Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


INTERVISTA. Campionato, Coppa, papà e... politica: Ruggeri fa poker!

Il capitano del Tolentino a tutto campo

TOLENTINO. E’ il simbolo della squadra cremisi tornata finalmente in Serie D ma per Federico Ruggeri (foto) è stata un’annata senza dubbio da ricordare. Contro il Montefano ha timbrato la presenza numero 200 (durata appena dieci minuti causa infortunio) con questa maglia, giocando tutte le gare stagionali nonostante le 35 primavere. Lo scorso anno ha fatto parte, fino a dicembre, del gruppo del Montegiorgio che ha poi vinto l’Eccellenza (“Diciamo che per metà ho contribuito anche io, con quest’anno è un campionato e mezzo vinto”) prima del cammino vincente di questa stagione.

Federico, cosa hai provato al fischio finale mercoledì sera?
“Diciamo che c’era qualche conto in sospeso con questa maglia. Persi un campionato all’ultima giornata al Della Vittoria contro la Folgore Veregra, due finali di Coppa Italia. Quest’anno li abbiamo saldati tutti questi conti, vincendo Coppa Italia e campionato. E un piccolo rammarico per la sfida con il Foligno ce l’ho: avessimo passato il turno, sono sicuro che saremmo arrivati in fondo. Comunque è accaduto tutto in appena 4-5 mesi e le emozioni di quei momenti raccontano veramente tutto: sembrava un sogno. E poi quest’anno sono diventato anche papà, quindi per me la festa è totale”.

Domanda d’obbligo, quale è stato segreto dei cremisi?
“Eravamo un bel gruppo nutrito e la bravura del mister è stata quella di creare feeling ed eliminare quelle piccole invidie che potrebbero nascere perché magari in quattro ti giochi due maglie da titolare. Se guardi bene le presenze in campo tutti in pratica sono intorno alle 22-23 presenze, vuol dire aver coinvolto e reso partecipi tutti. Devo essere sincero, l’unico ad averle giocate praticamente tutte sono stato io. Senza un allenatore che riesce a trasmettere determinati valori comunque non riesci a vincere. Poi è naturale che l’intero ambiente ti aiuta e in questo senso il grazie va ai tifosi che ci hanno sempre sostenuto: l’altra sera lo spettacolo era incredibile”.

 E’ un successo che parte magari proprio dal mese di dicembre dello scorso anno?
“Beh, eravamo terz’ultimi in classifica quando sono arrivato, non conoscevo l’allenatore e la maggior parte dei compagni. Ma è stato proprio il mister a volermi fortemente anche se non ci conoscevamo: lui insieme a Stefano Serangeli e Crocetti. Era un buon gruppo ma c’erano tante cose da risolvere anche se il finale di stagione ha determinato certe dinamiche importanti. Qualcosa nasce proprio da li ma tutto è dipeso poi dall’allenatore e dalla fiducia della società”.

Per te, il 26 maggio ci sarà un’altra competizione, del tutto nuova, ma ugualmente stimolante. Giusto?
“Beh si, sono candidato al consiglio comunale nel mio paese, Torre San Patrizio. E’ una esperienza nuova, mi hanno chiesto se avevo voglia e ho deciso che era il caso di provarci. Porto in campo le mi idee per i giovani e per iniziative di tipo sociale. E’ un’altra esperienza, di tipo diverso da quella sportiva, ma da vivere al meglio e con lo spirito giusto”.

Superata anche lo scoglio delle elezioni si guarderà alla Serie D: ci sarà Federico Ruggeri in maglia cremisi?
“Il mio obiettivo era quello di andare in Serie D con il Tolentino e il resto vedremo che succederà. Alla mia età non ho l’ambizione particolare di giocare in D per forza. Valuteremo come sempre le esigenze della società e anche quelle mie personali. Parliamo della quarta serie nazionale dove si parla quasi di semiprofessionismo. Ma per queste valutazioni c’è tempo: ora godiamoci la festa e onoriamo al meglio le ultime giornate”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/04/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



"Voglio restare al Tolentino e aprire un ciclo come Castori"

TOLENTINO. "Spero che mister Castori sia orgoglioso di me per questo successo. Nel corso dell’anno mi è stato vicino e mi ha dato tanti consigli: questa vittoria è stata anche la sua". Queste le parole del tecnico del Tolentino Andrea Mosconi (foto) il giorno stesso della vittoria del campionato. Ma Mosconi si spinge oltre riguardo il tecnico di San...leggi
18/04/2019

HR Maceratese ko a testa alta: l'Anconitana trionfa in Coppa Italia

Coppa Italia Promozione - Finale: HR Maceratese - Anconitana 2-3 HR Maceratese: Tomba, Bigoni, Brugiapaglia (1'st Argalia), Arcolai, Capparuccia, Campana, Girotti (1'st Massini), Moriconi (35'st Agostinelli), Ridolfi, Mongiello, Suwareh (1'st Andreucci). A disp. Farroni, Falco, Tartabini, Ghannoui, Cervigni. All. Francesco MoriconiAnconita...leggi
14/04/2019

Recordman Iommi: 4° successo di fila ed 8° in carriera. Un mostro!

