Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

PRIMO PIANO


<< precedente   successiva >>   

Panichi: "Dopo il 3 aprile molto probabile proroga della sospensione"

Il calcio dilettantistico delle Marche si interroga se e quando ripartire. Interviene anche il vice presidente vicario del Comitato Regionale Ivo Panichi (foto): "Inevitabilmente mi ricollego a quanto già sottolineato dal presidente Cellini e dalle autorità competenti in materia - ha detto a Il Resto del Carlino -  è chiaro che il punto di partenza sia lo sviluppo della questione sanitaria che in questo momento coinvolge non solo il nostro paese ma l’Europa e il resto del mondo. Dipende quindi da cosa dirà il Governo dopo il 3 aprile, visto che fino a quella data la sospensione è già decisa. Bisognerà attendere gli aggiornamenti che arriveranno a quel punto ma è chiaro che, vista l’attuale evoluzione, è pr...leggi
28/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

Il calcio dilettantistico guardi a Bergamo: "Torneremo a giocare"

Una speranza per il calcio dilettantistico del dopo Coronavirus arriva da Bergamo, la città italiana più falcidiata per contagi e vittime da Covid-19. "Noi non ci arrendiamo, vogliamo tornare a giocare". Questo quanto emerso nella conference call di mercoledì sera promossa dal Delegato locale della Figc Giovanni Capoferri (foto): più di 100 persone collegate, Dario Silini in rappresentanza del CRL, diversi Delegati provinciali, i vertici delle sezioni arbitrali e degli allenatori. Oltre ovviamente ad allenatori, dirigenti e presidenti di tutta la bergamasca, la zona che più di tutte in questo momento sta soffrendo in questa emergenza. L’incontro, che si è tenuto tramite l’applicazione Zoom sulla scia di quanto fatto da Alberto Pasquali ...leggi
27/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

L'AIA di Jesi attiva il corso per arbitri in videochiamata

L’emergenza legata al Covid 19 non ferma la prosperosa attività dell’AIA (Associazione Arbitri) sezione di Jesi. Il 6 aprile infatti, prende il via il corso arbitri sezionale interamente in videochiamata, quindi fruibile comodamente da casa. Il corso avrà la durata di circa un mese, per un totale di 15 ore (tardo-pomeridiane), ed è completamente gratuito. Al termine del lavoro si ottiene la qualifica di arbitro ufficiale FIGC, con i relativi benefit: tessera per entrare gratis allo stadio, crediti formativi, rimborsi spese, divisa, ecc...Un'occasione davvero da non perdere per appassionati e curiosi, specie in questo periodo di quarantena forzata. Per ogni informazione su modalit&agr...leggi
27/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

Cuore SA Castelfidardo: 150 elastomeri al Torrette di Ancona

CASTELFIDARDO. Il cuore per l'emergenza Coronavirus batte forte anche alla SA Castelfidardo dove tutti, dalla prima squadra fino ai dirigenti, non si sono tirati dinnanzi ad un senso di responsabilità verso chi è ora in difficoltà. E così, sommando le multe delle prima squadra (Seconda categoria) ai contributi spontanei degli allenatori del settore giovanile e del direttivo della società, è stato possibile donare 150 elastomeri a flusso variabile all'Ospedale Torrette di Ancona. Un gesto importante e significativo da parte di una società sensibile e vicina al territorio, soprattutto ora con un'emergenza sanitaria senza precedenti....leggi
26/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

Gaggioli: "Situazione difficile, ma riattaccare la spina è possibile"

In questo periodo di vera emergenza dovuta alla diffusione del Covid-19, in merito alla sospensione dei campionati è intervenuto anche il responsabile dell'Assocalciatori dilettanti Giorgio Gaggioli (foto), che ha dato la sua opinione su una possibile ripresa del calcio e quale sarà il futuro dei calciatori dilettanti. "Oggi siamo tutti in attesa che le autorità competenti diano indicazioni rispetto alla sospensione che è stata disposta fino al 3 aprile. Al momento è prematuro parlare sia di ripresa che di non ripresa, è logico ragionare sulle possibilità di riprendere ma la cosa che deve essere salvaguardata è la salute di tutti. Dobbiamo farlo proprio per le responsabilità che tutti noi rivestiamo. I calciatori, in questo mom...leggi
26/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

"Congelamento o annullamento? Castelfidardo vuole tornare a giocare"

