Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


image host

image host

Cossinea in 1^ cat: parlano gli artefici di una storia straordinaria

Il presidente Silvestri, il suo amico e fidato vice Barbizzi e mister Volponi, i protagonisti di una vera e propria impresa si raccontano

COSSIGNANO. La Cossinea scrive la storia! Potrebbe sembrare la solita frase retorica, invece sabato scorso è accaduto davvero qualcosa di incredibile. Vincendo una gara non facile di campionato, la squadra di un piccolo comune dell'entroterra ascolano, si è guadagnata con una gara di anticipo, l'accesso al prossimo campionato di Prima categoria. Per la prima volta nella sua storia, quasi quarantennale, la squadra di calcio di Cossignano, paesino con meno di 1000 abitanti, disputerà un torneo così importante. Per ripercorrere, almeno in parte, le vicende di questo sodalizio, abbiamo voluto sentire quelli che sono stati gli artefici di un'impresa indimenticabile. 

Partiamo dal vertice della società: il presidente Quintilio Silvestri (foto a sx). “La soddisfazione è immensa, si fa fatica perfino a rendersi conto del percorso che abbiamo compiuto. Per me e per Pacifico questa vittoria è il coronamento di un'avventura iniziata 36 anni fa. Ero un ragazzo e giocavo nel Montalto – ricorda il presidente – nel 1983 decidemmo di fare una squadra nel nostro paese e tornai a casa. Fondammo la società e partimmo dalla Terza categoria, in tutti questi anni ho fatto di tutto, sono stato calciatore, capitano, anche allenatore per 5 anni e da 13 anni sono il presidente. Sono socio fondatore, ho visto nascere, crescere e svilupparsi questa nostra realtà e provo qualcosa di indescrivibile, rischiando addirittura di commuovermi, se mi guardo indietro. Ora che abbiamo raggiunto il massimo traguardo della nostra storia, faccio anche fatica a trovare le parole per esprimere tutta la soddisfazione. E' il coronamento di un sogno che pensavamo restasse tale, invece i ragazzi e il mister hanno voluto regalarci questa impresa e non possiamo che essere grati. Nei possimi giorni, a mente fredda, cominceremo a pensare al futuro. Certamente non sarà semplice – continua Silvestri - andremo a competere con realtà molto più grandi ed organizzate di noi, ma siamo gente seria e cercheremo di fare tutto quello che è nelle nostre possibilità, non ci tireremo indietro. Continueremo sempre a lavorare per il bene della nostra creatura”.

Sempre al fianco del presidente, il suo vice, Pacifico Barbizzi (foto al centro), memoria storica della società: “Non avrei mai pensato di poter avere una soddisfazione del genere, sono 36 anni che insieme a Quintilio condividiamo tutto di questa squadra. Sono partito da questo paese – ricorda Barbizzi – per andare a lavorare in Svizzera dove giocavo anche in un campionato paragobanibile a quella che oggi è a nostra Promozione. Quando tornai in Italia, i giovani del paese stavano formando questa società ed io non mi tirai certo indietro ed ora eccoci qua! Ho vissuto sempre da vicino, momento per momento le vicende di questa squadra e quest'anno, pur essendo sempre a stretto contato con i ragazzi e il mister, sinceramente non mi aspettavo un exploit del genere, ero convinto che avessimo una bella squadra, ma mai avrei pensato di fare un percorso del genere. Onore a questi ragazzi che per me sono come dei figli, al mister che ci ha dato davvero una marcia in più e a tutti i tifosi che ci sono sempre stati vicini. Non dimentico l'Amministrazione Comunale, sempre attenta e disponibile verso le nostre necessità e tutto il paese in generale, tifosi o semplici cittadini, ai quali comunque abbiamo fatto viver un momento di gioia e di passione difficile da dimenticare. Ora arriva la parte difficile – continua lo storico dirigente - per noi non sarà semplice competere in Prima categoria, ma siamo orgogliosi, ci organizzeremo e sempre facendo grande attenzione alle nostre disponibilità, cercheremo di portare avanti questa nostra avventura. Alla Cossinea ho dedicato quasi 40 anni della mia vita, fino a quando il Buon Dio mi darà salute, io sarò sempre al fianco dei miei ragazzi!”.