MONTE SAN GIUSTO. Nel Valdichienti Ponte che ha festeggiato ieri pomeriggio l'approdo nel campionato di Eccellenza, uno dei calciatori che può esultare con maggiore entusiasmo è senza alcun dubbio Giacomo Iommi (foto), che ha raggiunto l'incredibile traguardo di 8 campionati vinti. “Effettivamente è così, la mia o...leggi
11/04/2019

Tolentino, è qui la festa. Dopo 10 anni ritorna la Serie D!

DA TOLENTINO Diego Cartechini.Bastava un punto per festeggiare, e un punto col Montefano è arrivato. Finisce 0-0 al Della Vittoria e con il +10 in classifica a tre giornate dal termine il Tolentino si assicura il campionato di Eccellenza e dopo 10 anni ritrova la Serie D. Primo tempo di marca locale (al 10' il Tolentino perde il capitano Rugge...leggi
10/04/2019

Valdichienti Ponte hurrà: poker al Montalto e vola in Eccellenza!

MONTE SAN GIUSTO. Il Valdichienti Ponte è in Eccellenza. La squadra di Luigi Giandomenico aveva un compito ben preciso nel match casalingo con il Montalto: fare tre punti per non aspettare nessun altro risultato e puntualmente ha compiuto il suo dovere. Un primo tempo con l’acceleratore premuto è st...leggi
10/04/2019

Renzo Morreale selezionatore per la Juniores Cup: "Sono orgoglioso!"

PORTO SANT'ELPIDIO. “Non vedevo l’ora di rimettere quelle scarpette e tornare sul rettangolo di gioco, mi mancava troppo”. E’ entusiasta al telefono Renzo Morreale (foto) che proprio ieri ha iniziato ufficialmente la sua nuova avventura. Attenzione, nessun cambio di panchina in Eccellenza o giù di li. E’ in realtà il selezion...leggi
10/04/2019

Sorichetti, e 7! "San Severino ha dimostrato di avere fame di calcio"

SAN SEVERINO MARCHE. Nella vittoria della Settempeda (promossa in Prima categoria) c'è tanto di Roberto Sorichetti (nella foto con il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei), 50 anni a luglio, circa 800 presenze in tutte le categorie e... sette campionati vinti. Ricapitoliamo: due a Pollenza, uno a Tolentino, uno a Matelica, uno a San S...leggi
09/04/2019


Ribichini family, Andrea a Mattia: "Onora la maglia e fatti valere!"

Bomber di padre in figlio. Il papà è Andrea Ribichini, per tutti "Furia" (foto in alto a destra), un mito a Corridonia, oltre 25 anni di onorata carriera e circa 320 reti segnate con cinque campionati vinti indossando sedici maglie in tutte le categorie, il figlio è Mattia (foto, ...leggi
03/04/2019

COPPA ITALIA D. Il Matelica manda ko il Mantova (2-1) e vola in finale

MATELICA. Alla fine il Matelica sigilla una pagina di storia autentica con la qualificazione alla finalissima di Coppa Italia. Pubblico delle grandi occasioni a Matelica, oltre 600 presenti (una cinquantina giunti da Mantova) per quello che può essere un pomeriggio storico per i biancorossi maceratesi, in palio un posto nella finalissima della Co...leggi
03/04/2019

MINNOZZI STORY. Parla papà Massimo: "Vi racconto il mio Matteo..."

Suo papà Massimo Minnozzi (foto a sinistra), 50 anni, è stato un attaccante di rango che ha militato in diverse importanti società come Portorecanati, Osimana, Porto Potenza e Sangiustese (solo per citarne alcune) che negli ultimi anni si è cimentato come allenatore alla guida di Nuova Picena, Montecassiano e Real Castelfidardo. Lasciato il ...leggi
02/04/2019

Fabrizia Ghergo, una presidente...Real: "La vittoria del gruppo"

CIVITANOVA MARCHE. Una donna maceratese che vince a Civitanova Marche. Può sembrare un fatto anomalo ma non lo è se conosci la protagonista e gli artefici dell'impresa. Il Real Citanò vola in Seconda categoria (con 3 giornate di anticipo) dopo aver dominato il girone F di Terza categoria (...leggi
01/04/2019


"Dedico il mio rinnovo a chi a 37 anni si trova senza casa e lavoro"

RECANATI. In casa Recanatese, dopo l’ottimo campionato fin qui disputato, è già tempo di pianificare il futuro. Dopo Pera, Raparo, Giaccaglia, Senigagliesi e Borrelli, la società leopardiana mette un altro tassello confermando l'esperto difensore centrale Alex Nodari (foto) che molto bene ha fatto sia nel corso dello scorso campionato (Nodari...leggi
29/03/2019

Gare l'11 Aprile: sale la protesta. Ma si può giocare di giovedi?

Probabilmente la maggior parte degli appassionati del calcio dilettantistico e dei dirigenti delle squadre non si erano accorti di un piccolo fatto che, con l'approssimarsi del finale di stagione, sta mettendo in un certo allarme molti addetti ai lavori. Viste le date del “Torneo delle Regioni” che si svolgerà a Matera in Basilicata dal 12 al 19 April...leggi
01/04/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05807 secondi