Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Ancona


Biagio Nazzaro boom! Batte la Folgore e conquista la Coppa Italia

Ora il team di Fenucci dovrà vedersela con le vincenti delle altre regioni, in palio il salto in Serie D

FOLGORE FALERONE MONTEGRANARO - BIAGIO NAZZARO     0 - 2

FOLGORE FALERONE M. (4-3-1-2): Chiodini 6; Palmarini 5.5 (16' st Cento), Arcolai 5,5, Bolzan 6, Bordi 5,5 (36' st Pazzi); Trillini 6, Ciko 6,5, Boateng 6,5; Gasparini 5.5 (10' st Muca); Mandorlini 6,5, Donzelli 6. A disposizione Ferretti, Guing, Campana, Pelliccetti, Pazzi. Allenatore Bolzan

BIAGIO NAZZARO (4-3-3): Falcetelli 6; Medici 6, Fenucci 6,5, Giovagnoli 7, Magi 6; Cecchetti 6, Rossini 6,5, Giampieri 6,5; Borgognoni 6 (25' st Sampaolesi), Gabrielloni 6, Domenichetti 6,5. A disposizione Cecchini, Silvestrini, Ruggeri, Bartolucci, Landriscina, D'Urzo. Allenatore Fenucci

ARBITRO: Ridolfi di Pesaro

RETI: 32' Giovagnoli, 48' st Sampaolesi

NOTE: spettatori 500 circa. Ammoniti Cecchetti, Giampieri, Ciko, Mandorlini

FERMO. Sarà la Biagio Nazzaro a difendere i colori marchigiani nelle prossime sfide della Coppa Italia di Eccellenza che garantiranno alla vincente il salto in Serie D. Con una condotta di gara accorta e senza fronzoli, la formazione di mister Fenucci ha avuto la meglio sulla Folgore, grazie ad una prima frazione di gioco nella quale i folgorini hanno forse approcciato in maniera errata la gara. Folgore con Mandorlini a fianco di capitan Donzelli, Gasparini alle loro spalle e il giovane Ciko davanti ad un reparto arretrato molto esperto, formato da: Chiodini-Arcolai-Bolzan. Biagio con Gabrielloni riferimento offensivo, Domenichetti e Borgognoni sui lati, con capitan Fenucci e Giovagnoli a fare buona guardia dietro. Inizio con il freno a mano tirato su entrambi i fronti, i ritmi non decollano e nei primi minuti le occasioni vengono ssolutamente centellinate. La Biagio prende il mano il pallino del gioco, spostandolo quasi esclusivamente sull'asse di sinistra dove Domenichetti e Magi si fanno sentire con insistenza. La Folgore è piuttosto guardinga e stenta in fase di costruzione, mentre la Biagio è maggiormente incisiva. I ragazzi di Fenucci si fanno  vedere con diversi spioventi ma il primo tuffo di Chiodini è per un esterno destro di Medici, piuttosto debole. Biagio manovriera ma ottima occasione per la Folgore che con Bordi, su azione d'angolo manca probabilmente il più semplice dei gol alzando troppo la mira da due passi. Non manca molto al momento in cui la gara si sblocca: palla che arriva in area dagli sviluppi di un calcio di punizione, la corta respinta della difesa gialloblu arriva sul sinistro di Giovagnoli che scaraventa di sinistro in rete. Primo tempo che di fatto si chiude in questo modo, resta solo il tempo per un tentativo alto di Donzelli. Ripresa che vede il motore della gara andare su di giri. Folgore che alza il baricentro e va in avanti alla ricerca del gol del pari: si abbassa notevolmente la squadra biagiotta a difesa del vantaggio. La Folgore cerca profondità ma la Biagio ha la prima occasione della ripresa. Borgognoni si libera sulla linea di fondo di Arcolai con una magia, ma scarica addosso a Chiodini che copre bene lo spazio. Da qui in poi la Folgore cerca la profondità con insistenza e per Fenucci c'è parecchio lavoro. Poco dopo Donzelli si alza più in alto di tutti e anticipa anche l'estremo ospite ma la sfera lambisce il palo. La gara si surriscalda per un fallo ai danni di Rossini ma diventa incandescente a pochi minuti dal termine: cross dalla destra e incornata di Pazzi che in torsione manda in rete, l'urlo dei supporters folgorini è strozzato in gola dalla bandierina alzata dell'assistente di linea. Proteste della squadra di casa che non accetta la decisione, ma non spegne il furore agonistico gialloblù che continua con la girata di Cento che si perde sul palo esterno, senza che Pazzi, ben appostato, riesca a ribadire in rete da comoda posizione. Tanta la pressione, ma alla fine però la Biagio raddoppia: volata di Sampaolesii che supera Bolzan e piazza uno splendido pallonetto dai venti metri che di fatto chiude la sfida. 

