Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


image host

Protocolli e criticità sul Covid: il Porto Potenza invita a riflettere

PORTO POTENA PICENA. Il rapido peggioramento della pandemia e l’aumento incontrollato di nuovi casi hanno reso necessari, com’è noto, nuovi provvedimenti da parte del Governo. Questi provvedimenti che hanno come intento la tutela della salute pubblica e il rallentamento della corsa del virus hanno però pesanti effetti collaterali sull’attività sportiva, a tutti i livelli. Stanno emergendo infatti problematiche rilevanti che hanno bisogno di interventi mirati e soprattutto tempestivi da parte delle federazioni competenti. L’ASD Porto Potenza Calcio guidato dal presidente Fabio Sacconi (foto) non ha dubbi sul fatto che la FIGC si sia prontamente attivata per sostenere le società in questo momento di grande difficoltà, tuttavia vuole mettere al centro del dibattito alcune questioni che hanno carattere vitale per il regolare svolgimento della stagione in corso.

La prima criticità è quella che riguarda lo strumento del Green Pass rafforzato negli impianti di gioco: dal 10 gennaio tutti i tesserati che abbiano compiuto 12 anni dovranno esserne in possesso per poter accedere al campo. Appare subito evidente come questa norma non crea grosse difficoltà ai campionati senior, dove chi non ha voluto vaccinarsi ha fatto una scelta consapevole e va ad assumersene le conseguenze restando escluso dalla pratica sportiva. Minaccia fortemente invece i settori giovanili: molti ragazzi non hanno infatti ricevuto il vaccino, alcuni hanno appena compiuto l’età per farlo e sono in attesa, altri per scelta dei genitori, altri ancora hanno il ciclo vaccinale incompleto. Risulta complicato garantire il corretto svolgimento dell’attività quando i gruppi vengono spaccati tra vaccinati e non, ma risulta altresì complessa anche la sola attività di controllo che impone procedure rigorose e personale apposito. Ci troviamo in una situazione surreale in cui alcuni gruppi perderanno inevitabilmente dei componenti, altri saranno dimezzati, altri ancora resteranno con un numero talmente esiguo di ragazzi dall’essere costretti a ritirare la squadra dal relativo campionato. Com’è evidente si crea un disagio sociale che va a dividere gruppi di amici e compagni e un parallelo problema di natura sportiva ed economica che mette in crisi l’attività delle scuole calcio e la regolare prosecuzione dei campionati.

Un secondo punto critico è quello riguardante le discrepanze tra protocollo e decreto legge in vigore. Il protocollo FIGC attualmente in uso è stato modificato il 03/12/2021 e sembra non essere particolarmente idoneo a fronteggiare le problematiche che la nuova variante sta mettendo in evidenza. In particolare facciamo riferimento alla procedura di rientro degli atleti dopo aver contratto il virus: attendere 30 giorni, con il numero di casi esagerato che stiamo certificando, per il rientro in campo una volta negativizzati, sembra davvero eccessivo, in particolare per quegli atleti che non hanno manifestato sintomi. Un focolaio all’interno di uno spogliatoio, eventualità purtroppo tutt’altro che improbabile, rischia di compromettere definitivamente il campionato di una società che rispetta pedissequamente suddetto protocollo e le raccomandazioni del ministero della salute cui lo stesso rimanda. Ci si troverà in una situazione paradossale in cui chi decide di attenersi rigorosamente alle norme si troverà enormemente penalizzato a dispetto di chi, in accordo con i propri tesserati, tirerà dritto e farà giocare tutti non appena negativizzati, come avviene nei campionati professionistici.

Pertanto le domande che ci poniamo a questo punto sono le seguenti: è sufficiente lo slittamento dei campionati di 2/4 settimane? Siamo sicuri che finito questo periodo il problema sarà improvvisamente risolto? Come si ha intenzione di mettere mano al protocollo per fronteggiare questa situazione inedita? Come devono regolarsi le società di fronte alle richieste di rimborso dei genitori sulle quote della scuola calcio per chi non vuole vaccinarsi? I campionati giovanili riusciranno a essere portati a termine regolarmente? Come devono essere regolamentati i controlli a fronte delle nuove norme? È giusto che la procedura, e soprattutto i tempi, da rispettare per il rientro in campo di chi ha contratto il virus debbano essere gli stessi indipendentemente dal fatto che un atleta sia stato asintomatico o abbia avuto la malattia in forma severa? Il sistema di spostamento delle gare utilizzato fino a oggi è idoneo a sostenere la situazione attuale nei campionati?

I quesiti che le società si stanno ponendo alla vigilia di questo 10 Gennaio sono tanti, ci auspichiamo che le risposte saranno tempestive e, in particolare, risolutive. Noi con queste poche righe speriamo di aver acceso i riflettori sul problema e di aprire un dibattito costruttivo anche tra le stesse società al fine di far fronte comune a una minaccia che ci tocca tutti indistintamente.

