Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


Gianluca Fenucci racconta il suo "derby": Montegiorgio-Biagio Nazzaro

Chiaravallese doc, ultimi due anni coi rossoblu fermani. "Gara che vale tantissimo per la squadra di Paci, la compagine di Chiaravalle può pensare ancora ai playoff.". E sul Fabriano Cerreto: "Dispiace aver avuto appena 8 giornate a disposizione"

CHIARAVALLE. E’ indubbiamente la “sua” partita o almeno quella che racchiude al meglio due delle sue grandi passioni calcistiche. E’ una gara speciale quella in scena domenica al Tamburrini tra Montegiorgio e Biagio Nazzaro per Gianluca Fenucci, tecnico di Chiaravalle che ha iniziato la sua carriera da tecnico proprio nella Biagio ma che nel recente passato ha visto anche l’esperienza biennale di Montegiorgio. “Una gara particolare indubbiamente per me – racconta Fenucci - che ho allenato per due anni di fila a Montegiorgio, nelle ultime stagioni. Mi permetto di dire che quest’anno è più importante per la capolista che si sta giocando un traguardo storico e importantissimo. La Biagio era una delle squadre che avrebbe potuto ambire ai playoff ma obiettivamente ora questo traguardo non è facilissimo da raggiungere. Le possibilità e le speranze, anche matematicamente, ci sono tutte”.
 
I RICORDI. Parlare di Biagio Nazzaro per Fenucci è anche toccare un angolo di cuore: “La squadra c’è indubbiamente e ha qualità. Per me riveste una importanza oltre il calcio: da Chiaravallese ci ho giocato e l’ho allenata, è un rapporto particolare che da parte mia è fatto unicamente d’amore. Un occhio di riguardo alla Biagio c’è sempre e poi il rossoblù lega entrambe le squadre”.

I due anni il al Montegiorgio che restano nella memoria: “La mente va a quell’ambiente che sa darti tantissimo soprattutto come modo di vivere il calcio. E’ stata una ripartenza per una seconda parte di carriera, quando non vedevo più nel calcio quella pulizia e quella sportività che li ho trovato. Ho dato abbastanza ma ho ricevuto la stessa moneta e probabilmente molto di più. Dirigenti di livello assoluto come Cesetti, Tacchetti e Vita solo per citarne alcuni ma poi penso a Lanfranco Beleggia e alla signora Rossella che sanno valutare persone e allenatori. Per me è stato particolare perché mi sono sentito coinvolto oltre il calcio, l’affetto e la passione restano immutati”.

LA PARTITA. Ma domenica si gioca e se da un lato c’è da difendere il primo posto, dall’altro c’è un playoff ancora raggiungibile. “Sfugge ad un un pronostico particolare e definito. Il Montegirogio ha bisogno di una vittoria dopo il successo con il Gallo che ha messo tante cose in chiaro e ha allungato in classifica. Vincere significherebbe essere ad un passo dalla D ma ripeto, la Biagio è da prendere con le molle. Conosco il valore del gruppo di tanti ragazzi che ho allenato come ad esempio Medici, Focante, Cavaliere, Doemnichetti oltre a tanti giovani molto interessanti. Intelaiatura e organico sono di altissimo livello. Mi aspetto un autentico big match”.

IL FABRIANO CERRETO. Quest’anno la sua annata è durata appena 8 giornate sulla panchina del Fabriano Cerreto che, proprio nelle ultime ore, ha ufficializzato ben 9 tagli di giocatori in un finale di stagione senza dubbio da dimenticare con un quasi certo ritorno in Eccellenza. “Mi dispiace molto vedere un tale finale, conosco alcuni dei ragazzi che sono stati tagliati. Il dispiacere maggiore è stato quello di non aver avuto troppo tempo per imporre il mio lavoro: otto giornate sono troppo poche per dare un’impronta e pensare che eravamo partiti bene. Qualcuno la pensava in maniera differente e alla fine è riuscito ad imporsi. In un campionato come la D in molti dovrebbero prendere ad esempio il Monticelli che ha scelto la continuità, non ha mai mollato e si sta giocando alla grande le proprie chance salvezza con una squadra giovanissima”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 13/04/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Mobili: "Nelle sconfitte ho capito che l'Osimana è competitiva"