L'artefice di quello che per molti era solo un sogno, risponde al nome di Eraldo Volponi (foto a dx): “La gioia che ho provato l'altra sera è immensa, ho avuto la soddisfazione di vincere con molti dei ragazzi che avevo avuto nelle giovanili dell'Offida, li ho ritrovati in età matura e con loro è come se il rapporto non si fosse mai interrotto. Grazie alla società che ci ha permesso di lavorare con serenità – sottolinea l'allenatore – in due stagioni abbiamo avuto una crescita esponenziale, specie a livello di mentalità. Abbiamo acquisito quelle conoscenze che erano fondamentali ed abbiamo imparato a stare in campo, affrontando sempre con determinazione ogni tipo di difficoltà. I ragazzi hanno sempre dato il meglio, abbiamo scelto di allenarci 3 volte alla settimana eppure agli allenamenti c'erano sempre almeno 25 ragazzi, un gruppo serio, unito, che ha sempre affrontato con decisone ogni gara. Naturalmente nel corso della stagione abbiamo avuto anche noi dei momenti di calo, siamo stati bravi ad affronatrli con intelligenza, cercando di limtare i danni e comunque abbiamo avuto sempre una certa continuità che alla fine si è rivelata decisiva. In un momento di grande euforia come questo – sottolinea mister Volponi - rischi magari di dimenticare qualcuno, ma ci tengo a ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questa impresa. La società, piccola ma organizzata ed efficiente, condotta da due persone straordinarie come Quintilio e Pacifico, i miei due più stretti collaboratori, il massaggiatore e fisoterapista Prof. Enrico Calvaresi ed il preparatore dei portieri Valeriano Simonetti. Ringrazio i miei splendidi ragazzi per il loro impegno, e lo faccio citando il nome del nostro capitano Mattia Giudici, una persona importante sia in mezzo al campo che nello spogliatoio. Un pensiero ai tifosi che ci sono stati vicini ed un ringraziamento a Roberto De Angelis, il Sindaco di questo meraviglioso paese, che sabato mi ha messo in difficoltà, ringraziandomi in lacrime per la gioia indescrivibile che stavano vivendo i suoi cittadini. Ora però - chiude l'allenatore - bisogna tornare alla realtà, ci teniamo a finire in bellezza e sabato prossimo daremo ancora il massimo contro il Montottone, che per lungo tempo è stata la nostra avversaria più temibile. Vedremo poi con calma cosa ci riserverà il futuro, ma è certo che questo momento resterà scolpito per sempre nella nostra mente”.

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 16/04/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Compagnoni e le porte chiuse: "Per noi sarà come cantare senza musica"

Ripartenza sì o ripartenza no, ma soprattutto: che Serie A sarà senza pubblico sugli spalti? Maurizio Compagnoni (foto), 57 anni, sambenedettese doc, amico di Marcheingol.it e «voce» di Sky Sport, ne ha parlato alla Gazzetta dello Sport. Compagnoni, le partite a porte chiuse impoveriscono le telecronache?«A...leggi
21/05/2020

CESSIONE SAMB. Spunta il nome di Domenico Serafino!

