Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Fermo


Romanelli: "Amarezza alle spalle. Prima di tutto la Monterubbianese!"

Il presidente biancorosso, dopo le dimissioni del figlio Francesco dalla guida tecnica della squadra, analizza la situazione per puntare alla salvezza.

MONTERUBBIANO. Prove di risalita per la Monterubbianese (Promozione B), passata da poche setimane nelle mani di mister Massimo Cardelli. I 4 punti nelle ultime 3 gare, pur non essendo un bottino straordinario, danno l'idea della volontà dei giocatori, staff e dirigenza di provare a centrare una storica salvezza. Sempre in prima linea in questa delicata fase il presidente Lorenzo Romanelli (foto), trascinatore instancabile da tanti anni del sodalizio biancorosso.

Allora presidente, anche se c'è stata la battuta di arresto con il Potenza Picena, diciamo che i punti raccolti contro le dirette avversarie lasciano ben sperare, è così?
“Per noi era fondamentale fare almeno 4 punti con Monticelli e Montecosaro, ci siamo riusciti, anche se nel breve epilogo della gara con gli ascolani non nego che abbiamo sofferto, più che altro a causa del vento, ma ciò non toglie che quei 10 minuti sono stati difficili da superare”.
Come procede l'inserimento del nuovo tecnico Massimo Cardelli, chiamato da meno di un mese alla guida della squadra?
“Tutto sommato direi molto bene, oltre che un'eccellente persona, Cardelli è uomo di calcio, ha tanta esperienza e la giusta personalità ed anche a livello caratteriale sa rapportarsi bene con il gruppo. Probabilmente in questo momento è la persona ideale per affrontare questo tipo di situazione. Chiaramente la classifica attuale lascia dei margini di manovra molto ridoti, comunque ho fiducia e sono convinto che daremo il meglio per mantenere una categoria così importante”.

La separazione dal tecnico precedente per lei non è stata ovviamente semplice, parliamo di suo figlio, artefice in due anni del passaggio dalla Seconda categoria alla Promozione.
“E' ovvio che il rapporto padre-figlio è particolare, ancor di più in queste vicende, ma io non posso che ringraziare Francesco per quanto ha fatto per la società. I risultati sono li a dimostrarlo, ed anche la sua uscita di scena è la testimonianza più chiara del suo amore verso questa società e questa squadra. Non ci ha voluto mettere in difficoltà, si è fatto da parte, sperando in cuor suo che questo gesto servisse a dare la scossa ad un ambiente che mostrava troppa assuefazione alle sconfitte”.
Ora che tutto è alle spalle, sinceramente come ha vissuto questo periodo?
“Non è stato facile devo ammetterlo, la nostra era una situazione forse unica nel suo genere e spesso anche difficile da gestire. Per altro non mi sfuggivano certo degli apprezzamenti e dei commenti che mi amareggiavano, anche perchè lontani dalla realtà. Nonostante i due campionati vinti, i tanti risultati ottenuti, il gioco espresso dalla squadra, c'era in giro la sensazione che Francesco allenasse perchè era il figlio del presidente. Una cosa che, per come sono fatto io, è difficile da mandar giù ed accettare e che non nego mi abbia fatto molto male”.
Free Image Hosting at FunkyIMG.com Figlio o non figlio sono stati anni ricchi di successi, vincere e poi rivincere è molto difficile per tutti, non crede?
“Penso che solo chi ha vissuto simili esperienze può capire! Per altro successi ottenuti senza avere alle spalle dei budget faraonici, anzi tutt'altro, e alla testa di un sodalizio di un piccolo paese dove è certamente più difficile vincere rispetto ai grandi centri della costa o ai capoluoghi di provincia. Comunque ora è andata, la Monterubbianese proseguirà nel suo percorso per raggiungere la salvezza e per Francesco questa credo resterà una parentesi utile nell'ambito di un percorso, che vista l'età e la voglia di studiare ed aggiornarsi, è ancora tutto da vivere”.
A bocce ferme a dopo qualche settimana, ha qualcosa da rimproverarsi che magari poteva fare è non ha fatto?
“E' difficile fare valutazioni e comparazioni a distanza di mesi, diciamo che posso rammaricarmi solo per una cosa che a prima vista potrebbe sembrare assurda: forse il campionato di Promozione è arrivato troppo presto. Mi spiego meglio, al di là di quanto si è detto, l'anno scorso non avevamo certo in programma di salire di categoria, le cose sono andate in un cero modo ed abbiamo vinto. Ci siamo trovati davanti una situazione nuova da affrontare, spese extra non previste, una organizzazione anche logistica tutta da inventare, abbiamo affrontato tutto al meglio delle nostre possibilità, ma è chiaro che abbiamo tolto risorse al budget della squadra. Ecco, se avessimo avuto una disponibiltà maggiore e avessimo irrobustito di più la rosa forse, ma non avremo mai la controprova, le cose sarebbero filate in maniera diversa”.
Nel prossimo turno trasferta a Porto Recanati, che partita sarà presidente?
“Una delle dieci finali che ci attendono, per noi tutte le gare sono fondamentali ed in ognuna di esse dovremo provare a muovere la classifica. L'avversario è di primo livello, ma nella nostra situazione non possiamo certo fare distinzioni. Il nostro percorso dovrà svilupparsi per gradi: primo passo evitare l'ultimo posto, secondo passo provare a disputare in casa l'eventuale spareggio finale, terzo passo puntare alla salvezza diretta. I primi due obiettivi potrebbero essere alla nostra portata, il terzo è naturalmente più difficile, ma siamo qui e ci proveremo, lottando fino all'ultima goccia di sudore”.

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 07/02/2020
 

Altri articoli dalla provincia...