CASTELFIDARDO. E’ passato esattamente un mese dal comunicato con cui la Lega Nazionale Dilettanti decretava la sospensione di tutti i campionati di calcio regionali per l’emergenza Coronavirus. Un provvedimento che al momento ha scadenza il prossimo 3 aprile, anche se è evidente ormai a tutti – considerando la situazione attuale – che lo stop sarà prolungato. "Purtroppo stiamo vivendo un incubo – commenta a notiziariocalcio.com il presidente del Castelfidardo Franco Baleani (foto) – si è fermato tutto e il campionato in questo momento passa decisamente in secondo piano. Dobbiamo avere speranza e fiducia che progressivamente la situazione migliorerà".Intanto, cominciano ad avanzare diverse ipotesi, dal congelamento fino all&rsq...leggi
25/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

Tolentino, Romagnoli: "Auspico la ripresa del campionato a maggio"

TOLENTINO. Anche il Tolentino, come tutte le altre società marchigiane, aspetta l'evolversi dell'emergenza del Coronavirus. "Siamo in una situazione a dir poco drammatica, quasi un incubo – sottolinea il presidente Marco Romagnoli (foto) a Il Resto del Carlino – in cui la salute delle persone e l’emergenza sanitaria vengono ovviamente prima di tutto. Anche per la conduzione della società le incertezze pesano molto, ma stiamo valutando ogni scenario possibile per non farci trovare impreparati alla ripresa del campionato che spero possa avvenire almeno a maggio". Romagnoli indica anche delle soluzioni: "Si potrebbe giocare mercoledì e domenica, così per dare un senso sportivo all’annata. Per assegnare promozioni e retrocessioni si potrebbe...leggi
25/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

Io Dono per Montefano: un'asta online in favore della casa di riposo

MONTEFANO. In considerazione della grave situazione di emergenza verificatasi a carattere mondiale e che sta riguardando anche le nostre terre, il gruppo Montefano 1972, in collaborazione con il determinante contributo dell S.S.D. Montefano Calcio e della Società Accademia calcio, ha deciso di avviare una raccolta fondi da destinare alla locale Casa di riposo di Montefano, al fine di contribuire all'acquisto di beni utili a fronteggiare l'emergenza, atti a garantire al personale in servizio nonché agli ospiti della struttura condizioni di tutela e di sicurezza. In questa fase di criticità, coloro che vorranno contribuire potranno farlo comodamente da casa previo l'App del proprio istituto di credito, effettuando un bonifico sul conto intestato alla S.S.D. Montefano Cal...leggi
24/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

Mascherine dalla Cina alle Marche: l'iniziativa di ViaSoccer. VIDEO

  // Importante lavoro in queste dure settimane per la ViaSoccer, associazione che si occupa di scambi culturali tra Stati Uniti, Italia e Cina. Grazie agli ottimi rapporti culturali e sportivi instaurati negli ultimi anni tra la provincia di Macerata ed il Governo Cinese è stato possibile costruire un corridoio diretto con le aziende che in questi giorni stanno ripartendo con le attività. C'è la possibilità in particolare di ordinare mascherine e soprattutto che non vengano fermate o sequestrate alla dogana.Il vice presidente della ViaSoccer Dario Marcolini (nella foto), interventuto al TG3 Regionale Marche (nel video), ha dichiarato di poter dare una mano ad ospedali, comuni, case di cura e farmacie che necessitano di ordinare ...leggi
23/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

Mancini: "Un amico d'infanzia di Jesi è morto di Coronavirus"

Niente Europeo: Roberto Mancini (foto) dovrà aspettare un altro anno per vedere all'opera la sua Nazionale. Intanto, però, ammira l'Italia intera, unita nel dolore e nella sofferenza di questo periodo buio, dominato dall'emergenza Coronavirus. L'Inno di Mameli, il tricolore sui balconi: tutto il paese si fa forza contro la malattia. E il ct, in un'intervista alla Gazzetta dello Sport, racconta di essere a Roma, "chiuso in casa da due settimane. A Roma ci sono anche due dei miei figli. Il terzo, Filippo, è a Miami, ha terminato un corso di sport e business. Anche lì comincia a sentirsi l’emergenza. Ma i ragazzi sono forti, protetti. Sono più preoccupato per i miei genitori che vivono a Jesi, anche se stanno bene. Mia sorella mi ha chiamato per dirmi ...leggi
22/03/2020, La Redazione , PRIMO PIANO

<< precedente   successiva >>   
Change privacy settings