Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


Boccanera (Potenza Picena): "Mia mamma la prima tifosa"

"Il calcio femminile per affermarsi necessita di una crescita culturale della società"

A tu per tu con Martina Boccanera (foto), capitano del Potenza Picena, squadra costituita quest'anno e partecipante al campionato di Eccellenza.
"Ho iniziato a giocare a calcio con la squadra del mio paese all’età di 5 anni. Mi sono avvicinata a questo sport grazie ad una mia compagna di classe che mi ha invitata ad andare a provare perché lei si divertiva e perché era l’unica femmina in una squadra di maschi. Appena tornata a casa ne ho subito parlato con i miei genitori che senza esitazione mi hanno iscritta alla scuola calcio.
Sono stata molto fortunata ad avere una famiglia che non mi ha mai negato di praticare questo sport perché “da maschi” ma anzi, mi ha incoraggiata e sostenuta: prima tifosa tra tutti mia madre. Lei che quando mi lamentavo per un pestone esordiva con “giochi a calcio non fai mica danza”; lei che veniva e viene a tutte le partite e dopo 80 minuti mi urla dagli spalti “corri di più”; lei che quando giocavo a calcio in casa mi bucava il pallone e io ho iniziato a farli con la carta e lo scotch “così questi non me li buchi” con quell’aria da sfida.
Sono stata fortunata perché non ho incontrato difficoltà a far parte di una squadra di maschi che non mi hanno mai fatta sentire in difetto perché femmina, ma anzi, erano felici di avermi in squadra e non smetterò mai di ringraziarli per questo, sono stati determinanti, mi hanno aiutata a crescere mentalmente e caratterialmente.
Purtroppo però andando avanti negli anni le discriminazioni non sono mancate, con le solite frasi “sei un a femmina non puoi giocare a calcio”, “sembri un maschio”, “vestiti più da femmina”, “fai un altro sport” e via dicendo. Per me sono state soltanto frasi che non ho mai ascoltato, ma per molte altre ragazze, praticare questo sport è stata davvero una lotta per via dei soliti pregiudizi. Nonostante le molte battaglie fatte negli anni, la discriminazione, la divisione in “sport per maschi” e “sport per femmine” è tutt’ora una realtà. Basti pensare che l’unico sport femminile ad essere professionistico è il calcio, riconosciuto il 1° luglio 2022…un po’ tardi no?
Come se si fossero accorti di noi soltanto un anno fa, prima non esistevamo? Professioniste sì ma solo in serie A, come se ci avessero dato il contentino.
Noi donne facciamo il doppio dei sacrifici per poter giocare, il mancato riconoscimento professionistico anche nelle serie minori non ci consente di vivere solamente di calcio, e di conseguenza dobbiamo trovarci un impiego per mantenerci, andare ad allenamento dopo lavoro ad orari improponibili. Questo non accade nel maschile perché già nelle eccellenze e nelle altre categorie sono stipendiati".

Che tipo di cambiamento ci deve essere nei confronti del calcio femminile per farlo crescere?
"Un cambiamento culturale, smontare definitivamente gli stereotipi di genere, investire nel calcio femminile, ma soprattutto non fare paragoni con il calcio maschile. Nessuno sport paragona donne e uomini, perché nel calcio si fanno questi paragoni? Se un uomo fa uno sport considerato erroneamente “da femmine” non viene paragonato alle donne, ma se una donna gioca a calcio le viene sottolineato come sanno farlo meglio i maschi.
Appassionatevi, avvicinatevi al calcio femminile, seguiteci, sosteneteci e toglietevi dalla testa che solo gli uomini sanno giocare a calcio: LO SPORT È DI TUTTI.
Siamo riuscite a raggiungere qualche risultato grazie a chi non si è fermata davanti alle discriminazioni perché l’amore e la passione per questo sport non ha limiti.
Perché l’amore non pone limiti, l’amore rende liberi; l’amore accarezza, non calpesta, l’amore rispetta, non umilia: l’amore protegge, non urla, non picchia, NON UCCIDE.
Non deve esiste competizione tra donne e uomini, non dobbiamo dimostrare nulla, nessuno è più bravo dell’altro, migliore o addirittura superiore.
È proprio questa convinzione di essere superiori alla donna, di essere migliori, di poter decidere per lei, questa mentalità maschilista e patriarcale, che ha portato ad avere ogni giorno notizie su violenze e omicidi verso le donne. Non essere puniti in modo adeguato fa capire quanta poca importanza viene data a questi eventi. È necessaria una svolta per poter risolvere questo problema enorme. L’educazione e il rispetto sono alla base di qualsiasi relazione e sono le basi per vivere in una società civile".

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 27/11/2023
 

Altri articoli dalla provincia...



Coppa Marche Under 15: Caldarola seconda classificata

Domenica 4 febbraio ricca di forti emozioni per le giovanissime atlete del Caldarola GNC, le calciatrici Under 15 hanno preso parte alla prima finale Coppa Marche della storia della nostra regione riservata alla categoria femminile di calcio a 5. Le ragazze infatti si sono classificate seconde nel torneo regionale, alle spalle della blasonata S...leggi
06/02/2024

PONTE S.GIUSTO ACADEMY. Il punto sull'U15 femminile con mister Rapari

E’ terminata per le ragazze della U15 del Ponte San Giusto Academy la prima fase del campionato, che le ha impegnate in un torneo molto avvincente composto da ben 13 formazioni di Marche e Umbria. La classifica finale le ha viste posizionarsi al quarto posto alle spalle di realtà più grandi e strutturate come Arzilla, Ascoli e Perugia, anche...leggi
29/01/2024

