Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Ancona


San Biagio nella storia: è sua la finale di Coppa Marche 1

Superato lo Staffolo 3-1. Il 25 aprile sfiderà la Civitanovese in campo neutro

OSIMO. Nel momento più difficile in campionato il San Biagio ritrova se stesso. E lo fa nella gara più importante, che in qualche modo riscrive la storia, con una pagina memorabile mai vissuta in 40 anni di vita del club. Il Galletto ha battuto lo Staffolo in rimonta con una gara quasi perfetta conquistando così la sua prima finale di Coppa Marche in Prima categoria. Il 25 aprile sfiderà una nobile decaduta come la Civitanovese, che ha vinto l’altro girone a tre di semifinale. E comunque andrà quel giorno resterà lo stesso una pagina indimenticabile per la società.

Gara decisiva per le sorti del girone, con una vigilia animata dal rifiuto dello Staffolo di giocare sul campo sintetico di Offagna e col precedente di un mese e mezzo fa in campionato, quando i giallorossi strapparono un pareggio a San Biagio con rigore all’ultimo minuto e animi tesi nel post-partita. Per fortuna si è riusciti tutti a mantenere la calma concentrandosi sul terreno di gioco, esclusa qualche inevitabile scaramuccia rientrando negli spogliatoi a fine partita, ma nulla che andasse oltre il limite di una gioia sfrenata per una finale conquistata o di una delusione atroce per una finale persa. Entrambe la squadre, anche per caratteristiche e terreno di gioco, han messo in campo tanta grinta e agonismo, dimostrando di volerla questa finale di Coppa regionale.

Ma andiamo alla cronaca del match. Mister Caccia recupera tutti i suoi uomini tranne Durazzi infortunato e manda in campo una formazione diversa da quella che ha deluso tre giorni prima a Belvedere Ostrense. In difesa si rivede capitan Brandoni, a centrocampo Mandolini prende il posto di Mariani Primiani, ma è l’attacco che è tutto nuovo: Persiani, Mobili e Vincioni al posto di Rossini, De Martino e Busilacchi. La partenza del Galletto è buona e costringe lo Staffolo nella propria metà campo. La squadra giallorossa, consapevole di poter anche solo pareggiare per andare in finale (la classifica del girone lo vedeva a 3 punti rispetto a San Biagio e Piobbico fermi a 1), non si scompone e si difende con i denti. I biancorossi spingono e mettono al centro tante palloni invitanti, ma si fa difficoltà a sfondare. Da sinistra ci prova Persiani con un diagonale forte che sfiora il primo palo, poi Manoni dal limite ma manda alto. Mobili è bravo a far alzare la squadra e allargare il gioco spalle alla porta, ma sembra non bastare. Fino al 35’, quando Persiani viene atterrato in area dal marcatore: sarebbe fallo da ultimo uomo, ma per l’arbitro è solo rigore, niente cartellino. Dal dischetto va Lombardi che aveva già segnato su rigore il primo gol stagionale, sempre in Coppa, nel derby vinto 1-0 con la Stazione a fine estate. Questa volta però il difensore colpisce male e manda a lato la palla: sembra una maledizione per il San Biagio riuscire a segnare. Anche perché poco dopo è Manoni, su schema da punizione, a fallire un gol apparso facile, calciando addosso al portiere da pochi passi. Per lo Staffolo una sola occasione, viziata da un rimpallo favorevole in area, con Zenga provvidenziale in uscita.

