Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

ECCELLENZA. Quando il cambio di allenatore svolta la stagione

ECCELLENZA. Si fa sempre più viva la lotta ai quartieri alti nel campionato di Eccellenza, con diverse formazioni che dopo il cambio di allenatore hanno ritrovato entusiasmo, ma soprattutto punti. Calcolatrice alla mano ad esempio, l’arrivo di Matteo Possanzini al Tolentino ha portato ad un bel cambio di passo. La squadra con Roberto Buratti in panchina aveva una media punti di 0,8, complici una vittoria ed un pareggio in cinque giornate. Con Possanzini la media punti a partita è passata ad 1.7, con sei vittorie ed altrettanti pareggi in quattordici partite. 

Media raddoppiata anche dall’Osimana, la cui scelta iniziale di affidarsi a Stefano Senigagliesi aveva prodotto 0,85 punti a partita. Dall’ottava giornata in poi a sedersi sulla panchina giallorossa è arrivato Sauro Aliberti, 5 vittorie, 7 pareggi ed 1 sola sconfitta che valgono 1.6 punti a giornata, oltre alla vittoria della Coppa Italia, che però va divisa con mister Senigagliesi. 

Cambio di rotta importante anche per il Montegranaro, che inizialmente con Gianfranco Zannini aveva raccolto sul campo 23 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte. La media conquistata era di 0,8 punti a partita, che Daniele Marinelli dal suo arrivo ha saputo raddoppiare, con 6 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte in 13 giornate. 

Un cambio di passo più leggero, quello invece compiuto dalla Maceratese con l’arrivo di Dino Pagliari in panchina. Roberto Lattanzi ad inizio stagione aveva ottenuto 2 vittorie ed 1 pareggio in 6 gare, per una media di 1,16 punti. Pagliari dopo 14 partite si assesta a 1,64 punti a giornata, dovuti a 5 vittorie ed 8 pareggi. 

Chi non ha beneficiato del cambio di allenatore sono invece Sangiustese e Azzurra Colli, incappate in una stagione fin qui orribile ed inaspettata.
La Sangiustese con Dario Bolzan aveva raccolto 1 vittoria e 4 pareggi in 12 giornate, con una media di 0,5 punti. Luigi Giandomenico fin qui ha messo a referto 1 vittoria e 2 pareggi in 8 gare, mantenendo la media inalterata e la Sangiustese al penultimo posto. 

Situazione analoga anche per il fanalino di coda Azzurra Colli. I rossoblù con Nico Stallone avevano raccolto un solo pareggio in cinque partite, mentre con Peppino Amadio erano arrivati una vittoria e 3 pareggi in 11 giornate. Nelle ultime quattro gare, con la panchina affidata a Morelli e Fioravanti, l’Azzurra Colli ha raccolto un solo punto.

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 05/02/2024
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,11234 secondi