Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


image host

image host

L'Eccellenza di Izzotti: "Equilibrio, ma Anconitana davanti a tutti"

Il tecnico abruzzese grande conoscitore anche del nostro massimo torneo, esprime un giudizio sulla stagione alle porte

E' senza alcun dubbio uno degli allenatori più in vista nel panorama dilettantistico locale, parliamo di Domenico Izzotti (foto) tecnico che ha diviso la sua carriera tra Marche ed Abruzzo, raccogliendo ovunque grandi successi. Nella stagione che si è appena conclusa ha guidato con ottimi risultati l'Alba Adriatica, nel campionato di Eccellenza Abruzzo, ed ora osserva con attenzione quanto sta accadendo nelle due regioni che lo hanno visto spesso protagonista.

Partiamo appunto dall'avventura all'Alba Adriatica, buoni risultati ma alla fine arriva la separazione.
“Era un progetto stimolante, basato su tanti giovani, avevo deciso di rimettermi in gioco pur rischiando molto, perchè amo lavorare con i ragazzi e mi piace vederli crescere e migliorare. Avevamo a disposizione un budget molto limitato e siamo scesi in campo sempre con tantissimi under, alla fine i risultati sono stati ottimi e mi aspettavo che mi facessero continuare a lavorare con tranquillità. Purtroppo alcune incomprensioni con una parte della dirigenza, mi hanno spinto a chiudere il rapporto, e a fine stagione ho deciso di andarmene”.

Restano comunque gli attestati di stima: il premio dei colleghi di Abruzzogol come migliore allenatore, i riconoscimenti del Comitato Abruzzese della FIGC, ed anche la meritata fama nell'ambiente giornalistico per il tuo ruolo di opinionista.
“Tutti riconoscimenti che mi fano molto piacere, qualunque sia il ruolo che svolgo cerco sempre di farlo nel migliore dei modi. Chiaramente il mio mestiere è quello di allenatore, ma devo dire che l'apprezzamento da parte di tanti addetti ai lavori, per le mie disamine sulle partite e sui vari campionati, mi hanno fatto molto piacere. Un compito se vogliamo anche abbastanza complesso, ma assolutamente gratificante e comunque molto stimolante”.

Hai frequentato per anni e conosci benissimo il campionato di Eccellenza marchigiano, proviamo a formulare un primo giudizio sulle squadre, tenendo presente che il calciomercato è ancora in pieno fermento.
“Non è semplice visto che le cose, da qui a qualche giorno, potrebbero cambiare radicalmente, ma ci proviamo. Credo che l'Anconita, per blasone, disponibilità economica ed organizzazione generale, parta con il favore dei pronostici. Tuttavia non deve commettere l'errore di pensare di aver già vinto, questo è un torneo con tante ottime squadre guidate da eccellenti allenatori e le partite non sono mai facili. Ricordo in passato quanto hanno dovuto tribolare squadre importanti come la Sambenedettese o la Fermana per risalire la china, sarà dura ma è ovvio che hanno tutto per far bene”.

Alle spalle della grande favorita, come credi potrà svolgersi la stagione?
“Ad oggi è difficile prevederlo, visto che il mercato potrebbe cambiare di molto le carte in tavola. Sono portato a pensare che una piazza importante come quella del Fabriano Cerreto, avendo preso un tecnico navigato e di sicuro affidamento come Fenucci, possa provare a recitare un ruolo da protagonista. Nel passato campionato la squadra non ha brillato, potrebbero far tesoro dell'esperienza e ripartire con grande voglia di far bene, lasciandosi definitivamente alle spalle un campionato per certi versi deficitario”.

L'Urbania arriva da una stagione stupenda, potrà ripetrsi?
“Ripetersi non è mai semplice, ma è chiaro che se la squadra non verrà smembrata, i tanti giovani che si sono messi in evidenza, avendo un anno in più di esperienza potrebbero fare benissimo. Non ci sarà più mister Fenucci, ma è arrivato comunque un tecnico di grande qualità come Pazzaglia, penso che se confermeranno lo zoccolo duro inserendo magari 2/3 elemeti di categoria, potrebbe ancora essere protagonisti”.

Sono comunque diverse le squadre si candidano a far bene.
“A mio giudizio farà una buona stagione il Porto d'Ascoli, ha una struttura forte, un settore giovanile di prim'ordine, ha accanto la Samb dove eventualmente può pescare qualche giovane interessante. Dopo un campionato senza grandi sussulti mi aspetto una crescita piuttosto marcata”.

Potrebbero far bene anche due neopromosse che non nascondono progetti ambiziosi per il prossimo futuro.
“Sono d'accordo, sia il Valdichienti Ponte che la Vigor Senigallia hanno ptenzialità enormi. Alla squadra maceratese ed al tecnico Giandomenico vanno i miei complimenti per la stagione che hanno disputato. Vincere con autorità contro un lotto di avversarie come quello dell'ultimo campionato, non è facile per nessuno. Tanto di cappello! Hanno dalla loro una società molto forte, un grande settore giovanile ed un entusiasmo che potrebbe rivelarsi determinante per ben figurare in stagione. Stesso discorso, o quasi, per la Vigor Senigallia che oltre al blasone sta dimostrando di saper lavorare in maniera eccellente con i giovani. Da quello che mi risulta hanno alcuni ragazzi di grossa caratura, che uniti ad alcuni elementi esperti di cui dispongono, potrebbero permettere la disputa di una stagione di assoluto prestigio”.

