Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


image host

Roberto Mancini: un marchigiano che ancora oggi farebbe la differenza

Un ritratto di un grandissimo campione tutto genio e sregolatezza

Termini quali genio e sregolatezza di solito vengono utilizzati per descrivere l’operato di artisti che in vita si sono distinti per la realizzazione di opere dalla bellezza immortale e al contempo hanno fatto parlare di sé per atteggiamenti che travalicano il consuetudinario; di solito appunto. In questa sede l’impiego di tali vocaboli sarà indispensabile non certo per descrivere il vissuto di uno tra i più importanti scrittori o scultori che hanno fatto la storia quanto le gesta di un personaggio a suo modo stravagante maestro d’arte, in questo caso vivo e vegeto, orgoglio marchigiano che con il pallone tra i piedi è riuscito in anni di carriera a dipingere su tela verde bellissime parabole imparabili. Di chi si tratta? Di Roberto Mancini.
Nato a Jesi nel 1964, l’attaccante/fantasista ex Bologna, Sampdoria, Lazio e Leicester City è stato un virtuoso del passaggio smarcante e della conclusione a rete, come testimoniano i suoi 204 goal segnati in quasi un ventennio, ma non solo. Il Mancio, campione che nel bene e nel male ha sempre lasciato il segno, è stato un giocatore carismatico, un fuoriclasse del dribbling ma anche un atleta dal carattere acceso (i litigi con Gianluca Vialli e Vujadin Boskov sono passati alla storia) e un uomo che non voleva mai sentire nominare la parola sconfitta (“Rosichello” il soprannome affibbiatogli dai suoi detrattori). Insomma: l’ex allenatore della nazionale italiana quando giocava a pallone da un lato non le mandava certo a dire e dall’altro lato sapeva come raccontarsi a suon di trofei vinti. Indimenticabili gli scudetti conquistati con le maglie di Sampdoria e Lazio ma anche le 6 Coppa Italia, le 2 Supercoppa italiana e la Supercoppa UEFA, quest’ultima vinta nel 1999.   

Dal magico colpo di tacco al colpo…di testa

Se il genio Mancini dovesse essere raccontato alle generazioni future attraverso un singolo goal, non avremmo dubbi su quale scegliere: il colpo di tacco volante in Parma-Lazio 1-3. In quell’occasione il Mancio, che vestiva fieramente la maglia dell'Aquila, con una torsione della gamba degna del miglior Ibra colpì il pallone che spioveva da calcio d'angolo senza guardare e senza che toccasse terra indirizzandolo alle spalle della porta difesa da un giovanissimo Buffon. Che spettacolo e che prodezza! Certo, di anni ne sono passati e tanti da quel lontano 17 gennaio 1999, giorno in cui fummo testimoni di un tale prodigio della balistica, eppure se per assurdo l'ex bomber potesse oggi mettere di nuovo piede in campo probabilmente giocherebbe sì da fermo ma riuscirebbe, grazie ai suoi colpi illuminanti, a trascinare qualsiasi club. Come ci ricordano i colleghi di pokerstarsnews.it, che di ritratti di calciatori che hanno fatto la storia se ne intendono, l'abile Roberto, attualmente in grado di far sfigurare qualsiasi giovane promessa attraverso un controllo di palla rimasto eccelso, è stato anche un atleta noto per la sua sregolatezza. Dal quel magico colpo di tacco, che ancora ci emoziona solo a nominarlo, passiamo ora, per “completezza di indagine”, al colpo di…testa. Mancini con la Nazionale e con la maglia azzurra non ha mai avuto un rapporto idilliaco per usare un eufemismo: durante le calde notti estive italiane del Mondiale del 1990 litigò con Vicini dicendo di lui: “Non è mai stato un cuor di leone". E non finisce qui: in occasione della semifinale con l’Argentina persa ai rigori dagli Azzurri, si espresse riferendosi ad Azeglio in questo modo:” "Sarebbe bastato mettere Vierchowod su Maradona e tutto sarebbe cambiato: lo avrebbe visto anche un cieco, ma purtroppo non Vicini".

I mitici anni ‘90

Il Mancio calciatore, dopo quanto detto finora ormai non abbiamo più dubbio alcuno, può considerarsi a tutti gli effetti un fenomeno che in carriera ha saputo alternare incredibili magie a comportamenti censurabili. Il suo essere stato un atleta “complesso” probabilmente è stata anche la sua forza: i mitici anni ’90 del pallone, in cui spopolavano tantissimi fuoriclasse come Del Piero e Totti, hanno avuto in questo fiero marchigiano dal temperamento forte e determinato uno dei loro più importanti esponenti. Ciò che ha saputo regalarci nel momento in cui era solito addomesticare la sfera che rotola rimarrà per sempre nei nostri cuori e nelle nostre menti al di là di taluni comportamenti sopra le righe. E poi diciamoci la verità:” Quale artista che possa definirsi tale non è al contempo sia genio che sregolatezza?”.     

