Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


image host

image host

LUTTO. Addio a Gianfranco Garbuglia: giocò con Samb, Lazio e Udinese

Papà di Enrico, ex giocatore e allenatore, aveva 79 anni. Corridonia e le Marche piangono un grande uomo di vita e di campo

CORRIDONIA. Si è spento stamattina all'età di 79 anni Gianfranco Garbuglia. Ex giocatore professionista, ha vestito in carriera le casacche di squadre molto importanti come Sambenedettese, Udinese, Lazio, Messina e Potenza. Gianfranco era il papà di Enrico, anche lui ex calciatore di Corridonia, Maceratese, Sangiustese, Jesina e Montegiorgio e allenatore di squadre dilettanti tra fermano e maceratese.
Gianfranco è stato uno dei pionieri del calcio a Corridonia. I non più giovani ricorderanno le tante battaglie sportive sul vecchio campo ex E.N.A.O.L.I. Erano tempi in cui la gente accorreva in massa la domenica pomeriggio per seguire la partita. Dall'allora Eugenio Niccolai, come si chiamava la squadra corridoniana, ha preso il volo verso il calcio professionistico.  
A Roma, ai tempi della Lazio, lo chiamavano “er gatto”, Gigi Riva di lui disse: "Con il difensore marchigiano non mi sono mai divertito, tutt’altro”. Non è stato solo Riva ad esaltare le qualità del mito di Corridonia ma anche Zigoni che spesso diceva “incontralo non è cosa da poco, quello ti cancella dal campo”. Qualità tecnica e mezzi fisici da vendere nonostante qualche brutto infortunio hanno caratterizzato la vita sportiva di Garbuglia, nato il 24 novembre del 1940. Dopo aver smesso di giocare, per una stagione ha allenato la squadra locale, per poi dedicarsi all'attività di famiglia (macelleria) nel centro storico di Corridonia.
Il rito funebre sarà celebrato domani (mercoledì), alle ore 15,00 presso la chiesa dei SS. Pietro, Paolo e Donato di Corridonia.Free Image Hosting at FunkyIMG.comLo intervistammo nel 2010 (articolo di Enrico Scoppa) per il free-press Marcheingol. Così ci rispose...
Come è iniziata la tua carriera di calciatore professionista?
“Era l’estate del 1958 quando partecipai ad un torneo notturno ad Ascoli Piceno, difendevo i colori del bar Kursal, mi notò un dirigente della Sambenedettese, Piatti, il quale mi portò a giocare nella mitica Samb. Fu il mio debutto da professionista con la gloriosa casacca rossoblu nel mitico stadio Ballarin”.
Sei entrato subito nel cuore dei tifosi rossoblu? Si dice addirittura che il treno che dalla stazione di Corridonia ti portava a San Benedetto del Tronto si fermava appositamente per te vicino allo stadio Ballarin per farti scendere?
“Nessuno ci crederà ma è tutto vero. Partivo dalla stazione di Corridonia, Piediripa per capirci, con il treno delle 13.30 di ogni lunedì, nella mia valigia chiudevo tutti i sogni di un giovane che stava cercando di dare il meglio di sè per affermarsi con il gioco che più amava, il calcio”.
Ventisei partite con la maglia rossoblu poi l’approdo al grande calcio.
“Per un giovane di provincia come ero io non era cosa facile potersi inserire in una grande città. Racconto un aneddoto. Un giorno, a Roma, un signore distinto con i capelli bianchi mi chiede l’autografo per il nipote, un grande colpo al cuore, capii che era fatta, che anche per me le porte del grande calcio si erano spalancate”.
Lazio, Messina, Udinese, Sambenedettese, Potenza: tappe importanti di una carriera straordinaria?
“Tappe che mi fanno venire i brividi se le ricordo per quello che io ho sempre ritenuto importante, il rapporto con il pubblico, che ho cercato di mantenere sempre intatto. A parte la tifoseria sambenedettese davvero speciale che ho sempre nel cuore come quella laziale, non dimentico quella messinese, e quella di Potenza”.
Il momento più emozionante della tua carriera di calciatore?
“La partita giocata a Nantes con la nazionale azzurra. Ho visto italiani piangere per la gioia di quella vittoria, ho toccato con mano cosa significasse tenere alta la bandiera del proprio paese in una terra straniera, noi giocatori in campo, i tifosi sulle tribune”.
Quando si ventilò il possibile trasferimento alla Roma, cosa provasti?
“Di tutto. C’era gente che mi fermava per strada e mi pregava di non abbandonare la Lazio. Ho visto e sentito di tutto e alla fine decisi di restare in biancoceleste facendo tirare un sospiro di sollievo alla tifoseria”.
Tante stagioni di calcio, tanti tecnici importanti, ne ricordi qualcuno?
“Vorrei, dato che mi si offre l’opportunità, ricordare quello che lasciai a Corridonia, Rosati. Poi Eliani, Fattori, l’argentino Lorenzo, Colomban, tutti grandi maestri che mi hanno insegnato a soffrire e impegnarmi sempre al massino per centrare un obiettivo: difendere la maglia che indossavo. Grandi personaggi da non dimenticare mai”.
Parliamo dei giocatori, quali ti sono restati nel taccuino?
“Tantissimi e tutti bravissimi, Charles, ricordo il mio debutto in serie A nella stagione 1960/’61, Fascetti, Bettini, Maraschi, Bernasconi, Zoff, l’elenco si potrebbe allungare all’infinito. Tutti giocatori che hanno scritto pagine epiche di calcio”.
A suo figlio Enrico (ha allenato San Claudio, Due Emme, Francavilla, Maglianese) ha insegnato i segreti del suo calcio?
“Certo, ma mai raccomandato a nessuna squadra. Quello che ha fatto lo ha fatto da solo con i mezzi a sua disposizione”.
Un consiglio a tanti giovani che sognano il grande calcio?
“Allenatevi, imparate tutto quello che c’è da imparare ed aspettate il vostro turno. Se i mezzi e le qualità non verranno meno arriveranno anche le soddisfazioni. Le forzature non servono, procurano solo delusioni, credetemi ragazzi, non createvi false illusioni”.
Come vive oggi il calcio?
“Dopo l’ultima esperienza nel Potenza, avevo 33 anni, ho chiuso con il calcio, ho voltato pagina, seguo attraverso la televisione i campionati e tutto il mio entusiasmo è stato riversato nel lavoro, gestisco una macelleria di mia proprietà”.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Print Friendly and PDF
Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 21/01/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Telusiano: "Con il Castelraimondo vittoria legittima e meritata!"

