha deciso di assumere part-time i 5 calciatori argentini tesserati, nella fattispecie Micucci, Trombetta, Giambuzzi, De Sagastiza...leggi
18/03/2020

La Biagio Nazzaro per la raccolta fondi per l'ospedale di Chiaravalle

CHIARAVALLE. La Biagio Nazzaro è in prima fila anche nel sociale. La dirigenza del club rossoblù, guidata dal presidente Cesare Parasecoli, ha contribuito con una donazione alla raccolta fondi promossa per l’emergenza Coronavirus dall’associazione Bricoliamo in favore dell’Ospedale di Chiaravall...leggi
16/03/2020

Fabriano Cerreto, che cuore: raccolti fondi per l’Ospedale di Camerino

Anche il calcio in questa grande emergenza vuole fare la sua parte e il Fabriano Cerreto con i suoi atleti non ci è certo tirato indietro, dando il proprio contributo con una iniziativa benefica. Il fondo cassa interno alla squadra è stato devoluto all’Ospedale di Camerino, individuato come ‘Covid hospital’ per accogliere i pazienti,...leggi
14/03/2020

Borgo Minonna: i soldi dei compleanni all'ospedale di Jesi

"Prima di essere calciatori siamo persone e siamo parte della nostra comunità". Questo il pensiero del Borgo Minonna che ha rinunciato ai tre compleanni del mese di marzo (questa la tradizione della squadra) e devolvere la cifra all’ospedale Carlo Urbani di Jesi. Raccolti 150 euro. Un piccolo gesto dal significato immenso....leggi
12/03/2020

Jesina: la Juniores dona i soldi delle multe all'ospedale "C.Urbani"

JESI. I buoni gesti non si fermano e sono contagiosi. Così anche i ragazzi della squadra Juniores della Jesina hanno fatto una donazione spontanea in favore dell'ospedale "Carlo Urbani" di Jesi, utilizzando il gruzzoletto accumulato con le piccole penali che si infliggono in autonomia per il mancato rispetto delle regole.Un gesto c...leggi
12/03/2020



Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,14962 secondi