Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


Le 900 panchine. Il Comandante Giuseppe Santoni sempre presente!

Il tecnico di Valfornace ripercorre alcuni momenti salienti della sua carriera ed il suo legame indissolubile con Potenza Picena

POTENZA PICENA. Quando si raggiungono le 900 panchine in carriera ed ancora c'è davanti una lunga strada da percorrere, significa che si è fatto e si sta facendo qualcosa di davvero importante. Nella gara del campionato di Promozione B di ieri tra Potenza Picena e Monterubbianese, Giuseppe Santoni (foto) ha potuto festeggiare questo traguardo prestigioso e per molti difficilmente raggiungibile.

Allora mister, 900 panchine a fine carriera sono un discorso, ma raggiungerle a 56 anni ha quasi dell'incredibile.
“Diciamo che ho iniziato molto presto, la prima esperienza come allenatore-giocatore a Muccia dove vincemmo il campionato di Terza categoria. Da allora tante soddisfazioni e tante realtà tutte comunque belle ed appassionanti”.

Se potessi tornare indietro, quali momenti sceglieresti in questo lungo percorso?
“Faccio fatica a scegliere qualcosa in particolare, anche perchè ovunque sono stato ho vissuto intensamente ogni avventura. Certo non si dimenticano le esperienze vissute qui a Potenza Picena, dove mi ha fatto particolarmente piacere raggiungere questo traguardo, insieme a quella che io considero la mia gente. Ho vissuto un bellissimo periodo a Caldarola, 2 anni fantastici a Matelica, momenti indimenticabili a Chiesanuova, davvero tante piazze importanti”.

Puoi vantare anche un piccolo record, anche questo riservato solo a pochi.
“Ho avuto la possibilità di allenare in tutte le categorie del dilettantismo. Dalla Terza categoria di Muccia, alla Serie D del Camerino, fortemente voluto dal presidente Bottacchiari. Sarà una piccola cosa, ma nel mio piccolo sono estremamente orgoglioso di questo percorso”.

Trenta anni circa vissuti intensamente, non deve essere facile.
“In primis ringrazio il Signore per la salute, posso affermare che in tutti questi anni non ho mai saltato una partita, mentre sono mancato solo a 3 o 4 allenamenti. Una quando si operò mio figlio e il presidente Savoretti minacciò di esonerarmi se non fossi andato di corsa a Siena, la seconda purtroppo quando è mancata la fidanzata di mio figlio e quella immane tragedia ancora la porto dentro di me”.

Parliamo di questo campionato, si aspettava un avvio diverso?
“Non abbiamo avuto un approccio fantastico, tanto che a Corridonia abbiamo offerto una prestazione negativa, anche dal punto di vista dell'atteggiamento. Stiamo ancora cercando un'identità definitiva, ma diciamo che siamo probabilmente sulla buona strada”.

Determinante l'opera anche questa volta della società giallorossa.
“Anche se nell'ultimo anno sono cambiate quasi completamente le persone, la società resta vicina, collaborativa e sempre disponibile e può contare su un presidente come Andrea Savoretti in grado di trasmettere quel senso di appartenenza che è il tratto distintivo del Potenza Picena”.

Quale valutazione si sente di dare a questo campionato?
“La Promozione B è sempre stato un torneo tosto, difficile e ricco di fascino. Quello di quest'anno non sfugge alla regola, e presenta inoltre alcune compagini che hanno alle spalle degli enormi bacini d'utenza e degli investimenti non indifferenti. Civitanovese, Maceratese ed Atletico Ascoli, certo non possono nascondersi, ma sono molte le squadre attrezzate per far molto bene”.

Una probabilmente la incontrerete alla prossima, cosa ci dice sulla capolista Monturano Campiglione?
“Ottima squadra, molto cresciuta nell'ultimo anno, brava anche in estate a completare l'organico con gli elementi giusti. Inoltre i buoni risultati stanno risvegliando l'attenzione in una piazza importante come Monte Urano, come diceva mister Garcia alla Roma, hanno avuto il merito di riportare la Chiesa al centro del villaggio e non è cosa da poco. Per noi un esame importante, potremo misurare il nostro grado di crescita con una compagine molto forte, vedremo cosa saremo capaci di fare”.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 14/10/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Massimo Ciocci, addio Cina: "Grande esperienza. Ora sono sulla piazza"

“I miei ex giocatori e i colleghi mi hanno fatto una grande festa quando sono ripartito per l’Italia. Ho lasciato un buon ricordo, quando lavori con i ragazzi il risultato passa in secondo piano. Sembra una frase fatta, ma è davvero così”. Massimo Ciocci è tornato in Italia, nella sua Corridonia. Dopo due anni tra...leggi
18/11/2019