Nella ripresa ci si attende un San Biagio ancor più arrembante ma è lo Staffolo che, alla prima occasione, passa in vantaggio. L’arbitro concede un rigore per un atterramento in area discutibile che vale lo 0-1. Sembra finita col Galletto che, col morale sotto i tacchi, è costretto a ribaltare il risultato in un campo piccolo e contro una squadra rocciosa come quella staffolana. Invece no, rispetto a Belvedere esce fuori un gran carattere, la reazione è veemente e incredibile. Il San Biagio ci crede ancora, continua a spingere come se nulla fosse successo e nel giro di neanche 10 minuti, grazie anche ai cambi, trova finalmente la svolta. Dalla panchina mister Caccia pesca Rossini al posto di un generoso Vincioni e la mossa è azzeccata. Il funambolico esterno, dopo la prova incolore di sabato scorso, mostra il suo gran talento, unito a caparbietà e velocità. Così al termine di una azione tutta palla a terra sull’aut sinistro viene pescato in area da Manoni e con un diagonale chirurgico sul secondo palo trova il meritato 1-1: anche ai quarti di finale contro il Casette Verdini era stato sempre Rossini ad aprire le danze per il 5-1 che valse la semifinale. La qualificazione, dopo il pari, è quindi riaperta più che mai. Lo Staffolo perde certezze e dopo un quarto d’ora, per un fallo su De Martino, c’è il calcio di punizione decisivo. Come contro il Ponterio in campionato ci va Bevilacqua a calciare e anche questa volta trova il jolly giusto: traiettoria molto angolata sopra la barriera, il portiere devia appena ma non basta. E’ il 2-1 che manda in visibilio i galletti, più cinici che mai. I giallorossi a questo punto sono costretti a buttarsi in avanti ma al di là di qualche mischia Zenga non rischierà nulla, complice anche l’ingresso a metà campo di Mariani Primiani al posto di Mobili che ha dato quadratura e fisicità nella rottura del gioco, come ugualmente è valso per l’ingresso di Cingolani al posto di Mandolini. Nel finale poi in contropiede il San Biagio la chiude con un diagonale da destra perfetto del neo entrato Busilacchi servito al bacio da Rossini. E’ tripudio biancorosso, seppur in maglia verde. Il San Biagio non avrà risolto i problemi in campionato, ma il traguardo storico raggiunto potrà dare una spinta vitale per questo finale di stagione, nel quale sognare i playoff, o alzare una Coppa, è ancora possibile.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/04/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Luchetta da applausi: e il Borgo Minonna non finisce di stupire

L'impresa sfiorata l'anno scorso con quel pareggio contro l'Anconitana dal sapore di beffa (arrivò con un calcio d'angolo contestato), una striscia di ben 17 risultati utili consecutivi, il suo nome (insieme a quello di Bozzi) iscritto nella storia quarantennale della società e, per finire, il colpaccio di sabato scorso sul campo del Moie Vallesina (1-2) del nuovo tecnico Tiranti....leggi
18/03/2019

Torna a vincere l'Urbanitas Apiro del nuovo mister Simone Ultimi

APIRO. E' cambiata la panchina all'Urbanitas Apiro. La società che aveva pareggiato contro Spes Jesi e perso contro l'Aurora Jesi per 2-1 ha sollevato dall'incarico il tecnico Francesco Bedetti, ringraziato per il lavoro svolto con serietà e professionalità. Come sostituto è stato scelto una vecchia conoscenza come Simone Ult...leggi
18/03/2019

La Biagio Nazzaro alza la voce e contesta le designazioni arbitrali

Riceviamo e pubblichiamo un Comunicato Ufficiale della società Biagio Nazzaro Chiaravalle che di seguito riportiamo integralmente. "A sette partite dalla fine del campionato, con i giochi ancora tutti da fare e, soprattutto, con i verdetti tuttora da stabilire, la società Biagio Nazzaro Chiaravalle è sempre pi&ugrav...leggi
18/03/2019



Dorica Torrette: disposta l'esclusione dal campionato

E' stata ufficialmente notificata dal Comitato Regionale Marche l'esclusione dal campionato di Seconda Categoria girone C del Dorica Torrette: "Vista la formale rinuncia al proseguo del campionato fatta pervenire dalla Società Dorica Torrette - recita il Comunicato n. 165 del 20 marzo 2019 - si dispone l'esclusione dal campionato del...leggi
20/03/2019

Izzotti stupito dalla posizione della Biagio: "Organico forte..."