MONTE SAN GIUSTO. Si accende la lotta in zona play off nel girone F di Seconda categoria nel quale, alle spalle dell'ormai solitaria Elfa Tolentino, le quattro inseguitrici stanno battagliando per aggiudicarsi la miglior posizione possibile in vista degli spareggi di fine stagione. Un passaggio importante si è avuto sabato scorso nello scontro diretto tra Telusia...leggi
25/02/2020

Portorecanati: Pavoni si dimette, promosso Marco Ciccarelli dalla U19

PORTO RECANATI. Arriva la fumata bianca sul nome del sostituto del dimissionario Luca Pavoni sulla panchina del Portorecanati. Per il finale di stagione la società ha deciso promuovere dalla Juniores U19 Regionale mister Marco Ciccarelli (nella foto insieme al presidente Fausot Pigini). Di conseguenza la guida della formazione U...leggi
25/02/2020

Pioraco: stupore e rabbia. Errore tecnico e ripetizione della gara?

PIORACO. Finisce in maniera polemica e potrebbe anche avere una coda ulteriore, nel girone C di Prima categoria, il derby valido per la lotta salvezza tra Mancini Ruggero Pioraco e Fiuminata. La gara terminata con il successo degli ospiti, lascia l'amaro in bocca alla squadra locale, specialmente per come è maturata una delle reti degli ospiti. A tal pro...leggi
24/02/2020

Macerata, il campo di Collevario intitolato a Tonino Seri

MACERATA. Il campo sportivo di Collevario a Macerata sarà intitolato a Tonino Seri, indimenticato maestro del calcio maceratese, scopritore di tanti giovani che poi hanno avuto successo come i fratelli Dino e Giovanni Pagliari, Moreno Morbiducci, Paolo Siroti e Roberto Lattanzi tra quelli più noti. Un personaggio che ha legato la sua carriera calcistica alla Mac...leggi
21/02/2020

Andrea De Salvo: "Intorno al Montecassiano è tornato l'entusiasmo"

MONTECASSIANO. Continua la scalata del Montecassiano (Seconda categoria girone E) verso i piani nobili della classifica. La squadra allenata da Samuele Bonifazi si trova a ridosso della zona playoff e nel prossimo fine settimana è attesa dallo scontro diretto sul campo del Casette D’Ete. “Ci tengo a ringraziare tutto lo staff che in questi mesi è riusc...leggi
19/02/2020

Aquino: "Il Montelupone lotterà fino alla fine. Tutto può accadere!"