Vi ricordate di Walter Tartufoli? Vive e gioca in Germania

Vi ricordate di Walter Tartufoli? Ruolo attaccante, classe 1985, ha giocato in D col Grottammare, in Eccellenza con Civitanovese, Truentina e Monturanese, in Promozione con Trodica, Porto Potenza, Corridonia, Portorecanati e Loreto. Poi bye bye Marche e si trasferisce in Germania, dove gioca con la squadra del suo paese. "Sono in Germania da gennaio 2015 perché...leggi
15/11/2019

Dall'Australia alla....Maceratese. Mariani: "La mia seconda casa"

Dal Tolentino alla Maceratese passando per … l’Australia. Marco Mariani (foto by cronachemaceratesi) l’estate scorsa decide di raggiungere l’amico Emiliano Storani (attualmente alla Belfortese) in Oceania. Gioca con la maglia dell’Adelaide Victory FC, seconda divisione australiana, dove disputa il girone di ritorno, in totale 9 partite. P...leggi
12/11/2019

Arbitro e giocatori con la stessa divisa! Ma queste regole chi le fa?

Tra le nuove regole che ogni tanto piovono sulla testa delle squadre dilettantistiche, questa volta vorremmo segnalarne una ai nostri affezionati lettori che crediamo sia tra le più cervellotiche. Da questa stagione i direttori di gara hanno l'obbligo di indossare la giacchetta di un solo colore, un verde tipo evidenziatore, che crediamo tutti abbiano av...leggi
11/11/2019

Fascia di capitano a Sem. Il Tolentino dà un calcio al razzismo

Le fasce di capitano a Mateus Ribeiro Dos Santos da una parte ed a Sem Bedias Kamana Ogolong dall’altra. Vastese e Tolentino, che si affronteranno domenica allo Stadio Aragona di Vasto nella partita valida per l’11^ giornata di andata in Serie D girone F, a braccetto, vogliono lanciare attraverso questo gesto un messaggio cont...leggi
07/11/2019


Saimon Carnevali giocatore totale! "Per me le maglie dall'1 all'11"

Attaccante, centrocampista, difensore e all’occorrenza portiere. Saimon Carnevali (foto), 40 anni compiuti, terminata l’esperienza con l’Aurora Treia ha deciso di rimettersi in gioco con la maglia della Folgore Castelraimondo (Seconda categoria F). Nella partita vinta con il Telusiano ha ritrovato anche la via della rete.“E&rsq...leggi
04/11/2019


"Fare il Ds a Macerata era il mio sogno: ora vinciamo il campionato"

MACERATA. “Fare il Direttore Sportivo della Maceratese era il mio sogno. Adesso che si è avverato, punto a vincere il campionato”. Jonathan Proculo (foto) non nasconde le ambizioni della Maceratese. “Secondo me dobbiamo fare attenzione solamente all’Atletico Ascoli – spiega Proculo a IGsport47 – Monturano Ca...leggi
23/10/2019


Arian e Giacomo Vrioni, quando il gol è un vizio di famiglia...

Il gol è un vizio di famiglia a casa Vrioni. Arian (foto a sinistra), attaccante del Fabiani Matelica, continua a fare gol nonostante i 38 anni compiuti (sua è la rete del 3 a 0 con il Mancini Ruggero Pioraco). Giacomo (foto centrale), 21 anni festeggiati da poco, gioca centravanti con il Cittadel...leggi
21/10/2019

Massimo Ciocci, cuore nerazzurro: non dimentica l'amico Alberto!

"Amici per sempre..." ha postato il 30 dicembre 2018. E in quella foto stava con Massimo Ciocci, ex golden boy dell'Inter (memorabile la sua doppietta nel 4-2 alla Roma del 27 marzo 1988), originario di Corridonia (MC). Nei giorni scorsi ha scosso tutti la vicenda personale di Alberto Rivolta, ex difensore dell’Inter dei record guidata da Giovann...leggi
15/10/2019

Il Sindaco di Monte S.Giusto Gentili entra a gamba tesa su Pantanetti

MONTE SAN GIUSTO. Il sindaco di Monte San Giusto Andrea Gentili (foto a sinista) interviene per replicare all’ex patron della Sangiustese, Antonio Pantanetti (foto a destra), che ha additato il primo cittadino come principale responsabile per il trasloco in riva all’Adriatico del sodalizio rossoblù (...leggi
12/10/2019

"Monaco, Giovannini, Iachetta". I giocatori top di Luca Pavoni

PORTO RECANATI. Viaggia meglio fuori casa il Portorecanati (guarda la rosa) ma è giunta l'ora anche di raccogliere punti al "Monaldi", di fronte al pubblico amico, anche se il prossimo avversario non è dei più facili: arriva l'Atletico Ascoli. "E' una delle squadre più forti ma ci faremo trova...leggi
10/10/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,12432 secondi