OSIMO. In attesa di riprendere il cammino in campionato dopo le battute d’arresto con Anconitana e Loreto, il tecnico dell'Osimana Roberto Mobili (foto) si mostra più carico che mai. “Non cerco alibi e mi assumo le responsabilità della sconfitta di Loreto – dice il mister dei giallorossi al sito ufficiale della società – no...leggi
18/10/2018




MERCATO. Cupramontana, colpo a centrocampo: tesserato Fabrizi

CUPRAMONTANA. Il Cupramontana sul campo dei Portuali Ancona (campionato di Prima categoria B) mette a segno la prima vittoria della stagione (1-3) e presenta un rinforzo importante per il centrocampo: tesserato Matteo Fabrizi (foto) classe 1997, ex Anconitana e Barbara. ...leggi
15/10/2018

Cori: "Mister Azzeri e tanti giovani sono la forza dell'Avis Arcevia"

ARCEVIA. Partita sotto i migliori auspici la stagione dell'Avis Arcevia che, nel girone B di Prima categoria, vincendo sul campo sempre difficile della Castelfrettese, ha guadagnato la vetta della classifica. Abbiamo provato a fare un primo punto della situazione insieme al dirigente dei biancorossi Alberto Cori: “Un inizio positivo che ...leggi
09/10/2018

MERCATO. Il Camerano si rinforza con Nicola Moretti

CAMERANO. Colpo in mediana per il Camerano che ha comunicato ufficialmente l’ingaggio del centrocampista Nicola Moretti (nella foto insieme al presidente Giuseppe Giacomelli), arriva a portare un grande contributo di qualità ed esperienza in mediana. Classe ’87, ha già debuttato nella trasferta di Fossombrone dopo esse...leggi
09/10/2018



Pietro Giobellina, la meglio gioventù dell'FC Vigor Senigallia

SENIGALLIA. Corsa, prestanza fisica, intelligenza tattica e anche il gol partita contro il Villa Musone. Queste skills fanno parte del dna di Pietro Giobellina (foto), laterale sinistro dell’FC Vigor Senigallia, classe ’99 confermatissimo nella sua seconda stagione consecutiva in Promozione. Il giovane esterno biancorossoblu si sta conferma...leggi
03/10/2018

Malavenda: "L'obiettivo primario del Marina è mantenere la categoria"

MARINA DI MONTEMARCIANO. Si riavvicina al vertice il Marina, che nel campionato di Eccellenza, approfittando della frenata di Tolentino e Sassoferrato Genga, vede ora la vetta ad un solo punto. La vittoria sulla Pergolese rilancia le ambizioni del team di mister Giammarco Malavenda (foto), il quale però, sulle pagine del Corriere Adriatico, smorza gli entusiasmi...leggi
03/10/2018

MERCATO. La Jesina ufficializza Ivan Bubalo

JESI. Arriva il colpo in attacco della Jesina che ufficializza l'arrivo del croato Ivan Bubalo (foto), centravanti classe '90 con esperienze importanti nelle massime serie in Croazia, Svizzera e Islanda....leggi
02/10/2018


Busilacchi: "Inizio ok a Passatempo dopo un'estate di delusioni"

PASSATEMPO DI OSIMO. Inserita nel girone C della Prima categoria, la Passatempese di mister Massimo Busilacchi (foto), sembra partita con il vento in poppa, subito due vittorie condite da ben 7 reti segnate ed una sola subita: “Obiettivamente una partenza che ci lascia ben sperare – ci conferma lo stesso Busilacchi – abbiamo fatto ben...leggi
02/10/2018

Loreto: Lelli costretto a lasciare, Pesaresi è il nuovo tecnico

LORETO. Il Loreto comunica che mister Marco Lelli (foto sx), per motivi strettamente personali, lascia l’incarico di allenatore della prima squadra e resta nell’ambito dell’area tecnico-sportiva della società. La società lauretana  ha deciso di affidare la conduzione tecnica della squadra ad Emanuele Pe...leggi
02/10/2018


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 4,53627 secondi