Cuccù e il calcio di domani: "Più giovani e meno competizione"

CAPODARCO DI FERMO. In Promozione B la sua Futura 96 stava viaggiando a metà classifica, poi lo stop per il Coronavirus. Come vive mister Stefano Cuccù (foto) questo momento particolare?"Mah, credo come tutti, in casa, con la famiglia, svolgo le faccende domestiche e mi concedo un'ora di allenamento al giorno, poi tanta tv". ...leggi
06/04/2020

Morale alto per il Monsampietro! Brasili: "Uniti in videoconferenza"

MONSAMPIETRO MORICO. Simone Brasili (foto), presidente del Monsampietro Morico, formazione di Prima categoria D. Come sta vivendo la sua squadra questo momento particolare?"Il momento è storico, drammatico, non solo per la nostra società ma per il mondo intero. Come Monsampietro stiamo seguendo le regole imposte dallo Stato, ci siam...leggi
06/04/2020

"No a egoismi: stagione da annullare". Parola di Vecchiola (Magliano)

MAGLIANO DI TENNA. Marco Vecchiola (foto), allenatore del Magliano Calcio, formazione di Seconda categoria G. Come stai vivendo questo momento di lockdown?"Stiamo vivendo un momento molto difficile sia emotivamente che mentalmente, si sta a casa nella speranza che questo incubo passi in fretta". Domanda secca: secondo te si ritorn...leggi
06/04/2020

Coronavirus: morto Roberto Tomassetti, padre di Anthony

Il Coronavirus colpisce anche la famiglia di Anthony Tomassetti, difensore dell'Atletico Ascoli. Il Covid-19 ha portato via a soli 52 anni il padre Roberto Tomassetti (foto). L'uomo era ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di San Benedetto del Tronto. Roberto era vice presidente della Croce Azzurra di Monte Urano e Sant'Elpidio...leggi
05/04/2020

Il cuore grande del Rapagnano: raccolta fondi per Murri e Villa Maria

RAPAGNANO. Bravi in campo, bravissimi fuori dal rettangolo verde. Il Rapagnano (Prima categoria D) si conferma gruppo sano e forte in ogni momento, anche in quello della crisi epidemica. Su iniziativa del dirigente Sauro Santamaria, la società e i calciatori, si sono messi in proprio per una donazione nei confronti di coloro che sono in prima linea contr...leggi
02/04/2020

Daniele Viti: "Giocare a giugno e luglio? Sarebbe novità interessante"

Valorizzare le risorse locali per contenere le spese, le società punteranno maggiormente sugli elementi del posto, questa la prospettiva del dopo Coronavirus che non dispiacerebbe a Daniele Viti (foto), 36enne difensore del Monturano Campiglione. "Per me sarebbe la normalità visto che ho scelto da alcune stagioni di avvicinarmi a casa...leggi
01/04/2020

Malaspina (FIGC Fermo): "Se si riparte priorità all'Eccellenza"

FERMO. Il prorogarsi dell'emergenza da Covid-19 porta con sè riverberi in tutte gli ambiti della quotidianità, calcio minore compreso. E' per questo motivo che il delegato provinciale della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Giuseppe Malaspina (foto), avvicinato nel merito e in attesa di disposizioni provenienti dagli uffici della Lega Nazionale Dilettanti di Rom...leggi
01/04/2020

Battaglini: "Classifiche cristallizzate e giocare playoff e playout"

Prima dello stop per Coronavirus il suo Monte e Torre stava facendo bene correndo all'inseguimento del Montottone in Seconda categoria G, ora anche per il tecnico Danilo Battaglini (foto) c'è la pausa forzata: "Senza calcio si sta male - ci dice - mancano soprattutto lo stare insieme, la cena dopo l'allenamento, l'adrenalina prima e durante la partita, m...leggi
31/03/2020

Palmense, donazione all'ASUR Fermo: "Per un ritorno alla normalità"

MARINA PALMENSE. Il calcio dilettantistico continua a dare il suo contributo in questa emergenza sanitaria nazionale. Tra donazioni ed appelli anche i giocatori della GS Palmense si uniscono al coro decidendo di utilizzare i soldi delle multe raccolti fino ad oggi per effettuare un bonifico a favore dell'ASUR Marche - Area Vasta 4 Fermo. "Un gesto che fatt...leggi
15/03/2020


Monsampietro: la BMB srl dona respiratori all'ospedale di Fermo

MONSAMPIETRO MORICO. Una notizia che riempie d'orgoglio tutto il Monsampietro Morico. La BMB srl, azienda dei dirigenti Vermiglio e Roberto Bartomioli nonché sponsor principale della società, ha donato al reparto anestesia dell'Ospedale "Murri" di Fermo (foto) due respiratori polmona...leggi
11/03/2020

CORONAVIRUS. Partite e allenamenti a porte chiuse fino al 3 aprile

Il calcio italiano va avanti senza spettatori fino al 3 aprile. II decreto del presidente del Consiglio dei Ministri parla chiaro. Il premier Giuseppe Conte ha firmato a Palazzo Chigi il Dpcm per combattere l'emergenza Coronavirus, adottando misure di contenimento diretto del virus o di ritardo della sua diffusione. Le partite di calcio e le altre manifestazioni sportive si potranno disputare m...leggi
04/03/2020


SECONDA E-F-G-H: l'Elfa ormai c'è, poi ecco Appignanese e Montottone

Con i campionati di Seconda categoria che dopo la sosta forzata sono pronti a ripartire per il rush finale, abbiamo esaminato la situazione dei 4 gironi meridionali. In attesa di capire come evolverà la situazione nel pesarese, possiamo già dire che l'Elfa Tolentino è prossima a stappare lo spumante, lanciatissime anch...leggi
02/03/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,15912 secondi