Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


image host

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Le 900 panchine. Il Comandante Giuseppe Santoni sempre presente!

Il tecnico di Valfornace ripercorre alcuni momenti salienti della sua carriera ed il suo legame indissolubile con Potenza Picena

POTENZA PICENA. Quando si raggiungono le 900 panchine in carriera ed ancora c'è davanti una lunga strada da percorrere, significa che si è fatto e si sta facendo qualcosa di davvero importante. Nella gara del campionato di Promozione B di ieri tra Potenza Picena e Monterubbianese, Giuseppe Santoni (foto) ha potuto festeggiare questo traguardo prestigioso e per molti difficilmente raggiungibile.

Allora mister, 900 panchine a fine carriera sono un discorso, ma raggiungerle a 56 anni ha quasi dell'incredibile.
“Diciamo che ho iniziato molto presto, la prima esperienza come allenatore-giocatore a Muccia dove vincemmo il campionato di Terza categoria. Da allora tante soddisfazioni e tante realtà tutte comunque belle ed appassionanti”.

Se potessi tornare indietro, quali momenti sceglieresti in questo lungo percorso?
“Faccio fatica a scegliere qualcosa in particolare, anche perchè ovunque sono stato ho vissuto intensamente ogni avventura. Certo non si dimenticano le esperienze vissute qui a Potenza Picena, dove mi ha fatto particolarmente piacere raggiungere questo traguardo, insieme a quella che io considero la mia gente. Ho vissuto un bellissimo periodo a Caldarola, 2 anni fantastici a Matelica, momenti indimenticabili a Chiesanuova, davvero tante piazze importanti”.

Puoi vantare anche un piccolo record, anche questo riservato solo a pochi.
“Ho avuto la possibilità di allenare in tutte le categorie del dilettantismo. Dalla Terza categoria di Muccia, alla Serie D del Camerino, fortemente voluto dal presidente Bottacchiari. Sarà una piccola cosa, ma nel mio piccolo sono estremamente orgoglioso di questo percorso”.

Trenta anni circa vissuti intensamente, non deve essere facile.
“In primis ringrazio il Signore per la salute, posso affermare che in tutti questi anni non ho mai saltato una partita, mentre sono mancato solo a 3 o 4 allenamenti. Una quando si operò mio figlio e il presidente Savoretti minacciò di esonerarmi se non fossi andato di corsa a Siena, la seconda purtroppo quando è mancata la fidanzata di mio figlio e quella immane tragedia ancora la porto dentro di me”.

Parliamo di questo campionato, si aspettava un avvio diverso?
“Non abbiamo avuto un approccio fantastico, tanto che a Corridonia abbiamo offerto una prestazione negativa, anche dal punto di vista dell'atteggiamento. Stiamo ancora cercando un'identità definitiva, ma diciamo che siamo probabilmente sulla buona strada”.

Determinante l'opera anche questa volta della società giallorossa.
“Anche se nell'ultimo anno sono cambiate quasi completamente le persone, la società resta vicina, collaborativa e sempre disponibile e può contare su un presidente come Andrea Savoretti in grado di trasmettere quel senso di appartenenza che è il tratto distintivo del Potenza Picena”.

Quale valutazione si sente di dare a questo campionato?
“La Promozione B è sempre stato un torneo tosto, difficile e ricco di fascino. Quello di quest'anno non sfugge alla regola, e presenta inoltre alcune compagini che hanno alle spalle degli enormi bacini d'utenza e degli investimenti non indifferenti. Civitanovese, Maceratese ed Atletico Ascoli, certo non possono nascondersi, ma sono molte le squadre attrezzate per far molto bene”.

Una probabilmente la incontrerete alla prossima, cosa ci dice sulla capolista Monturano Campiglione?
“Ottima squadra, molto cresciuta nell'ultimo anno, brava anche in estate a completare l'organico con gli elementi giusti. Inoltre i buoni risultati stanno risvegliando l'attenzione in una piazza importante come Monte Urano, come diceva mister Garcia alla Roma, hanno avuto il merito di riportare la Chiesa al centro del villaggio e non è cosa da poco. Per noi un esame importante, potremo misurare il nostro grado di crescita con una compagine molto forte, vedremo cosa saremo capaci di fare”.

