Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


INTERVISTA. Zannini: "A Potenza Picena vissuta un'annata strepitosa!"

Il tecnico che ha ritrovato dopo diverse stagioni una panchina over, si rimette alle decisioni del presidente Andrea Savoretti

POTENZA PICENA. Si chiuderà il prossimo 25 aprile la stagione del Potenza Picena nel girone B del campionato di Promozione, ma quando manca ancora una gara al termine, i giallorossi possono già andare fieri di una posizione in classifica di tutto rispetto. Una salvezza tranquilla ed anche una piccola possibilità, ora sfumata, di agganciare le posizioni che contano. Abbiamo tracciato un bilancio sulla stagione in compagnia di mister Gianfranco Zannini (foto), dalla scorsa estate sulla panchina del Potenza Picena.

Lei mister mancava dal calcio degli over da circa 10 anni, quali sensazioni ha provato nel momento in cui ha avuto la possibilità di allenare in un campionato come la Promozione?
“Veramente non ho mai staccato, negli ultimi anni ho lavorato con settori giovanili di società anche molto importanti, il mio rapporto con la panchina non si è mai interrotto. Per me non fa differenza allenare ragazzi di 16 anni o uomini maturi di 35 o 40, io cerco di prendere il meglio da ognuno di loro, sempre in funzione del progetto che si intende portare avanti”.

Avere a che fare con ragazzi giovani o con atleti già affermati, comporta un lavoro da svolgere piuttosto diverso. Non è così?
“Io parto dal presupposto che il calciatore, sia esso giovane o esperto, riesce ad esprimere il meglio quando vede che la sua crescita è corrispondente alle sue ambizioni. Se tutto ciò accade non ci sono problemi, una volta sposato il progetto lo si porta vanti al meglio. Con i ragazzi magari occorrono delle sedute più lunghe, più intense, si lavora anche sulla qualità, ci vogliono 4/5 allenamenti settimanali, è fondamentale che si svolgano di giorno, insomma un’organizzazione più complessa. Tutte cose che comunque non mi spaventano, ma al contrario mi trasmettono stimoli straordinari”.

Il Potenza Picena è una squadra giovane che ha fatto molto bene, quanto sono cresciuti questi ragazzi nel corso del campionato?
“Posso affermare che a livello caratteriale i più giovani sono migliorati di un buon 30%, hanno acquisito conoscenze che saranno utilissime in futuro. Ce ne sono 3 o 4 che potrebbero salire tranquillamente in Eccellenza o anche in Serie D, mentre gli altri hanno tutto per continuare il progetto giovane della società e diventarne protagonisti. Voglio anche sottolineare il grande supporto che questi ragazzi hanno avuto, da gente seria e pienamente inserita nel progetto, come ad esempio Ionni, Pantone e Natali, degli uomini straordinari, prima che dei grandissimi calciatori. Il loro sostegno è stato determinante”.

Che valutazione di può dare di questo campionato di Promozione?
“Un livello altissimo, squadre come Valdichienti, Atletico Ascoli, Civitanovese o Maceratese, a mio avviso avrebbero fatto un’ottima figura anche in Eccellenza. La stessa Monturano Campiglione mi ha fatto una bella impressione ed ha ancora qualche speranza di centrare i play off. In generale comunque tante grosse squadre, come non si vedeva da tempo”.

Dopo una stagione come questa, cosa farà mister Zannini il prossimo anno?
“Io ho una sola ambizione: allenare. Credo di meritarlo e vorrei continuare. Se il presidente, che è persona saggia ed intelligente, deciderà di dare seguito al rapporto, sarò ben lieto di proseguire. Se dovesse decidere diversamente mi adeguerò senza problemi, Andrea Savoretti sa perfettamente qual’è il meglio per la sua squadra e qualunque decisione vorrà prendere, avrà sempre il mio rispetto”.

Come è stato il suo rapporto con l’ambiente di Potenza Picena?
“Assolutamente eccellente, in primis con il presidente, ma in generale con tutta la società e con le persone vicine alla squadra, un ambiente dove si può fare calcio. A tal proposito colgo l’occasione per ringraziare anche lo Staff che ha collaborato con me in maniera impeccabile, con grande passione ed estrema professionalità: Andrea Gramaccini, Tiziano Bovetta, Simone De Giorgi, Flavio Menghini e Rudi Natali che oltre al portiere ha fatto anche il preparatore dei portieri, persone serie e di grande spessore”.

Qual’è stata la partita di questa stagione che anche in futuro ricorderà con maggiore piacere?
“Senza alcun dubbio la gara con la Civitanovese, a 10’ dal termine eravamo sotto di una rete e con un grande finale siamo riusciti a capovolgere la situazione. Sono momenti che non si dimenticano. Mi resta solo il dispiacere che quel risultato è costato la panchina a Emiliano Da Col, un mio ex giocatore che stimo molto, ma queste sono le cose del calcio”.

Se dovesse scegliere un aspetto da evidenziare della sua esperienza al Potenza Picena, cosa sceglierebbe?
“La tifoseria, unica ed insostituibile. Voglio ringraziare Marco Pagnanini e tutti i supporters giallorossi per il calore e l'affetto nei nostri confronti. Tutti loro non sono dei semplici tifosi, ma dei sostenitori puliti ed onesti che con il contatto umano e la continua vicinanza sono riusciti a trasmettere, specialmente ai più giovani, la fede incrollabile in quella casacca giallorossa che è il simbolo della loro passione. Fanno parte a pieno titolo del nostro percorso”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 19/04/2019
 

Altri articoli dalla provincia...




