Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


Stefano Sensi: un talento marchigiano fragile come il cristallo

Il centrocampista più estroso di tutti i tempi alle prese con continui infortuni

Forse stiamo esagerando o forse no, ma per noi Stefano Sensi, se non si infortunasse di continuo, sarebbe il più forte ed estroso centrocampista marchigiano di tutti i tempi! Il talentuoso calciatore nato a Urbino ha infatti numeri da top player e quelle rare volte che riesce a scendere in campo per almeno 2 partite consecutivamente è in grado di mostraceli per la gioia di noi amanti dei colpi a effetto con il pallone. Se non ci fossero di mezzo i continui stop, dovuti a una muscolatura delle gambe fatta letteralmente di cristallo, oggi i tifosi dell’Inter starebbero gioendo per la conquistadello scudetto, e invece…E invece la triste realtà sportiva ci dice che Stefano, mezzala e trequartista allo stesso tempo, oggi può essere sì schierato sul campo da giocoma con il contagocce e a partita in corso, in modo da preservarne l’estro e la fisicità.E dire che ai tempi di Sassuolo, Sensi è comunque riuscito a collezionare 61 presenze in 3 anni, dunque qualche gara è riuscito a disputarla. Con la casacca nerazzurra sono più le volte che non è a disposizione rispetto a quelle in cui è protagonista.

Alcune caratteristiche tecniche di un potenziale fenomeno

Il paragone è un po' forte ma almeno rende l’idea: Sensi, a livello tecnico, è un “incrocio” tra Xavi e Verratti. Come lo spagnolo sa fornire assist per i compagni, imbeccandoli al momento giusto, e come l’italiano ama giocare da play-maker, nel suo caso non solo davanti alla difesa ma anche dietro alle punte. Conte in questa stagione, quando può inserirlo, lo vede bene alle spalle di Lautaro e Lukaku, ruolo che dovrebbe ricoprire il deludente Eriksen. E in fondo l’allenatore leccesefa bene a posizionarlo lì,visto che Stefano riesce quasi sempre a scardinare quei reparti arretrati che amano chiudersi a riccio togliendo ogni spazio alla manovra d’assalto interista.Il giocatore insomma tecnicamente e tatticamente c’è, su questo non ci sono dubbi, dove non c’è proprio è alla voce “tenuta fisica”.

Un interprete imprescindibile per qualsiasi 11 titolare

Scusate se ci ripetiamo ma tutto ruota intorno al solito concetto: se Sensi non si infortunasse praticamente sempre sarebbe il giocatore di calcio marchigiano più forte degli ultimi anni.Grazie a unavisione di gioco e a una capacità di distribuire palloni mai banali per i compagni, che hanno pochi uguali in Europa e nel mondo,sarebbe un interprete imprescindibile per qualsiasi 11 titolare. Non a caso usiamo il condizionale: Sensi fisicamente non è in grado di reggere più di 3/4 partite consecutivamente e quando viene "spremuto" dall’allenatore è costretto ogni volta a fermarsi ai box. Un vero peccato perché il talento non gli manca e se l’Inter potesse schierarlo con più frequenza, siamo certi che l’universo del bet darebbe i nerazzurri quale unica squadra favorita per la vittoria dello scudetto. Oggi evidentemente non è così – la concorrenza di Juventus, Milan e Napoli si fa sentire – anche perché il suo ruolo è ricoperto il più delle volte o da Barella, che non ha certo le caratteristiche del ragazzo di Urbino ma almeno sa come inserirsi, o da Eriksen, che il più delle volte è un corpo estraneo in campo. Caro Sensi, noi marchigiani non vediamo l’ora di vederti in campo, non più 1 volta sì e 100 no!

Free Image Hosting at FunkyIMG.comAi tempi del Sassuolo nel ruolo di attaccante

Quando Stefano militava nelle fila del Sassuolo, oltre a giocare con continuità (vedi terza stagione in neroverde), operava da attaccante insieme a Berardi e a Magnanelli/Boga. Ripensandoci oggi fa strano, considerando che l’attuale mediano dell’Inter in tre anni realizzò solo 5 reti. Ma allora perché De Zerbi scelse di schierarlo in quel ruolo? Perché la sua capacità di inventare vicinoalla porta avversaria era indispensabile per innescare i compagni di reparto che ne hanno beneficiato e non poco. Schierandolo così avanti, il Sassuolo ha potuto pungere senza snaturare le caratteristiche del ragazzo marchigiano. E se anche Conte, quando lo avrà a disposizione per più partite, decidesse di impiegarlo come ai tempi dell’esperienza neroverde?

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 18/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Carpegna: addio alla supertifosa Luisa. Alle gare con la sua Fiat 600

Il Carpegna Calcio piange la scomparsa della supertifosa Luisa. Questo il ricordo sui social della società: "La domenica sportiva per noi non sarà più la stessa, senza la nostra prima tifosa con la mitica immancabile FIAT 600 rosa che donava sempre colore e allegria anche nelle giornate più fredde e grigie. Non saranno più la stessa cosa le tr...leggi
16/02/2021


Bando FIGC per un Corso di Allenatori di calciatori con disabilità

La Federazione Italiana Giuoco Calcio indice un Bando per l'ammissione al Corso Sperimentale per Allenatori di calciatori con disabilità.Il programma didattico prevede 100 ore complessive di lezione per il nuovo corso di formazione a titolo gratuito rivolto ad allenatori di calciatori con disabilità che si terrà in via telematica dal ...leggi
11/02/2021

Maggi (Urbania): "Vogliamo tre fuoriquota per l'Eccellenza 2021-2022"

Il dirigente Stefano Maggi (foto), a il Resto del Carlino, ha elencato le richieste fatte dall'Urbania al Comitato Regionale durante la videoconferenza con le società Eccellenza. "È emerso che per il format e il protocollo sanitario bisognerà attendere l’elezione del presidente federale prevista ...leggi
11/02/2021

Urbino, Lucarini: "Ripartenza? La vedo dura..."