SALA STAMPA

Ovviamente raggiante mister Fenucci per la vittoria: “Abbiamo lottato con il cuore e tutti i ragazzi hanno dato il massimo. Credo che alla fine il risultato sia giusto, forse due reti di scarto non ci stanno, specie per il buon secondo tempo della Folgore. Devo però sottolineare che nel primo tempo c'è stata una sola squadra in campo ed alla fine la nostra vittoria non fa una piega. Sull'episodio del gol annullato, devo dire che dalla panchina ho visto poco, il collaboratore era perfettamente allineato, se ha alzato la bandierina, probabilmente avrà avuto ragione lui”.

Deluso ma anche molto obiettivo mister Bolzan: “Loro sono parsi più motivati e sicuramente molto ben preparati, nel primo tempo abbiamo incontrato delle difficoltà, meglio nella ripresa, ma quando devi inseguire è sempre difficile.  Non parlo dell'arbitro, quindi nemmeno dell'episodio del gol annullato. Pazzi è arrivato da pochi giorni e deve smaltire alcuni problemini a livello fisico, non è entrato prima per questo motivo, avendolo a disposizione: solo un pazzo non farebbe giocare Pazzi”. 

Nella foto: i giocatori della Biagio festeggiano con i tifosi a fine gara

 

ARTICOLO PRECEDENTE

Sale l'attesa per la finale di Coppa Italia Eccellenza Marche che si disputerà domenica, alle ore 15, allo stadio "Bruno Recchioni" di Fermo, tra la Folgore Falerone Montegranaro e la Biagio Nazzaro Chiaravalle. Il percorso che hanno dovuto affrontare le due compagini è stato difficile ma entrambe sono riuscite brillantemente a superare i precedenti turni. La Folgore Falerone Montegranaro ha eliminato agli ottavi di finale il Corridonia, vincendo l'andata in trasferta per 0 - 2 ed il ritorno per 1 - 0. Successivamente, ai quarti di finale, i folgorini hanno impattato nel match d'andata in casa con il Tolentino per 2 - 2 mentre al ritorno, il team guidato da Bolzan è riuscito ad espugnare il campo dei cremisi vincendo per 0 - 1. In semifinale, la squadra capolista del campionato di Eccellenza ha affrontato il Monticelli, pareggiando allo stadio "La Croce" di Montegranaro per 1 - 1 e vincendo il ritorno al "Monterocco" di Ascoli Piceno per 0 - 1. La Biagio Nazzaro Chiaravalle, invece, ha incontrato negli ottavi di finale il Portorecanati vincendo entrambe le sfide per 2 - 0. Al turno successivo, i biagiotti, hanno dapprima perso fuori casa per 3 - 2 contro la Forsempronese ma poi la squadra di mister Fenucci è riuscita a ribaltare il risultato nella gara di ritorno, vincendo tra le mura amiche per 1 - 0. In semifinale, la società chiaravallese ha affrontato il Vismara, trionfando per 0 - 3 fuori casa e pareggiando per 1 - 1 in casa, qualificandosi appunto per l'atto decisivo di domenica. La squadra che alzerà il trofeo, continuerà poi la manifestazione affrontando le società vincitrici delle altre regioni in scontri diretti di andata e ritorno. La squadra che si aggiudicherà la Finale Nazionale della Coppa Italia Eccellenza, avrà poi il diritto di disputare il Campionato di Serie D nella prossima stagione.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Fabio Mazzoni il 21/12/2014
 

Altri articoli dalla provincia...



Il Castelfidardo farà domanda di ripescaggio in Serie D!

CASTELFIDARDO. "Vogliamo tornare in Serie D". Questo l'annuncio del presidente del Castelfidardo Franco Baleani (foto). La società, reduce da un'amara retrocessione, farà domanda di ripescaggio: "Possiamo farla perché sono passati più di tre anni dalla precedente e vedremo se potremo tornare in D - le sue parole al Corriere Adr...leggi
23/05/2019

Frulla: "Senigallia in Eccellenza è il frutto del lavoro sui giovani"

SENIGALLIA. Senigallia in Eccellenza, tutto stupendo! Il succeso di ieri contro l'Atletico Ascoli che apre le porte del massimo torneo regionale all'FC Vigor Senigallia è la ciliegina sulla torta di un percorso iniziato tre anni fa, con l'abbraccio tra il Miciulli Senigallia e la Scuola Calcio Vigorina. Al termine della partita tutti con gli occhi l...leggi
20/05/2019

L'FC Vigor Senigallia può finalmente gridare: ECCELLENZA!