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 14/10/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



"Solo in Serie D si retrocede per Covid 19": 31 club diffidano la FIGC

Sono 31 alla fine le squadre che protestano e diffidano la federazione per la richiesta di retrocessione in Eccellenza: ecco il comunicato ufficiale. “Si fa seguito alla illegittima, irricevibile ed umiliante proposta dell’ultimo Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti che vorrebbe sancire oltre che la sospensione dei campionati pure la retr...leggi
26/05/2020

"E' l'occasione per ripulire il calcio da personaggi poco seri"

«Il calcio è in grave difficoltà e necessita di decisioni urgenti per superarle. Se non arrivano provvedimenti immediati si mettono a rischio realtà che hanno una valenza sociale importantissima. Bisogna creare un punto zero e dare subito certezze a società che hanno bisogno di tempo per riorganizzarsi».Invoca prese di posizione forti da parte degli...leggi
20/05/2020

"Dico no ai privilegi nel calcio: il tampone deve essere per tutti"

Spontaneo. Genuino. Sincero. E' Fabrizio Castori, 65enne tecnico nato a San Severino Marche (ma residente a Tolentino) oggi alla guida del Trapani (Serie B) dopo una vita passata ad allenare squadre pro in mezza Italia. L'altra sera è intervenuto via Skype al programma tv Sportitaliamercato condotto da Valentina Ballarini con la presenza...leggi
19/04/2020

Il dramma di mister Lorenzotti: "Babbo e mamma morti per il Covid-19"

Fabio Lorenzotti (foto) è distrutto dal dolore: perdere entrambi i genitori, Pierino e Olga, in poco più di una settimana, è un’indicibile tragedia. "Non ho parole per descrivere quello che stiamo provando, mi sembra tutto un terribile incubo", racconta con un filo di voce, ma anche con un’ammirevole forza d&rsq...leggi
10/04/2020

Matelica l'anno prossimo in Serie C! Parola dell'avv. Chiacchio

Matelica (vedi la rosa) l'anno prossimo in Serie C! Parola di Eduardo Chiacchio (foto grande). Il navigato avvocato napoletano, uno dei più affermati per quanto concerne il diritto sportivo, dall’alto della sua esperienza ha espresso la propria opinione su quel che sar...leggi
08/04/2020

Pigini al Comitato: "Subito un summit tra società e Federazione"

PORTO RECANATI. La crisi economica del dopo Coronavirus inciderà sul calcio marchigiano, questo il pensiero del presidente del Portorecanati Fausto Pigini (foto): "Con l’inevitabile crisi finanziaria le società dilettantistiche faranno fatica a trovare risorse dalle sponsorizzazioni, e per molti sarà difficile soltanto iscriversi - è l...leggi
31/03/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

"Restate a casa! Tra poco posti letto e personale insufficienti"

Figlio d'arte, bomber in campo e infemiere di professione. E' Francesco Lepidi (foto), figlio di Domenico 'Lupo' (foto piccola), ex attaccante di Giulianova, Olbia, Elpidiense, Fermana e poi allenatore di diverse squadre dilettanti: Francesco lavora all'Istituto Santo Stefano di Porto Potenza. Ex Monte e Torre, Vis Faleria ed Elpidiense, in questa stagione milita al Por...leggi
18/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Terminare la stagione in tempo di Coronavirus. Sarà un'impresa!

Nella giornata di ieri abbiamo sentito i dirigenti di alcune società dell'Eccellenza in merito al blocco dei campionati ed alla possibilità di giocare le gare a porte chiuse. Tale eventualità sembra raccogliere la maggioranza dei consensi, anche se non mancano i distinguo e le valutazioni generali sulla salute dei tesserati. Ammesso che si voglia battere questa strada, dall...leggi
06/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Tolentino, frecciata di Ruci: "Il mio gol? Lo dedico a Giampaolo"

TOLENTINO. Il suo è stato un gol dell'ex. Alessio Ruci, alla prima segnatura con la maglia del Tolentino, domenica ha realizzato il primo gol del 3-1 contro la Recanatese. "A Recanati mi sono trovato bene - dice Ruci al Corriere Adriatico - questo gol lo voglio dedicare a mister Giampaolo che nella sua gestione non mi ha mai dato nessuna possibilit&...leggi
03/03/2020

Massimo Ciocci: "In Cina la situazione sta tornando alla normalità"

“Abitavo a Nanchino, a mille chilometri da Wuhan. Sono rientrato a metà novembre dalla Cina. Al tempo era tutto a posto, non c’erano problemi, le scuole erano aperte. I cinesi non ci avevano detto niente, l’epidemia legata al Coronavirus è scoppiata a gennaio.”. Inizia così il racconto di Massimo Ciocci (foto)...leggi
02/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,16697 secondi