URBINO. L'Urbino non vede vicina una possibile ripartenza. Il vicepresidente Marco Lucarini mette sul tavolo alcune domande:  "Vorremmo capire quali sono le condizioni per ripartire perché noi la vediamo molto dura: non riusciamo a capire quanti stadi ci sono per ospitare altre squadre che possano garantire distanziamenti e protocolli. Siamo i...leggi
10/02/2021

Fossombrone, Meschini chiede il blocco delle retrocessioni

FOSSOMBRONE. Chiede norme certe il direttore sportivo del Fossombrone Marco Meschini come il blocco delle retrocessioni: "Dobbiamo giocare dodici partite - spiega al Corriere Adriatico - mi prende il Covid a dieci giocatori e devo giocare lo stesso e può capitare di non vincere più una partita e retrocedi. Occorrono quindi garanzie per salvare la categori...leggi
10/02/2021

Mariotti (Atletico Gallo): "Giocare anche con tre positivi in squadra"

L’Eccellenza, in caso di ripartenza, dovrà adeguarsi al protocollo anti Covid della serie D e quindi effettuare i tamponi rapidi prima di ogni gara. Il costo, senza aiuti statali, sarebbe di 9,50 euro a tampone e la spesa preoccupa le società. "Ma secondo me il protocollo della serie D è difficile da applicare – sottolinea il Ds Ettore Mariotti ...leggi
27/01/2021

LUTTO. Morto Angelo Becchetti, storico mister della Vis Pesaro

PESARO. Il calcio pesarese piange la scomparsa di mister Angelo Becchetti. Il suo nome è indissolubiilmente legato a quello della Vis Pesaro, che ha allenato per sei stagioni a cavallo tra fine anni '60 ed inizio anni '80. Riconosciuto da tutti una persona molto saggia e grande conoscitore di calcio, Becchetti ha allenato anche l'Alma Juventus Fano.Il mister o...leggi
21/01/2021

Real Metauro, Salvioni: "Le società vanno sostenute economicamente"

Quando potrà ripartire il calcio dilettantistico? A questa domanda cerca di rispondere il coopresidente della Nuova Real Metauro Euro Salvoni (foto): "La situazione attuale credo che non possa permettere la ripresa degli allenamenti in gruppo e successivamente l’inizio dei campionati - dice a Il Resto del Carlino - il Comitato domani sar&agr...leggi
19/01/2021

Ancora stop Eccellenza, Mariotti: "Da giocare le restanti 12 partite"

 Sulla possibile ripresa dell'Eccellenza, che va a protrarsi per altri due mesi dopo il nuovo Dpcm, il direttore sportivo dell'Atletico Gallo Colbordolo Ettore Mariotti (foto) ha espresso la sua idea a il Resto del Carlino: "Molto probabilmente non si ripartirà prima di aprile. Se sarà cosi, a mio avviso si dovrebbe gioc...leggi
16/01/2021

Maggi: "Assurdo annullare le gare fin qui disputate in Eccellenza"

"Siamo in attesa di capire le sorti di questa stagione e a questo punto, attendiamo come tutti risposte nel più breve tempo possibile - ha detto a il Resto del Carlino il responsabile del settore giovanile dell'Urbania Stefano Maggi sulla possibile ripresa dell'Eccellenza -. Se si dovesse fare solo andata, ritengo doveroso ripartire da dove si &egra...leggi
15/01/2021

ELEZIONI. Dopo 24 anni termina l'era Cellini: "Lascio senza rimpianti"

Orgoglio e nessun rimpianto per Paolo Cellini (foto), che dopo le elezioni, è pronto a lasciare la poltrona di presidente FIGC Marche a Ivo Panichi: "Per me era un obbligo morale provare a rimettermi in gioco vista la situazione legata alla pandemia. Se il mio posto è stato preso da chi, fino ad oggi, ha svolto il ruolo di vicepresidente v...leggi
10/01/2021

Capodagli: "Vanno cambiate certe regole, no ai turni infrasettimanali"

FANO. Ha parlato così a Il Resto del Carlino il segretario del Sant'Orso Giorgio Capodagli (foto) su una possibile ripresa dei campionati: "Io sono ottimista, mentre il mio presidente Giangolini è pessimista. Secondo noi dovrebbero cambiare certe regole del protocollo Covid: se uno e positivo solo lui deve fermarsi, non ...leggi
07/01/2021

Marotta, Baldarelli: "I ragazzi si allenano ma non credo si riparta"

Il Marotta continua a prepararsi in vista di una possibile ripartenza. Così il tecnico Francesco Baldarelli a Il Resto del Carlino: "I ragazzi da due mesi continuano ad allenarsi da soli a casa, grazie al mio collaboratore Paolo Giombetti, vengono seguiti e monitorati a distanza nelle tabelle ed esercizi da fare. Tutti hanno una grande vogl...leggi
05/01/2021

ELEZIONI FIGC. Vichi: "Esperienza stimolante e ricca di idee nuove"

Cinque giorni alle elezioni per il rinnovo del Comitato Regionale Marche della LND. Oggi scadono i termini per la presentazione delle liste e sabato ci sarà l’espressione di voto di tutte le società della nostra regione. A pochi giorni dalla data fatidica, abbiamo voluto sentire il parere di Mauro Vichi (foto), dirigente molto noto ...leggi
04/01/2021


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,11022 secondi