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 03/08/2020
 

Altri articoli dalla provincia...




Pierandrei come CR7. Gol di testa toccando il cielo!

MARINA DI MONTEMARCIANO. Da ieri sera si fa un gran parlare dello straordinario gol di Ronaldo realizzato nella gara tra Sampdoria e Juventus. A tal proposito l’amico Aldo Nicolini (juventino doc e cantore delle gesta del Marina Calcio), ha postato sul suo profilo Facebook una foto nella quale Riccardo Pierandrei segna una rete di te...leggi
17/12/2019



"Con il gol 194 ho fatto piangere i compagni e la mia famiglia"

Cecchini scambia la palla con Santoni, sulla rasoiata dal fondo si avventa condor Taddei, il piattone è vincente. La Vigor Castelfidardo espugna in extremis il campo del Borghetto grazie alla rete del suo giocatore simbolo. “Avevo paura si spararla sopra la traversa – racconta Giovanni Taddei (foto), attaccante della Vigor C...leggi
28/04/2019

Dopo 534 gare, 5 campionati vinti e 72 gol Leo Mancini dice stop!

SAN MARCELLO. Grande festa a San Marcello (Seconda categoria girone D) per l’addio al calcio di Leonardo Mancini. Tanti i tifosi accorsi sugli spalti per salutare Leo in occasione della partita con il Maiolati, terminata sul 2 a 2 grazie ad un gol su calcio di punizione proprio del numero 7 locale, il più atteso. Jesino, classe 1983, Leonardo Manci...leggi
15/04/2019

"Ronaldo immarcabile. Mancio? Maglia con fascia da capitano stampata"

OSIMO. Ci sono giocatori che sono stati protagonisti in Serie A, giocato contro i più grandi, ma che a carriera finita sentono il bisogno di tornare a casa e mettersi a disposizione della comunità. Questo è Francesco Bellucci (foto), che dopo 100 presenze (tra A, Coppa Italia e Uefa) e più di 200 in B e una semifinale di Coppa Uefa, è...leggi
07/03/2019



Vagnoni, l'allenatore-regista premiato per il Docufilm "Oltre il gol"

Importante riconoscimento del Coni provinciale di Ascoli Piceno per Ernesto Vagnoni (foto), premiato ieri sera presso l’Auditorium comunale di San Benedetto del Tronto per il Docufilm “Oltre il Gol”, di cui è regista e sceneggiatore con la sua casa di produzione Lux Video. L’altra grande passione di Vagnoni, oltre al...leggi
06/12/2018

Nasce terzino ma a 44 anni non smette di segnare. Fenomeno Giansanti!

ANCONA. Al Pietralacroce 73 è un istituzione. E' alla sua ottava stagione e non ha voglia di fermarsi nonostante le 44 primavere (45 il prossimo 24 gennaio). Michele Giansanti (foto) è così, gioca per il gusto di giocare, segna perchè vede ancora la porta come pochi. Sabato ha realizzato la rete decisiva contro la Real Came...leggi
31/10/2018

Il gol, la corsa verso i tifosi dorici: Zagaglia ha coronato un sogno!

Loreto, stadio Salvo D'Acquisto, minuto 92 di Loreto - Anconitana, risultato di 0 a 2... Ma c'è ancora tempo per un'altra emozione! È il classe 2000 Lorenzo Zagaglia a regalarla. Lui, anconetano e tifoso biancorosso da sempre, si regala la gioia di segnare il suo primo gol con la casacca della squadra per cui ha sempre fatto il tifo. Ma al di l...leggi
24/10/2018

LA STORIA. Nicola Marini dice no alla Serie A svizzera per il...Marina

MARINA DI MONTEMARCIANO. Non smette di stupire la calda estate del centrale difensivo Nicola Marini, dopo la convocazione con la Folgore di San Marino per giocare il preliminare di Europa League. La sorpresa arriva dai talent-scout che hanno preso visione delle qualità tecniche del ragazzo. Durante la gara disputata ad Andorra...leggi
10/07/2018

Michael Mengaroni, a 18 anni esordio con gol in Eccellenza

CHIARAVALLE. Tanto settore giovanile importante, appena 18 anni, esordio ufficiale in una categoria di grandi come l’Eccellenza e dopo neanche tre minuti segni il gol della vittoria. Non è una favola ma la storia di Michael Mengaroni (foto), classe 1999 di San Benedetto del Tronto, che domenica ha regalato tre punti di platino alla Biagio ...leggi
09/10/2017



Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,13526 secondi