Abbiamo parlato delle favorite, ma vogliamo provare ad indicare anche le squadre che potrebbero essere un pochino in ritardo?
“A mio parere non ce ne sono. La caratteristica del campionato di Eccellenza Marche è il livello omogeneo di tutte le protagoniste. Al contrario dell'Abruzzo dove ci sono differenze piuttosto marcate tra le compagini di vertice e quelle di coda, nella vostra regione regna un equilibrio incredibile ed anche per questo il campionato è sempre molto appassionante e ricco di spunti interessanti”. 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 11/07/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Cicchi e Di Fabio fanno volare il Castelnuovo Vomano in Serie D

Sarà il Consiglio Federale del 3 giugno a decretare il salto di categoria alla Serie D del Castelnuovo Vomano che stava dominando con 9 punti di vantaggio sul Lanciano il Campionato di Eccellenza in Abruzzo. Il Castelnuovo Vomano, pur essendo una matricola, grazie all'ottimo lavoro del Responsabile Tecnico Claudio Cicchi (foto a destra) d...leggi
27/05/2020

Compagnoni e le porte chiuse: "Per noi sarà come cantare senza musica"

Ripartenza sì o ripartenza no, ma soprattutto: che Serie A sarà senza pubblico sugli spalti? Maurizio Compagnoni (foto), 57 anni, sambenedettese doc, amico di Marcheingol.it e «voce» di Sky Sport, ne ha parlato alla Gazzetta dello Sport. Compagnoni, le partite a porte chiuse impoveriscono le telecronache?«A...leggi
21/05/2020

CESSIONE SAMB. Spunta il nome di Domenico Serafino!

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. La Sambenedettese è a un passo dalla vendita. Anzi, secondo alcuni beninformati, un acconto avrebbe già avviato il passaggio di consegne. A chi? Il nome che ha avuto più riscontri in queste ore è quello di Domenico Serafino, sul quale sono piovuto conferme da chi è molto vicino alla proprietà. ...leggi
14/05/2020

Vagnoni duro: "Promossa la prima in classifica? Non è giusto"

"Non approvo l'orientamento di promuovere la prima in classifica e lo avrei detto anche se non avessimo subito il sorpasso in vetta all'ultima giornata prima della sospensione. Con otto gare da disputare e distacchi minimi sarebbe ingiusto emettere verdetti". L'idea che il Consiglio Federale conceda il via libera alla promozione in C delle capolista dei nove gironi non piace a...leggi
14/05/2020

Ascoli Calcio, scatta la demolizione della mitica Curva Sud!

ASCOLI PICENO. A 46 anni dalla costruzione viene demolita la curva Sud dello stadio Del Duca. Le operazioni sono iniziate questa mattina. Sulla carta un ‘intervento urbanistico’ come un altro, tra l’altro di un luogo chiuso al pubblico ormai da anni, quindi teoricamente di scarso impatto sociale. Ma la realtà è diversa. Molto diversa. E’ fuori di du...leggi
11/05/2020

Campi neutri per la ripartenza in A, c'è anche il Riviera Delle Palme!

Tra le ipotesi sulla ripartenza della Serie A, resta ancora in piedi quella che riguarda la disputa delle restanti partite in campo neutro, nelle zone meno colpite dal Covid 19. Le gare, comunque vada, saranno a porte chiuse. Secondo quanto riportato da La Repubblica, sarebbe già stato stipulato un accordo con impianti di Serie B idonei ad ospitare una partita di Seri...leggi
08/05/2020

Silva: "In 50 anni mai visto uno stop così. Riprendere? Credo di no"

Ascolano, da gennaio sulla panchina della Vastese (Serie D, gir.F), l'ex bandiera dell'Ascoli Calcio Massimo Silva (foto) sta a casa come tutti per l'emergenza Coronavirus."Sportivamente parlando è un vero peccato – racconta in un'intervista a Il Resto del Carlino - avevo trovato l’intesa con i ragazzi e l...leggi
05/04/2020

Spadoni: "Ecco come 'salvare' la stagione in caso di stop definitivo"

Non ha bisogno di presentazione Giulio Spadoni (foto), ex Dg e Ds di Maceratese, Fermana, Ancona, Sambenedettese e di altre società sia di Serie C che nel mondo dei Dilettanti, nella stagione corrente è uomo mercato della Sangiorgese. Nel suo settore, Spadoni, sambenedettese doc, è uno dei più bravi e preparati. Direttore, co...leggi
03/04/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

Fantuzi bomber e infermiere: "Rispettiamo le regole e...vinceremo!"

Quando smette i panni di bomber indossa il camice bianco. Lui è Fabio Fantuzi (foto), attaccante dell'Acquasanta e attuale capocannoniere con 18 gol del girone H di Seconda categoria, nella vita professionale lavora come infermiere ad Ascoli Piceno. Chi meglio di lui può spiegarci come si vive ai tempi del Coronavirus. ...leggi
12/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Terminare la stagione in tempo di Coronavirus. Sarà un'impresa!

Nella giornata di ieri abbiamo sentito i dirigenti di alcune società dell'Eccellenza in merito al blocco dei campionati ed alla possibilità di giocare le gare a porte chiuse. Tale eventualità sembra raccogliere la maggioranza dei consensi, anche se non mancano i distinguo e le valutazioni generali sulla salute dei tesserati. Ammesso che si voglia battere questa strada, dall...leggi
06/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,14486 secondi