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. La Sambenedettese è a un passo dalla vendita. Anzi, secondo alcuni beninformati, un acconto avrebbe già avviato il passaggio di consegne. A chi? Il nome che ha avuto più riscontri in queste ore è quello di Domenico Serafino, sul quale sono piovuto conferme da chi è molto vicino alla proprietà. ...leggi
14/05/2020

Vagnoni duro: "Promossa la prima in classifica? Non è giusto"

"Non approvo l'orientamento di promuovere la prima in classifica e lo avrei detto anche se non avessimo subito il sorpasso in vetta all'ultima giornata prima della sospensione. Con otto gare da disputare e distacchi minimi sarebbe ingiusto emettere verdetti". L'idea che il Consiglio Federale conceda il via libera alla promozione in C delle capolista dei nove gironi non piace a...leggi
14/05/2020

Ascoli Calcio, scatta la demolizione della mitica Curva Sud!

ASCOLI PICENO. A 46 anni dalla costruzione viene demolita la curva Sud dello stadio Del Duca. Le operazioni sono iniziate questa mattina. Sulla carta un ‘intervento urbanistico’ come un altro, tra l’altro di un luogo chiuso al pubblico ormai da anni, quindi teoricamente di scarso impatto sociale. Ma la realtà è diversa. Molto diversa. E’ fuori di du...leggi
11/05/2020

Campi neutri per la ripartenza in A, c'è anche il Riviera Delle Palme!

Tra le ipotesi sulla ripartenza della Serie A, resta ancora in piedi quella che riguarda la disputa delle restanti partite in campo neutro, nelle zone meno colpite dal Covid 19. Le gare, comunque vada, saranno a porte chiuse. Secondo quanto riportato da La Repubblica, sarebbe già stato stipulato un accordo con impianti di Serie B idonei ad ospitare una partita di Seri...leggi
08/05/2020

Silva: "In 50 anni mai visto uno stop così. Riprendere? Credo di no"

Ascolano, da gennaio sulla panchina della Vastese (Serie D, gir.F), l'ex bandiera dell'Ascoli Calcio Massimo Silva (foto) sta a casa come tutti per l'emergenza Coronavirus."Sportivamente parlando è un vero peccato – racconta in un'intervista a Il Resto del Carlino - avevo trovato l’intesa con i ragazzi e l...leggi
05/04/2020

Spadoni: "Ecco come 'salvare' la stagione in caso di stop definitivo"

Non ha bisogno di presentazione Giulio Spadoni (foto), ex Dg e Ds di Maceratese, Fermana, Ancona, Sambenedettese e di altre società sia di Serie C che nel mondo dei Dilettanti, nella stagione corrente è uomo mercato della Sangiorgese. Nel suo settore, Spadoni, sambenedettese doc, è uno dei più bravi e preparati. Direttore, co...leggi
03/04/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

Fantuzi bomber e infermiere: "Rispettiamo le regole e...vinceremo!"

Quando smette i panni di bomber indossa il camice bianco. Lui è Fabio Fantuzi (foto), attaccante dell'Acquasanta e attuale capocannoniere con 18 gol del girone H di Seconda categoria, nella vita professionale lavora come infermiere ad Ascoli Piceno. Chi meglio di lui può spiegarci come si vive ai tempi del Coronavirus. ...leggi
12/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Terminare la stagione in tempo di Coronavirus. Sarà un'impresa!

Nella giornata di ieri abbiamo sentito i dirigenti di alcune società dell'Eccellenza in merito al blocco dei campionati ed alla possibilità di giocare le gare a porte chiuse. Tale eventualità sembra raccogliere la maggioranza dei consensi, anche se non mancano i distinguo e le valutazioni generali sulla salute dei tesserati. Ammesso che si voglia battere questa strada, dall...leggi
06/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020

Leo Ciotti e il Porto d'Ascoli Calcio: "10 anni...di goal"

STELLA DI MONSAMPOLO. Nel campionato di Eccellenza Marche che sta volgendo al termine, gli osservatori più attenti avranno certamente notato l'assenza negli ultimi mesi, di un esponente di primo piano del movimento calcistico regionale come Leo Ciotti (foto). Per soddisfare la nostra curiosità e crediamo anche quella dei nostri lettori, a...leggi
27/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,12716 secondi