FC Vigor Senigallia - Atletico Ascoli 2-1FC Vigor Senigallia: Minardi, Candolfi, Guerra, Morganti, Magi Galluzzi, Vitali, Carbonari, Alessandro Pesaresi (30'st Gresta), Denis Pesaresi, D'Errico (30'st Siena), Cinotti (15'st Sabbatini). A disp. Morbidelli, Rosi, Marzano, Cuomo, Roberto, Falcinelli. All. Massimiliano GuiducciAtletico Ascoli:...leggi
19/05/2019

ECCELLENZA. P.S. Elpidio agli spareggi nazionali. Il primo in Abruzzo

Porto Sant’Elpidio - Fabriano Cerreto: 2-1PORTO SANT’ELPIDIO (4-3-1-2): Gagliardini; Frinconi, Nicolosi, Monserrat, Stortini; Orazi (12’ st Zira), Panichelli, Palladini; Cuccù; Ceijas (12’ st Marozzi), Ruzzier (27’ st Adami). A disp. Smerilli, Cantarini, Balestra, Santacroce, Raffaeli, D’Alessandro. All. Mengo  FA...leggi
12/05/2019

ECCELLENZA. Fabriano Cerreto in finale playoff: battuta l'Urbania

Eccellenza - Finale play-off: Fabriano Cerreto - Urbania 2-0FABRIANO CERRETO (4-2-3-1): Santini; Bordi, Gilardi, Cenerini, Morazzini (39’ st Mariucci); Borgese, Bartoli (49’ st Berettoni); Baldini (49’ Montecchia), Benedetti, Bartolini; Galli (47’ st Giuliacci). All. Tasso.URBANIA (4-1-3-2): Ducci; Renghi (45’ st Lucciarini), Rebiscini,...leggi
08/05/2019

24 gol, ora i play-off: è Guido Galli il re dei bomber dell'Eccellenza

FABRIANO. Il gol contro il Tolentino non è stato sufficiente per blindare la seconda posizione del Fabriano Cerreto ma ha santificato la migliore stagione in termini di gol realizzati da parte di Guido Galli (foto) che ha chiuso con 24 gol all’attivo in 34 giornate. Una incidenza di 0,7 gol realiz...leggi
06/05/2019

Bastava un punto, ne arrivano tre: Vigor Castelfidardo in Promozione!

DA CASTELFIDARDO Andrea Cesca.La Vigor Castelfidardo torna in Promozione. Contro il Moie Vallesina, nello scontro al vertice (Prima categoria girone B) giocato allo stadio Gabbanelli, agli uomini di mister Fermanelli bastava il pareggio. E’ arrivata un’altra vittoria, la numero venti di questo campionato, grazie ad una rete su calcio di punizi...leggi
04/05/2019


Tutto solo col vessillo del Castelfidardo tra gli 8mila del Cesena!

Tutto solo contro gli 8.000 dell'Orogel Stadium di Cesena (foto sotto). Lui a tifare un Castelfidardo già retrocesso in Eccellenza, loro a sostenere una squadra in odor di promozione in Serie C. L'impresa (domenica scorsa, risultato 4-1 per i cesenati) è del supertifoso Claudio Carli, immortalato allo stadio di Cesena col vessillo del Cas...leggi
02/05/2019

LA STORIA. Samuele Rossini annuncia: "A 43 anni domenica dirò stop"

MONTEFANO. Domenica sarà una giornata assolutamente speciale per Samuele Rossini (foto), autentica bandiera del Montefano. Non sarà infatti solo l’ultima gara di questo campionato di Eccellenza (si giocherà in casa del Camerano) per lui visto che appenderà gli scarpini al chiodo a...leggi
30/04/2019


"Con il gol 194 ho fatto piangere i compagni e la mia famiglia"

Cecchini scambia la palla con Santoni, sulla rasoiata dal fondo si avventa condor Taddei, il piattone è vincente. La Vigor Castelfidardo espugna in extremis il campo del Borghetto grazie alla rete del suo giocatore simbolo. “Avevo paura si spararla sopra la traversa – racconta Giovanni Taddei (foto), attaccante della Vigor C...leggi
28/04/2019


LA RIFLESSIONE. Tre gare non disputate... 25 Aprile scelta sbagliata!

Con il senno di poi forse è troppo facile prendere un certo tipo di posizione, ma siamo certi che giocare una giornata decisiva di campionato il 25 Aprile sia stata un'idea geniale? Al di la della Festa Nazionale che forse sarebbe giusto rispettare, si trattava per i campionati di Promozione e Seconda categoria dell'ultima di campionato, decisiva in alcu...leggi
26/04/2019

Stoccata di patron Mosconi: "Fare calcio a Jesi? Impossibile"

JESI "Noi vogliamo andare avanti, con tutte le nostre forze. Ma, da soli, è complicato. Fare calcio a Jesi? Dire che è difficile è troppo blando. Forse la parola giusta è: impossibile". A dirlo, attraverso le colonne del Corriere Adriatico, è Gianfilippo Mosconi (foto), presidente della Jesina. Affermazioni che sanno ...leggi
24/04/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09183 secondi