MONTELUPONE. E' un Giuseppe Aquino (foto) estremamente motivato quello approdato da poche settimane alla Monteluponese (Seconda categoria E). Dopo aver disputato la prima parte di stagione all'Osimana, il forte difensore di origine campana ha fatto una scelta di vita, mettendosi ancora in gioco nonostante una carriera di altissimo profilo. ...leggi
18/02/2020

Reucci: "Il Trodica è in testa e lavora con passione per restarci!"

TRODICA. Mantiene la testa il Trodica nel girone C di Prima categoria, reduce dal successo sul campo dell'Urbis Salvia, la squadra bianco-celeste conserva due punti di vantaggio sulla Cluentina, in un torneo che si conferma molto equilibrato. Ne abbiamo parlato con il metronomo del centrocampo trodicense, ovvero Riccardo Reucci (foto)....leggi
18/02/2020

Di Modica lancia la sfida: "Per la salvezza c'è anche il Montecosaro!"

MONTECOSARO. Un successo davvero pesante quello ottenuto in casa sabato scorso dal Montecosaro sul Portorecanati, nel girone B di Promozione. Tre punti fondamentali che rilanciano le ambizioni di salvezza dei giallo-rossi che stanno provando a riagganciare le avversarie in zona play out. Protagonista del successo l'attaccante Alessandro Di Modica...leggi
17/02/2020

E' già finito il matrimonio tra la Sangiustese e Gianluca Stambazzi

MONTE SAN GIUSTO. Un altro colpo di scena alla Sangiustese. A sole 48 ore dall'esonero del tecnico Nicola Capedelli, sono arrivate le inaspettate dimissioni del direttore generale Gianluca Stambazzi (nella foto insieme al presidente Tosoni nel primo giorno), che era entrato nella dirigenza rossoblù appena 15 giorni fa. La notizia è stata ...leggi
14/02/2020

Sangiustese, esonerato Campedelli! Le parole del presidente Tosoni

Dopo la pesante sconfitta in casa dell'Olympia Agnonese arriva il cambio in panchina per la Sangiustese, secondo stagionale. Sollevato dall'incarico il tecnico Nicola Campedelli che a sua volta era subentrato a Stefano Senigagliesi: per l'ex tecnico di Cesena e Forlì cinque gare con un bottino che parla di un successo (all'esordio a...leggi
12/02/2020

Trent'anni di Polisportiva Serralta: rimpatriata tra i soci fondatori

SAN SEVERINO MARCHE. 9 febbraio 1990. Un venerdì sera. Un gruppo di amici residenti a Serralta si ritrovano in una abitazione (casa di Ugo poi divenuta sede ufficiale) per realizzare ciò che avevano a cuore: istituire una società sportiva tutta loro. L’idea si concretizzò. Nacque la Polisportiva Serralta e con essa la squadra d...leggi
11/02/2020


L'amarezza di Micucci: "Dispiace che Castelraimondo sia trattato così"

CASTELRAIMONDO. A poche ore di distanza dal termine della gara persa contro il Sarnano, Mauro Micucci (foto) dirigente della Folgore Castelraimondo ha inviato una lettera alla nostra Redazione dove esprime la propria delusione per quanto accaduto nel corso di questo campionato, in particolare raccontando un episodio dello scorso sabato a Sarnano c...leggi
10/02/2020

MERCATO. Ecco Alessio De Cerchio per il centrocampo della Sangiustese

MONTE SAN GIUSTO. La Sangiustese ha aggiunto un nuovo centrocampista alla rosa di mister Campedelli. La società ha comunicato l'arrivo del classe 1997 Alessio De Cerchio (foto). Per il nuovo giocatore rossoblù, cresciuto nel Pescara, si tratta di un ritorno nelle Marche, avendo giocato tre stagioni fa con il Matelica. Tra le altre squadre...leggi
07/02/2020

SECONDA F. Danni del vento: rinviata Pennese - Caldarola

PENNA SAN GIOVANNI. E' stata posticipata a mercoledì 19 febbraio ore 20,30 la gara della 21^ giornata di Seconda Categoria F Pennese - Caldarola, inizialmente programmata per sabato 9 febbraio. Il motivo di tale rinvio, secondo quanto ufficialmente riportato nel Comunicato della FIGC, è da ricondurre al forte vento dei giorni scorsi che ha pr...leggi
07/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,18745 secondi