Allena l'Alba Adriatica (Eccellenza abruzzese) ma segue sempre con attenzione l'Eccellenza delle Marche. Per Domenico Izzotti (foto) sarà un campionato in equilibrio fino all'ultima giornata perchè, ha detto al Corriere Adriatico - "tutti gli allenatori sono bravi e preparati e tutte le squadre sono impostate in maniera perfetta...leggi
13/03/2019

Villa Musone: esonerato Caccia, promosso Capitanelli

VILLA MUSONE. Cambio di guardia (il terzo in questa stagione) sulla panchina del Villa Musone (Promozione girone A). La società fa sapere che Cristiano Caccia non è più l’allenatore dei gialloblu. Il trainer anconetano paga la situazione di classifica non ottimale, la squadra si trova in penultima e attualmente non potrebbe disputare ...leggi
12/03/2019

AIAC Marche: una primavera ricca di iniziative ed appuntamenti

Proseguono a livello regionale le iniziative programmate dall'Associazione Italiana Allenatori Calcio (AIAC), presieduta nella nostra regione da Angelo Ortolani (foto), che ha riassunto in un breve comunicato i prossimi appuntamenti.- Pubblicato in Albo corso allenatori UEFA C che si svolgerà in Ancona dal 29 Aprile al 22 Giu...leggi
11/03/2019

Moie Vallesina, c'è il dopo Perini: arriva Stefano Tiranti

MOIE. Ufficializzato in serata il nome nuovo per la panchina del Moie Vallesina. Dopo l'esonero di Tito Perini, la società ha comunicato di aver affidato la guida della squadra a Stefano Tiranti (foto). Per il tecnico si tratta di un gradito ritorno avendo frequentato per diverse stagioni l'ambiente calcistico di Moie sia da giocatore che da all...leggi
12/03/2019

Caimmi: "A Castelferretti tanti ricordi, ma il futuro è Portuali AN!"

ANCONA. Dopo la sconfitta subita dai Portuali Ancona sul campo di Castelferretti (Prima categoria B), ha rilasciato un'intervista al nostro portale Giacomo Caimmi (foto) che ora collabora con i Portuali, dopo essere stato negli anni scorsi prima il Team Manager e quindi il Direttore Sportivo del Castelfrettese. La Castelfrettese vola, rammarico?...leggi
06/03/2019

Novità in panchina al Piano San Lazzaro!

ANCONA. La sconfitta per 4-1 a Falconara contro l'Olimpia è stata fatale a mister Leonardo Portaleone. La società sportiva Piano San Lazzaro (Terza categoria D, vedi la classifica) comunica il cambio di panchina, la squadra è stata...leggi
06/03/2019

Jesina, saldate le vecchie pendenze. Gli ex in coro: "Complimenti"

JESI. Una chiamata per molti quasi inattesa ma indubbiamente molto gradita. La Jesina ha deciso di liquidare tutte le vecchie pendenze maturate da chi, nel corso delle stagioni, ha vestito la casacca biancorossa senza vedersi riconosciuto quanto spettava loro. “Siamo rimasti a bocca aperta – ha raccontato l’ex numero uno ...leggi
04/03/2019

Non vinceva da quattro mesi. Finalmente Avis Arcevia!

ARCEVIA. Quattro mesi senza assaporare il sapore della vittoria. Tredici partite masticando amaro. Poi di colpo un secco 3 - 0 a Montemarciano e tre punti che fanno bene al morale e alla classifica. E' quanto ha vissuto l'Avis Arcevia che in campionato (Prima categor...leggi
04/03/2019

Olimpia Ostra Vetere: è "magic moment" tra giovanili e prima squadra!

OSTRA VETERE. Allievi Provinciali primi in classifica così come i Giovanissimi, Juniores al secondo posto e prima squadra ad un punto dai play-off. E' questo il periodo di gran forma che sta vivendo tutta l'Olimpia Ostra Vetere, con la società che sta vedendo i frutti del lavoro impostato da qualche anno...leggi
28/02/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,32806 secondi