Questione Polisportivo Civitanova: arriva la fumata bianca

CIVITANOVA MARCHE. Si è svolta presso la "Sala dell'Amicizia" di Palazzo Sforza la riunione riguardante l'uso dello stadio Polisportivo di Civitanova Marche. Problematica all'ordine del giorno è stata ovviamente la richiesta della Sangiustese di utilizzare per il prossimo campionato di Serie D l'impianto principale della città, cosa ch...leggi
02/08/2019

Ripescaggi in Eccellenza: anche la Maceratese alza la voce

MACERATA. Sul tema della composizione delle graduatorie dei ripescaggi in Eccellenza, città e tifoseria attendevano con ansia una presa di posizione della S.S. Maceratese, cosa che è avvenuta nella giornata di ieri con la società che tramite l'Avvocato Giancarlo Giulianelli ha inviato una PEC al Comitato Region...leggi
01/08/2019

Procaccini: "Finalmente Corridonia può gioire!"

CORRIDONIA. Una stagione lunghissima, culminata con la sconfitta nella finale play off di Loreto contro il Moie Vallesina. Poi un’attesa lunga, a tratti snervante, per sapere se ci fosse la possibilità concreta di essere ripescati. Il Corridonia adesso può finalmente festeggiare il ritorno nel campionato di Promozione. “Noi ci abbiamo sempre cr...leggi
26/07/2019

Dall'Eccellenza alla 1^ cat. La nuova geografia del calcio marchigiano

Con la mancata iscrizione della Pergolese al prossimo campionato di Eccellenza, che dovrà comunque essere ratificata dal Comitato Regionale, si modificherà anche la geografia dei vari gironi di Promozione e Prima categoria. Senza voler mancare di rispetto a nessuno, abbiamo provato a fare una simulazione su come potrebbero essere suddivisi gli org...leggi
25/07/2019

A Corridonia sale la febbre: "Tutti ci chiedono: vi ripescano o no?"

CORRIDONIA. "In città tutti ci chiedono: ma vi ripescano o no?". Martino Martinelli (foto), tecnico del Corridonia fresco di riconferma, aspetta. Come aspetta la società e una città intera che ha voglia di tornare in alto. Un po' di mercato si è fatto ma tra Prima categoria e Promozione la differenza c'è...leggi
19/07/2019

Il civitanovese Michele Paolucci giocherà in Canada con il Valour Fc!

Continua l’esperienza estera del bomber civitanovese Michele Paolucci (foto): dopo la doppia parentesi maltese con le maglie di Floriana e Tarxien Rainbows (e in precedenza una breve avventura in terra rumena) per lui è arrivato il momento di volare oltre oceano. Ha appena firmato con il...leggi
17/07/2019

UFFICIALE. La Sangiustese trasloca al Polisportivo di Civitanova

Con la documentazione inviata e validata è arrivata l'ufficialità. La Sangiustese giocherà le gare interne del prossimo campionato di Serie D al "Polisportivo" di Civitanova Marche. La vicenda che durava da diversi mesi si è conclusa quindi con il trascolo dei rossoblù di Monte San Giusto in riva all'Adriatico.&nb...leggi
13/07/2019

UFFICIALE: Riparte il Muccia targato Foligno!

MUCCIA. Da una riunione tenutasi ieri sera è scaturita la tanto attesa fumata bianca, sia pure tra tante difficoltà il Muccia Calcio riparte. Grazie alla fattiva collaborazione dell'Amministrazione Comunale e di alcuni imprenditori locali, la squadra di calcio che nelle ultime stagioni ha orgogliosamente lottato nel campionato di Prima categoria, riuscendo an...leggi
12/07/2019

L'Eccellenza di Izzotti: "Equilibrio, ma Anconitana davanti a tutti"

E' senza alcun dubbio uno degli allenatori più in vista nel panorama dilettantistico locale, parliamo di Domenico Izzotti (foto) tecnico che ha diviso la sua carriera tra Marche ed Abruzzo, raccogliendo ovunque grandi successi. Nella stagione che si è appena conclusa ha guidato con ottimi risultati l'Alba Adriatica, nel c...leggi
11/07/2019


Scuffia, voglia di Pro: "Ma la regola Under penalizza i portieri over"

Nelle Marche ha difeso la porta di Maceratese (la squadra della propria città) ed Ancona, e dopo aver spiccato il volo verso la Fiorentina è stato in altre piazze importanti fra cui Catanzaro, Lecce e Rimini. Stiamo parlando di Tommaso Scuffia (foto), portiere di 27 anni, nelle ultime due stagioni protagonista con il Roccella Jonica di al...leggi
09/07/2019

Civitanovese, Rosati: "Troppa improvvisazione. E a Profili dico..."

Ha portato il Trapani in Serie B, poi ha salutato perchè è cambiata la proprietà e sono subentrate logiche politiche che non gli sono piaciute. Ha ripreso l'aereo ed è tornato a casa. Vive a Carpi, spesso anche a Cupramarittima, il suo nome è dinastico, Gianni Rosati (foto): suo padre Armando portò la Civitanovese per la p...leggi
08/07/2019

Torna la S.S. Maceratese 1922

MACERATA. Rinasce ufficialmente la Società Sportiva Maceratese 1922 la gloriosa compagine nata 97 anni fa che ha scritto la storia del calcio di Macerata. Ieri mattina infatti, nel corso di una conferenza stampa, i simboli, i colori, le denominazioni e il logo della storica società, sono stati consegnati dal sindaco Romano Carancini, a titolo g...leggi
06/07/2019



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,23847 secondi