ECCELLENZA FEMM. Ascoli un rullo compressore sull'Aurora Treia

Aurora Treia - Ascoli Calcio 0-13AURORA TREIA: 1 Piangerelli, 2 Del Zoppo, 3 Fratini (19 Riccioni 84’), 4 Procaccini Giorgia, 5 Bernacchini, 6 Ceresani (15 Procaccini Giulia 68’), 7 Fiorentini, 8 Mari, 9 Senigagliesi (14 Capponi 13’), 10 Lo Presti (20 Pazzarelli 51’), 11 Copparo (13 Braconi 51’) A disposizione: 12 Acqualagna, 16 Coppari...leggi
04/12/2023


COPPA ECCELLENZA FEMM. CF Maceratese in finale: piegata l'Aurora Treia

CF Maceratese - Aurora Treia 3-0CF MACERATESE: Ranalli, Picchio, Ruffini, Crispini (Uhuwangho 79’), Tedeschi, Creti, Stollavagli, Brutti (Fermani 56’), Marangoni (Tarulli 86’), Salvucci, Fodali.AURORA TREIA: Acqualagna (Piangerelli ‘45), Del Zoppo, Procaccini Giulia (Aran 73’), Procaccini Giorgia, Bernacchini, Ceresani, Campoi Karol, Ma...leggi
05/11/2023


AURORA TREIA. La nuova squadra femminile si presenta ai tifosi

Dopo le prime due apparizioni ufficiali, nella Coppa Marche di Eccellenza, l’Aurora Treia ha presentato il nuovo team femminile a tifosi e simpatizzanti. Il conviviale, tenuto presso il Bocciodromo Passotreiese, ha ricevuto un’ottima risposta da parte del pubblico accorso numeroso. A presenziare l’evento c’era tutta la famiglia biancoros...leggi
13/10/2023


PORTO POTENZA. Sì alla squadra femminile. Open Day il 17 settembre

PORTO POTENZA PICENA. C’è un sogno, sempre legato al calcio, nella testa dei dirigenti dell’Asd Porto Potenza. La società del presidente Fabio Sacconi si sta organizzando al meglio per allestire una squadra femminile, che possa disputare il prossimo Campionato di Eccellenza di calcio a 11. Sono ormai diverse le ragazze che...leggi
13/09/2023

La YFIT diventa CF MACERATESE e prepara la nuova stagione

Il Presidente Massimiliano Avallone ha comunicato la variazione di denominazione Sociale al CONI e alla LND FIGC. La a.s.d. YFIT diventa CF Maceratese ed i colori sociali sono il bianco/rosso da sempre identificativi della città. La Yfit nel 2019 vince la Coppa Italia, la Coppa Marche del campionato di Eccellenza calcio femminile nel 2022, sfiora per due anni con...leggi
29/08/2023

VILLA MUSONE. Due calciatrici passano alla Recanatese

Il Villa Musone da diverse stagioni ha deciso di puntare molto anche sul settore giovanile femminile. Un grandissimo lavoro di promozione, inclusione e poi un eccezionale impegno ed attività sul campo con le straordinarie Villans. Tutto questo ha portato i gialloblu, ad esempio, ad essere una tra le quattro società delle Marche a partecipare ai campionati di...leggi
24/07/2023

YFIT MACERATA. Alice Ruffini convocata in Rappresentativa Under 20

La giovane Alice Ruffini, centrale classe 2005 in forze alla Yfit Macerata, è stata convocata con la Rappresentativa Nazionale Under 20 per il prossimo Raduno di categoria. La manifestazione si terrà prossimi 17 e 18 maggio a Roma presso il centro preparazione Acqua Acetosa "Giulio Onesti", in presenza dell'allenatore della rappre...leggi
16/05/2023

VIS CIVITANOVA. Tempo di bilanci. Brutti: "Esperienza positiva"

Prossimo alla fine l’impegno in campionato, per la Vis Civitanova Femminile è ora di bilanci. Prima della chiusura del campionato per le rossoblu, domenica 30 aprile alle ore 14.00 in casa della Mandolesi, a tracciarli ci pensa mister Giuseppe Brutti. «Secondo me è stata un’esperienza positiva» dice il tecnico, ricordando l...leggi
28/04/2023

TORNEO DELLE REGIONI. Le ragazze cedono solo nel finale alla Sicilia

Marche – Sicilia: 0-1 MARCHE (3-5-2): Generali; Crispiani, Modesti, Ruffini; Silvestrini (32’ st Campanella), Giustozzi (5’ st Marucci), Mari (37’ st Salvucci), Catena, Gambini; Cavagna (12’ st Ferri), Crocioni. A disposizione: Paccusse, Carinelli, Freddo, Mignini, Prosperi. All. Antonio Censi. SICILIA (4-3-3): Arico; S...leggi
22/04/2023

TORNEO DELLE REGIONI. Inizia con un pari l'avventura della Femminile

Piemonte Valle d'Aosta - Marche: 2-2PIEMONTE VALLE D’AOSTA: Scicli; Ferro, Nino (8’ st Dindo), Bodini, Verrua; Municchi (27’ st Dematteis), Ara, Nicolò; Angrisano (20’ st Altafin), Caruso, Medici (8’ st Orlandin). A disposizione: Zappone, Carazzolo, De Vita, Tesse, Corzetto. Allenatore: Valeria Occhetta.MARCHE (4-3-1-2): Generali...leggi
21/04/2023


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,21744 secondi