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 07/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Civitanovese a sostegno della Caritas: alimenti ai bisognosi

Oggi la Civitanovese Calcio, mantenendo l'impegno assunto in occasione del Natale di devolvere alla Caritas le risorse non destinate alla tradizionale cena per gli auguri di fine anno, ha consegnato i prodotti alimentari destinati alle famiglie più bisognose del territorio. Ció è avvenuto presso il campo sportivo dove erano presenti i respo...leggi
19/01/2022


MERCATO. La Recanatese si regala Samuele Meloni

RECANATI. Nonostante il primo posto in classifica nel girone F di Serie D ed una squadra che viaggia a gonfie vele, la Recanatese ha deciso di regalarsi un ulteriore rinforzo di mercato. La società giallorossa nel pomeriggio ha annunciato l'arrivo alla corte di mister Pagliari, del terzino Samuele Meloni. Il classe 2003, scuola Roma, nella prima parte di...leggi
18/01/2022


AIAC Marche in lutto per la scomparsa di Luigi Accattoli

Associazione Italiana Allenatori Calcio gruppo regionale in lutto per la scomparsa di Luigi Accattoli, “Gigi” ex arbitro e prezioso collaboratore proprio del Comitato Regionale.Uomo buono e schivo, ma sempre pronto a difendere un collega in caso di difficoltà. Il funerale si terrà oggi pomeriggio (sabato 15 gennaio) alle ore 14,30 press...leggi
15/01/2022

Cluentina, si avvicina il ritorno a Collevario: la gioia di Marcolini

I tecnici del Comune di Macerata hanno iniziato i lavori di completamento delle recinzioni presso il Campo di Collevario. Con tali opere la prima squadra potrà disputare le gare interne presso il Campo di Collevario, a partire dalla data di ripresa del Campionato di Promozione Girone B."Di questo, anche a nome di tutta la società ASD Cluentina Ca...leggi
13/01/2022

MERCATO. Tolentino: ufficiale l'arrivo di Edoardo Bartoli

L’US Tolentino 1919 comunica che il centrocampista Edoardo Bartoli è ufficialmente un nuovo giocatore cremisi. Bartoli classe 2000 ha in passato indossato la maglia dell’Olympia Agnonese, Campodarsego e Lavagnese in Serie D. Le dichiarazioni del giocatore: “Mi sono trovato benissimo e ho sentito sin da subito la fid...leggi
11/01/2022

Covid, salta un recupero di Seconda Categoria

Casi di covid e quarantene continuano a rendere difficile la ripresa delle competizioni ufficiali. Il Comitato Regionale Marche ha disposto il rinvio di un recupero di Seconda Categoria girone E, programmato per il 15 gennaio: "Causa emergenza sanitaria la gara SANTA MARIA APPARENTE/REAL PORTO è rinviata"....leggi
11/01/2022

Lattanzi: "Casette Verdini da play-off, Matelica tra le più forti"

Una campionato di Prima Categoria C iniziato non nel migliore dei modi per il Casette Verdini, che però dopo una serie di risultati utili è tornato in corsa per un posto play-off. L'allenatore Roberto Lattanzi, intervistato a Il Resto del Carlino traccia un bilancio in questo periodo di pausa. "Siamo partiti male, abbiamo accu...leggi
11/01/2022

Amaolo e la D: "Recanatese grande favorita. Il suo punto debole..."

Uno che conosce bene il campionato di Serie D è Daniele Amaolo (foto), tecnico super navigato con esperienze sulle panchina di Grottammare, Maceratese, Morro d’Oro, Angolana, Jesina, Recanatese, Vis Pesaro e Pineto sempre in questo raggruppamento. Amaolo vede favorita la Recanatese. "Credo che si raccolgano i frutti degli anni precedenti graz...leggi
10/01/2022

Papi: "Eccellenza: il mercato degli svincolati sposterà gli equilibri"

E' uno dei più esperti del panorama calcistico marchigiano, autentico intenditore dai trascorsi anche importanti (vedi la Fermana), attualmente è il Ds della Sangiustese. Parliamo di Egidio Papi (foto): "L'Eccellenza è un torneo aperto – sottolinea a Il Resto del Carlino – forse qualche equilibrio potrebbe spostarlo coloro...leggi
07/01/2022

Roscioli: "Poca chiarezza sui calciatori che si negativizzano"

Promozione ferma, è tempo di riflessione. L’allenatore del Montecosaro Fabio Roscioli (foto) nutre dubbi sulle modalità che riguardano lo stop ai campionati: "C’è poca chiarezza sui calciatori che si negativizzano, perché dovrebbero superare la successiva visita medica prima di tornare in campo per gare ufficiali. Invece ogni clu...leggi
07/01/2022

1^ CATEGORIA C. I voti alle 16 squadre prima della sosta

Di solito dopo il girone d'andata si tirano le somme, ma purtroppo con la sosta, causa covid praticamente il girone d'andata si può ritenere concluso e quello di ritorno sarà più lungo di due gare. Cerchiamo di analizzare le 16 squadre protagoniste della Prima Categoria girone C dando i nostri personalissimi voti. ELFA TOLENTINO: La...leggi
05/01/2022

Anche la Maceratese deve fare i conti con il Covid

Quattro giocatori positivi e uno in isolamento: anche la Maceratese è alle prese con i contagi che stanno caratterizzando la vita di tutti i giorni. Ieri, comunque, gli altri giocatori si sono allenati dopo avere effettuato i tamponi, perché c’è da farsi trovare pronti per la ripresa fissata per il 23 gennaio sperando che nel frattempo la situazione sia migliorata.&nb...leggi
05/01/2022

Chiesanuova, stop giusto per Bonvecchi: "Assurdo giocare"

E' giusto fermarsi per il presidente della capolista di Promozione B? Nessun dubbio sulla decisione per Luciano Bonvecchi, patron del Chiesanuova: "Sarebbe stato assurdo giocare anche perché penso che i positivi siano in ogni squadra anche se poi nessuno lo dice apertamente, ma in quelle che ho avuto modo di sentire qualcuno c'è sempre - dice al ...leggi
05/01/2022


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,15779 secondi