Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Confermato l'ergastolo per l'uccisore di Pamela Mastropietro

Ieri nel tribunale di Macerata sono stati ridiscussi i termini della vicenda, Innocent Oseghale ha agito con freddezza e premeditazione per occultare il cadavere

Ieri pomeriggio nel Tribunale di Macerata è stata confermata la condanna all'ergastolo con isolamento diurno per 18 mesi, senza attenuanti, per Innocent Oseghale, il nigeriano di 32 anni, per l'omicidio di Pamela Mastropietro romana di 18 anni, uccisa e fatta a pezzi il 31 gennaio 2018 a Macerata. Dopo quattro ore di requisitoria, il Procuratore generale, ha di fatto confermato la condanna in primo grado.

In aula è stata ricostruita nei dettagli i fatti dall’abbandono della comunità di recupero di Corridonia da parte di Pamela Mastropietri, fino al contatto con lo spacciatore nigeriano. Proprio qui sono arrivare le imputazioni più pesanti: omicidio volontario aggravato dalla violenza sessuale, distruzione e occultamento di cadavere. Infatti, come descritto dagli avvocati di parte civile, il nigeriano con estrema freddezza e premeditazione, avrebbe cercato in ogni modo di occultare i fatti e depistare ogni possibilità di ricostruire l’accaduto anche se i segni sul corpo martoriato della giovane donna sono evidenti.

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 15/10/2020
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,04582 secondi